Torna su ▲

Ipotesi sul rapporto tra ufo e universi paralleli

Ipotesi sul rapporto tra ufo e universi paralleli

In tale articolo prenderemo in considerazione la possibilità che esista un rapporto tra gli ufo e gli universi paralleli tenendo presente che oggi esiste un forte interesse sia per il fenomeno ufo sia per il mistero degli universi paralleli.
Volendo schematizzare al massimo il contenuto di tale articolo possiamo dire che affronteremo in esso quattro questioni molto interessanti e controverse: in primo luogo esporremo e commenteremo alcuni dati di fatto che permettono, a nostro avviso di affermare che l'esistenza degli universi paralleli è probabile anche se non può essere ancora definita certa; in secondo luogo esporremo due interessanti teorie sull'origine degli universi paralleli; in terzo luogo prenderemo in considerazione la possibilità che esistano rapporti tra gli universi paralleli nonché tra gli abitanti di alcuni di questi universi paralleli; infine ci occuperemo della possibilità che esistano rapporti tra il fenomeno ufo e gli universi paralleli.

Premesso ciò cominceremo ora ad enunciare le argomentazioni formulate dai sostenitori dell'esistenza degli universi paralleli. Molto interessante è l'esperimento ideato da Deutsch che ora descriveremo in maniera molto sintetica. Deutsch ha proiettato su uno schermo con due fenditure un fascio di elettroni che in un primo momento ha prodotto sullo schermo una "figura di interferenza" per poi sparire completamente. Secondo Deutsch la sparizione del fascio di elettroni preceduta dalla formazione di una "figura di interferenza" costituisce la prova fisica dell'esistenza di un universo parallelo "ombra" che ha intercettato il fascio di elettroni facendoli sparire dal nostro universo e facendoli poi ricomparire in un universo parallelo definito da Deutsch "universo parallelo ombra".

Citeremo ora un secondo esperimento effettuato dallo stesso Deutsch per dimostrare l'esistenza degli universi paralleli. Il fisico quantistico ha sottoposto ad una forte accelerazione un fascio di elettroni e poi li ha proiettati su uno schermo con due fenditure e ha potuto verificare che il fascio di elettroni è sparito anche questa volta senza però far comparire sullo schermo prima di sparire una "figura di interferenza". Anche in questo secondo esperimento Deutsch spiega la sparizione degli elettroni con il fatto che essi si sono trasferiti in un universo parallelo. Deutsch a sostegno della sua affermazione che in entrambi gli esperimenti gli elettroni spariti sono ricomparsi in un altro universo parallelo al nostro chiama in causa il Primo Principio della Termodinamica che afferma che "nulla si crea e nulla si distrugge". Pertanto il fascio di elettroni non potendo essere stato distrutto nei due esperimenti ora citati secondo Deutsch deve essersi per forza trasferito in un altro universo. Infatti se il fascio di elettroni fosse stato distrutto in questi due esperimenti sarebbe stato violato il Primo Principio della Termodinamica che abbiamo citato in precedenza.
Un'altra argomentazione che viene spesso citata dai sostenitori dell'esistenza degli universi paralleli è che essi devono necessariamente esistere poiché le matematiche non euclidee hanno con complicati e sofisticati calcoli dimostrato la loro esistenza. Secondo le matematiche e le geometrie non euclidee il nostro universo fa parte di un multiuniverso costituito da n universi paralleli.

Passeremo ora ad enunciare una quarta argomentazione formulata dai sostenitori dell'esistenza degli universi paralleli basata su un esperimento effettuato nel 1993 da un gruppo di fisici dell'Università di Montreal che sono riusciti ad effettuare il cosiddetto teletrasporto quantico. Esporremo in maniera molto sintetica tale esperimento che ha dimostrato che il teletrasporto quantico è possibile. I fisici dell'Università di Montreal hanno annunciato nel 1993 di aver teletrasportato un fascio di fotoni e un certo numero di atomi di cesio che alla fine dell'esperimento sono spariti. Anche tali scienziati hanno fatto riferimento al Primo Principio della Termodinamica (nulla si crea e nulla si distrugge) per sostenere che il fascio di fotoni e gli atomi di cesio erano spariti dal nostro universo non perché erano stati distrutti nel corso dell'esperimento ma perché si erano trasferiti in un universo parallelo al nostro.

Citeremo ora altre argomentazioni a favore dell'esistenza degli universi paralleli non più basate su esperimenti effettuati dai fisici quantistici o sui calcoli e sulle formule delle matematiche e delle geometrie non euclidee ma su dei racconti e su delle testimonianze provenienti da esseri umani che hanno vissuto esperienze certamente fuori dal normale. Cominceremo col citare due fatti veramente inspiegabili avvenuti nel Triangolo delle Bermude dove come tutti sanno si sono verificate molte sparizioni di aerei e di navi. In questa sede non citeremo le sparizioni avvenute in questa zona di mare ragion per cui rimandiamo i lettori interessati a saperne di più su tali sparizioni a due nostri articoli intitolati "Il mistero del Triangolo delle Bermude" e "Le rovine sommerse nel Triangolo delle Bermude". In tale articolo ci limiteremo a citare due fatti misteriosi avvenuti nel Triangolo delle Bermude che a nostro avviso possono dimostrare che gli universi paralleli esistono realmente.

Il primo di questi due casi avvenne nel 1945 e vide come protagonista una squadriglia di Avengers ed un idrovolante Martin Mariner che scomparvero nel Triangolo delle Bermude dopo essere partiti da una base della Florida. In questo articolo punteremo la nostra attenzione sulle ultime frasi pronunciate dal caposquadriglia dei cinque Avengers prima che egli scomparisse definitivamente nel Triangolo delle Bermude insieme con gli aerei e gli altri quattro piloti. Poco prima di sparire il caposquadriglia comunicò alla base che non riusciva più ad orientarsi, non riusciva più a vedere la terraferma ed inoltre il mare aveva assunto un colore diverso da quello abituale.

A nostro avviso la cosa più significativa comunicata dal pilota al centro di controllo è senza dubbio l'affermazione che il mare non aveva più il solito colore ma aveva assunto un altro colore. Tale frase si può spiegare solamente ipotizzando che gli Avengers erano entrati o stavano per entrare in un universo parallelo nel quale il mare e chiaramente anche il cielo (vogliamo ricordare che il colore del mare riflette il colore del cielo) non hanno lo stesso colore che hanno nel nostro universo.

Il cambiamento del colore del cielo è un fatto ancora più significativo se teniamo presente che anche nel secondo evento misterioso avvenuto nel Triangolo delle Bermude che ora esporremo sinteticamente i testimoni sfuggiti miracolosamente alla sparizione misero in evidenza che c'era stato un cambiamento di colore del cielo e del mare. Il fatto misterioso che intendiamo raccontare avvenne nel 1952 e vide coinvolta una nave da carico diretta verso le Azzorre. La nave navigava in ottime condizioni atmosferiche e di conseguenza il cielo era limpido e a livello del mare fino all'orizzonte non si intravedeva nessuna nuvola e nessun banco di nebbia. Ma all'improvviso la nave venne avvolta da una nebbia molto localizzata apparsa dal nulla che impediva al capitano e ai marinai di vedere il cielo e l'orizzonte. All'improvviso la nebbia si dissolse per qualche secondo e gli uomini dell'equipaggio si accorsero con loro grande sorpresa che il mare e il cielo non erano più azzurri ma erano diventati rosa. Questo spettacolo durò per poche decine di secondi poiché la nebbia ricomparve di nuovo ed avvolse per la seconda volta completamente la nave ed anche questa volta tale nebbia si materializzò dal nulla, senza nessuna causa apparente. La nebbia dopo poco tempo svanì e gli uomini dell'equipaggio della nave si resero conto che il mare e il cielo non erano più rosa ma erano tornati ad essere azzurri. A nostro avviso appare evidente che la nave per qualche decina di secondi entrò in un universo parallelo nel quale il mare ed il cielo erano rosa per poi per un motivo che non siamo in grado di spiegare ritornare nel nostro universo dove il mare e il cielo sono azzurri.

Riteniamo ora opportuno citare in maniera molto sintetica le affermazioni del famoso contattista Mayer riguardanti l'esistenza degli universi paralleli. Secondo Mayer le sue conoscenze riguardanti gli universi paralleli gli sarebbero state riferite dagli extraterrestri che avevano preso contatto con lui. Volendo essere sintetici al massimo grado Mayer sostiene che esistono universi paralleli gemelli nei quali si verificano gli stessi eventi storici che danno luogo a risultati identici negli universi paralleli gemelli. Esisterebbero poi altri tipi di universi paralleli nei quali si verificano gli stessi eventi storici ma con esiti opposti. Per fare un esempio ammettiamo che nell'universo parallelo A il pianeta X conquista il pianeta Y, nell'universo parallelo che noi chiamiamo B il pianeta Y conquista il pianeta X. Quindi in tutti e due gli universi paralleli si verifica la guerra tra il pianeta X e il pianeta Y ma in un universo parallelo vince la guerra il pianeta X mentre nell'altro universo parallelo la guerra la vince il pianeta Y.

Infine Mayer sostiene che gli alieni gli hanno anche riferito che è indispensabile che nel multiuniverso costituito dagli n universi paralleli non venga mai alterato lo stato di equilibrio dal momento che se tale stato di equilibrio venisse alterato si avrebbero conseguenze negative in tutti gli universi paralleli. Mayer sostiene che è sufficiente che in un solo universo parallelo venga alterato tale equilibrio per far sì che nell'intero multiuniverso venga compromesso lo stato di equilibrio (concezione olistica del multiuniverso). Infine il contattista svizzero sostiene che sia i comportamenti degli abitanti del multiuniverso sia eventi di carattere fisico non dipendenti dagli abitanti degli universi paralleli possono alterare lo stato di equilibrio in un universo parallelo e di riflesso dell'intero multiuniverso.
Prenderemo ora in considerazione un caso della fenomenologia ufologica avvenuto il 18 dicembre del 1977 in Spagna: tale caso viene citato spesso dai sostenitori dell'esistenza degli universi paralleli. Esporremo ora in maniera sintetica quanto avvenne il 18 dicembre del 1977 a Miguel Herrero. Egli era in viaggio con il suo furgone ma poco prima che spuntasse l'alba all'improvviso si spensero tutte le luci del suo furgone. Egli venne rapito da esseri umanoidi la notte del 18 dicembre del 1977 mentre si trovava bloccato nel suo furgone poiché egli non aveva potuto continuare il suo viaggio a causa di problemi ai fari del suo furgone che si erano improvvisamente spenti. Egli rimase nell'ufo per circa tre ore ed ebbe la possibilità di parlare con i piloti dell'ufo.

Herrero restò completamente senza parole quando si accorse che uno dei piloti dell'ufo aveva una fortissima somiglianza fisica con lui. La somiglianza tra i due era così forte che il pilota dell'ufo presentava sulla guancia destra la stessa cicatrice che Herrero aveva sulla guancia sinistra. Miguel fece un passo indietro con l'intenzione di toccare l'umanoide per assicurarsi che tutto ciò che stava vedendo fosse vero: allora quello che sembrava il capo degli umanoidi lo fermò e gli disse: "Non toccarlo poiché egli è il tuo negativo cosicché se si dovesse verificare un contatto fisico tra di voi vi distruggereste a vicenda" .

Gli umanoidi spiegarono ad Herrero di essere venuti per la prima volta sulla Terra 3000 anni fa e gli dissero anche di essere impegnati a realizzare esperimenti allo scopo di fondersi con la razza umana. In estrema sintesi essi dissero a Miguel che provenivano da un universo parallelo gemello del nostro universo nel quale esisteva un pianeta Terra identico al pianeta Terra presente nel nostro universo. Di conseguenza in questo universo parallelo gemello del nostro universo costituito di antimateria esistevano gli stessi individui che esistono sulla Terra nel nostro universo e di conseguenza esisteva l' "antiMiguel Herrero" costituito da antimateria. Per dirla in altro modo sull' "antiTerra" esistevano esseri identici agli attuali abitanti della Terra sebbene questi esseri fossero costituiti di antimateria. Se riflettiamo bene le affermazioni di questi umanoidi provenienti da tale universo parallelo sono sconcertanti. Per fare un esempio concreto per esserci una completa identità tra il nostro pianeta Terra ed il pianeta Terra esistente nell'universo parallelo l'albero genealogico della famiglia dell' "anti Miguel Herrero" dovrebbe essere identico a quello della famiglia di Miguel Herrero. Ma affinché l'albero genealogico dei due Miguel Herrero possa essere identico e parallelo, necessariamente anche la nascita e la morte di ognuno dei familiari dei due sarebbero dovuti accadere contemporaneamente nel nostro universo e nell'universo parallelo da dove provenivano gli umanoidi. Per fare un esempio concreto l'antitrisnonno di Miguel sarebbe dovuto morire nello stesso momento del trisnonno. Ed infatti gli umanoidi dissero a Herrero che quando uno muore nel nostro mondo l'altro muore nell'altro mondo. Allo stesso modo quando uno nasce nel nostro mondo nasce anche nel oro mondo: in definitiva questi esseri farebbero contemporaneamente a noi tutte le cose che noi facciamo.

Mentre Miguel Herrero si trovava sull'ufo gli umanoidi gli dissero anche che tutto ciò che succede in questo mondo è causa di ciò che accadde nel loro e viceversa. L'unico modo di comprendere questo inspiegabile susseguirsi di eventi nel nostro e nel loro mondo è presupporre che tra questi due mondi esista una sincronicità totale, ma se vi è una sincronicità totale come è possibile che tutto ciò che accade nel nostro mondo è causa di ciò che accade nel loro e viceversa? Se tutto accade nello stesso istante nei due mondi niente è causa di niente nell'altro mondo ma bisognerebbe supporre che la causa di ciò che accade sia nel nostro mondo sia nel loro mondo sia da ricercare in un terzo mondo estraneo sia al loro mondo sia al nostro. Infine gli umanoidi dissero a Miguel che accadeva spesso che vi fossero contatti tra gli abitanti dei vari universi paralleli che costituiscono il multiuniverso e che in alcuni casi si erano anche verificate delle vere e proprie guerre tra pianeti che si trovavano in due diversi universi paralleli.

Affronteremo ora la questione della nascita degli universi paralleli esponendo due delle teorie che sono state formulate su tale questione ovvero la teoria dell'universo a bolle e la teoria di Smolin.
Cominceremo con il descrivere la teoria dell'universo a bolle. Per prima cosa dobbiamo dire che tale teoria è stata elaborata da Andrej Linde. Il concetto di universo a bolle elaborato da Linde comporta la creazione di universi derivanti dalla schiuma quantistica di un "universo genitore".
Questa teoria è nota come teoria dell'universo a bolle. Il concetto dell'universo a bolle comporta la creazione di universi derivanti dalla schiuma quantistica di un "universo genitore". Alle scale più piccole (quantistiche), la schiuma ribolle a causa di fluttuazioni di energia. Queste fluttuazioni possono creare piccole bolle e wormhole. Se la fluttuazione di energia non è molto grande, un piccolo universo a bolla può formarsi, sperimentare una qualche espansione (come un palloncino che si gonfia), ed in seguito potrebbe contrarsi. Comunque, se la fluttuazione energetica è maggiore rispetto ad un certo valore critico, si forma un piccolo universo a bolla dall'universo parentale, va incontro ad un'espansione a lungo termine, e permette la formazione sia di materia che di strutture galattiche a grandissima scala.

Una teoria formulata dal fisico Alexander Vilenkin afferma che il multiverso è formato da tanti universi, ognuno dei quali si trova eternamente confinato in una bolla in inflazione eterna (cioè in espansione), incluso il nostro. In alcune zone di una bolla, la deformazione dello spazio-tempo è tale da portare alla formazione di una nuova bolla, aprire un varco verso un nuovo universo; dopo un certo periodo, sempre per effetto della deformazione, la nuova bolla si stacca e si forma un universo del tutto indipendente, senza alcun punto di collegamento con quello di partenza.
Dopo aver esposto la teoria dell'universo a bolle esporremo un'altra teoria formulata da Smolin per spiegare la nascita degli universi paralleli. Secondo Smolin ogni volta che si forma un buco nero in seguito al collasso gravitazionale di una stella massiva si ha l'inizio della nascita di un nuovo universo parallelo. Secondo il cosmologo americano da ogni buco nero nascerebbe un nuovo universo parallelo in espansione con tutte le conseguenze del caso compresa la vita. Le leggi che governerebbero questi nuovi universi paralleli sarebbero sempre nuove. Smolin sostiene che esisterebbero in alcuni universi paralleli civiltà talmente progredite scientificamente da essere in grado di manipolare questa riproduzione di nuovi universi paralleli e di conseguenza sarebbero anche in grado di determinare la formazione di nuovi buchi neri dai quali nascerebbero i nuovi universi paralleli. Tali civiltà sarebbero anche in grado di decidere quali debbano essere le leggi fisiche che governeranno i nuovi universi paralleli da essi voluti ed inoltre potrebbero trasferirsi in tali nuovi universi rendendoli abitati.
Affronteremo ora il terzo argomento del nostro articolo ovvero i rapporti che potrebbero esistere tra i vari universi paralleli.

Come abbiamo scritto in due nostri libri intitolati "I credenti degli ufo" e "Riflessioni sociologiche sul mistero degli ufo" ed in un nostro articolo intitolato "Ipotesi sull'origine degli ufo" noi non possediamo conoscenze scientifiche sufficienti per sapere con certezza se esistono rapporti tra gli universi paralleli e tanto meno siamo in grado di sapere qualcosa di sicuro sul tipo di rapporti che potrebbero esistere tra tali universi. Infatti riguardo tali argomenti noi possediamo tre fonti di informazioni: le teorie formulate dagli scienziati, le affermazioni dei contattisti (ad esempio Mayer) e le affermazioni delle persone che sono state rapite dai piloti degli ufo (ad esempio Miguel Herrero). Ma nessuna di queste tre fonti ci può dare informazioni scientificamente sicure sui rapporti che potrebbero esistere tra gli universi paralleli. Infatti gli scienziati che si sono interessati a tale questione sono stati in grado solo di formulare delle teorie ma le teorie altro non sono che delle semplici ipotesi e non certamente delle verità scientifiche indiscutibili almeno fino a quando tali teorie non vengono dimostrate e in tal caso non si parla più di teorie ma di leggi. Le altre due fonti che ci hanno fornito informazioni sugli universi paralleli e sui rapporti che esisterebbero su di essi sono le affermazioni del contattisti e dei rapiti ma come vedremo più avanti quando ci interesseremo del rapporto tra ufo e universi paralleli. Ciò premesso avendo già in precedenza riportato le affermazioni di Mayer e di Miguel Herrero sui rapporti che esisterebbero tra gli universi paralleli non citeremo più nessun altro contattista o rapito che abbia detto qualcosa su tale argomento ma esporremo in breve due teorie che ipotizzano l'esistenza di rapporti tra gli universi paralleli ovvero la teoria della materia oscura, la teoria dell'energia. Eviteremo di parlare in questo articolo per ragioni di spazio delle finestre extradimensionali e polidimensionali c he secondo molti autori avrebbero un ruolo importante nel mantenimento dello stato di equilibrio nel multiuniverso. Pertanto rimandiamo i lettori interessati a saperne di più sulle finestre extradimensionali e polidimensionali a due nostri articoli intitolati "Il mistero del Triangolo delle Bermude" ed "Le rovine sommerse nel Triangolo delle Bermude" nei quali approfondiamo tale argomento.

Per quanto riguarda la teoria della materia oscura essa sostiene che nel nostro universo esiste una grandissima quantità di materia oscura che non è visibile perché non riesce ad interagire con i fotoni e di conseguenza non è visibile. Gli scienziati non riescono a comprendere il motivo per cui tale materia oscura non riesce ad interagire con i fotoni come avviene per la materia visibile. Una possibile spiegazione di tale fenomeno è che la materia oscura non riesce ad interagire con i fotoni perché proviene dagli universi paralleli: essa entrerebbe nel nostro universo utilizzando le finestre extradimensionali e polidimensionali oppure i corridoi extradimensionali costituiti dai buchi neri. Dal momento che la materia oscura ha effetti gravitazionali nel nostro universo se essa provenisse come pensano molti scienziati dagli universi paralleli questa sarebbe una prova che esistono rapporti tra di essi.

Per quanto riguarda la teoria dell'energia oscura essa sostiene che l'accelerazione della velocità di espansione dell'universo nell'ambito della teoria del Big Bang sarebbe dovuta proprio a questa energia oscura che sarebbe non visibile perché come la materia oscura non è in grado di interagire con i fotoni. Secondo alcuni scienziati tale energia oscura che ha determinato l'accelerazione dell'espansione dell'universo non si troverebbe nel nostro universo ma in un universo parallelo e dal momento che per la teoria delle stringhe i fotoni non sono in grado di entrare negli universi paralleli l'energia oscura non potrebbe essere raggiunta e resa visibile dai fotoni proprio perché si trova non nel nostro universo ma in un universo parallelo. Tuttavia dal momento che tale energia pur trovandosi in un universo parallelo, influenza il nostro universo se questa teoria fosse dimostrata vera avremmo un'altra prova che esistono rapporti di interdipendenza tra gli universi paralleli anche perché molti scienziati sono convinti che il processo del Big Bang non riguardi solo il nostro universo ma tutti gli n universi paralleli che fanno parte del multiuniverso. Tra l'altro bisogna mettere in evidenza che nessun scienziato ha la minima idea sulla natura di tale energia oscura e si presuppone che essa sia la causa dell'aumento della velocità di espansione del nostro universo perché non si riesce a trovare nessun altro modo per spiegare tale accelerazione. Proprio perché non si riesce a capire che tipo di energia sia tale energia oscura si pensa che essa appartenga ad un altro universo.

Affronteremo ora l'ultimo argomento del nostro articolo ovvero il rapporto che potrebbe esistere tra ufo e universi paralleli. Come abbiamo detto in precedenza le affermazioni di molti contattisti stabiliscono un legame molto forte tra ufo e universi paralleli ma le affermazioni dei contattisti hanno due forti limiti che pongono dubbi sulla loro attendibilità: in primo luogo esiste sempre il dubbio che il contattista non abbia mai incontrato gli alieni ma abbia finto per vari motivi di aver avuto tali incontri; in secondo luogo è sempre possibile che anche se il contattista ha veramente incontrato entità aliene tali entità potrebbero aver dato informazioni false al contattista sia riguardo il rapporto esistente tra ufo e universi paralleli sua sullo scopo che li spinge a visitare la Terra. Preferiamo non dilungarci ancora sul complesso problema del contattismo che presenta molti lati oscuri e di difficile comprensione anche se ammettiamo che, il contattismo non può essere ignorato dagli ufologi. Noi abbiamo dedicato molto spazio al fenomeno del contattismo in due nostri libri intitolati "I credenti degli ufo" e "Riflessioni sociologiche sul mistero degli ufo" ragion per cui rimandiamo a tali testi i lettori interessati a tale importante elemento della fenomenologia ufologica.

Anche molti rapiti hanno sostenuto che esiste uno stretto rapporto tra gli ufo e gli universi paralleli ma anche in questo caso le affermazioni dei rapiti devono essere valutate con molta prudenza perché presentano gli stessi limiti della affermazioni dei contattisti. Se volessimo discutere di tale problematica in tale articolo supereremmo di molto l'ampiezza che un articolo abitualmente può avere, ragion per cui anche in questo caso preferiamo rimandare i lettori interessati all'avvincente e attualissimo problema dei rapimenti alieni a due nostri articoli intitolati "Alcune riflessioni sui rapimenti alieni" e "Considerations about the abductions" nei quali analizziamo con molta attenzione il fenomeno dei rapimenti alieni.

Nella parte finale di questo articolo preferiamo fare quattro considerazioni riguardanti le conseguenze che deriverebbero dall'eventuale rapporto tra ufo ed universi paralleli.
In primo luogo il fatto che gli ufo possano provenire non necessariamente da altri pianeti del nostro universo lontani moltissimi anni luce dalla Terra ma che al contrario possano provenire da pianeti situati in universi paralleli elimina il problema costituito dal fatto che gli ufo per giungere sulla Terra debbano impiegare moltissimo tempo anche se viaggiassero alla velocità della luce. Infatti utilizzando la tecnica dell'overdrive essi potrebbero impiegare pochissimo tempo per giungere sulla Terra anche ammesso che provengano da pianeti molto distanti. Abbiamo descritto ampiamente la teoria dell'overdrive in due nostri articoli iintitolati "Le rovine sommerse nel Triangolo delle Bermude" e "Mysterious elements in ufo phenomena" ragion per cui rimandiamo i lettori interessati a saperne di più sulla teoria dell'overdrive agli articoli citati.

In secondo luogo se gli ufo provenissero da universi paralleli per passare da un universo all'altro è molto probabile che l'energia silenziosa che viene impiegata dai loro mortori potrebbe essere non solo elettromagnetica come spesso fino ad oggi si è ipotizzato ma dovrebbe essere un'energia che appunto dia loro la possibilità di utilizzare le finestre extradimensionali e i "corridoi" extradimensionali che mettono in contatto tra loro gli n universi paralleli. E' molto probabile che l'energia utilizzata dai motori degli ufo sia l'energia gravitazionale dei gravitroni gli unici che secondo la teoria delle stringhe permetterebbero agli ufo di passare da un universo parallelo all'altro dal momento che secondo la teoria delle stringhe i gravitroni vengono considerati minuscoli anelli di stringa che possono vibrare liberamente non essendo legati alle "pareti" denominate D-brane che l'ufo deve superare per passare da un universo parallelo all'altro. In sintesi i gravitroni possono permettere agli ufo di muoversi da un universo parallelo all'altro perché non sono ancorati alle D-brane del nostro universo.

In terzo luogo se gli ufo provenissero da universi paralleli si potrebbe spiegare più facilmente il fenomeno dei pre-ufo. Ad esempio il mistero delle aeronavi che nel 1896 e nel 1897 vennero avvistate negli Stati Uniti da molti testimoni potrebbe essere risolto ipotizzando che tali aeronavi provenivano da universi paralleli, cosa che spiegherebbe perché esse furono viste solamente in quel breve periodo per poi scomparire definitivamente senza lasciare traccia e senza che sia stato possibile identificare chi erano i loro piloti ed i loro inventori descritti da tutti i testimoni come esseri identici agli uomini fatto che farebbe pensare che provenivano da un'altra Terra situata in un universo parallelo.

In quarto luogo l'esistenza degli universi paralleli potrebbe spiegare il fatto che spesso è stata notata nella fenomenologia ufologica la presenza di fenomeni che fanno parte della dimensione soprannaturale. Tale associazione tra ufo e fenomeni soprannaturali si potrebbe spiegare ipotizzando che gli ufo abbiano prodotto tali fenomeni soprannaturali utilizzando una qualche forma di energia che esisterebbe negli universi paralleli dai quali essi potrebbero provenire.

Riferimenti bibliografici

G. Pellegrino, Il mistero delle Bermude, nexusedizioni.it
G. Pellegrino, Le rovine sommerse nel Triangolo delle Bermude, nexusedizioni.it
G. Pellegrino, Alcune riflessioni sui rapimenti alieni, nexusedizioni.it
G. Pellegrino, Ipotesi sull'origine degli ufo, centrostudilaruna.it
G. Pellegrino, Considerations about the abductions, centrostudilaruna.it
G. Pellegrino, Mysterious elements in ufo phenomena, centrostudilaruna.it
G. Pellegrino, I credenti degli ufo, Edisud, Salerno, 2007
G. Pellegrino, Riflessioni sociologiche sul mistero degli ufo, Progetto Immagine, Torino, 2007

 

Articoli correlatiTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Ufo Progetto Genesi

Gli extraterrestri hanno creato l'Uomo?

Alfredo Lissoni

(1)
€ 12,91
Disponibilità: 2 giorni

Libro - MIR Edizioni - Gennaio 2000 - Incontri ravvicinati

Con questo inquietante interrogativo l’autore passa al vaglio centinaia di vangeli apocrifi e antichissimi testi ebraici, come pure le tradizioni epiche e religiose mediorientali, indiane e australiane alla ricerca di... scheda dettagliata

Molte sono le Dimore - Libro

Daniel Meurois

(4)
€ 14,00 Solo 5 disponibili: affrettati!
Disponibilità: Immediata

Libro - Amrita - Luglio 2012 - Channelling

Da sempre esistono culture e uomini che ci parlano dell'esistenza di misteriosi universi paralleli e, oggi più che mai, le tesi della fisica quantistica e le creazioni degli artisti più visionari ci spingono effettivamente... scheda dettagliata

Messaggi dall'Universo

L'esperienza personale di un contattista, dal primo avvistamento di un UFO alle terribili vicissitudini in seguito a rapimenti alieni

Jeff Allan Danelek, Stan Romanek

(1)
€ 15,50
Avvertimi quando disponibileRichiesto da 1 visitatore
Fuori Catalogo

Libro - Armenia - Febbraio 2011 - Documenti segreti e UFO

In questo libro Romanek rivive sulla carta stampata le sue esperienze personali dal primo avvistamento di un UFD all'esperienza dei rapimenti alieni. Tra l'altro, ci spiega com'è riuscito a riprendere le immagini di un... scheda dettagliata

Ufo il Grande Dibattito

Uno sguardo obbiettivo all'ufologia. Davvero è in atto una grande cospirazione per occultare gli UFO? E' realistica la prospettiva di un contatto con intelligenze extraterrestri?

J. Allan Danelek

(1)
Remainder
€ 7,75 € 15,50 (-50%)
Fuori Catalogo

Libro - Armenia - Luglio 2009 - Documenti segreti e UFO

Con piglio obiettivo, l’autore esamina i temi scottanti legati alle polemiche sull’esistenza degli extraterrestri. Il libro parte da uno sguardo storico al dibattito che si trascina ormai da decenni, per poi esaminare i... scheda dettagliata

Mondo Alieno

Ufo ed extraterrestri nella storia dell'umanità

Umberto Visani

€ 18,00
Disponibilità: 2 giorni

Libro - Arethusa Snc - Gennaio 2012 - Documenti segreti e UFO

È giunto il momento di abbattere il muro di alibi dietro cui ci nascondiamo ogni volta che, per una scelta di comodo, classifichiamo tutto ciò che riguarda gli extraterrestri come un semplice fenomeno "non ... scheda dettagliata

Ufo Verità Nascoste

I dossier dei Servizi Segreti, il Papa e gli E.T, l'enigma dei potenziati

Alfredo Lissoni

€ 14,00
Avvertimi quando disponibileRichiesto da 4 visitatori
Fuori Catalogo

Libro - MIR Edizioni - Maggio 2009 - Documenti segreti e UFO

Per oltre mezzo secolo le Aeronautiche ed i Governi dei Paesi più in dustrializzati del mondo hanno negato o minimizzato l'esistenza del fenomeno Ufo. Con il Terzo Millennio e l'avvento di Internet, questa bugia di Stato è... scheda dettagliata

 

Macrolibrarsi Assistenza Chat

 

Assistenza Clienti

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi sconti, promozioni e novità direttamente nella tua casella di posta.

Guadagna subito +50 PUNTI per i tuoi futuri acquisti e premi.



COMMUNITY

Seguici su Facebook
Ti Piace Macrolibrarsi?
Se ti piace clicca su:
   

I LIBRI PIU' VENDUTI

 

SPECIALI