Torna su ▲

RICEVI L'OMAGGIO DI OGGI SE ACQUISTI ENTRO: ORE MIN SEC

Avvento 2016
Idee Regalo

Introduzione - Vaccini: Danni e Bugie - Libro

Leggi un estratto dal libro "Vaccini: Danni e Bugie" scritto da Stefano Cattinelli e Silia Marucelli

Introduzione - Vaccini: Danni e Bugie - Libro

Fino a cent’anni fa l’uomo aveva una vita molto più semplice; non si vuol dire che fosse necessariamente più facile, questo no, ma sicuramente più semplice riguardo alle scelte che poteva e doveva fare, riguardo agli stimoli esterni con i quali era chiamato a confrontarsi.

Fino a cent’anni fa gli spostamenti all'interno di un determinato territorio erano molto più limitati; la gente non viaggiava certo per diletto, né poteva permettersi di andare, almeno una volta all'anno, in vacanza.

Soprattutto, se si fa riferimento alla maggioranza della popolazione, escludendo quindi l’élite della classe benestante, la necessità di sopravvivere, di procurarsi il necessario per la mera sopravvivenza, impediva, o limitava di molto, la possibilità di aprire la mente verso nuovi orizzonti cognitivi. Per prima cosa ci si doveva riempire la pancia e solo in un successivo momento, con la pancia piena, ci si poteva concedere il lusso di accedere a nuove esperienze conoscitive.

Ma rispetto a cent’anni fa e fino ad arrivare ai giorni nostri, le cose, su questo pianeta, sono davvero molto cambiate: l’industrializzazione, con il suo lavoro meccanico, ha progressivamente sostituito il lavoro manuale, il lavoro nelle fabbriche ha soppiantato i ritmi agricoli e la possibilità di migliorare i trasporti ha determinato la possibilità di aumentare in maniera netta gli incontri umani.

A livello collettivo le storie delle singole vite hanno cominciato a superare l’ostacolo dello spazio. Non solo dello spazio fisico, inteso come il raggiungimento di territori molto distanti tra loro (anche se di fatto la distanza tra un luogo e un altro rimane invariata, essendo calcolata in metri o chilometri), quanto piuttosto di quello mentale, inteso come capacità di accogliere nella propria esperienza di vita culture e modi di essere diametralmente opposti.

Le menti dei singoli individui hanno cominciato a confrontarsi personalmente con una diversità esperienziale che prima era limitata solo a determinate categorie di lavoro (commercianti e nobili). I pensieri, anche a livello collettivo, hanno cominciato a cambiare.

Insieme allo spazio mentale, si è modificato anche il tempo. Ogni luogo, al giorno d’oggi, è oggettivamente più vicino e di conseguenza il tempo necessario per arrivarci è molto più breve. Poco a poco, ma in maniera costante e progressiva, la riduzione del tempo necessario per raggiungere un determinato posto ha fatto aumentare indirettamente la velocità (velocità = spazio/tempo). Se una volta per raggiungere un determinato luogo ci si impiegava una settimana, ora ci si mettono due ore di aereo (lo spazio è rimasto uguale, il tempo si è ridotto di molto, di conseguenza la velocità è aumentata).

La velocità è aumentata così tanto che oggi ci troviamo tutti a fare i conti con un mondo che non sa far altro che correre, correre e correre. Anche la velocità dei pensieri è aumentata, così come il loro numero. Attualmente tramite Internet siamo in grado di accedere a una massa di informazioni inimmaginabile rispetto a un po’ di tempo fa.

Ma l’altro lato della medaglia, se così vogliamo chiamarlo, l’altro aspetto più interessante di questo particolare momento storico, è dato dal fatto che all'interno di quest’immensa quantità di informazioni è necessario, per ogni singola individualità, sviluppare un’incredibile forza di discernimento.

Dobbiamo essere in grado di farci un’idea di tutto quello che sta accadendo e soprattutto ci viene richiesto di prendere posizione su ogni cosa. Al fruitore di un qualunque servizio viene richiesto di far nascere dentro di sé un certo senso critico; senso critico che viene alimentato dalla necessità di selezionare e dare un giusto peso alle informazioni che si ricevono.

Questo è il mondo nel quale viviamo adesso, molto diverso da cent’anni fa; oggi le sfide che il singolo individuo ha la possibilità di affrontare possono essere considerate specifiche proprio di questo periodo.

L’acquisizione di un certo bagaglio conoscitivo, nei più diversi aspetti della propria vita, rappresenta la principale sfida di questo periodo storico.

Ci si può allora domandare: come mai proprio in un momento in cui l’informazione globalizzata sta raggiungendo livelli sempre più elevati, riguardo a certi temi, come ad esempio le vaccinazioni degli animali, la diffusione di una certa conoscenza è del tutto assente? Perché l’individuo non è messo nelle condizioni di poter scegliere?

Vaccini: Danni e Bugie

Vaccini: Danni e Bugie

E se le vaccinazioni “obbligatorie” non avessero nulla di obbligatorio? Chi decide che devono essere fatte, e perché?

Stefano Cattinelli e Silia Marucelli illustrano con chiarezza e semplicità i conflitti di interesse che sottendono ai regolamenti sulle vaccinazioni per animali. L’opera è ricca inoltre di informazioni sul sistema immunitario di cani e gatti e offre una carrellata d’insieme sul panorama delle attuali vaccinazioni disponibili e solitamente consigliate dai veterinari affrontandone tutti gli effetti collaterali sulla salute di cani e gatti.

Gli autori propongono inoltre un’alternativa consapevole (la titolazione anticorpale) all’attuale sistema di vaccinazioni, un’alternativa che consentirebbe di limitare di molto i richiami che vanno solitamente ripetuti negli anni. 

Non mancano le testimonianze dirette di Cattinelli che, in qualità di veterinario, ha scelto di vaccinare sempre meno. 

Gli autori non si stancano mai di ribadire il ruolo fondamentale che ha la costruzione di una relazione di fiducia tra veterinario e cliente ai fini del benessere dei nostri amici a 4 zampe. Chiunque ami i suoi animali, sembra dirci questo libro, deve informarsi in maniera approfondita sul loro benessere, per poter scegliere in autonomia e con assoluto senso critico ciò che davvero meglio per loro.

Questo libro è un ottimo strumento di consapevolezza e informazione, grazie anche alla prefazione del dott. Eugenio Serravalle.

Acquista ora

 

Silia MarucelliTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Silia Marucelli

 

Speciali dello stesso autore

Stefano CattinelliTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Stefano Cattinelli

Stefano Cattinelli è Medico veterinario, diplomato in Omeopatia veterinaria unicista nel 1997 ed esperto in Antroposofia di Rudolf Steiner; diplomato in kinesiologia sistemica.

Per più di dieci anni ha seguito il lavoro dell'artista geomante Marko Pogacnik sugli Spiriti di Natura e il canto armonico ultimando gli studi della sua Scuola di Geomanzia.

Docente nel percorso di "Counselor in Fiori di Bach" presso il centro Kivani a Roma. Nel 2009 ha creato il Percorso di Dinamica Emozionale Uomo-Animale-Uomo che nel 2014 ha preso la sua forma definitiva all'interno dell' Associazione Culturale Impronte con l'Anima fondata insieme a Paola Fulgini e Alessandro Ragazzon.

Segue il percorso di formazione in Costellazioni Familiari di Bert Hellinger e si occupa di Costellazioni famigliari sistemiche per gli animali. Si occupa della Nuova Medicina Germanica di Hamer e di Bio-Psico-Genialogia secondo Athias.

Ha pubblicato i seguenti libri: Amici fino in fondo per AAM Terra Nuova, L'ultimo dono: percorsi interiori per accompagnare consapevolmente il nostro animale alla fine della vita, Impronte di luce edizioni, Tenersi per zampa, accompagnamento empatico e cure palliative per gli animali, per le edizioni Amrita, Che cosa mi vuoi dire? Scopri il linguaggio delle emozioni che i tuoi amici a 4 zampe usano per relazionarti con te per Macro edizioni. È curatore della collana "Qua la zampa" per Macro Edizioni.

Fondatore della Veterinaria Sistemica Famigliare (V.S.F.) e autore di numerosi articoli.

 

 

I vostri commenti - Scrivi un commento!

Nessun commento presente

Scrivi un commento!