Torna su ▲

RICEVI L'OMAGGIO DI OGGI SE ACQUISTI ENTRO: ORE MIN SEC

Avvento 2016
Idee Regalo

Modellamento - Estratto dal Libro "PNL Essenziale"

"PNL essenziale" è un manuale super completo e al tempo stesso coinciso, che fornisce gli elementi fondamentali della Programmazione Neuro-Linguistica. Verifica anche tu, leggi questo brano!

Modellamento - Estratto dal Libro "PNL Essenziale"

Il modellamento è la strada per l’eccellenza.
Anthony Robbins

Come sarebbe se foste in grado di suonare la chitarra come Eric Clapton, o di giocare a golf come Tiger Woods? Immaginate di poter avere qualsiasi abilità desideriate e di imparare in modo veloce e facile, senza dovervi sforzare per anni o sprecare tempo andando per tentativi. E quanto sarebbe prezioso se poteste scoprire come fanno i migliori nella vostra azienda ad avere successo, per poi replicarlo a vostra volta? Come sarebbe se il vostro miglior venditore, manager, negoziatore potesse fare da modello per il resto del team, riproducendo le “prestazioni al top” in tutta l’organizzazione?

Se queste cose vi sembrano solo un sogno, vi sbagliate.

Fin dall’inizio, con gli studi che Richard Bandler e John Grinder condussero su Perls, la Satir, Erickson e altri, lo scopo principale della PNL è sempre stato quello di modellare l’eccellenza umana.
Ed è stato dimostrato più e più volte che, una volta che si sono compresi gli schemi di pensiero e i comportamenti utilizzati dagli individui più brillanti e talentuosi in qualsiasi campo, è possibile imparare a fare quello che fanno.

Il modellamento ha dato vita a molte tecniche e a molti processi affascinanti e potenti, nonché a una buona parte dei principali modelli della PNL, compresi il Meta Modello e il Milton Model. Molti libri pongono l’accento su questi modelli, con il risultato che alcuni pensano erroneamente che corrispondano alla PNL in se stessa, quando in realtà, come sostengono con passione John Grinder e Carmen Bostic St. Clair in Whispering in the Wind, è il modellamento a essere e a rimanere il cuore della PNL.

Comprendere il Modellamento

Ricorderete una delle presupposizioni che abbiamo discusso nel Capitolo 2: “Se una persona è in grado di fare una cosa, chiunque può imparare a farla”. E, sebbene vi siano delle eccezioni (potreste ad esempio non avere la struttura fisica per diventare un campione olimpico di sollevamento pesi), è un’affermazione fondamentalmente vera.

Forse ricordate anche la presupposizione “L’esperienza ha una struttura”.

Mettete insieme queste due presupposizioni e avrete la base per il modellamento: una volta che la struttura che regge la competenza interna di un esperto è stata colta e codificata, essa può essere trasferita ad altre persone e permettere loro di ottenere i medesimi risultati.
Per riuscire nell’intento è necessario scomporre le azioni della persona in unità di informazioni sufficientemente ridotte da permetterci di comprendere la struttura più profonda dietro al comportamento, in modo abbastanza chiaro da creare un modello che sia possibile spiegare ad altri.

Dato che il modellamento fornisce una scorciatoia per raggiungere l’eccellenza, ci sono moltissimi modi per applicarlo.
Non è questione di cercare persone sovrumane in tutto, ma che siano abili in un determinato ambito: un ottimo atleta non sarà necessariamente un genio in matematica o nelle vendite. Ci sono molti esempi in cui il modellamento dell’eccellenza è stato applicato a terapia, sport, vendite, negoziazione, relazioni, leadership, formazione, insegnamento, vita familiare e sviluppo delle organizzazioni.

Il mondo è pieno di persone perfette da prendere a modello per eccellere in quello che desideriamo. Eppure molti di noi sembrano “ignorare” queste risorse preziose e disponibili, persino quando vi si rivolge l’attenzione e si sa cosa è possibile realizzare con il modellamento.
Quando teniamo i nostri corsi di Speak First, consideriamo modelli come Barack Obama per il parlare in pubblico, analizzando gli elementi per cui eccellono, e imparando poi insieme a fare le stesse cose.

Modellamento Naturale

Siamo modellatori per natura.

Dal momento in cui nasciamo cominciamo a copiare gli altri, sviluppando nel tempo una moltitudine di abilità e capacità. In qualche modo interiorizziamo le regole di grammatica e sintassi semplicemente ascoltando parlare i nostri genitori e familiari. Al parco giochi e a casa abbiamo guardato gli altri e imitato i loro comportamenti. Come adulti che vogliono imparare una nuova abilità, ad esempio suonare uno strumento, osserviamo attentamente le persone che già la possiedono.

Il modellamento della PNL è più strutturato e specifico nelle sue finalità rispetto a quello naturale, che può essere piuttosto casuale, e produce per questo risultati più precisi e affidabili.

Modellamento semplice e complesso

Lo scopo del modellamento della PNL è quindi quello di essere in grado di fare qualcosa bene quanto un esperto, e di poter anche insegnare agli altri come farlo.

Il processo tramite il quale viene eseguito il modellamento dipende in larga misura da cosa si sta modellando.

Se è una cosa semplice, con una componente per lo più comportamentale, sarà probabilmente possibile modellarla in tempi molto rapidi, semplicemente osservando e imitando. Anche se non doveste aver mai lanciato una palla contro il muro per poi lasciarla rimbalzare una volta e riprenderla, basta comunque osservare per un po’ una persona che lo fa e provarci, e in breve tempo ci si riesce.
Lo stesso vale per semplici compiti di natura cognitiva: la maggior parte delle persone trova ad esempio facile assimilare in pochi minuti un nuovo modo per ricordare i nomi della gente.

Compiti cognitivi e comportamentali più complessi, che richiedono un processo con un maggior numero di fasi e hanno magari una componente linguistica, hanno tuttavia bisogno di un approccio diverso.

Se si vuole ad esempio imparare a giocare a volano, la maggior parte delle abilità di base si potrebbero assorbire osservando attentamente in meno di un’ora, senza bisogno di spiegazioni. Notando con cura la posizione del volano, l’angolo della racchetta e il modo in cui viene tenuta in mano, la postura e i movimenti dei giocatori, dovrebbe generalmente essere possibile giocare una partita con un grado accettabile di competenza. Ma per giocare con una qualsiasi misura di abilità è necessaria una rappresentazione interna del gioco molto più sofisticata.

Quando si impara a modellare è bene cominciare con semplici comportamenti, altrimenti è facile sentirsi sopraffatti dalla quantità di cose da considerare. Ad esempio:

  • Meta-programmi
  • Sistemi rappresentazionali e submodalità
  • Schemi linguistici
  • Convinzioni e valori
  • Il sistema più ampio

Modellamento implicito ed esplicito

Se fate un corso per professionisti in PNL potreste trovarvi a seguire un compagno per una ventina di minuti, cercando di camminare e di muovervi come lui. È un modo semplice ma efficace per imparare i principi e la metodologia del modellamento.

Si tratta in questo caso di modellamento implicito, che comporta l’assumere i comportamenti del proprio modello e costruire delle intuizioni riguardo a cosa succede dentro di lui o lei. È simile alla relazione discepolo-maestro nelle arti marziali, in cui il semplice fatto di passare del tempo con il maestro permette di assorbire ciò che egli fa.

Ma perchè invece non chiedere semplicemente alla persona cosa fa e perché?

Questo può essere utile in alcuni casi, ma uno degli ostacoli che dobbiamo superare quando modelliamo è il fatto che molte persone non sanno cosa le renda capaci di fare benissimo ciò che fanno. O magari pensano di saperlo, ma si sbagliano. Questo anche perché una volta che siamo diventati bravi a fare una cosa, non abbiamo più bisogno di prestare attenzione a come la facciamo.

Ci sono quattro stadi nell’apprendimento di un’abilità:

  • incompetenza inconscia: non sappiamo nemmeno cosa potremmo fare
  • incompetenza conscia: sappiamo cosa fare e ci rendiamo conto di non sapere come
  • competenza conscia: sappiamo fare una cosa e vi prestiamo attenzione conscia
  • competenza inconscia: l’abilità è diventata automatica e possiamo esibirla senza doverci pensare

Per creare un modello trasferibile ad altri dobbiamo fare emergere la competenza inconscia di una persona (fase implicita) e diventare consciamente competenti e ottenere a nostra volta il risultato (fase esplicita).

Il modellamento implicito, dunque, è un processo intuitivo in cui si comprende l’esperienza soggettiva dell’altra persona mettendosi nei suoi panni. Utilizzando la seconda posizione otteniamo intuizioni che non potremmo ricavare in nessun altro modo.

Per contrasto, il modellamento esplicito viene eseguito in terza persona: è un processo dissociato e deduttivo a partire dalla specifica struttura dell’esperienza soggettiva del modello.

È importante scegliere la persona e il contesto giusti, altrimenti ci si potrebbe trovare alla fine con un risultato diverso da quello immaginato.
Se, ad esempio, volete perdere peso e scegliete un modello che è sempre stato magro, imparerete qualcosa di utile su come quella persona ottiene quel risultato. Se invece modellate una persona che è stata sovrappeso ed è dimagrita, imparerete come passare dal vostro stato presente al risultato desiderato.

Esponiamo qui di seguito le linee guida per una procedura di modellamento completa. Non tutti avranno il tempo o, francamente, l’interesse per lavorare così nel dettaglio, ma è un punto di riferimento a cui aspirare quando se ne ha la possibilità.

È comunque importante tenere a mente che lo scopo del modellamento è soprattutto quello di creare qualcosa di utile, piuttosto che qualcosa di iperpreciso. A questi fini può essere a volte sufficiente utilizzare solo parte del processo, o utilizzarlo tutto ma in modo meno rigoroso.

 

Amanda VickersTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Amanda Vickers

Amanda Vickers è laureata in psicologia e coach certificata di PNL.

 

Steve BavisterTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Steve Bavister

Steve Bavister è laureato in psicologia e coach certificato di PNL.

 

I vostri commenti - Scrivi un commento!

Nessun commento presente

Scrivi un commento!

Articoli correlatiTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Pnl Essenziale - Libro

Scopri e metti in pratica la Programmazione Neuro-Linguistica

Steve Bavister, Amanda Vickers

(1)
€ 14,90
Disponibilità: Immediata

Libro - Alessio Roberti Editore - Nlp Italy - Luglio 2013 - PNL e formazione

Pensi di sapere tutto sulla PNL? Ti sbagli Sistemi rappresentazionali, submodalità, meta programmi, rapport, ancore, modellamento, time-line e molto altro: PNL essenziale raccoglie e spiega le componenti fondamentali della... scheda dettagliata

Possiamo aiutarti?

assistenza clienti

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

 

Assistenza Clienti

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi sconti, promozioni e novità direttamente nella tua casella di posta.

Guadagna subito +50 PUNTI per i tuoi futuri acquisti e premi.



COMMUNITY

Seguici su Facebook
Ti Piace Macrolibrarsi?
Se ti piace clicca su:
   

I LIBRI PIU' VENDUTI

 

SPECIALI