Torna su ▲

Per cominciare - Estratto da "Vincere il Mal di...

Leggi il capitolo 1 di "Vincere il Mal di Schiena" di Jayadev Jaerschky

Per cominciare - Estratto da "Vincere il Mal di Schiena"

Trovare il punto centrale

Nella mia vita, ho imparato ben presto un’importante lezione: mi sono reso conto che alcune persone avevano successo e altre no. Che cosa determinava la differenza?

Mio padre, ad esempio, era una persona di successo, pur non avendo ricevuto una formazione migliore rispetto a tanti altri. Aveva, però, un talento: sapeva riconoscere il punto centrale di qualunque situazione, mentre gli altri si perdevano nei dettagli. Anche mia madre, quando parla dei rapporti interpersonali, percepisce intuitivamente il problema centrale, e quale potrebbe essere la vera soluzione.

Morale: quando comprendiamo il centro di una sfida, possiamo superarla molto più facilmente. Se cambiamo quel centro, ogni altra cosa cambierà.

Applicando questo concetto al nostro argomento, potremmo chiederci: qual è il centro del disagio che sentiamo nella schiena? La risposta è: la spina dorsale.

La spina dorsale (insieme a tutto ciò che la circonda) è la causa della maggior parte dei nostri problemi alla schiena.

Nello yoga, in effetti, la spina dorsale è considerata l’elemento centrale dell’intero essere umano, a tutti i livelli: fisico, psicologico e spirituale. Quanto più ti addentrerai nel sentiero dello yoga, tanto più la spina dorsale sarà il centro della tua attenzione. Lo yoga ci insegna a rendere la nostra spina dorsale felice, aperta e sana.

La spina dorsale ha in serbo per noi molti segreti, che attendono di essere scoperti.

Questo libro è dedicato soprattutto ai suoi segreti fisici: alla salute radiosa per la nostra schiena, ma...

Un fiore in un grande campo

L’utilizzo dello yoga come strumento terapeutico per ogni tipo di disturbo fisico – in altre parole, il concetto di “Yoga- Terapia” – si sta diffondendo rapidamente nella nostra società. È una cosa buona, perché lo yoga è una cura veramente naturale ed efficace.

In Occidente, tuttavia, molte persone non comprendono quanto sia vasta l’antica scienza dello yoga. Guarire il mal di schiena è solo una piccola parte di questa scienza, come un unico fiore in un grande campo ricoperto dei tanti coloratissimi “fiori dello yoga”.

Lo yoga è anche un’arte di vivere, insegna valori e ideali universali, è un modo per sviluppare l’amore naturale del cuore, offre strumenti per l’intelletto e per il discernimento, guarisce il corpo da molti disturbi e, soprattutto, ci conduce nel nostro mondo interiore, dove possiamo trovare i più grandi doni della vita.

Il suo scopo fondamentale è la realizzazione del Sé.

Mentre leggi questo libro, quindi, ti prego di non confinare mentalmente lo yoga alla piccola categoria degli “esercizi utili per il mal di schiena”. Sarebbe come raccogliere un solo fiore da quel grande campo, esclamando con entusiasmo: «Questo è l’intero campo!».

Tenendo presente questa visione più ampia, concentriamoci ora sul nostro argomento specifico: vincere il mal di schiena. Le statistiche mostrano che circa l’80% della popolazione occidentale ne soffre, cronicamente o saltuariamente. Com’è possibile?

Si tratta, ovviamente, di un problema su scala mondiale, e tuttavia non è ancora stato risolto. È davvero così difficile farlo? La scienza risponde dicendo che si tratta di un problema complesso: ci sono molte forme di mal di schiena, molte cause, molti sintomi, e quindi molti modi diversi di affrontarlo.

In effetti un medico coscienzioso, nell’aprire questo libro, potrebbe subito dirmi: «Come puoi promettere di guarire il mal di schiena, se non hai neppure considerato le condizioni fisiche specifiche dei tuoi lettori? Stai scherzando? Senza conoscere la loro situazione, potresti addirittura peggiorare il problema!».

Devo ammettere che quel dottore direbbe il vero: ogni caso richiede una diagnosi individuale. Se soffri di mal di schiena, per prima cosa devi consultare un medico. Se lui ti dice: «Hai una lesione spinale» o «un’ernia del disco» o «una spondilosi», allora per favore metti da parte questo libro e rivolgiti a uno specialista.

Se invece ti dirà, come accade nella maggior parte dei casi: «La tua schiena è nella norma, non c’è nulla di grave», aggiungendo il consiglio più comune per il mal di schiena, cioè: «Devi solo fare un po’ di esercizio fisico adeguato», allora, con lo yoga, hai trovato la soluzione perfetta.

La suprema forma di esercizio fisico – ne sono convinto – è l’antico sistema degli asana (le posizioni yoga) e ti spiegherò presto perché.

Oggi lo yoga si sta propagando nella cultura occidentale come un incendio incontrollato, e per una buona ragione: funziona!

Un po’ di anatomia

Se vogliamo vincere il mal di schiena, una comprensione basilare del nostro corpo, e specialmente della colonna vertebrale, ci sarà d’aiuto. Per ora, saranno sufficienti alcune semplici spiegazioni.

La colonna vertebrale non è dritta, ma presenta quattro curve naturali (cervicale, toracica, lombare e sacrale). Se diciamo «tieni la schiena dritta», in realtà questo significa: «mantieni queste quattro curve naturali della spina dorsale». Se una qualunque di queste curve è troppo o troppo poco accentuata, abbiamo perso la posizione sana e naturale della colonna.

Ricorda soprattutto questo: una spina dorsale dritta e aperta porta salute, armonia e benessere nella tua vita, a tutti i livelli. Una spina dorsale curva e compressa causa molti guai e prima o poi apre la porta al dolore.

Visualizza ora le vertebre della tua spina dorsale, una sopra l’altra. Non si toccano, perché tra una vertebra e l’altra c’è un morbido “cuscinetto”, chiamato disco intervertebrale (fatta eccezione per le vertebre inferiori del sacro e del coccige, che sono fuse insieme). Questi dischi preziosi garantiscono la nostra giovinezza, mobilità, salute e benessere, poiché mantengono le vertebre separate e flessibili. I dischi intervertebrali sono estremamente importanti e devono essere nutriti e mantenuti “giovani”.

Se i dischi si comprimono, si disidratano o modificano la loro posizione naturale, saremo presto nei guai: Ahia!!!

Con lo yoga, praticato nel modo giusto, i tuoi dischi saranno contenti... e lo sarai anche tu.

Ora visualizza numerosi muscoli attaccati alla colonna vertebrale, piccoli e grandi: anche questi sono molto importanti. Il rilassamento, e il rafforzamento, sono la chiave, come vedremo in seguito. Lo yoga offre anche questo.

Muoversi!

Ecco un altro insegnamento di anatomia: la colonna vertebrale e i suoi muscoli, legamenti e tendini, sono tutti fatti per muoversi. Troppo poco movimento porterà, prima o poi, al mal di schiena.

Tutto il nostro corpo, in realtà, è fatto per muoversi, non per rimanere sempre seduto; senza un’adeguata quantità di esercizio fisico, i guai saranno garantiti (le vertebre potranno addirittura saldarsi tra loro!). Il “macchinario”, in poche parole, ha bisogno di essere oliato. Una muscolatura debole, inoltre, è una garanzia di dolore futuro.

«Sì, lo so» dicono tutti, continuando a rimanere seduti dalla mattina alla sera in ufficio, in macchina, al computer, senza prestare ascolto a ciò che, in realtà, hanno già compreso... fino a quando la schiena comincia a dolere!

Allora, di solito, il circolo vizioso si chiude: una risposta tipica all’esperienza del mal di schiena è quella di prendersela comoda, rimanendo a letto o interrompendo ogni attività faticosa. Una reazione comprensibile, ma non molto saggia. Di solito, infatti, si ottiene l’effetto contrario: si peggiora.

Per la maggior parte dei disturbi alla colonna vertebrale, il giusto esercizio fisico – e non il riposo – è necessario per ridurre il dolore e favorire la guarigione. In breve: devi fare i movimenti giusti. Chiedi al tuo medico che cosa evitare nella tua condizione specifica, e poi... prova lo yoga!

Lo yoga è divertente (o almeno dovrebbe esserlo) e può essere praticato con piacere anche da chi non si muove volentieri.

Ma non esagerare!

Qualche lettore potrà rispondere: «Beh, io sono molto attivo fisicamente, ma la schiena mi fa male lo stesso». In verità, movimenti sbagliati o esagerati possono, con il tempo, provocare il mal di schiena.

Se sei una persona che ama “spingere all’estremo” il proprio corpo, fai attenzione: è vero che il corpo è forte per sua natura e che a volte è divertente esagerare un po’, ma possiamo facilmente abusare del nostro organismo e perfino danneggiarlo. Gli estremi non favoriscono la salute a lungo termine; la moderazione in ogni cosa, anche nello sport, è un consiglio di gran lunga migliore.

Lo yoga è il re del movimento sano, come vedremo tra poco.

Per quanto riguarda i movimenti sbagliati, forse, attraverso questo libro, scoprirai che alcuni degli esercizi che pratichi quotidianamente non sono sani come credevi.

E se non hai il mal di schiena?

Se stai leggendo questo libro anche se non soffri di mal di schiena, sono contento per te!

Potrai, comunque, trovare interessante questa piccola curiosità storica: nell’antica Cina, le persone dovevano pagare il medico finché erano sane. Il suo compito, infatti, era di mantenerle in salute. Non appena si ammalavano, era lui a dover pagare! In altre parole, il metodo era l’opposto di quello in vigore nel nostro sistema sanitario, in cui paghiamo il dottore quando ci ammaliamo.

La morale? La prevenzione è il medico migliore.

Lo yoga è un medico di questo tipo: ti aiuterà a rimanere sano come lo sei adesso – o anche di più – perfino con il passare degli anni. Ce ne accorgiamo tutti, purtroppo: gli anni passano sempre troppo velocemente, e sembrano diventare sempre più veloci.

Il mio insegnante, Swami Kriyananda, dice spesso scherzando:
«Do sempre alle persone il consiglio di non invecchiare, ma nessuno mi ascolta!».

 

Jayadev JaerschkyTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Jayadev Jaerschky

Discepolo di Paramhansa Yogananda attraverso Swami Kriyananda, è uno dei principali insegnanti di yoga, meditazione e filosofia di Ananda. Pratica lo Yoga e la meditazione dall'età di 15 anni e risiede nel centro Ananda nei pressi di Assisi dal 1989. Ha insegnato in molti paesi europei e anche in India, Egitto, Stati Uniti e Russia. Guida regolarmente pellegrinaggi in India, dirige l'Accademia Europea di Ananda Yoga per la formazione di nuovi insegnanti. E' autore di sei libri sullo yoga e la spiritualità. E' Kriyacharya, ovvero autorizzato a dare l'iniziazione al sacro Kriya Yoga.

 

Articoli correlatiTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Vincere il Mal di Schiena - Yoga Therapy

Jayadev Jaerschky

(1)
€ 8,50
Avvertimi quando disponibileRichiesto da 23 visitatori
Fuori Catalogo

Libro - Giunti Demetra - Ananda Edizioni - Settembre 2009 - Libri sullo Yoga

In questo libro, scritto con entusiasmo e simpatia da Jayadev Jaerschky, co-fondatore della Scuola Europea di Ananda Yoga, troverai consigli e pratiche basati sugli insegnamenti del grande maestro indiano Paramhansa... scheda dettagliata