Torna su ▲

RICEVI L'OMAGGIO DI OGGI SE ACQUISTI ENTRO: ORE MIN SEC

Avvento 2016
Idee Regalo

Introduzione - Sei un Animale! - Libro di Matthieu...

Leggi un estratto dal libro di Matthieu Ricard "Sei un Animale!"

Introduzione - Sei un Animale! - Libro di Matthieu Ricard

Ci sono persone che nascono con una predisposizione naturale alla compassione. Fin dalla più tenera età dimostrano una benevolenza spontanea nei confronti di coloro che li circondano, animali inclusi. Non è stato il mio caso.

Di famiglia bretone, sono andato a pesca fino all'età di quattordici anni. Mi ricordo inoltre che, quand'ero più piccolo, mi divertivo con alcuni compagni di scuola ad abbrustolire le formiche concentrando i raggi del sole con una lente d'ingrandimento. A ripensarci provo vergogna, ma la cosa che più mi sconcerta è che quel comportamento mi sia potuto sembrare normale.

Quando avevo cinque anni, in Messico, mio padre mi ha portato a vedere alcune corride. L'atmosfera era di festa e la musica esaltante... Tutti sembravano entusiasti.

Perché io non ho lasciato il mio posto e non me ne sono andato in lacrime? Si trattava forse di mancanza di compassione, di educazione o d'iniziativa? Non mi era mai passato per la testa di provare a mettermi nei panni del pesce, della formica o del toro di turno. Avevo semplicemente un cuore duro? O forse non avevo riflettuto, e aperto gli occhi?

Mi ci è voluto del tempo per acquisire consapevolezza. Ho trascorso diversi anni in compagnia di una delle mie nonne, che possedeva tutte le qualità del caso. Come molte altre persone, peraltro ottimi genitori o bravi bambini, praticava con gran passione la pesca alla lenza. Durante le vacanze, passava spesso i pomeriggi a pescare in riva al lago o sulla passeggiata del Croisic, assieme ad altre anziane bretoni, che portavano ancora la cuffia col pizzo bianco, elemento irrinunciabile del folclore locale. Quelle brave persone avrebbero davvero deliberatamente fatto del male a qualcuno? Attaccati all'amo, i pesci ancora guizzanti, sgusciando fuori dall'acqua, scintillavano alla luce del sole. Certo non era bello vederli soffocare nel paniere di vimini finché i loro occhi diventavano vitrei, ma distoglievo rapidamente lo sguardo.

Qualche anno dopo, a quattordici anni, un'amica mi apostrofò con una battuta a bruciapelo: «Ma come? Tu peschi?» Il tono della voce e lo sguardo, nel contempo stupiti e sdegnati, erano piuttosto eloquenti.

«Tu peschi?» Improvvisamente lo scenario mi apparve in una luce diversa: il pesce strappato dal suo ambiente vitale con un uncino di ferro che gli trafiggeva la bocca, per poi soffocare nell'aria come noi anneghiamo nell'acqua. E come se ciò non bastasse, per attrarre il pesce, avevo infilzato un verme con l'amo per farne un'esca viva, sacrificando così una vita per distruggerne più facilmente un'altra. Com'era possibile che per tutto quel tempo non ci avessi mai pensato, non mi fossi mai reso conto della realtà, di tutte quelle sofferenze? Profondamente dispiaciuto, rinunciai su due piedi alla pesca.

Certo, la mia preoccupazione per dei pesciolini, in confronto ai drammi che devastano la vita di tanti esseri umani nel mondo, può sembrare ridicola. Ma per me quello fu il primo barlume di compassione.

A vent'anni ebbi l'enorme fortuna di incontrare dei maestri spirituali tibetani che, da allora in poi, avrebbero orientato ogni istante della mia esistenza. I loro insegnamenti erano incentrati sulla strada maestra dell'amore e della compassione universali.

Se per lungo tempo non ero mai stato capace di mettermi al posto degli altri, gli insegnamenti di quei maestri mi portarono, a poco a poco, ad aprire la mente e il cuore all'amore altruistico, e a preoccuparmi più che potevo della sorte altrui. Mi sono impegnato nella pratica della compassione, riflettendo profondamente sulla condizione umana e su quella degli animali. Di certo, il cammino da percorrere è ancora lungo, e continuo a fare del mio meglio per progredire nella comprensione degli insegnamenti che ho ricevuto.

Non è mia intenzione, è evidente, accusare le persone che, in un modo o nell'altro, fanno soffrire gli animali, spesso inconsapevolmente, come dei resto è capitato anche a me. In realtà, è mollo difficile, il più delle volte, associare gli oggetti e i prodotti di consumo più diffusi (compresi il cibo e i farmaci che qualche volta ci salvano la vita) alle sofferenze animali, che nella maggior parte dei casi derivano dai processi di produzione.

Inoltre, le tradizioni culturali hanno spesso un ruolo preponderante nella percezione degli animali, i nostri compagni su questo pianeta. Alcune società hanno sviluppato uno stile di pensiero collettivo che le induce a ritenere che tutti gli animali siano su questa Terra per servire gli umani, mentre altre tradizioni sostengono da tempo che ogni essere, umano o meno, meriti rispetto.

Quest'opera rappresenta la continuazione logica e necessaria del mio Il gusto di essere altruisti. Lo scopo è quello di sottolineare le ragioni e l'imperativo morale che giustificano l'estensione dell'altruismo a tutti gli esseri senzienti, senza limiti di carattere quantitativo o qualitativo. Non c'è dubbio che, rispetto alla quantità enorme di sofferenze umane su scala mondiale, la dedizione di una vita intera sarebbe sufficiente ad alleviarne appena una parte infinitesimale.

Malgrado ciò, preoccuparsi della sorte dei circa 1,6 milioni di altre specie che popolano il pianeta non è né irrealistico né fuori luogo poiché, nella maggior parte dei casi, la scelta non è tra il benessere dell'umanità e quello degli animali. Viviamo in un mondo fondamentalmente interdipendente, in cui la sorte di ogni essere, di qualsiasi natura, è intimamente legata a quella degli altri. Non si sostiene, quindi, di prendersi cura soltanto degli animali, ma anche degli animali. E neppure di «umanizzare» gli animali o «animalizzare» l'uomo, bensì di estendere la benevolenza a entrambe le categorie.

Ampliare la portata della nostra consapevolezza consiste nell'adozione d'un atteggiamento responsabile nei confronti degli esseri che ci circondano, piuttosto che rappresentare un problema d'assegnazione delle risorse limitate di cui disponiamo per intervenire sul mondo.

Questo libro è un invito a una presa di coscienza: a dispetto della meraviglia che il mondo animale suscita in noi, attualmente stiamo perpetrando un massacro di animali senza precedenti nella storia. Ogni anno uccidiamo a scopo alimentare 60 miliardi di animali terrestri e 1.000 miliardi di animali marini.

Per di più, questa mattanza generalizzata e i relativi corollari - il consumo esagerato di carne nei Paesi ricchi - sono, come vedremo, una follia globale: contribuiscono alla fame nel mondo, aggravano gli squilibri ecologici e sono nocivi alla nostra salute.

La produzione di carne su scala industriale e la pesca intensiva negli oceani rappresentano indubbiamente il problema maggiore. Tuttavia anche la mancanza di rispetto generalizzata nei confronti degli animali porta ugualmente a ucciderne e a farne soffrire moltissimi, basti pensare alle varie sperimentazioni e ai test cui sono sottoposti, al traffico illegale di specie esotiche e selvatiche, alla caccia e alla pesca sportive, alla corrida, al circo e altre forme di sfruttamento. Occorre inoltre tenere presente che l'impatto del nostro stile di vita sulla biosfera è notevole: continuando al ritmo attuale, il 30% di tutte le specie animali spariranno dalla Terra entro il 2050.

Viviamo nell'ignoranza di ciò che infliggiamo agli animali (ben pochi di noi avranno mai visitato un allevamento intensivo o un mattatoio) e siamo vittime di una sorta di schizofrenia morale che c'induce a prenderci una gran cura dei nostri animali da compagnia senza che ciò ci impedisca di affondare la forchetta nella carne dei maiali, mandati al mattatoio a milioni, i quali sono altrettanto coscienti, sensibili al dolore e intelligenti dei nostri cani e gatti.

La tolleranza che auspico va intesa come un'esortazione a cambiare il nostro rapporto con gli animali. Un'esortazione che non si limita a un mero ammonimento morale, ma che si basa sul lavoro di evoluzionisti, etologi e filosofi più accreditati al mondo. Gli studi che verranno menzionati in queste pagine mettono in luce la ricchezza di capacità intellettive ed emotive, troppo spesso ignorate, di cui è dotata la stragrande maggioranza delle specie animali. Rivelano inoltre il continuum che le unisce, consentendoci di tracciare la storia evolutiva delle specie viventi che oggi popolano il pianeta.

Dall'epoca in cui avevamo antenati in comune con altre specie animali, siamo infine giunti all'homo sapiens, attraverso una serie di tappe e di cambiamenti infinitesimali. Nel corso di questa evoluzione non c'è traccia di un «magico stadio» che autorizzi ad attribuirci una natura fondamentalmente diversa da quella delle numerose specie di ominidi che ci hanno preceduti. Non c'è quindi nulla che giustifichi un diritto di supremazia totale sugli animali.

L'elemento comune, all'uomo e all'animale, che colpisce maggiormente è la capacità di percepire la sofferenza. Perché mai dunque, all'inizio del XXI secolo, continuiamo a manifestare la più assoluta cecità nei confronti del dolore incommensurabile che infliggiamo agli animali, sapendo che nella maggior parte dei casi non è necessario e neppure inevitabile?

Come se ciò non bastasse, non esiste giustificazione etica che ci autorizzi a imporre sofferenza e morte a chicchessia senza che ciò sia necessario.

Sei un Animale!

Sei un Animale!

Ogni anno vengono uccisi 60 miliardi di animali di terra e 1.000 miliardi di animali di mare. Il consumo di carne e pesce però, oltre a incidere negativamente su ambiente e salute, non è eticamente ammissibile: anche gli animali, infatti, sono capaci di provare sofferenza, fisica e psicologica, ed empatia. È per questo che dovremmo imparare a rispettarli di più, ad allevarli in maniera più consona e a evitare di sottoporli a maltrattamenti, come avviene nei laboratori di vivisezione, nei circhi, negli zoo.

In questo saggio illuminante in difesa degli animali, Matthieu Ricard ci invita a rispettare il diritto alla vita di tutti gli esseri viventi, che deve essere difeso con le leggi, se compassione e altruismo non bastano.

Acquista ora

 

Matthieu RicardTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Matthieu Ricard

Biologo molecolare, trent'anni fa Matthieu Ricard si è convertito al buddismo e ora vive in un monastero in Nepal. Attualmente è il più celebre ambasciatore del buddismo in Francia, il traduttore dal tibetano in francese e inglese del Dalai Lama, il curatore della riedizione dei testi sacri tibetani medievali, un autore di saggi best-seller e, ora, anche un romanziere.

 

I vostri commenti - Scrivi un commento!

Nessun commento presente

Scrivi un commento!