Torna su ▲
Avvento 2016
Idee Regalo

Introduzione - Pianeta Vegan - Libro di Antonella...

Leggi un estratto dal libro di Antonella Tomassini "Pianeta Vegan"

Introduzione - Pianeta Vegan - Libro di Antonella Tomassini

Anche se non è segnato su nessuna mappa geografica, quello che io chiamo il Pianeta Vegan è ovunque: nato dopo un'esplosione, un estenuante big bang derivato dallo sfruttamento e dall'uccisione di animali, dopo le manifestazioni a cuore aperto di animalisti, dopo tante raccolte firme, dopo il rifiuto di molti esseri umani, considerati le bestie peggiori, a non mangiar più cibo animale.

Nasceva in questa maniera il mio Pianeta, quando avevo ancora il cervello onnivoro.

A quell'epoca feci un sogno, un sogno che mi è rimasto impresso per sempre: in mezzo a un campo verde e pieno di natura, alcune persone cattive avevano strappato le ali alle farfalle e le avevano indossate, perché volevano volare. Si appropriavano delle pellicce di volpi e cincillà per indossarle, e tante altre cose, finché scesero in aiuto degli animali i vegani, persone con la pelle verde che finalmente misero in salvo quelle creature indifese rendendole felici e contente, allontanando tutti i sanguinari, facendo loro quello che avevano fatto agli animali.

All'epoca andava di moda il telefilm V-Visitors, quindi penso di aver fatto un sogno alquanto strano: mi sono svegliata con il desiderio di avere la pelle verde. Pensavo che, prima o poi, la mia pelle sarebbe diventata di quel colore: sicuramente in me da lì è nato il Pianeta Vegan, ed è rimasto fermo a crescere e germogliare nel mio cervello per tutti questi anni.

Mia madre ha lottato per farmi mangiare la carne sin da piccola, finché sono diventata vegetariana all'età di tredici anni, e dopo due anni ho scelto di eliminare tutti gli alimenti di origine animale. Non ho trovato molte difficoltà, forse solo preoccupazioni da parte dei miei genitori, che per fortuna sono durate pochissimi giorni.

Ho fatto questa scelta dopo che mi hanno assegnato un compito a scuola. Dovevo creare una relazione scritta con foto di un evento che rappresentasse la vita di campagna. All'epoca, mio padre comprava la carne da Michele, un contadino che aveva una fattoria a Martina Franca dove allevava maiali e altri animali per poi ammazzarli. Quel giorno accompagnai mio padre, cogliendo l'occasione per fare qualche foto e vedere come si viveva in fattoria. Il contadino ci accolse felice, stava giusto per ammazzare un maiale. Quello che ho visto dopo non ve lo racconto, perché per me è stato un trauma, un incubo che ancora è presente nel mio cuore.

Quel giorno ho smesso di mangiare. Un digiuno lungo due giorni.

Ho più di quaranta anni, sono nata a Taranto, la città dei due mari, della diossina e dell'Uva, e vivo tra Roma e Lisbona e, per una settimana all'anno, a Taranto, ovvio. Da grande voglio fare la regista e aspettando di diventare grande scrivo sceneggiature e vado in giro con la mia piccola attrezzatura: macchina fotografica, fogli e una penna per fissare i fotogrammi della mia esperienza vegan.

Spesso mi occupo anche di lavori che non vorrei mai facessero parte della mia vita, e mi ritrovo a fare la cameriera in un risto-pub per carnivori dove regna l'oppressione e mi domando quale sia il motivo per cui ci sto. Spesso mi chiedo come posso continuare a portare piatti con bistecchine e prosciutti vari. La nausea mi assale per il breve tratto dalla cucina al tavolo, e quando qualcuno mi chiede se la tagliata di manzo è tenera, rispondo: "Non so, io non la mangio. Non mangio cadaveri".

A volte mi concedo una lunga pausa di riposo e vado in viaggio.

Sono vegana e spero di esserlo in tutte le mie vite future, ho deciso di gridarlo forte, affinché tutti si possano convincere a cambiare e comincio dai miei amici carnivori cucinando per loro piatti deliziosi e unici a base di verdure. È bello sapere che due di loro sono diventati vegetariani grazie alle "chiacchiere" che noi animalisti facciamo ogni giorno.

Ecco perché ho deciso di scrivere questo libro non solo di ricette, ma di appunti di vita vegana, interviste, consigli, link e tutto ciò che conduce al vegan.

Non è un libro su diete o calorie, è solo una scelta. Non voglio discutere se l'uomo sia nato carnivoro o erbivoro, questa è semplicemente la mia testimonianza, e spero che possa far riflettere qualche mente chiusa che apre bocca senza sapere cosa vuol dire mangiare le piante. Non sopporto quelli che dicono "Anche le piante, allora, hanno un'esistenza", per giustificare la loro esigenza di mangiare carne e per screditare le idee etiche vegan.

Parlare di etica nella nostra vita è importante, come pure del rapporto uomo-animale, del bene verso gli animali, di che cosa vuol dire occuparsi di diffondere notizie e materiale a favore di una cultura vegana.

Sono anche una blogger e collaboro con un blog animalista, www.vegamami.it. Scrivo di solito di notte e durante la giornata vado a caccia di interviste, faccio le mie indagini per far capire alla gente che nell'universo c'è questo nuovo pianeta i cui abitanti stanno aumentando sempre di più. Ma il lavoro è arduo e allora devi sempre essere concentrato a cercare nuove idee, a scoprire nuove cose, perché il pianeta è ancora giovane e ha bisogno di tante cure.

Pianeta Vegan

Pianeta Vegan

Un libro non solo di ricette, ma un diario, un insieme di appunti di vita vegana, di interviste e di consigli, di link e di tutto ciò che conduce al vegan. Pianeta Vegan non è un libro su diete o calorie ma è la testimonianza di una scelta portata avanti con coerenza da decenni.

L’autrice non intende discutere se l’uomo sia nato carnivoro o erbivoro, ma vuole semplicemente raccontare la sua esperienza, anche pratica, in cucina, nella speranza di far riflettere qualche mente chiusa che spesso parla senza sapere bene che cosa vuol dire mangiare le piante.

Acquista ora

 

Antonella TomassiniTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Antonella Tomassini, nata a Taranto, vive a Roma dove ha studiato regia e produzione cinematografica presso il Laboratorio Cinema. Si occupa di street art, di scrittura creativa, di corsi di cucina vegan e collabora con un blog dove scrive ricette, esperienze e inchieste di vita vegan. Vegana per etica e per amore degli animali da giovane età, si impegna a cambiare il mondo in cui vive, basato sugli sprechi, diffondendo una cultura senza sofferenza animale.

 

I vostri commenti - Scrivi un commento!

Nessun commento presente

Scrivi un commento!