Torna su ▲

Le Ossa : meraviglia strutturale - Estratto dal...

Leggi in anteprima un frammento estratto dal libro "Manuale di Autotrattamento Cranio Sacrale" di Gioacchino Allasia e Marina De Cillis

Le Ossa : meraviglia strutturale - Estratto dal libro Manuale di Autotrattamento Cranio Sacrale

Nell’immaginario collettivo, si pensa alle ossa come bianche e senza vita. L’immagine dello scheletro, poi, nella società attuale è strettamente legata alla morte. Per non parlare del cranio e del suo macabro utilizzo come simbolo o effige di spietati corpi militari (tipo le SS naziste!) o di allucinanti sette sataniche.

In realtà, se le analizziamo con curiosità e spirito di osservazione, nelle ossa possiamo ammirare la meraviglia della natura del corpo umano: come esso sia, realmente, un’estensione dell’ambiente che lo circonda. Le ossa del cranio, poi, sono delle vere e proprie opere d’arte! Prendiamo ad esempio lo sfenoide, l’osso più centrale della testa: ha una forma spettacolare, a metà tra una farfalla e un pipistrello e a qualcuno può ricordare un’aquila in volo, con le ali aperte. Le ossa temporali ricordano da vicino due raffinate conchiglie. L’occipite ha una forma molto simile a quella di una foglia di cavolo e così via.

Studiare le ossa e ammirare la loro bellezza, ci fa capire come, la maggior parte delle volte, noi non sappiamo realmente osservare le cose che abbiamo davanti: così, per molti studenti principianti di BCS, si apre un vero e proprio mondo, da scoprire con fascino e curiosità.

Innanzitutto, fino a che il nostro corpo è in vita, le ossa non sono assolutamente bianche come generalmente si crede; ma, al contrario, sono ben colorate, essendo irrorate dal flusso sanguigno.

Esse, perciò, hanno una loro vita ben definita, una loro specifica fisiologia, che dipende da fattori ben precisi: l’ambiente in cui una persona vive, la sua alimentazione e la quantità di attività fisica che essa svolge. Il calcio è il minerale più importante contenuto nelle ossa e ne garantisce la consistenza e la resistenza: una semplice modalità di acquisire calcio è prendere, nelle ore adeguate e nella giusta misura, il sole. Attraverso i raggi solari, infatti, si assume la vitamina D, utile per fissare il calcio nel nostro organismo: perciò, questo è un fattore ambientale che riveste una sua essenziale importanza.

Laddove c’è luce, c’è vita. È risaputo che le donne eschimesi, nei sei mesi di buio pressoché assoluto che devono fronteggiare, non hanno il ciclo mestruale, con conseguente perdita di calcio dalle ossa.

La qualità del cibo e dell’acqua che ingeriamo sono essenziali alla nostra vita in generale e, in particolare, a mantenere un buon apporto di minerali nel nostro corpo: tra i quali, appunto, uno dei più importanti risulta essere proprio il calcio.

Due parole sul latte…

La nostra società moderna sostiene la teoria, ben radicata e comune alla maggioranza della popolazione, secondo la quale un elevato consumo di latte e derivati sia fondamentale per mantenere in buona salute le nostre ossa, preservandone così la decalcificazione.

Teoria questa tutta da rivedere alla luce anche di alcuni studi fatti negli ultimi venti anni da vari ricercatori del settore dai quali è emerso che, se è vero che il latte contiene elevate quantità di calcio, è pur vero che non ha per nulla fosforo5. Ora, in base alla nostra complessa chimica corporea, per poter fissare il calcio nelle ossa è assolutamente necessario il fosforo ma, se nel latte non si trova, dove andare a prenderlo?

Nel luogo dove, rispetto a tutto il resto del corpo, ce n’è di più, cioè nelle ossa stesse! Pertanto, bevendo latte, avremo sì delle grandi quantità di calcio a disposizione ma fissato di più e male in certe zone, con decalcificazioni della stessa struttura ossea in altre, inclusi, a volte, i denti.

D’altra parte, basti pensare al fatto che, tradizionalmente, l’essere umano non ha mai bevuto latte da solo come si fa ora in quantità industriali ma l’ha sempre accompagnato con pane o cereali.
In oriente, inoltre, fino a pochi decenni fa, la popolazione non aveva mai fatto uso di latte animale e derivati. L’uomo moderno è l’unico animale su tutto il pianeta terra che si serve del latte di un altro animale; se si esclude il gatto domestico che, non a caso, così facendo si espone a svariate malattie.

Oltre a queste considerazioni, dobbiamo pensare che la qualità del latte che compriamo al supermercato è assolutamente imparagonabile a quella del bel tempo che fu! Sono davvero poche le mucche che al giorno d’oggi pascolano liberamente, brucando l’erba all’aria aperta. Al contrario, le povere bestie sono perlopiù costrette a restare ferme, legate ventiquattro ore su ventiquattro; nutrite non solo con foraggio vegetale ma anche con strani mangimi, che in alcuni casi contengono addirittura tracce di residui animali. Pensiamo, poi, che da queste assurde modalità di produzione industriale vengono creati i latticini e i loro derivati: perciò non c’è molto da stare allegri! Credo che queste osservazioni dovremmo farle prima di acquistare qualunque alimento: dovremmo sapere da dove viene, chi lo ha prodotto e, soprattutto, cosa contiene.

Tornando alle ossa…

Un altro motivo importante per cui le ossa mantengono la loro integrità e durezza è il lavoro fisico a cui sono sottoposte.

La legge di Wolf (dal nome dello scopritore del principio fisico in questione), infatti, sostiene che “la massa segue la funzione”. Le ossa sono resistenti e dure in funzione del pesante compito strutturale che devono svolgere: pensiamo che per tutta la vita siamo sottoposti alla costante azione della forza di gravità! Se non vi fosse il campo gravitazionale, che ci fa rimanere attaccati alla terra, le nostre ossa sarebbero fragili al punto tale da non permetterci di vivere su di essa. Quando gli astronauti lasciano la nostra atmosfera, volando oltre la barriera di gravità, si espongono a perdite considerevoli di calcio; non a caso, appena rimettono piede sulla superficie terrestre devono essere sorretti per non cadere. Di conseguenza, con le caratteristiche del nostro meraviglioso organismo umano non potremmo vivere a lungo sulla luna perché, a prescindere dalle possibilità di sostentamento, il nostro corpo si esporrebbe in modo drammatico all’osteoporosi.

La forza di gravità ha una grande importanza per la nostra vita sulla Terra: è sempre con noi, dall’inizio alla fine del nostro viaggio, e per certi versi riveste un ruolo ancora più rilevante della madre che ci mette al mondo.

La nostra mamma ci fa nascere, ci nutre e alleva, aiutandoci nella crescita, indirizzandoci nella vita ma prima o poi, ci lascia. Mentre la gravità è in stretto contatto con noi dalla nascita fino a che non lasciamo il corpo, restituendolo alla terra stessa, da dove esso proviene. Di fatto, Madre Terra provvede a darci tutti gli strumenti per poter realizzare la nostra esistenza, come l’aria, l’acqua, il cibo; al contempo, Padre Cielo governa costantemente le nostre funzioni vitali e i nostri bioritmi, attraverso il sole, le forze celesti dei pianeti e delle costellazioni. Le due entità macrocosmiche, rappresentate dalla terra e dal cielo, come le due entità microcosmiche, la madre e il padre, interagiscono tra loro dando come risultante l’essere umano.

Questo concetto, che tocca tutti noi, viene espresso molto bene nei trigrammi dell’I King; in cui la linea superiore rappresenta il cielo, quella inferiore la terra e quella di mezzo l’uomo.

Tornando alle ossa, è appurato come si mantengano robuste e in salute anche grazie all’attività fisica: pertanto, più una persona fa movimento, più la sua vita è dinamica dal punto di vista fisico e meglio essa preserverà la propria struttura muscolo-scheletrica.

L’idea comune e sempre più radicata che vede il fare meno il possibile come un vantaggio, può causare, in realtà, un danno alla nostra integrità fisica. Dunque, il camminare, l’eseguire lavori manuali che implichino il movimento e l’azione, la ginnastica, lo yoga e tutte le attività aerobiche sono di grande aiuto per mantenerci in forma e in salute.

 

Gioacchino AllasiaTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Gioacchino Allasia

Gioachino Allasia studia e pratica shiatsu da quasi vent’anni. È direttore della Scuola Shiatsu-ki di Firenze e membro della Federazione Italiana Shiatsu.
È autore anche del DVD Videocorso si Self-Shiatsu, che insegna come praticare lo Shiatsu da soli eseguendo facili esercizi per le varie esigenze: self-shiatsu del mattino, della sera e trattamento dei singoli canali energetici.

Diplomato presso il Kushi institute di Boston nel 1984, si interessa di discipline energetiche dal 1979. Dirige la scuola Shiatsu-ki di Firenze ed il corso di formazione in bilanciamento cranio-sacrale presso l’associazione I cristalli di Firenze. Ha curato per Macro edizioni i titoli “Self Shiatsu” e “Contro tutti i pronostici

 

Articoli correlatiTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Manuale di Autotrattamento Cranio Sacrale - Libro

Semplici tecniche per alleviare da soli mal di schiena, mal di testa, nausea e tanti altri disturbi - Edizione Aggiornata

Marina De Cillis, Gioacchino Allasia

(3)
Nuova ristampa
€ 8,33 € 9,80 (-15%)
Disponibilità: Immediata

Libro - Macro Edizioni - Settembre 2009 - Manualistica Medicina Alternativa

Questo testo è l'unico manuale disponibile in Italia sull'autotrattamento craniosacrale. Vi sono inserite molte dettagliate foto a colori per svolgere facilmente il trattamento in maniera autonoma. Il lavoro cranio sacrale,... scheda dettagliata

 

Macrolibrarsi Assistenza Chat

 

Assistenza Clienti

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi sconti, promozioni e novità direttamente nella tua casella di posta.

Guadagna subito +50 PUNTI per i tuoi futuri acquisti e premi.



COMMUNITY

Seguici su Facebook
Ti Piace Macrolibrarsi?
Se ti piace clicca su:
   

I LIBRI PIU' VENDUTI

 

SPECIALI