Torna su ▲

Introduzione - Meditazioni Metafisiche - Libro di...

Leggi un estratto del libro "Meditazioni Metafisiche"

Introduzione - Meditazioni Metafisiche - Libro di Paramhansa Yogananda

Molte persone vorrebbero meditare ma non sanno come fare. Lo scopo della meditazione è conoscere Dio, è connettere la piccola gioia dell’anima con la vasta gioia dello Spirito disciplinando il corpo, la mente e l’anima.

Meditazione e concentrazione non sono la stessa cosa. La concentrazione consiste nel liberare l’attenzione dagli oggetti della distrazione e nel focalizzarla su una cosa alla volta. La meditazione è quella particolare forma di concentrazione in cui l’attenzione è stata liberata dall'irrequietezza ed è concentrata su Dio. Una persona può concentrarsi sulla divinità o sul denaro, ma non può meditare sul denaro o su qualunque altra cosa materiale. La meditazione è concentrata esclusivamente su Dio o su pensieri e idee sacri.

La meditazione consiste in determinati processi fisici, psicologici e metafisici per mezzo dei quali le interferenze dell’irrequietezza possono essere rimosse dalle radio di corpo, mente e anima, che possono allora sintonizzarsi sull'Infinito.

Tutte le forme di meditazione comportano colui che medita, il processo della meditazione e l’oggetto della meditazione. Con una calma e continua attenzione focalizzata, l’ego deve essere mantenuto connesso con lo Spirito fino a che entrambi non si fondono nell'eterna beatitudine. Colui che medita deve conoscere un preciso metodo di meditazione e avere un determinato pensiero o esperienza su cui meditare.

In questo libro offrirò concreti metodi metafisici di meditazione agli studenti che hanno già lottato per aprirsi un varco tra la folla dei pensieri chiassosi e hanno già attraversato i portali del silenzio. Le istruzioni verranno date nelle diverse sezioni del libro che precedono ogni gruppo di meditazioni.

Le meditazioni offerte sono di tre tipi:

  • preghiere o richieste rivolte a Dio;
  • affermazioni su Dio;
  • e altre meditazioni, rivolte alla coscienza individuale.

Sceglietene una che risponda alle vostre necessità e pronunciate ogni parola lentamente e risolutamente, finché non verrete assorbiti dal suo significato interiore.

Per iniziare una meditazione

Serra le porte delle palpebre e lascia fuori la danza selvaggia delle scene tentatrici. Fa’ cadere la mente nel pozzo senza fondo del tuo cuore. Mantieni concentrata la mente sul cuore, che ribolle del sangue donatore di vita. Tieni fissa l’attenzione sul cuore, finché non sentirai il suo ritmico pulsare.

Con ogni battito, senti bussare la Vita onnipresente. Immagina la stessa Vita, onnipervadente, bussare alla porta del cuore di millecinquecento milioni di corpi umani e di miliardi di creature viventi. L’incessante battito del cuore annuncia docilmente l’infinito potere in attesa dietro le porte della tua consapevolezza.

Il discreto pulsare della Vita, che pervade ogni cosa, ti dice silenziosamente: «Non accogliere solo un piccolo flusso della Mia Vita, ma spalanca i tuoi poteri di percezione e lascia che Io ti inondi il sangue, il corpo, la mente, i sentimenti e l’anima con i palpiti della Mia Vita universale»

Per risvegliare la devozione

Siediti immobile, con la spina dorsale eretta. Copri i tuoi occhi irrequieti con il velo delle palpebre. Tienili fermi.

Poi libera la mente dalla consapevolezza del pesante fardello corporeo. Rilassa le corde dei nervi, che tirano i pesanti muscoli delle ossa. Per un po’, dimentica che stai trasportando un pesante fardello di ossa, avvolte nella spessa stoffa della carne. Riposa. Libera la mente dalla coscienza di essere una bestia da soma.

Non pensare al carico del tuo corpo, ma senti che la tua anima è libera dalla costante qualità materiale della pesantezza. Mentalmente, sfreccia con il tuo aeroplano mentale sopra, sotto, a sinistra, a destra, nell'infinito o ovunque tu voglia andare. Percepisci questa libertà mentale dal corpo e medita su di essa.

Sogna, vivi e percepisci questa condizione al di sopra del corpo quando sei seduto nell'immobilità; il territorio della tua libertà si espanderà sempre più.

Meditazioni Metafisiche + Affermazioni Scientifiche di Guarigione

Meditazioni Metafisiche + Affermazioni Scientifiche di Guarigione

Per la prima volta riuniti in un unico volume, due dei libri più popolari del grande maestro indiano Paramhansa Yogananda:

- Affermazioni scientifiche di guarigione
- Meditazioni metafisiche

Una raccolta preziosa per tutti i ricercatori spirituali, da utilizzare per la meditazione, la preghiera e la trasformazione personale.

Acquista ora

 

Paramhansa YoganandaTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Paramhansa Yogananda

Yogananda nacque con il nome di Mukunda Lal Gosh a Gorakhpur, India, il 5 Gennaio 1893, in una famiglia Bengali devota ed agiata. Nel 1910, all'età di 17 anni divenne discepolo di Swami Yukteswar Giri (a sua volta discepolo di Lahiri Mahasaya). Nell'eremitaggio di questo grande maestro passò la maggior parte dei successivi dieci anni della sua vita.

Yogananda giunse a Boston nel 1920, quale rappresentante per l'India al Congresso dei Liberali Religiosi, dove tenne un discorso intitolato “La scienza della religione”. Creò il primo centro a Boston ed iniziò a tenere pubbliche conferenze e lezioni sulla realizzazione del Sé in tutti gli Stati Uniti. Le sue lezioni ebbero una straordinaria accoglienza di pubblico e spesso vi parteciparono migliaia di ascoltatori nelle più grandi sale di conferenza del Paese.

Nel 1925 Yogananda stabilì il suo centro principale a Los Angeles pur continuando a dare conferenze in molte altre città. Scrisse molti libri, tra cui spiccano la famosa “Autobiografia” ed i commenti sugli insegnamenti originali di Gesù Cristo e di Krishna (La Bhagavad Gita). All’epoca della sua morte nel 1952 aveva centinaia di migliaia di studenti ed aveva fondato templi, centri e gruppi di meditazione in tutto il Paese.