Torna su ▲
Avvento 2016
Idee Regalo

Introduzione - Le Ore degli Organi - Libro di...

Leggi un estratto dal libro di Lothar Ursinus "Le Ore degli Organi"

Introduzione - Le Ore degli Organi - Libro di Lothar Ursinus

L'uomo è parte dell'Universo.

Osservando la natura, si scorge ovunque un ritmo: giorno e notte, estate e inverno, divenire e trascorrere, vita e morte.

In natura non esistono processi con un inizio e una fine: questa fine apparente è anche, allo stesso tempo, un nuovo inizio. Per qualcosa che comincia c'è sempre qualcos'altro che finisce. Senza inspirare non potremmo nemmeno espirare. Questa alternanza fra poli opposti è un'espressione di vitalità. Nell'Universo nulla va perduto: l'ordine cosmico non contempla l'esistenza di qualcosa con un inizio e una fine definitiva.

Fenomeni ciclici come l'avvicendarsi del giorno e della notte, o anche delle stagioni, per noi sono del tutto normali. Si ripetono di continuo e ne teniamo conto per i nostri programmi personali. Ma su questa Terra l'uomo non è un essere autonomo. Ciascuno di noi è parte di un Tutto più grande, dei suoi processi e trasformazioni. Siamo integrati nel sistema solare e soggetti ai mutamenti del girotondo cosmico.

Ritroviamo l'andamento ciclico dell'Universo anche nel nostro corpo.

La pelle si rinnova ogni quattro settimane: la singola cellula epiteliale, infatti, vive per soli ventotto giorni (un arco di tempo che corrisponde al mese lunare), dopodiché si squama. Se la periodicità del rinnovamento viene alterata, come nel caso della psoriasi, in medicina si parla di un disturbo del ritmo che si manifesta sulla cute. La psoriasi, quindi, dovrebbe essere curata intervenendo sul sistema endocrino e non a livello dermatologico.

Il ciclo mestruale riflette, allo stesso modo, il ritmo della Luna: dopo ventotto giorni l'endometrio viene espulso e può formarsene uno nuovo.

A ben vedere, il nesso con l'Universo è evidente anche nella respirazione. Un uomo respira circa diciotto volte al minuto; in ventiquattro ore sono: 18 x 60 x 24 = 25.920 atti respiratori. In anni, questo risultato corrisponde al cosiddetto "anno platonico". L'età di una persona di — supponiamo — settantadue anni moltiplicata per trecentosessanta giorni dà lo stesso numero. La vita umana è, per così dire, un respiro del cosmo.

Se ci consideriamo una parte del Tutto inserita nell'andamento ciclico dell'Universo, è facile comprendere che i processi fisiologici e organici del nostro corpo obbediscono a un ordine superiore.

Per i nostri pazienti del Centro di naturopatia di Amburgo prepariamo da qualche anno specifici programmi alimentari, che tengono conto dei processi metabolici. Grazie all'analisi vitale e metabolica, il programma nutrizionale individuale che ho creato, "gesund & aktiv" [sani e attivi, N.d. 7?], ricerca i alimenti ideali per ogni singola persona.

Molto spesso i pazienti che non soffrono realmente di una qualche patologia né di sovrappeso ci dicono che abbiamo trovato proprio i cibi a loro graditi. Affermazioni che, invece, i pazienti con malattie metaboliche o in sovrappeso non fanno quasi mai. La qual cosa autorizza a concludere che ogni persona ha una diversa sensibilità nel rapporto con se stessa: chi ascolta la propria voce interiore in genere sta meglio, perché si sottomette, consapevolmente o meno, alle leggi cosmiche, è presente a se stesso e trova la propria strada.

L'idea che gli organi seguano degli orari ha origine nella Medicina Tradizionale Cinese (MTC), un metodo di cura millenario che si basa su un pensiero olistico e sul sistema ritmico dell'Universo.

Per la medicina cinese l'uomo è strettamente legato ai principi cosmici e alle leggi della Terra, e la salute è una combinazione di fattori materiali e psico-spirituali. Grande importanza è attribuita alla posizione dei corpi celesti, alle stagioni, con i vari fenomeni atmosferici, e all'influenza dei fattori ambientali.

Questi riferimenti in realtà non sono del tutto estranei al mondo occidentale. Paracelso diceva, più o meno: "Chi formula una diagnosi senza considerare l'ambiente in cui vive il malato e la posizione degli astri non può definirsi medico".

Ma chi regola il nostro orologio interiore? Dov'è il sincronizzatore? Dove si trova il "master clock"? Ognuno di noi ha un ritmo biologico naturale che si sintonizza con la luce del Sole.

I ricercatori hanno appurato che non possediamo solo questo "master clock", ma anche singoli "orologi" periferici. Detto così, sembra tutto molto semplice e interessante.

Se però non viviamo assecondando il ritmo del Sole (e al giorno d'oggi non lo fa quasi nessuno), le conseguenze possono essere fatali. Il "master clock" infatti, nella sua funzione di sincronizzatore, non si trova più a coincidere con gli orologi e i ritmi dei singoli organi e delle varie parti del corpo. Quando, in un'orchestra, ognuno suona quello che gli pare, si genera una "cacofonia". Ed è un po' questo il "suono" che si produce nel corpo se non ci troviamo in uno stato di armonia a livello biologico.

La perdita di sincronizzazione è un'esperienza che si fa per esempio dopo viaggi aerei in cui si superano uno o più fusi orari, nell'una o nell'altra direzione. Sintomi tipici del jet lag sono stordimento, disturbi allo stomaco, stanchezza diurna e, la notte, problemi di sonno, disturbi ormonali e molto altro ancora. Dopo qualche giorno il ritmo del corpo si adatta alla nuova condizione.

L'esperienza insegna che maggiore è lo spostamento, tanto più tempo ci vuole per adeguarsi, anche se bisogna tener conto della flessibilità interna del singolo sistema corporeo: i giovani infatti riescono ad abituarsi alla diversa posizione del Sole prima degli anziani.

Anche i lavoratori impiegati su turni a rotazione devono adattarsi di continuo a ritmi nuovi, e questi cambiamenti comportano rischi notevoli per la salute. Negli ultimi trentanni, all'Università di Harvard sono state prese in esame alimentazione, attività fisica e salute di 120.000 infermiere: quelle che avevano lavorato sempre di notte presentavano un rischio di ammalarsi di tumore al seno o all'intestino superiore del sessanta per cento rispetto alle colleghe impiegate su turni giornalieri.

Benché a volte sembri impossibile (e in certi casi lo è davvero), è comunque auspicabile seguire e rispettare le leggi e le condizioni del cosmo, i ritmi universali di cui in fondo siamo parte. Quanto meno staremo meglio a livello di salute, nonché sul piano fisico e psico-spirituale. E questo è già un buon motivo per cercare di vivere in sintonia con il ritmo del Sole.

Nell'arco di una giornata ogni organo raggiunge il picco di massima attività in una fase ben precisa, cui naturalmente corrisponde un'importante fase di riposo.

A noi è chiaro che la nostra giornata ha inizio nel momento in cui ci alziamo: alle cinque del mattino per qualcuno, alle tre del pomeriggio per altri. A prescindere da ciò che facciamo, per gli organi la giornata comincia alle tre di notte, sempre. Se la sveglia suona alle sette, i polmoni hanno già concluso la fase di massima attività, mentre l'intestino crasso è ancora al lavoro.

Nelle prime ore del mattino la purificazione del corpo ha la priorità assoluta e solo dopo, a partire dalle sette, arriva il momento della colazione. Cominciare la giornata bevendo un bicchiere di acqua calda è un ottimo modo per contribuire alle operazioni di pulizia.

La medicina è una materia coinvolgente e interessante, a patto che non ci limitiamo a osservare e combattere i sintomi, ma li vediamo come indizi sull'origine delle malattie. A questo scopo sono utili i principi della medicina cinese e antroposofica.

La prima è una pratica curativa che esiste da più di duemila anni e fa riferimento non ai singoli organi, ma a canali energetici che attraversano il corpo: si tratta dei cosiddetti "meridiani", nei quali scorre l'energia corporea chiamata "Qi". I meridiani principali sono dodici, e a ciascuno di essi corrisponde un organo o sistema organico.

In questo libro descrivo i singoli organi, le loro funzioni e gli effetti che producono sull'organismo. Mi occupo inoltre delle connessioni fra sistemi organici affini, coppie di organi che la medicina cinese definisce "circoli funzionali".

La medicina antroposofica si basa invece sulla scienza spirituale di Rudolf Steiner, che presso i sostenitori della medicina classica non gode di grande considerazione.

Nel mio quotidiano lavoro con i pazienti, tuttavia, proprio gli approcci della medicina antroposofica e cinese mi hanno sempre indicato la strada per trovare la giusta terapia. Ecco perché, nella descrizione delle ore degli organi, ho tenuto conto anche di questi due orientamenti e della mia esperienza personale.

I sintomi descritti nei vari capitoli sono sempre possibili modalità espressive del corpo, ma non è detto che siano tutti presenti allo stesso tempo. Poiché gli organi hanno uno stretto rapporto con i denti, per ogni sistema organico troverete il collegamento al dente relativo.

In questo ambito non disponiamo sempre di prove scientifiche chiare, ciò che conta è l'esperienza. Disturbi organici ricorrenti possono essere provocati da un dente malato o da una radice infiammata, ma può succedere anche il contrario: se un dente continua a dare problemi, la causa può essere un disturbo di natura organica. Nel formulare una diagnosi olistica, quindi, bisognerebbe sempre tener conto di questa correlazione.

Ho scritto questo libro perché ci tengo a rendere comprensibile la medicina. La malattia non dovrebbe essere vista come una disgrazia, ma come un segnale che il corpo ci manda per invitarci alla conoscenza e al cambiamento. Mi auguro che la descrizione delle ore degli organi vi aiuti ad avvicinarvi un poco a questo obiettivo.

Le Ore degli Organi

Le Ore degli Organi

Secondo l’orologio degli organi, in certi momenti della giornata alcuni sistemi raggiungono il picco della loro attività, mentre altri ne riducono l’intensità.

Ogni organo ha la sua tabella di marcia, di notte come di giorno. 

Impareremo a sfruttare a nostro vantaggio i ritmi corporei in ufficio e a casa, per esempio per sapere qual è il momento migliore per assumere un farmaco, guadagnando in salute e vitalità.

Acquista ora

 

Lothar UrsinusTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Lothar Ursinus è da oltre venticinque anni uno dei maggiori esperti nel campo della naturopatia in Europa. Dirige il Naturheilzentrum Alstertal di Amburgo. Ha sviluppato un programma alimentare personalizzato basato su un concetto di salute innovativo che prende in considerazione genetica e metabolismo. Da diversi anni forma terapeuti in Canada ed Europa che applicano con successo il suo programma. Tiene seminari, presentazioni web e scrive articoli sulla medicina olistica.

 

I vostri commenti - Scrivi un commento!

Nessun commento presente

Scrivi un commento!