Torna su ▲

RICEVI L'OMAGGIO DI OGGI SE ACQUISTI ENTRO: ORE MIN SEC

Avvento 2016
Idee Regalo

Il pensiero può modificare la realtà?

Sul nuovo numero di Scienza e conoscenza scoprirai come pensieri, vibrazioni ed energia possono modificare la materia

Il pensiero può modificare la realtà?

Bizzarro, illogico, surreale sono questi alcuni degli aggettivi utilizzati dai fisici per descrivere ciò che accade nella dimensione subatomica. Dimensione che non smette mai di stupire e sorprendere anche perché i metodi utilizzati per studiare la materia macroscopica qui risultano inutili.

Si resta effettivamente stupiti quando ci si avvicina per la prima volta a queste descrizioni, poi, pian piano, nonostante il susseguirsi di shock, la mente si apre a una modalità profondamente differente da quella a cui siamo abituati. Ma vediamo alcuni di questi aspetti sorprendenti di cui i fisici sono protagonisti mentre osservano i processi subatomici.

Le caratteristiche della materia subatomica

Il primo aspetto consiste nel fatto che i cosiddetti costituenti solidi dell’atomo sono al loro interno spazi privi di materia. La solidità svanisce e questi spazi vuoti sono in realtà contraddistinti da frequenze e informazioni che costituiscono campi energetici e mentali appartenenti a un campo sovraordinato. Ciò ha implicato la deduzione che ogni forma materiale nella sua essenza sia costituita da campi energetici e da informazioni.

Il secondo aspetto sorprendente è che a livello subatomico la materia si presenta come un fenomeno temporaneo, nel senso che esiste in un certo momento e poi scompare. Per essere più precisi, come hanno dimostrato gli esperimenti, la materia esiste come tendenza, possibilità o probabilità, questo perché nei quanti non vi sono entità materiali assolute.

Il terzo aspetto riguarda la nuova descrizione della dimensione subatomica nel suo complesso. I campi energetici dotati di informazione e intelligenza sono descritti come un grande campo energetico unificato fatto di intrecci, connessioni e interazioni caratterizzato dalla non località, in cui tutto è interrelato interdipendente e indivisibile.
È la Mente Universale, è ciò che il fisico Amrit Goswami chiama il livello Mentale Sovraordinato in cui tutto, visibile e invisibile, è parte di esso. È l’origine, la fine e la rinascita di ogni entità e di ogni forma. È ciò che in questo articolo chiamerò Mente.

Il quarto aspetto riguarda un dato ancora più sorprendente, poiché si è scoperto che quando si osservano le particelle queste osservazioni, rilevazioni, misurazioni influiscono sul loro comportamento e addirittura lo modificano. Accade infatti che quando un osservatore, cercando un elettrone, porta l’attenzione su un punto qualunque del campo quantistico dell’energia, questo compare realmente lì dove lo sta cercando. E se distoglie lo sguardo, la materia subatomica scompare per tornare energia. L’osservazione a livello subatomico svolge un'azione creatrice ancora più potente di quella evidenziata dal paradigma della complessità applicato nello studio dei fenomeni biologici, psichici e sociali.

Il paradigma dell'osservatore

Tale paradigma sostiene che non può esistere un osservatore neutrale in grado di descrivere fenomeni oggettivamente dati, preesistenti all’osservazione, e che ogni teoria usata dall’osservatore contribuisce alla creazione di una percezione/rappresentazione del fenomeno attraverso i suoi presupposti e la sua autoreferenzialità. Ma se le teorie producono rappresentazioni che percepiamo come realtà oggettive nel mondo macroscopico, ciò che emerge dagli studi sulla dimensione subatomica è ancora più inaspettato, sconvolgente e al tempo stesso affascinante: la capacità creativa della mente di agire sugli eventi e di influenzare la materia (A. Goswami, 2013).

La mente domina la materia

Questi aspetti, derivanti da importanti esperimenti di laboratorio, dimostrati attraverso formule matematiche e studi, portano a sostenere che sia possibile un dominio della mente sulla materia, infatti nella dimensione subatomica la mente esercita un effetto creando anche realtà materiali. La mente non solo interagisce con la dimensione particellare, può anche diventare temporaneamente materia, poiché la materia è solo una forma più densa dell’energia della mente.

Ma tutto questo è ascrivibile solo al livello sub atomico?

Pare proprio di no, visto che a livello molecolare e perfino cellulare ci sono numerosi esperimenti e diverse teorie che sostengono l’esistenza di comunicazioni e azioni non locali (Pagliaro, 2008).

E a livello umano cosa accade? La mente umana è in grado di svolgere un'azione creatrice nella realtà macroscopica?

La risposta che stordisce piacevolmente pare orientarsi verso un sì.

L’uomo è costituito da energia, corpo e mente. Dove la mente non è solo la mente biografica, la coscienza e il corpo (che esistono nella dimensione spazio temporale), ma pure il livello mentale sovraordinato (che esiste al di fuori della dimensione spazio temporale) che, in quanto eterna ed infinita, li sostiene. Corpo, mente individuale ed energia sono l’espressione di diversi livelli di densità della mente sovraordinata. La materia, pur essendo energia espressa nella forma grossolana, è energia molto densa, ed è dotata di un campo energetico. Attraverso questi campi vibrazionali tutte le entità sono interrelate in un grande campo energetico, caratterizzato da frequenze, il quale scambia in continuazione informazioni tra l’interno e l’esterno e viceversa, tra il naturale e lo spirituale. Nell’organismo umano le cellule, attraverso l’energia/informazione e la mente di cui sono dotate e di cui è dotato l’intero organismo, trasmettono informazione all’interno del corpo attraverso una rete elettromagnetica e veicolano informazioni verso l’esterno e dall’esterno.

Un ruolo molto importante in queste comunicazioni è svolto dai sistemi di credenze, dalle convinzioni, dagli atteggiamenti mentali, dai pensieri e dalle emozioni che, attraverso i campi elettromagnetici di cui dispongono, influenzano le cellule e comunicano con loro. Siamo un network di informazioni interconnesso e interdipendente con il campo di energia/intelligenza/informazione sovraordinato della Mente.


Dalle particelle alle cellule: ecco come il pensiero influenza la materia

Le più recenti teorie della Fisica Quantistica (entanglement e dell’evoluzione creativa di Amrit Goswami) hanno creato una nuova idea dell’universo come costituito da una grande rete di comunicazione, in cui spritualità e scienza non si muovono più su strade separate, ma costituiscono una nuova e più soddisfacente modalità di accesso alla conoscenza (Goswami, 2013). L’Associazione Scientifica per il risveglio della coscienza, denominata da Goswami Attivismo Quantico, si pone l’obiettivo di diffondere questa nuova visione. L’Attivismo Quantico Europeo opera in Europa per promuovere questi principi in ambito medico e sanitario, ma anche trasversalmente in tutta la stratificazione sociale (si veda il Manifesto dell’Attivismo Quantico qui pubblicato).

L’applicazione di queste teorie quantistiche alla biologia, operata da Rupert Sheldrake (Sheldrake, 2012), ha consentito di collocare le grandi intuizioni e dimostrazioni della psiconeuroendocrinoimmunologia all’interno di una visione quantistica, in cui l’energia della Mente sovraordinata crea la dimensione biologica, guida ogni processo chimico e fisico e plasma le strutture, le forme e l’organizzazione di tutte le entità viventi. È quindi evidente che la mente individuale non è più considerabile come un epifenomeno del cervello, ma piuttosto, in quanto espressione della Mente universale, e per tanto pre-esistente alla dimensione organica è in grado di manifestarsi nella dimensione biologica.

“La mente genera materia” è la sintesi estrema che riassume le teorie di Amit Goswami. Una sintesi che dimostra una fedele aderenza ai principi dell’entanglement e della nuova scienza, la quale, promulgando l’incontro delle teorie scientifiche con la spiritualità, è stata da lui chiamata "scienza nella coscienza".

Le menti individuali sono continuamente sollecitate da miliardi di bit al secondo di informazioni provenienti dal cosmo e dalle specifiche frequenze che influenzano la struttura e l’equilibrio dell’organismo umano e quindi anche la salute e la malattia, i pensieri e il comportamento. 

Articolo a cura del Dott. Gioacchino Pagliaro -  tratto dalla rivista Scienza e Conoscenza n. 56

 

Scienza e ConoscenzaTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Scienza e Conoscenza

Scienza e Conoscenza, la scienza che non ti aspetti. Rivista trimestrale illustrata nata nel 2002 dalla volontà dell'allora editore Giorgio Gustavo Rosso (direttore del Gruppo Editoriale Macro) di creare uno strumento di informazione capace di rintracciare le connessioni tra le indagini scientifiche di frontiera – spesso non accettate, e anzi ridicolizzate, dal mainstream – e lo sviluppo della consapevolezza su scala personale e globale.

Scienza e Conoscenza – che dal 2009 viene realizzata e curata dalla casa editrice Editing – divulga nuovi e dibattuti orientamenti in diversi campi della conoscenza: dalle neuroscienze alla coscienza, dalla medicina alternativa alla biologia, dalla fisica quantistica alla matematica, dall'astronomia all'archeologia.
La rivista vuole contribuire alla divulgazione di un nuovo paradigma scientifico, filosofico e culturale capace di incidere nella vita quotidiana di donne e uomini, attivamente interessati al cambiamento e al miglioramento di se stessi e del mondo.

Abbonarsi alla rivista Scienza e Conoscenza conviene! Disponibili in formato cartaceo e digitale (Ebook)! 

Richiedi l'Abbonamento a Scienza e Conoscenza

 

I vostri commenti - Scrivi un commento!

Nessun commento presente

Scrivi un commento!