Torna su ▲
Avvento 2016
Idee Regalo

Kundalini Yoga: il potere dell’Intenzione

Scopri come attivare, con una semplice meditazione, la straordinaria forza dell’intenzione consapevole

Kundalini Yoga: il potere dell’Intenzione

Il finire dell’estate e l’arrivo di settembre introducono un periodo molto intenso per il nostro stato psico-fisico. La transizione dalle ultime sferzate di energia estiva verso i mutamenti dell’autunno è un momento delicato, in cui possiamo definire il passo e la risolutezza con cui affronteremo la nuova stagione e l’anno che ne seguirà.

In questo periodo dell’anno si riprendono alcune attività messe in pausa durante l’estate e se ne intraprendono di nuove: dal lavoro agli studi, dalla vita familiare e domestica alle attività sportive e ricreative, tante sono le aree della nostra vita quotidiana per cui si profila un nuovo inizio.

Per alcuni di noi, ad esempio, sarà anche il momento in cui riprendere un corso di yoga, sceglierne uno nuovo, o avvicinarsi per la prima volta a questa disciplina.

Impegno ed esperienza

Che sia per iniziare la pratica dello yoga o di un’altra disciplina, per intraprendere un nuovo lavoro o corso di studi, per affrontare le scommesse di una nuova vita familiare, per prendersi miglior cura del proprio benessere e salute, quel che serve è la determinazione di prendere un nuovo impegno e la costanza di renderlo una nuova, buona, sana abitudine.

Yogi Bhajan, il maestro che ha portato il Kundalini Yoga in occidente, ha scritto: «l’esperienza è nell’impegno. Quando vi impegnate, vivete l’esperienza dell’essere impegnati: non c’è esperienza più grande di questa».

L’impegno, nella visione del Kundalini Yoga, è il mezzo per realizzare i propri desideri più grandi ed è direttamente collegato a una vita sana ed equilibrata. Essere in grado di impegnarsi e tenere fede ai propri impegni ci dà la misura del nostro valore e, nelle parole di Yogi Bhajan, «la consapevolezza del nostro valore ci rende creativi, la creatività permette il distacco e il distacco permette il giudizio», che a sua volta ci rende saggi, consapevoli e capaci di operare le giuste scelte.

Alla fine dell’estate capita però anche di sentirsi privi delle energie che erano al loro massimo nel pieno della stagione. Alcune persone registrano un vero e proprio calo energetico che corrisponde al ritorno alla routine autunnale. Come trovare la determinazione per riprendere il lavoro, o la scuola?

Per altri invece il problema non è una diminuzione, ma la difficoltà di dirigere le energie ricaricate durante l’estate. Come possiamo evitare di sprecare energie e come incanalarle nel nuovo impegno cui vogliamo tener fede? La risposta che ci arriva dallo yoga è che il primo passo è l’intenzione.

L’intenzione è tutto

Come ben sappiamo, lo yoga è una disciplina preziosa per il benessere del corpo e della mente. Ma in ultimo la sua meta è l’autorealizzazione, il suo significato profondo è la conoscenza di sé, la creazione di una connessione con l’anima.

Nel cammino verso la consapevolezza di sé, lo yoga ci aiuta a trovare la chiarezza mentale necessaria per comprendere i nostri obiettivi e ci insegna a perseguire un’intenzione senza scoraggiarci.

Incontriamo quotidianamente questo insegnamento nella pratica, quando non ci arrendiamo di fronte alla difficoltà di una sequenza o di un’asana e, con costanza, ci avviciniamo progressivamente a un’esecuzione sempre più esperta; ma non solo: è un insegnamento prezioso per qualsiasi impegno prendiamo.

Il potere dell’intenzione è straordinario, può essere un seme per il cambiamento della nostra vita e va scelta con molta cura. Ecco una meditazione che può aiutarti a individuare e scegliere la tua intenzione.

“Calibro per una Costante Autorità del Sé”

Questa meditazione è stata insegnata originariamente da Yogi Bhajan nel marzo 1979.

Siediti a terra a gambe incrociate, o su una sedia; tieni la testa in un leggero Jalandhara Bandha (testa in linea con la colonna vertebrale, mento leggermente rientrato) e la colonna vertebrale stabilmente diritta per tutta la durata della meditazione.

 

 

 

 

 

Mudra

Porta le mani di fronte al corpo, a livello del Centro del Cuore.

Poggia la punta dei pollici contro la base dei mignoli e poi chiudi le dita sopra i pollici a formare un pugno.

Premi fra loro i pugni nella zona delle seconda nocca di ogni dito, come segnalato nel disegno.

 

Posizione degli occhi

Gli occhi fissano la punta del naso e sono quindi aperti. Non è richiesto alcun mantra se non il senso sottile del respiro stesso.

Respiro

Comincia il seguente schema respiratorio e mantieni un ritmo costante.

  1. Inspira profondamente attraverso il naso.
  2. Espira completamente attraverso la bocca con le labbra contratte.
  3. Inspira dolcemente attraverso la bocca.
  4. Espira attraverso il naso.

Tempo

Inizia con 3 minuti. Incrementa lentamente fino ad arrivare a 11 minuti stabili. Porta la meditazione a un tempo massimo di 22 minuti.

Per chiudere la meditazione

Inspira con il naso e sospendi il respiro mentre allunghi le braccia verso l’alto, oltre la testa, stendendo le dita.

Contrai Mulabandha, espira rilassando la contrazione, mantenendo le braccia tese verso l’alto.

Rimani in questa posizione per altri due respiri, continuando ad allungarti, e poi rilassa.

Questa meditazione apre l’ascolto al volere del tuo Sé più profondo. Praticarla ti potrà aiutare a fare scelte allineate a questa volontà e soprattutto a mantenerne la proiezione e l’impegno. Quando sei in questa connessione e ne manifesti la volontà, la tua mente è al suo servizio e allora puoi vivere in uno stato di felicità e appagamento.

 

Articolo tratto da Vivi Consapevole n. 42

Le nostre proposte:

Il risveglio della Kundalini Kundalini Yoga Kundalini Yoga in Yogaterapia Sacred Trance World - Vol. II - Kundalini Drums

Il risveglio della Kundalini


Lothar-Rudiger Lutge

Acquista ora

Kundalini Yoga


Satya Singh

Acquista ora

Kundalini Yoga in Yogaterapia


Satya Ram Singh

Acquista ora

Sacred Trance World - Vol. II
Kundalini Drums

Gruppo Heart of Earth

Acquista ora

 

Le Vie del DharmaTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Le Vie del Dharma

Le Vie del Dharma è un progetto nato per raccontare lo yoga nella ricchezza e nella pluralità delle sue antiche tradizioni, delle diverse scuole, degli stili tradizionali e contemporanei.

Le Vie del Dharma diffonde la saggezza dello yoga seguendo il proprio appassionato spirito di apertura e inclusione, integrando altre conoscenze, tecniche e attività rivolte allo sviluppo del benessere e della consapevolezza.

Gli ideatori del progetto Le Vie del Dharma sono Dharma Kaur, insegnante di Kundalini Yoga, e Giorgio Gustavo Rosso, fondatore del Gruppo Editoriale Macro. Nel 2012 Le Vie del Dharma nasce come collana editoriale dedicata a diffondere il meglio dei libri di yoga.

Nell’autunno del 2014 il sito www.leviedeldharma.it ha affiancato la collana cartacea: la “guida online ai sentieri dello yoga” si fonda sullo spirito dell’idea di Dharma e Giorgio Gustavo ed è forte della collaborazione di un’affiatata redazione composta da insegnanti di grande competenza, provenienti dal mondo dello yoga italiano. Il sito racconta la cultura yogica spiegandola innanzi tutto a chi ancora conosce poco questa disciplina, ai curiosi e ai principianti, raccontandone le origini, la filosofia, le tecniche e i benefici, con chiarezza e semplicità. Ai praticanti esperti e agli insegnanti Le Vie del Dharma rivolge approfondimenti, notizie e percorsi di formazione.

Infine, nel 2015 l’apertura del Centro Yoga Le Vie del Dharma ha completato il progetto, fornendo un luogo in cui coltivare la propria crescita personale con il più importante degli strumenti: la pratica.

 

I vostri commenti - Scrivi un commento!

Nessun commento presente

Scrivi un commento!