Torna su ▲

Prefazione del libro "Alchimia & Spagiria"

Prefazione del libro "Alchimia & Spagiria"

 

Inizio a scrivere queste pagine ripensando al lungo cammino percorso, alle tante persone che ho incontrato, alle innumerevoli volte che sono morto e rinato attraversando ogni angolo della mia coscienza.

 

Il cammino, l’atto di muoversi verso qualcosa, è la predisposizione essenziale per chiunque aneli ad una conoscenza diversa, lontana dai parametri materiali e dalla decadenza del mondo moderno.

 

Queste antiche regole sono parte integrante di un sistema di vita ormai andato perduto, che affondava le proprie radici nel sentire le cose, nell’assimilare le energie della terra, lasciando evidenti segni del proprio passaggio per le generazioni future.

Ancora oggi mi sorprendo a domandarmi chi sono,
e ancora oggi continuo a rispondermi sempre con la stessa allusione…

sono semplicemente uno che Cammina...

Il Cammino, l’atto di andare verso, di muoversi e dirigersi oltre, colmare gli spazi che ci separano dall’indefinito e sporgersi verso l’infinito.

In un mondo nel quale tutti si muovono forsennatamente, dove la fretta è madre dello stress, dove non si osserva ma si guarda di sfuggita perdendo tutte le sfumature della vita, l’atto di camminare semplicemente è segno di umiltà e l’umiltà alberga nei grandi cuori.

Camminare è un movimento lento, significa attraversare e attraversarsi, concepire la vita come un percorso durante il quale bisogna porre attenzione agli ostacoli ma anche a chi ci viene incontro e chi ci è rimasto dietro.

Chi ha fretta di giungere alla meta ed è pronto a lasciarsi tutti dietro pur di arrivare per primo, una volta giunto non troverà nessuno con il quale condividere la propria vittoria.

Camminare è anche condividere, fermarsi ad ascoltare,
prendersi del tempo e non lasciarsi prendere dal tempo.

Per tutti questi motivi ho deciso di tenere questa sorta di diario, un gesto di condivisione, il bisogno di far conoscere, di divulgare un pensiero e porsi allo stesso tempo nell’atteggiamento di chi è pronto a confrontarsi.

Molte delle cose che scriverò sono in fondo antiche regole di vita, le quali, pur palesandosi attraverso il simbolismo proprio dell’Arte Alchemica, rappresentano la meta alla quale tutti agogniamo da sempre, la Completezza dell’Essere.

L’UNO diventa DUE, il DUE diventa TRE e dal TERZO ridiventa UNO come QUARTO.

Dall’UNO, il Principio, tramite la duplice polarità degli opposti, (UNO/DUE), si produce la Completezza, il TRE, Corpo-Anima-Spirito.

Quando questa Completezza si espande nel Quaternario, (TERRA - ACQUA - ARIA - FUOCO) si disegna il Pentagono, ovvero il perimetro della figura risultante dall’insieme del Quadrato e del Triangolo, o meglio ancora la Completezza dell’Essere.

Per quanto difficile possa apparire, o complicato ad una prima analisi, questo è l’UOMO.

A chi leggerà queste pagine auguro di vero cuore che possa trovare una meta da condividere, e se magari ciò non accadrà, che possa iniziare proprio da qui il suo viaggio di ricerca, poiché trovarsi nell’atteggiamento di chi, con profonda convinzione, anela ad una risposta, è già ritrovarsi a metà del cammino.

 

Joseph CannilloTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Joseph Cannillo è fondatore del Laboratorio Forza Vitale, dove adopera le metodologie estrattive indicate in antichi testi Spagyrico - Alchemici del 1600. È Docente di Fitoterapia e Medicine complementari.

 

Articoli correlatiTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Alchimia & Spagiria - Libro

La Completezza dell’Essere

Joseph Cannillo

(2)
€ 12,00 Solo 5 disponibili: affrettati!
Disponibilità: Immediata

Libro - Anima Edizioni - Dicembre 2013 - Biografie

Joseph Cannillo, americano ma residente in Italia, ha fatto dell'Alchemia e della Spagiria molto di più di una semplice passione, le ha rese il suo lavoro, la sua ragione di vita: ha fondato il Laboratorio Forza Vitale, dove... scheda dettagliata