Torna su ▲

Jack Canfield - Anteprima - Il Potere della...

Le Vostre Abitudini Determineranno il Vostro Futuro. Tratto dal 1° capitolo del libro "Il Potere del Focus" (COME RAGGIUNGERE CON ASSOLUTA CERTEZZA I PROPRI OBIETTIVI DI LAVORO, PERSONALI E FINANZIARI) di Jack Canfield, Mark Victor Hansen e Les Hewitt.

Jack Canfield - Anteprima - Il Potere della Focalizzazione

“È più difficile da pensare che da fare”.
Robert M.Pirsig

Brent Vouri sapeva di essere condannato a morire. Il grave attacco di asma era sfociato in edema polmonare. I suoi polmoni si erano completamente inceppati, proprio come il motore di una macchina rimasto senza olio. L’ultima cosa di cui si ricordava, quella notte, era il pavimento dell’ospedale venirgli incontro precipitosamente. Poi il buio totale.

Il coma era durato quindici giorni durante i quali aveva perso venti chili. Quando alla fine aveva riaperto gli occhi, era rimasto altre due settimane senza essere in grado di parlare. E questo era un bene perché per la prima volta in tanti anni aveva avuto la possibilità di riflettere: “Perché a soli vent’anni la sua vita era andata in fumo?”.

Per tenerlo in vita, i medici avevano dovuto compiere un vero miracolo, laddove molti ritenevano non avesse alcuna possibilità di sopravvivere. Brent rifletté a fondo.

L’asma aveva fatto parte della sua vita dalla nascita. Da bambino, contrariamente ai suoi coetanei e a dispetto dell’enorme dose di energia di cui disponeva, non era mai stato capace di dedicarsi ad alcuno sport, calcio o ciclismo che fosse. All’età di 10 anni i suoi genitori avevano divorziato e tutte le frustrazioni accumulate erano alla fine venute a galla. Gli anni successivi erano stati una spirale in continua discesa verso droghe, abuso di alcol e dipendenza dal fumo, che lo portava a consumare trenta sigarette al giorno. Gli studi non li aveva terminati, finendo per essere sballottato senza una meta da un lavoro part-time all’altro.

Nonostante il peggioramento costante della sua salute, aveva scelto di non curarsene. Fino a quella fatidica notte quando il suo corpo aveva detto: “Basta”.

Riflettendo era giunto a una cruciale conclusione: “È solo colpa mia per tutte le scelte sbagliate fatte nel corso di questi anni”. E si ripromise: “Mai più… Voglio finalmente vivere”.

Brent divenne sempre più forte e alla fine fu dimesso dalll’ospedale. Poco dopo, mise a punto un risoluto piano d’azione per migliorare la sua vita. Innanzitutto si iscrisse a un corso di ginnastica. Per iniziare, come premio per aver completato dodici sessioni, si ripromise l’acquisto di una maglietta: obiettivo che raggiunse. Tre anni dopo, era diventato istruttore di aerobica. Accumulando di giorno in giorno sempre più slancio, partecipò, cinque anni dopo, ai campionati nazionali di aerobica. Nel frattempo, decise di proseguire gli studi ottenendo prima il diploma di scuola superiore, poi completando con successo la formazione universitaria.

In seguito, in società con un amico, aprì una ditta specializzata nella produzione di abbigliamento con un organico iniziale di soli quattro dipendenti. La ditta ha festeggiato recentemente il suo quindicesimo anniversario ed è un’azienda multimiliardaria con 66 dipendenti e una rete di distribuzione internazionale di fornitura per clienti di alto profilo, tra i quali la “Nike”.

Grazie alla decisione di attuare scelte migliori e di assumere abitudini migliori, Brent Vouri ha sovvertito la sua vita passando dallo zero di ieri all’eroe di oggi! Non è una storia entusiasmante?

Questo esempio ci fa capire che ciò che conta è sapere che una vita ben vissuta non è solo un caso. Al contrario, essa dipende dalle scelte e dal vostro modo di reagire a ogni situazione. Se siete propensi a operare sempre scelte sbagliate, vi capiteranno spesso disastri. Le vostre scelte quotidiane determinano in definitiva se siete votati a vivere nell’abbondanza o in povertà. Tuttavia, la vita non chiude mai completamente le porte alle occasioni.

Le scelte coerenti gettano le fondamenta delle vostre abitudini. Queste ultime, che comprendono le abitudini lavorative nonché quelle che si manifestano nella vita personale, svolgono un ruolo rilevante per il vostro futuro. In questo libro, troverete strategie valide sia per la vita professionale sia per quella personale. Il vostro compito consiste nel passarle in rassegna, mettendo in pratica quelle che vi daranno maggiori risultati.

A proposito... Tutte le strategie sono valide allo stesso modo sia per gli uomini sia per le donne, senza esclusioni né per gli uni né per gli altri.

In questo capitolo, abbiamo descritto gli elementi principali legati alle abitudini. Innanzitutto scoprirete come esse funzionano realmente, quindi imparerete a identificare le cattive abitudini e a modificarle. In questo modo, potrete esaminare le vostre particolari abitudini e decidere quali sono quelle improduttive. E per finire, vi mostreremo una formula straordinaria per creare ottime abitudini, una strategia semplice ma efficace che contribuirà a trasformare le vostre abitudini “perdenti” in abitudini “vincenti”.

Come Funzionano REALMENTE le Abitudini

Le abitudini determineranno il vostro futuro

Che cos’è un’abitudine? In parole semplici, un’abitudine designa un comportamento talmente ripetitivo da diventare facile, ovvero la tendenza a ripetere lo stesso comportamento. Va da sé che insistendo nello sviluppare un nuovo comportamento, alla fine esso diventerà automatico. Esempio... Se si impara a guidare l’automobile le prime lezioni risultano interessanti. Uno dei primi traguardi da superare è capire come sincronizzare il pedale della frizione con il pedale dell’acceleratore in modo da ottenere un cambio di marcia morbido e deciso. Rilasciando la frizione rapidamente, l’automobile si blocca; premendo troppo energicamente sull’acceleratore senza rilasciare la frizione, il motore romba, ma rimanete fermi. Talvolta l’automobile procede saltellando come un canguro, impennandosi e arrestandosi, mentre il guidatore novello lotta per avere la meglio sui pedali. Tuttavia con la pratica, l’atto di cambiare la marcia si fa morbido e automatico.

LES: Siamo tutti schiavi delle abitudini. Ogni giorno, tornando a casa dal lavoro in auto, lungo la strada incrocio nove semafori. Spesso arrivo a casa senza ricordarne neppure uno, come se alla guida fossi incosciente. Se mia moglie mi chiede di fare una deviazione per ritirare qualcosa sulla via del ritorno, capita spesso che me ne dimentichi completamente perché ho programmato il mio cervello a imboccare ogni sera la stessa strada verso casa.

Tuttavia è possibile riprogrammarsi ogni qualvolta si scelga volontariamente di farlo. Se avete problemi economici, vi interesserà sapere come fare.

Supponiamo che vogliate diventare economicamente indipendenti. Forse è il caso di verificare le vostre abitudini per guadagnare denaro. Siete soliti pagare lo stipendio mensile prima a voi stessi? Risparmiate costantemente investendo almeno il 10% dei vostri guadagni? Rispondete “sì” o “no” e saprete se vi state muovendo nella giusta direzione.

La parola chiave in questo caso è “costanza”, che significa ogni mese. E ogni mese è sinonimo di buone abitudini. La maggior parte delle persone, perché incostanti, non è in grado di impegnarsi seriamente quando si tratta di accumulare denaro.

Supponiamo che diate il via a un piano di risparmi e di investimenti mettendo da parte diligentemente il 10% dei vostri guadagni. Poi un evento viene a turbare il normale corso della vita: prendete in prestito il denaro messo da parte per fare una vacanza, ripromettendovi di rimborsarlo nei mesi successivi. Naturalmente non lo fate e il vostro programma di indipendenza economica si arena ancor prima di aver spiccato il volo!

A proposito… Sapete quanto sia facile diventare economicamente sicuri?

Se all’età di diciotto anni cominciate con l’investire duecentomila lire al mese capitalizzati annualmente al 10%, all’età di sessantacinque anni avrete messo al sicuro oltre 2 miliardi di lire. Persino cominciando a quarant’anni avete delle possibilità, anche se occorrerà più di un euro al giorno per farlo. Questa viene chiamata REGOLA SENZA ECCEZIONI. In altri termini, vi impegnate ogni giorno a migliorare il vostro futuro economico. Ed è questo che distingue le persone agiate da quelle poco agiate.

Ma consideriamo ora un’altra situazione.

Se conservare una salute eccellente è tra le vostre maggiori priorità, dedicarsi a un’attività fisica tre volte alla settimana è il minimo richiesto per mantenersi in forma. Una REGOLA SENZA ECCEZIONI implica che conserviate l’abitudine di fare sport a prescindere dagli eventi, perché ne valutate i benefici a lungo termine. Le persone superficiali abbandoneranno dopo alcune settimane, adducendo un lungo elenco di scuse per motivare il proprio fallimento. Se volete differenziarvi dalla massa e godere di uno stile di vita unico, è bene capire che le vostre abitudini determinano il vostro futuro.

Ricordate… Le persone di successo non vengono catapultate casualmente al vertice. Per ottenere ciò che desiderate, occorrono azioni mirate, disciplina personale e una forte dose di energia quotidiana.

Le abitudini che svilupperete a partire da oggi determineranno in definitiva il corso del vostro futuro. Ricchi o poveri, sani o malati, realizzati o falliti, felici o infelici: sta a voi la scelta, quindi scegliete saggiamente.

Le abitudini determineranno la vostra qualità di vita

Oggi molte persone sono interessate al proprio stile di vita. Affermazioni quali: “Sono alla ricerca di una migliore qualità della vita” oppure “Desidero solo una vita più semplice” sono all’ordine del giorno. Apparentemente la corsa verso la riuscita materiale e tutti i simboli esteriori di una presunta vita di successo non sono sufficienti.

La vera ricchezza implica non solo essere liberi economicamente, ma coltivare relazioni significative, migliorare la propria salute e godere di un buon equilibrio tra la propria carriera e la vita privata. Il nutrimento del proprio spirito o della propria anima è inoltre, un requisito indispensabile, la cui ricerca e accrescimento richiedono tuttavia investimento di tempo. Più si impara su se stessi (il proprio modo di pensare, di sentire, di essere e di comportarsi) più la vita scorrerà liscia. Anziché lavorare soltanto, e duramente, ogni settimana, comincerete a operare scelte migliori basate sull’intuito, sapendo istintivamente qual è la cosa giusta da fare. Il livello di maggiore consapevolezza raggiunto determinerà la qualità quotidiana della vostra vita.

Sempre più persone ricercano una gratificazione immediata, comprando oggetti che non possono permettersi e rimandando il pagamento il più a lungo possibile: automobili, oggetti di arredamento, elettrodomestici, viaggi, divertimenti o l’ultimo “giocattolo”, per citare solo alcuni esempi. Chi è intrappolato in questa abitudine è sempre alla rincorsa di qualcosa. Il mese prossimo ci sarà un altro pagamento, che comporterà sempre più ore di lavoro o la necessità di intraprendere una seconda attività solo per far quadrare il bilancio, creando in tal modo uno stress sempre maggiore. Portando all’estremo questo esempio, se le vostre spese superano sempre le vostre entrate, otterrete un unico risultato finale: la bancarotta! A una cattiva abitudine profondamente radicata la vita risponderà facendovi sempre pagare le conseguenze: conseguenze che potrebbero non piacervi. È importante quindi che capiate questo concetto fondamentale: la vita vi farà sempre subire le conseguenze, che vi piaccia o meno. Il problema è che se continuate ad agire in un certo modo, otterrete sempre un unico risultato prevedibile.

Le abitudini negative generano conseguenze negative, le abitudini positive creano risultati positivi. È così che va la vita!

Prendiamo in esame alcuni altri esempi. Per poter vivere a lungo, occorre osservare abitudini salutari. Nutrirsi bene, praticare un’attività sportiva e studiare la longevità svolgono in questo caso un ruolo importante. Ma la realtà è ben altra.  La maggior parte degli abitanti del mondo occidentale è sovrappeso, fa poco esercizio fisico ed è malnutrita. Come ve lo spiegate?  Ancora una volta si tratta di un atteggiamento “vivi-allagiornata” senza nessun pensiero rivolto alle conseguenze future. E quando si tratta di salute, l’elenco si fa lungo.

Ecco solo un paio di esempi: lavorare quattordici ore al giorno, sette giorni su sette, porta alla fine all’esaurimento totale. Abituati come siamo a consumare ogni giorno un rapido pasto, la combinazione di stress e un alto tasso di colesterolo indurranno un rischio maggiore di attacchi di cuore. Benché queste conseguenze minaccino la nostra incolumità, molti ignorano l’evidenza vivendo beatamente senza lasciarsi spaventare dalla possibilità che una seria malattia possa essere in agguato.

Che dire poi dei rapporti di coppia? Cinquanta matrimoni su cento finiscono in divorzio. Come pretendere un esito felice quando si è soliti trascurare il proprio rapporto di coppia? Per quanto riguarda il denaro, le cattive abitudini possono innescare un ciclo ininterrotto di lavoro in età avanzata, quando invece preferireste godervi il tempo libero divertendovi. Ma udite udite:

Semplicemente cambiando le vostre abitudini ora.

Sviluppare abitudini vincenti richiede tempo

Quanto tempo occorre per cambiare un’abitudine?

Le risposte più comuni a questa domanda sono: “Circa ventun giorni”o “Da tre a quattro settimane”. Questo è vero per attuare piccole correzioni del comportamento.

Ecco un esempio personale:

LES: Ricordo che mi capitava regolarmente di smarrire le chiavi. Alla fine della giornata, dopo aver parcheggiato l’auto in garage, mi dirigevo risolutamente verso casa lanciando le chiavi senza preoccuparmi di dove andassero a cadere.Più tardi,dovendo uscire, non riuscivo a trovarle. Appena iniziavo a cercarle, i miei livelli di stress salivano vertiginosamente e, quando, dopo averle finalmente trovate, mi precipitavo alla riunione con venti minuti di ritardo, mostravo un atteggiamento tutt’altro che positivo. La soluzione a questo problema ricorrente era semplice. Un giorno inchiodai un pezzo di legno al muro dinanzi alla porta del garage, con due ganci e una grande targa che recava la scritta “Chiavi”. La sera successiva, tornai a casa, passai davanti al nuovo posto delle chiavi e le lasciai cadere in un angolo remoto della stanza. Perché? Perché era quello che avevo sempre fatto. Prima che il mio cervello recepisse il messaggio, ovvero che stavo facendo qualcosa di diverso, mi ci vollero trenta giorni, durante i quali dovetti obbligare me stesso ad appendere le chiavi al muro. E fu così che alla fine si formò una nuova abitudine. Da allora non ho più perso le chiavi, ma che fatica rieducare me stesso!

La cosa incredibile è che dopo aver ripetuto trenta volte una nuova abitudine, è più difficile costringersi a non assumerla che assumerla. Prima di poter cambiare un’abitudine, occorre verificare da quanto tempo essa è in voi. Se per trent’anni avete ripetuto la stessa azione, sarà impossibile che riusciate a liberarvene in poche settimane. Prendete atto che un’abitudine lungamente consolidata ha radici profonde. È un po’ come tentare di separare una fibra a più fili che con il tempo si è trasformata in un’unica indistruttibile fune. Che impresa riuscire a spezzarla!

I fumatori incalliti sanno quanto sia difficile estirpare il vizio del fumo. Molti di essi non vi riusciranno mai, nonostante la prova schiacciante che il fumo riduca la durata della vita. Analogamente, persone con un lungo passato di bassa autostima non si trasformeranno in ventun giorni in soggetti estremamente sicuri, pronti a sfidare il mondo. Potrebbe occorrere un anno.

Un altro fattore da tenere presente nel cambiamento delle abitudini è la possibilità di ricadere nuovamente nei vecchi schemi, quando i livelli di stress aumentano o in caso di crisi inaspettata. La nuova abitudine può non essere sufficientemente respistente per superare queste circostanze con il risultato che occorreranno più tempo, più energia e maggiore impegno.

Per essere costanti, gli astronauti utilizzano una lista di controllo per ogni singola procedura al fine di garantire sempre gli stessi risultati. Anche voi potete utilizzare un sistema di controllo dello stesso tipo. È solo questione di pratica, ma il gioco vale la candela. Immaginate se solo riusciste a cambiare quattro abitudini all’anno, da qui a cinque anni avreste appreso venti nuove abitudini positive. Ed ecco il punto... Venti nuove abitudini positive potrebbero avere un effetto significativo sul vostro risultato?

Non ne abbiamo alcun dubbio. Venti abitudini nuove e vincenti possono portarvi tutto il denaro che desiderate, rapporti d’amore straordinari, un corpo più sano e più energico, oltre a opportunità di ogni genere. E se invece creaste più di quattro nuove abitudini all’anno? Pensate a quante possibilità avreste!

Almeno il 90% del nostro comportamento normale è basato sulle abitudini

Molte delle nostre attività quotidiane sono semplicemente abitudinarie. Da quando ci svegliamo al mattino fino a quando andiamo a letto la sera, sono mille le attività che svolgiamo nello stesso modo: il modo di vestirci, di prepararci per uscire, di fare colazione, di leggere il giornale, di lavarci i denti, di guidare, di rispondere al telefono e così via. Se svolgete le stesse attività da anni, possedete una serie di abitudini solidamente radicate che toccano ogni campo della vostra vita: lavoro, famiglia, reddito, salute, relazioni e altro. La somma totale di queste abitudini determina il modo in cui la vostra vita funziona.

In quanto abitudinari, siamo estremamente prevedibili. In un certo senso ciò può essere un bene perché possiamo apparire affidabili, sicuri e costanti agli occhi degli altri. Tuttavia, un eccesso di abitudini genera appagamento, con il risultato che la vita diventa noiosa. Infatti molte delle attività che formano il nostro normale comportamento di tutti i giorni vengono svolte inconsciamente, senza pensare. Ma veniamo al nocciolo della questione: il vostro comportamento normale di tutti i giorni è strettamente legato ai risultati che otterrete nella vita. Se i risultati non vi soddisfano, occorre cambiare qualcosa.

Ecco una grande notizia!

Sostituendo al vostro attuale comportamento un nuovo comportamento, potrete ottenere un modo completamente nuovo di agire. Il nuovo atteggiamento diventerà quindi la vostra nuova norma di rendimento e produttività.

In altri termini, vi accingete semplicemente a sostituire alle vecchie e cattive abitudini, nuove e vincenti abitudini. Esempio…

Se arrivate sempre in ritardo, i vostri livelli di stress sono elevati e vi sentite impreparati. Per migliorare questo comportamento, proponetevi di arrivare dieci minuti prima a ogni appuntamento per le prossime quattro settimane. Se vi imponete una certa disciplina, noterete due aspetti:

  1. Per una o due settimane sarà dura. Infatti, occorrerà che vi sproniate con qualche discorsetto di incoraggiamento per riuscire a rimanere in carreggiata.
  2. Più vi presenterete in anticipo, più diventerà facile. Poi un giorno, come per incanto, questo diventerà un comportamento normale. Sarà come essere riprogrammati. Scoprirete quindi che i vantaggi del nuovo programma superano di gran lunga i risultati del vecchio.

Migliorando sistematicamente un comportamento per volta, migliorerete il vostro stile di vita, ovvero salute, guadagni, relazioni e tempo da dedicare al divertimento.

MARK: Un mio amico cinquantenne ha cambiato, nell’arco di due anni, ventiquattro volte le sue abitudini alimentari. Prima di decidere di cambiare, era stanco e in sovrappeso, aveva poca energia e nessuna motivazione per il lavoro. Le sue cattive abitudini comportavano un numero eccessivo di dolci,pasti veloci e una bottiglia di vino al giorno. Ad un certo punto ha deciso di voltare pagina. È stato un processo lungo, che ha richiesto una forte dose di autodisciplina. Con l’aiuto di un nutrizionista, ha dato una svolta decisiva alla sua vita. Oggi ha smesso di bere, evita i dolci e mangia porzioni di cibo ridotte, ben equilibrate e con il massimo apporto energetico. Ha un nuovo interesse per la sua attività e la sua autostima è diventata più grande.

Se gli altri sono in grado di attuare cambiamenti significativi, perché non voi? Ricordate... Niente potrà cambiare finché non sarete prima voi a cambiare. Accettate il cambiamento come un catalizzatore positivo, grazie al quale ottenere maggiore libertà e serenità d’animo.

Se continuate a fare quello che avete sempre fatto, continuerete ad ottenere quello che avete sempre ottenuto!

Vai alla scheda del libro

Scopri tutti i libri ed eventi di Jack Canfield

 

Articoli correlatiTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Il Potere della Focalizzazione - The Power of Focus - Libro

Come raggiungere con assoluta certezza i propri obiettivi di lavoro personali e finanziari

Mark Victor Hansen, Jack Canfield, Les Hewitt

(4)
Nuova ristampa
€ 8,33 € 9,80 (-15%)
Disponibilità: Immediata

Libro - Macro Edizioni - Febbraio 2008 - La legge di attrazione

Cosa ti impedisce di raggiungere ogni giorni i tuoi obiettivi?Qual'è quella cosa che ti allontana da ciò che realmente desideri?La risposta è unica: la mancanza di focalizzazione, ovvero l'incapacità di concentrarci sulle... scheda dettagliata

 

Macrolibrarsi Assistenza Chat

 

Assistenza Clienti

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi sconti, promozioni e novità direttamente nella tua casella di posta.

Guadagna subito +50 PUNTI per i tuoi futuri acquisti e premi.



COMMUNITY

Seguici su Facebook
Ti Piace Macrolibrarsi?
Se ti piace clicca su:
   

I LIBRI PIU' VENDUTI

 

SPECIALI