Torna su ▲
Avvento 2016
Idee Regalo

L’effetto antibatterico del miele di Manuka...

L’effetto antibatterico del miele di Manuka Australiano Berringa

Le proprietà terapeutiche del miele sono state da anni al centro di analisi ed è stato usato da varie e molteplici popolazioni in varie parti del mondo. Sono state molte le proprietà del miele riportate e supportate a livello scientifico in letteratura, comprese le attività antimicrobiche e di sostegno immunitario. L’attività antibatterica del miele è molto caratteristica e sono stati eseguiti test per isolare le componenti alla base di questa attività, sia in vitro che in vivo.

Molti studi eseguiti in vitro hanno permesso di risalire all’attività antimicrobica da varie risorse. Molti mieli hanno dimostrato di inibire la crescita di alcuni batteri, come il Pseudomonas aeruginosa (Mullai & Menon 2007) e l’ Helicobacter pylori (Ali et al.1991), compresi quelli antibiotico resistenti, come MRSA (Maeda et al. 2008) (Cooper, Molan, & Harding 1999).

Un’osservazione è stata fatta sui diversi comportamenti dei vari tipi di miele, che dipendono dalla tipologia di batteri e microbi e il tipo di miele. In generale, la maggior parte degli studi eseguiti in vitro hanno identificato nei campioni di miele un’alta carica antifungale e antibatterica. Le proprietà fisico-chimiche del miele ne fanno un naturale inibitore della crescita di molti microrganismi, la maggior parte associati alla bassa percentuale di molecole di acqua e il suo basso valore di acidità PH, in genere al di sotto del PH4.

Inoltre, sono stati identificati molte componenti / molecole caratterizzate da un’attività antimicrobica diretta, come i flavonoidi e componenti fenoliche. I flavonoidi sono una classe di molecole presenti in piante fotosintetizzanti, nel miele e nella propoli (Yao et al. 2004). E’ stato dimostrato come le molecole di flavonoidi inibiscano la crescita di una vasta gamma di batteri, compreso il MRSA, E.coli, Salmonella sp, Klebsiella sp e Enterobacter sp.

Ne sono stati analizzati i meccanismi di azione che vanno dall’attività inibitoria di sintesi degli acidi nucleici e del metabolismo energetico all’attività inibitoria delle membrane che dipendono dalla struttura molecolare dei flavonoidi; tuttavia, rimane ancora poco chiaro se si tratta di un’attività battericida o batteriostatica (Cushnie & Lamb 2005). Le componenti fenoliche sono state anche isolate dal miele (Dimitrova, Gevrenova, & Anklam 2007;Wahdan 1998). L’attività antibatterica di queste componenti fenoliche è stata apprezzata per molti anni; comunemente presenti in molte soluzioni antisettiche, queste componenti possiedono proprietà antibatteriche e agiscono da inibitori della crescita microbica attraverso l’interruzione delle funzioni delle membrane cellulari. La presenza di glucosio ossidasi è ben documentato: questi enzimi generano perossido di idrogeno che bloccano la crescita microbica.

Il miele di Manuka è stato per molti anni associato con un’attività antibatterica non-perossida conosciuta come UMF (Unique Manuka Factor) (Allen, Molan, & Reid 1991). La ricerca di questo fattore elusivo sembra concludersi con l’isolamento recente di una sostanza nel miele di manuka che genera l’attività antibatterica non-perossida (Adams et al. 2008). Il componente attivo si è rivelato essere il metilgliossale, con livelli in correlazione con l’UMF o l’attività antibatterica non-perossidale (Mavric et al. 2008). MG è una sostanza naturale sintetizzata da piante verdi fotosintetizzanti. La produzione di questa sostanza e dei suoi metaboliti è influenzata dalle condizioni ambientali, come salinità, siccità e temperature fredde (Adams et al. 2008) e anche da vie enzimatiche gliossali regolatorie e disintossicanti (Yadav et al. 2008). I livelli di MG possono essere significativamente influenzati dagli ambienti in cui le piante crescono (Yadav et al. 2005).

Il miele di Manuka Australiano Berringa è prodotto da una risorsa floreale simile a quella del manuka; la pianta Leptospermum polygalifolium cresce spontanea dalla costa a sud nel New South Wales a Cape York a nord di Queensland. Questa varietà di miele (chiamato in passato miele Jellybush) possiede attività antimicrobiche e immuno-stimolatorie (Lusby et al. 2005; Tonks et al. 2003).

Recenti indagini di laboratorio hanno dimostrato che il miele di Berringa possiede una vasta gamma di attività antimicrobiche che dipendono dalle regioni in cui viene raccolto e variano per la loro attività di perossido non idrogeno. Un aspetto più interessante è rappresentato dai livelli di MG presente in campioni di miele Berringa, che sono risultati equivalenti o maggiori rispetto al miele di manuka prima descritto (Mavric et al. 2008).

Anche se tutti i mieli non sono prodotti allo stesso modo in termini di attività antimicrobica, l’alta carica antibatterica e i livelli di MG analizzati in alcuni mieli Berringa dimostrano la loro efficacia come agente antibatterico.

Dr Amanda J Tonks

Come scegliere il Miele Berringa più adatto?

  • MGO 120+
    Supporta il sistema immunitario migliorando il benessere generale. Contiene un minimo di 120mg/kg di metilgliossale alimentare.120 mg/kg è il minimo raccomandato
  • MGO 220+
    Con una percentuale di MGO più elevata è adatto al benessere quotidiano. D’aiuto nei leggeri bruciori di stomaco. Contiene un minimo di 220 mg/kg e di metilgliossale alimentare.
  • MGO 400+
    Questo miele contiene un’elevata percentuale antibatterica, adatto sia per uso alimentare che topico. Contiene un minimo di 400mg/kg di metilgliossale alimentare.
  • MGO 550+
    Con una concertazione di MGO più alta rispetto ai precedenti viene in aiuto nel trattamento di ceppi batterici resistenti. Contiene un minimo di 550mg/kg di metilgliossale alimentare.
  • MGO 900+
    Un’azione antibatterica superiore, con la percentuale di MGO più elevata e un meccanismo d’azione più rapido. Adatto sia ad uso topico che ad uso interno. Contiene un minimo di 900mg/kg di metilgliossale alimentare.
120+ 220+ 400+ 550+ 900+

MGO 120+


Piccolo
Grande

MGO 220+


Piccolo
Grande

MGO 400+


Piccolo
Grande

MGO 550+


Piccolo
Grande

MGO 900+


Piccolo
Grande

 

Disclaimer

Queste informazione non sono destinate a diagnosticare, trattare curare o prevenire alcuna malattia e non può in alcun modo intendersi come sostitutivo di atti medici. Si consiglia di consultare il proprio medico o naturopata di fiducia, prima dell’assunzione, anche se si è in buona salute. E’ inoltre indispensabile consultare il proprio medico se ci si trova in stato di gravidanza, allattamento, o durate una cura farmacologica. Eventuali dosaggi menzionati sono puramente indicativi e potrebbero non essere appropriati per il vostro caso specifico.

I limiti di composizione previsti dalla nuova norma sono in alcuni casi diversi da quelli precedentemente in vigore: in alcuni casi sono cambiati i parametri (fruttosio + glucosio al posto di zuccheri riduttori, saccarosio al posto di saccarosio apparente, conducibilità elettrica al posto delle ceneri) in altri solo i valori di riferimento (umidità max 20% invece di 21%, acidità max 50 mea/kg invece di 40 mea/kg, HMF max 80 mg/kg per i mieli tropicali)

Il miele di Manuka BERRINGA ricade in fascia tropicale per cui con valori HMF max 80 mg/kg

 

BerringaTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Berringa

Berringa Bioactive Honey Company è stata fondata nel 2009, dopo aver condotto approfondite ricerche sulle proprietà del miele Leptospermum polygalifolium australiano , più comunemente noto come Manuka .

La Medi Bioactive Honey Company è la società sorella di The Australian Organic Honey Company, che è stato nel business del miele di eucalipto biologico per più di 20 anni , vendendo sul mercato interno e nei mercati di esportazione .

Gli Amministratori della società hanno convenuto che  il miele Berringa Medi Bioactive deve essere organico , e rispettare gli standard BFA / ACO per soddisfare i requisiti di certificazione biologica .

Approfondimenti: Dossier/Analisi Miele MGO - Berringa

 

I vostri commenti - Scrivi un commento!

Nessun commento presente

Scrivi un commento!