Torna su ▲

Lasciare fuori le nostre credenze limitanti -...

Leggi in anteprima l'introduzione del libro di Oriana Staiano e scopri perché la PNL è uno strumento di lavoro essenziale per tutti gli insegnanti

Lasciare fuori le nostre credenze limitanti - Estratto dal libro "Scuola di Sopravvivenza"

Immagina che fuori dalla porta della stanza in cui ti trovi, ci sia un appendiabiti. Lascia lì, sopra l'appendiabiti, tutte le tue credenze limitanti, lasciale fuori con su scritto "E' vietato toccare" in modo da essere sicuro che nessuno le prenderà al posto tuo, e alla fine della lettura di questo libro, sceglierai se riprenderle con te o lasciarle andare.

Come forse già sai esistono tre livelli di comunicazione:

  • verbale,
  • para-verbale, 
  • non verbale.

In questo libro andremo a vedere, per ogni livello, la parte che ci interessa e che ci è utile per vivere più efficacemente nella scuola.

Sicuramente uno dei concetti più importanti da tenere ben in mente è che "NON esiste il concetto di giusto o sbagliato ma solo risultati e decidere se sono scelte che funzionano o no. Da qui la possibilità di cambiare o continuare." (Dave Dobson)

Il grande Dave Dobson diceva anche: «È importante, quando lavoriamo con le persone, sapere e capire le loro abilità, le cose che sanno fare bene. Conoscendo queste abilità noi le possiamo valorizzare e usare come "bottoni" dell'autostima e pigiarli ogni volta che sarà necessario».

Le parole NON sono solo parole ma creano il meccanismo del nostro cervello. Questa comunicazione interna l'abbiamo imparata quando eravamo bambini. E' da qui che si creano gli schemi mentali.

Ti faccio un esempio pratico. Con la mente vai a scuola percorrendo tutto il percorso: sei a casa e stai per uscire, quindi presta attenzione ad ogni azione e decisione che fai e percorri tutto il percorso fino ad arrivare a scuola.

Quello che hai appena fatto è riprodurre uno schema mentale, lo stesso che fai tutti i giorni per andare a scuola. Sappi, dunque, che la mente lavora per schemi e che ci sono schemi per tutte le cose che facciamo.

Se noi riconosciamo che abbiamo degli schemi, allora possiamo anche capire che tutti gli alunni sono un insieme di schemi e quindi NON sanno (in maniera cosciente) rispondere del perché di un loro errore, ma è necessario osservare lo schema che si è installato e che causa l'errore per poterlo migliorare.

Una domanda interessante potrebbe essere: "Come fai a sapere che quello che hai scritto è corretto?", da qui tireremo fuori il suo schema per quell'errore e possiamo intervenire cambiando, modificando lo schema in modo che l'errore NON esista più.

Ma partiamo dall'inizio.

 

Scuola di Sopravvivenza

Scuola di Sopravvivenza

Un manuale pratico e completo per aiutare tutti gli insegnanti ad utilizzare le tecniche della PNL tutti i giorni, in classe e con i colleghi.

Acquista ora

 

Oriana StaianoTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Oriana Staiano

Oriana Staiano ha iniziato la sua formazione in Programmazione Neuro Linguistica nel 1994. Ha lavorato da subito con la Tecnocasa applicando la PNL nella gestione del personale e per la pianificazione e il raggiungimento degli obiettivi. Nel 1999 ha affiancato il Dr. Alessio Roberti per la realizzazione dei corsi in PNL e PNL e Salute. Alla sua formazione professionale hanno contribuito in maniera sostanziale Richard Bandler, John La Valle, Philip Holt. Alcuni Master Trainer internazioanli come Connie Schottky, Owen Fitzpatrick e Harry Nichols, quest'ultimo in maniera particolare per la formazione nel DHE.

Suo più grande obiettivo è che l'uomo impari ad utilizzare al meglio il proprio cervello per cambiare e raggiungere i Risultati. E' un Trainer in Programmazione Neuro Linguistica certificato e formato direttamente da Richard Bandler e John La Valle.

E' Coach certificato dalla Society Americana di Richard Bandler ed è formatrice per la comunicazione personale e interpersonale. Con il suo lavoro da coach ha aiutato molte persone a dare il meglio di sè per raggiungere i loro risultati, a capire e a gestire se stessi, a tirare fuori tutte le risorse necessarie per vivere meglio.