Torna su ▲

Lievito di birra: una spinta al sistema...

Potenzia le difese, funziona come un tonico, è ricco di proteine. E ne basta un cucchiaio al giorno. Inoltre, è un’ottima fonte di vitamina B. Come integratore costa poco e ha molte frecce al suo arco.

Lievito di birra: una spinta al sistema immunitario

Come sempre accade con le sostanze naturali, anche con le più semplici, appena si accenna ad un approfondimento si scopre una complessità insospettata. È questo il caso anche del “comunissimo” lievito di birra.

Come prima cosa partiamo definendo bene il nostro soggetto.

Con il termine generico “lievito di birra” si fa riferimento a un microrganismo, un lievito per l’appunto, il cui nome scientifico completo è “Saccharomycens cerevisieae Meyen ex E.C. Hansen 1883”.

Comunque sia, per nulla intimoriti, da ora in avanti lo chiameremo semplicemente lievito di birra. Come tutti i lieviti appartiene al regno dei funghi e nello specifico alla famiglia dei Saccaromiceti (Saccharomycetaceae), termine volgarmente traducibile in “funghi degli zuccheri”, mentre cerevisieae, significa “della birra”.

Tre tipologie di lievito

Si ritiene che si accompagni all'uomo da almeno il 2000 a.C. grazie alla sua abilità nel trasformare gli zuccheri (in ordine di preferenza glucosio, fruttosio, saccarosio, maltosio, etc.) in alcol e anidride carbonica. Per questa abilità ha trovato utilizzo sia nella lievitazione del pane, sia della birra e altre bevande.

Nell'industria alimentare moderna, oggi, si utilizzano dei ceppi selezionati in grado di garantire non solo l’attività fermentativa richiesta, nelle precise condizioni produttive (pH, temperatura etc.), ma soprattutto la sicurezza.

Per quello che ci riguarda, nell'ambito dell’integrazione alimentare, si trovano sul mercato tre tipologie di lievito di birra:

  • il lievito alimentare secco in scaglie deattivato
  • quello secco e deattivato in compresse
  • quello secco ed attivo (normalmente in capsule o altri preparati).

La nostra discussione tratterà dei primi due che sono quelli più diffusi, reperibili e con gli studi più interessanti.

Come è fatto e che cosa contiene

L’analisi nutrizionale del lievito di birra indica che, sul peso secco, è composto da circa il 45-60% di proteine, 30% di fibre, 9% di carboidrati, 4-7% di lipidi, e 6-9% di minerali. Per quanto riguarda le vitamine è particolarmente ricco di quelle del gruppo B. Il gruppo delle fibre e carboidrati è molto interessante in quanto è rappresentato in buona parte dai polisaccaridi chiamati ß-glucani (beta-glucani). Questi composti sono dei costituenti importanti delle pareti cellulari del lievito e sono interessanti per alcune loro proprietà.

Per quanto riguarda le proteine invece hanno un ottimo profilo aminoacidico, ovvero contengono una buona quantità di aminoacidi essenziali.

Che tipo di ß- glucani?

I ß-glucani del lievito, di cui abbiamo accennato, si caratterizzano per una lunga catena di molecole di glucosio legate linearmente come in una catenella, da cui si dipartono in modo irregolare delle ramificazioni sempre costituite da molecole di glucosio.

I ß- glucani non sono composti esclusivamente presenti nei lieviti, ma anche in altri microrganismi e alimenti come ad esempio, nei cereali, in diverse piante e nei funghi. Ovviamente, a seconda della loro specifica origine, cambia molto la struttura, che diventa più o meno ramificata o anche più grande. La conseguenza è che ß- glucani di diversa origine possono avere diversa attività. Ad esempio, quelli ben noti dell’Avena sono viscosi e utili nel ridurre l’assorbimento dei lipidi (quindi: giù il colesterolo...).

Sensori sempre all'erta

Nel nostro caso i ß-glucani del lievito di birra, similmente a quelli di alcuni funghi (ad esempio Shiitake, Ganoderma lucidum etc.) hanno un’interessante azione di modulazione del sistema immunitario. Vediamo perché e come. Come è noto, l’intestino rappresenta il luogo di più esteso e intimo contatto con l’ambiente esterno, ambiente che letteralmente “entra dentro di noi”. Perché, assieme agli alimenti, introduciamo una moltitudine di microrganismi. È logico che, nel corso dell’evoluzione, i mammiferi abbiano sviluppato dei sofisticati sistemi di monitoraggio che hanno lo scopo di capire con precisione che cosa è entrato nel canale digerente. Tra questi sistemi di monitoraggio ve ne sono alcuni specifici per i microganismi e, tra i più affascinanti, i cosiddetti “recettori di riconoscimento di pattern”. In pratica si tratta di “sensori” disposti sulle superfici di alcune cellule che sono in grado di riconoscere, a grandi linee, una moltitudine di molecole tipiche di questi microrganismi.

Tra questi recettori ve ne sono alcuni specifici proprio per i ß-glucani dei lieviti. Così, quando i ß-glucani del lievito di birra entrano in contatto con la superficie dell’intestino (la mucosa intestinale) stimolano nelle cellule del sistema immunitario, lì presenti, una risposta. Senza entrare nei dettagli, questa risposta equivale più o meno al messaggio: “Ricordati di stare allerta!”. Questo stato di “fisiologica allerta” produce, per così dire, un'eco anche in siti distanti, ad esempio nelle mucose respiratorie.

Spiazzare il raffreddore cronico

La capacità dei ß-glucani del lievito di birra di “svegliare” il sistema immunitario è stata recentemente evidenziate nell'uomo in alcuni interessanti studi clinici controllati di elevato profilo.

Il primo si è rivolto a un gruppo di soggetti sani con un’elevata propensione al raffreddore. Il trattamento con ß-glucani del lievito di birra è durato 4 mesi. In questo periodo si è avuta una riduzione degli episodi infettivi del 25% rispetto al gruppo che prendeva il placebo.

Altri due studi, invece, si sono interessati all'effetto del lievito sull'immunosoppressione indotta da esercizio fisico intenso: ad esempio, è noto che una maratona induce una soppressione dell’immunità delle mucose fino a 24 ore. L’effetto dei ß-glucani è stato molto positivo in entrambi gli studi e di particolare interesse è stata la loro capacità di aumentare la secrezione salivare di immunoglobuline A, gli anticorpi che difendono le superfici interne del corpo, dal cavo orale a tutto l’intestino.

Una fonte di preziosi nutrienti

Quindi, come dicevamo prima, la “svegliata” al sistema immunitario provocata dai ß-glucani a livello intestinale, grazie al sistema immunitario mucosale, si riflette in una maggior allerta anche nelle mucose delle prime vie aeree, tale da ridurre il rischio di raffreddore e malattie da raffreddamento: tra cui l'influenza. In conclusione, per cosa possiamo usare il lievito di birra? Sicuramente è uno strumento di integrazione proteica di elevata qualità, i vegani lo tengano presente. Poi è un “tonico” per quando ci sentiamo un po’ stanchi e, certamente, aiuta il sistema immunitario, viste le notevoli proprietà immunomodulanti dei ß-glucani di cui è ricco.

E c’è anche la vitamina B

Un'ultima cosa: spesso anche il medico suggerisce di assumere integratori del complesso vitamina B (sono tra i prodotti più venduti in farmacia, ndr). Le vitamine B si trovano nei vegetali e, a volte, è necessario ricorrere all'integrazione, soprattutto quando la dieta non apporta queste molecole. Bene, bisogna sapere che il lievito di birra alimentare o in compresse deattivato certamente contiene un quantitativo significativo di vitamine del gruppo B: B1, B2, B3, B5, B6, B7 e folati. Ad esempio, secondo le analisi, con 10 grammi di lievito si somministra una quantità di di B1 pari a circa il 160% dell’RDA (cioè il fabbisogno giornaliero), mentre di B6 circa il 28%.

Quanto dobbiamo prenderne?

Il dosaggio è relativamente libero (mai esagerare).

Del lievito alimentare, quello in scaglie, si possono suggerire 1-2 cucchiai al giorno, di quello in compresse tipicamente l’equivalente di 3-5 grammi di lievito.

Non facciamo confusione con i lieviti arricchiti

A volte il brodo di coltura che serve a far crescere il lievito viene arricchito di altre sostanze come il cromo (Cr) o il selenio (Se): in questi casi il lievito secco e deattivato che se ne ottiene, diventa una sorta di veicolatore di questi microelementi. Le proprietà di questi particolari lieviti pertanto cambiano e sono fortemente influenzate da quanto è stato aggiunto.

Quello arricchito con cromo può essere utile nel controllo delle problematiche metaboliche (problemi di glicemia), il secondo, quello con selenio, è un antiossidante. Il lievito “normale” non ha rilevanti quantità di questi microelementi, così come non produce vitamina B12 (nel caso qualcuno la ricercasse).

 

E il Lievito Madre?

Il lievito naturale o “lievito madre” è molto diverso dal lievito di birra. Nella sua preparazione, infatti, la farina impastata con acqua viene lasciata all'aria: eventualmente vi si aggiunge, come inoculo, un frutto come l’uva la cui buccia è ricca di microrganismi.

Nel lievito madre sono presenti – oltre ai lieviti tra cui il nostro S. cerevisiae – diversi lattobacilli (come Lac. Casei, L. plantarum, Lac. Acidophilus, etc.). Con il lievito madre, avvengono sia la fermentazione alcolica, sia quella lattica. Pensiamo sia interessante sapere che a causa della tipica acidità di questo lievito si ha la pressochè completa idrolisi (degradazione) dell’acido fitico, tipicamente presente nelle farine integrali, e considerato un anti-nutriente: meglio che non ci sia (anche se, ultimamente, sull’acido fitico e fitati si sta cambiando opinione).

Due parole sulla sicurezza

Il lievito di birra, in generale, è da considerarsi sicuro per gli individui sani, non ci sono problematiche specifiche.

  • Qualche attenzione va invece riservata in chi soffre di allergie respiratorie, alle muffe, in chi ha uno Skin Prick Test positivo alla Candida e in chi soffre di dermatiti. Un esame allergologico può essere indicato per escludere in questi casi un’allergia anche al lievito di birra.
  • In caso di candidosi in atto conviene probabilmente attendere la sua risoluzione prima di integrare la propria alimentazione con lievito.
  • Il lievito, essendo ricco in purine, va assunto con attenzione in caso di gotta.
  • Infine, la presenza di tiramina lo controindica in caso di assunzione di farmaci antidepressivi, inibitori della MAO (mono ammino ossidasi).

Al di là di questi casi sembrerebbe un peccato doversene privare.

Articolo tratto da L'Altra Medicina N. 51

 

 

 

Abbonarsi alla rivista L'altra medicina magazine conviene! Puoi infatti ricevere 12 numeri della rivista, comodamente a casa tua, pagandone soltanto 8 (28 euro anziché 42)!

Richiedi l'Abbonamento a l'Altra Medicina

 

L'Altra MedicinaTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

L'Altra Medicina

L’altra medicina magazine è una rivista che tratta il variegato ed entusiasmante mondo della Medicina naturale in modo serio e autorevole.

Grazie al coinvolgimento di un pool di esperti di grande spessore, la rivista, ogni mese di più, sta diventando un punto di riferimento per tutti i lettori che cercano informazioni corrette sulla Medicina non convenzionale. Niente titoli miracolistici e promesse difficile da mantenere, quindi, ma tanti articoli e approfondimenti su discipline che raramente trovano spazio sugli altri magazine che affollano le edicole italiane: omeopatia, Medicina tradizionale cinese, Ayurveda, fitoterapia, tradizioni mediche millenarie, il tutto con un taglio divulgativo e piacevole alla lettura.

Direttore dell’Altra medicina magazine è Daniele Magni, giornalista milanese con un’esperienza più che ventennale nella comunicazione medico-scientifica. Del comitato scientifico fanno parte Luciana Baroni, Marco Maiola, Maria Grazia Parisi, Antonella Ronchi, Antonello Sannia.

> Scopri tutte le Fanzine

 

Articoli correlatiTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

I segreti del Lievito di Birra - Libro

Per la salute, la bellezza e in cucina

Bernard Montelh

€ 6,90 Solo 2 disponibili: affrettati!
Disponibilità: Immediata

Libro - Punto d'Incontro - Ottobre 2014 - Monografie sulla salute

In questo libro Bernard Montelh ti condurrà alla scoperta di un toccasana per il tuo organismo: il lievito secco. Il lievito di birra è un vero e proprio super-alimento per la salute e la bellezza:contrasta la stanchezza,... scheda dettagliata

Lievito di Birra in Scaglie

Con farina di malto d'orzo, Biologico

Fior di Loto

(7)
€ 6,29
Disponibilità: Immediata

Prodotto - Condimenti

Il lievito alimentare è ricco di vitamine PP, B2, B1 e B12, proteine e zinco Un prezioso concentrato di nutrienti completamente naturale, gustoso e delicato e ottimo sostituto del formaggio su ogni preparazione, che permette... scheda dettagliata

Lievito Alimentare Biologico In Fiocchi - Melasse Hefeflocken

Naturata

(1)
€ 7,96 Solo 5 disponibili: affrettati!
Disponibilità: Immediata

Prodotto - Materie Prime

Lievito alimentare di melassa biologico in fiocchi. Vegano e senza glutine Come si produce Il terreno fertile in cui proliferano i lieviti è costituito da melassa di barbabietola da zucchero. La melassa di barbabietola viene... scheda dettagliata

Lievito Alimentare Scaglie

Fonte naturale di proteine, Vitamine B1 e B9

Probios Alimenti

(159)
€ 3,74
Disponibilità: Immediata

Prodotto - Condimenti

Lievito alimentare in scaglie (lievito di Birra). E costituito da cellule di lievito della specie Saccharomycies Cerevisiae essiccate. Prodotto in modo naturale su colture di melassa.   Vai all'approfondimentoLIEVITO... scheda dettagliata

Lievito Alimentare in Scaglie con Farina di Riso

Fonte naturale di proteine vegetali

Probios Alimenti

(1)
€ 5,90 Solo 5 disponibili: affrettati!
Disponibilità: Immediata

Prodotto - Materie Prime

Il lievito naturale essiccato è fonte di proteine che contribuiscono al mantenimento della massa muscolare. Al lievito alimentare in scaglie EasyToGo si affianca il nuovo lievito alimentare in scaglie con farina di riso,... scheda dettagliata

Lievito Alimentare in Scaglie

Ki Group

(47)
€ 4,99
Disponibilità: Immediata

Prodotto - Condimenti

Privo di potere fermentativo, si può utilizzare per insaporire pasta, riso, zuppe e verdure come alternativa vegetariana del formaggio grattugiato. E' costituito da cellule di lievito del ceppo saccharomyces cervisiae,... scheda dettagliata

Lievito Secco Attivo

Dnabio

(15)
€ 3,30
Disponibilità: Immediata

Prodotto - Materie Prime

Lievito adatto per impasti che vengono fatti lievitare prima della cottura (pane, pizze, dolci, ecc). Preparazione: mettere 7 g (1 cucchiaio da tè di lievito e un cucchiaino di miele in un bicchiere, riempire il bicchiere a... scheda dettagliata

Lievito Secco Attivo per uso casalingo "Sophie"

Per panificazione, pizze, dolci a pasta lievitata

Ki Group

(64)
€ 0,26
Disponibilità: Immediata

Prodotto - Dolci da Forno

Lievito naturale per uso casalingo per panificazione, pizze, dolci a pasta lievitata Modo d'uso: Versate il contenuto della bustina in un bicchiere d'acqua tiepida leggermente zuccherata. Lasciate sciogliere per circa 20... scheda dettagliata

Lievito Madre di Kamut

Essiccato - fermentato 50 giorni

Antico Molino Rosso

(9)
€ 3,60
Disponibilità: Immediata

Prodotto - Materie Prime

Lievito madre di kamut® Essiccato - fermentato 50 giorni per pane, focacce e pizza come una volta Lievito essiccato di pasta madre di Kamut® Khorasan da agricoltura biologica. I lieviti di pasta madre sono ottenuti... scheda dettagliata

Lievito Madre di Farro

Essiccato - fermentato 50 giorni

Antico Molino Rosso

(13)
€ 3,96 Solo 3 disponibili: affrettati!
Disponibilità: Immediata

Prodotto - Materie Prime

Lievito madre di farro Essiccato - fermentato 50 giorni per pane, focacce e pizza come una volta Lievito essiccato di pasta madre di farro da agricoltura biologica. I lieviti di pasta madre sono ottenuti attraverso una... scheda dettagliata