Torna su ▲

RICEVI L'OMAGGIO DI OGGI SE ACQUISTI ENTRO: ORE MIN SEC

Avvento 2016
Idee Regalo

Introduzione - La Zona ti Cambia la Vita - Libro...

Leggi un estratto dal libro di Gigliola Braga "La Zona ti Cambia la Vita"

Introduzione - La Zona ti Cambia la Vita - Libro di Gigliola Braga

Un'innovativa strategia alimentare

La Zona è un mondo nuovo, un'innovativa frontiera dell'alimentazione. Non è nata per far dimagrire, ma è stata adottata nel mondo da milioni di individui che hanno ritrovato il loro peso forma grazie a Barry Sears, l'ideatore statunitense del metodo.

Molte persone che incontro mi chiedono: «Ma funziona davvero?»

Certo che funziona! Perché affronta il problema alla radice, con serietà e sistematicità. È infatti il frutto di lunghe e impegnative ricerche iniziate nei primi anni Ottanta, e in questi decenni non è mai stata smentita, anzi, si è ampliata e rafforzata con nuovi studi e con la condivisione di importanti istituti di ricerca, come la Harvard Medical School.

Nonostante queste premesse, la sua attuazione è semplice e veloce. Per applicarla a volte bastano piccole modifiche alla propria alimentazione, ma sono cambiamenti cruciali per il metabolismo, che subito risponde positivamente. Chiariamo innanzitutto un concetto: non propongo strane alchimie o miracoli, ma un metodo efficace che davvero può risolvere il problema perché insegna a mangiare tenendo conto di aspetti oggi sottovalutati o trascurati dalla dietologia classica, eppure decisivi per il dimagrimento e il benessere.

Anziché liquidare sommariamente il problema con un moralistico: «Hai mangiato troppo, è colpa tua. Dovevi controllarti di più, come fanno tutti i magri», si risale alle sue cause biochimiche. In primo luogo alle conseguenze delle moderne abitudini alimentari dei Paesi industrializzati, all'eccesso di carboidrati e alla scelta dei grassi sbagliati. In Italia il 35% della popolazione adulta è in sovrappeso, il 10% è obesa; tra i sei e i diciassette anni il 24% è in sovrappeso, il 4% è obeso (fonte Studio PASSI, 2000). I nostri bambini sono i più grassi d'Europa, e il fenomeno e in costante peggioramento.

Ora, l'aumento del grasso corporeo è strettamente legato alla personale ed ereditaria sensibilità insulinica. Per controllare la causa nascosta del sovrappeso non serve dunque semplicemente limitare le calorie mangiando meno o bruciarle muovendosi di più.

Il mio approccio alla Zona

Quando ho sentito parlare di Zona per la prima volta, parecchi anni fa, non avrei mai pensato che questo metodo potesse diventare tanto importante per me. Non solo a livello personale, perché mi ha permesso di trovare l'alimentazione adatta alle mie caratteristiche biologiche, ma soprattutto a livello professionale, perché mi ha consentito di assistere felicemente moltissime persone con problemi di peso, e non solo.

Fino ad allora ero una nutrizionista classica: il conto delle calorie, gli antiossidanti, gli additivi, la dieta mediterranea... I soliti temi che da decenni popolavano la scena nutrizionale e continuano tuttora a occupare l'attenzione di molti colleghi. Tutti argomenti interessanti, che però non fugavano le mie perplessità sull'inspiegabile difficoltà di dimagrire di certe persone, nonché sulla fame e sulla tristezza a cui sembravano condannati coloro che volevano risolvere i propri problemi di peso. Soprattutto mi sembrava inaccettabile ridurre il complesso discorso del dimagrimento a due dogmi: «Mangia meno e fai più movimento» e «La dieta mediterranea è la migliore al mondo».

E' stato l'incontro con la Zona ad aprirmi enormi e illuminanti orizzonti di conoscenza:

  • Le calorie contano, ma non in modo decisivo, quindi non basta ridurle per dimagrire.
  • L'attività fisica serve a perdere peso e a migliorare il proprio stato di salute se fatta in modo adeguato, altrimenti può essere addirittura controproducente.
  • Per raggiungere i propri obiettivi non serve una dieta penalizzante e punitiva, bisogna semplicemente imparare a mangiare.
  • La dieta mediterranea seguita in Italia è eccellente sotto molti aspetti, ma commette un errore: non controlla adeguatamente l'insulina, l'ormone che ognuno di noi produce in seguito a un pasto affinché i nutrienti possano entrare nelle cellule.
  • Ci sono davvero persone che hanno più difficoltà di altre a perdere massa grassa, ma con l'approccio ormonale possono risolvere il loro problema.

Non tenere a bada soprattutto le reazioni ormonali all'alimentazione può essere compromettente e dannoso per il dimagrimento e per la salute, anche se si fa molta attività fisica.

In pratica, avevo trovato la soluzione a numerosi problemi collettivi visti sotto una luce molto diversa rispetto al passato. Il desiderio di comunicare questa preziosa risorsa mi venne subito, appena conclusi gli studi e gli approfondimenti negli USA, e si concretizzò in un libro, La Zona italiana. Non sapevo nemmeno da dove cominciare, ma ero convinta dell'utilità della mia idea e del mio lavoro. Iniziai a scrivere in un'estate di tanti anni fa, senza computer, senza editore, ma con tantissima convinzione. Riscrissi il libro tre volte, l'ultima finalmente usando un PC, prima di proporlo a quella che sarebbe diventata la mia casa editrice, la Sperling & Kupfer, che decise subito di pubblicarlo.

Fu emozionante entrare in questo mondo sconosciuto, e l'esito riuscì a superare le mie più rosee aspettative. Il libro ebbe un notevole successo, e per questo venne seguito da altri miei volumi di approfondimento: Più belle con la Zona, Il grande libro della Zona italiana e La Zona in 80 minuti.

Un simile risultato ha una sola spiegazione: la Zona è un metodo che funziona davvero, nell'immediato e sul lungo periodo.

Perché la Zona è convincente?

Essendo una nutrizionista, ho cominciato constatando che la Zona si basa su studi importanti e accreditati. Poi ho notato che è l'apoteosi dell'efficacia per la validità dimostrata in tutti questi anni su un'infinità di persone. Conferenze, presentazioni di libri, convegni, consulenze, e-mail, articoli... migliaia e migliaia di persone mi hanno fornito riscontri positivi e mi hanno incentivata ad approfondire ancora di più questo approccio.

Oggi il problema del dimagrimento è drammaticamente d'attualità. Stanco dei soliti discorsi poco risolutivi, il pubblico si dà da fare, si informa, legge, ascolta e soprattutto prova. Cosa c'è di più persuasivo dei fatti? I risultati parlano chiaro e decretano il successo della Zona in più ambiti: dimagrire, essere in buona salute, migliorare le proprie performance fisiche e mentali.

Dimagrire è importante, tra l'altro, non solo per ovvi motivi di salute, ma anche per la considerazione di se stessi, che può influenzare profondamente la vita di una persona condizionandone le scelte, le decisioni, i comportamenti. Spesso incontro donne e uomini ormai disorientati, sfiduciati, sfiniti e spaventati dalle diete e dal cibo. Non sanno più cosa fare, alcuni pensano addirittura di essere malati e temono perfino il profumo di un dolce. Talvolta arrivano alla rassegnazione, al «tanto, è lo stesso». Qualcuno approda a provvedimenti estremi come i farmaci, i sondini naso-gastrici e la chirurgia, che spesso li illude senza aiutarli davvero.

Per me e un piacere poterli rassicurare spiegando i concetti rivoluzionari della Zona, dove i quantitativi di cibo non dipendono dall'obiettivo, ma dalle esigenze individuali. Dove per dimagrire non si deve mangiare meno del necessario né mortificare il gusto e il piacere della convivialità, ma modulare l'insulina.

Dove il controllo della fame non avviene con la forza di volontà, ma attraverso specifiche conoscenze scientifiche che consentono l'equilibrio con la sazietà. Dove l'attività fisica non serve per consumare calorie e grasso e per contrastare l'uso sbagliato del cibo, ma è un prezioso modulatore ormonale.

Se si conoscono bene gli alimenti e il metodo, non è difficile trovare la soluzione adatta a ogni singolo individuo, che comincia a vedere i risultati fin dalla prima settimana e diventa in breve il più convinto testimone della Zona. Già, perché quando si sta bene e ci si vede in forma, viene spontaneo comunicare agli altri la propria esperienza. Come è successo a una signora di 132 chili che ne ha persi 65: le bastava girare il suo paese e i dintorni per diventare la miglior PR della Zona. E il marito? Che commozione quando mi ha ringraziato perché gli avevo «restituito sua moglie», non alludendo al suo aspetto estetico, ma a quello caratteriale di buonumore, ottimismo, positività.

E se non tutti i casi sono eclatanti nei numeri come questo, ogni successo è comunque una vicenda umana importante per me e per tutti coloro che credono in questo approccio, siano essi pazienti o addetti ai lavori nel campo della salute.

La Zona ti Cambia la Vita

La Zona ti Cambia la Vita

Nonostante la Zona abbia convinto milioni di persone per la validità dei suoi risultati, sono ancora in molti a pensare che sia troppo complicata. Ecco il libro che persuaderà anche gli ultimi scettici, consentendo a tutti di godere in breve tempo e con grande facilità dei benefici di questo straordinario stile di vita: dimagrimento e tonicità, salute e benessere, energia e lucidità mentale.

In queste pagine la maggiore esperta italiana accompagna per mano, passo dopo passo, chiunque voglia cominciare la Zona. Niente blocchi né calcoli, ma poche, semplici indicazioni, calate nella routine quotidiana - tra pizze e cucina etnica, lavoro, famiglia e vita mondana -, in grado di trasformare in realtà tutte le promesse della Zona.

Inoltre, per la prima volta, il libro riporta in presa diretta l'esperienza di Silvia e Gianni, due persone che si sono rivolte alla dottoressa Braga per iniziare la Zona da zero.

Consigli, suggerimenti pratici, soluzioni per ogni evenienza o situazione particolare, oltre a un piano alimentare di 4 settimane (con menù e ricette), diversificato per lei e per lui: un metodo agile e flessibile che risponde a tutti i dubbi e cambia la vita per sempre.

Acquista ora

 

Gigliola BragaTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Gigliola Braga

Gigliola Braga, biologa nutrizionista, ha studiato il metodo di Barry Sears in America ed è Zone Certified Instructor e Zone Consultant. Tra i primi nel nostro paese a capire l'importanza dietetica del metodo alimentare Zona, è uno dei massimi esperti italiani. È membro del Comitato Scientifico presieduto da Barry Sears ed è relatrice nei corsi di formazione che lo stesso tiene in Italia. Convinta sostenitrice di una nuova alimentazione, partecipa a trasmissioni televisive e segue moltissimi atleti, anche di livello internazionale, di varie specialità. Con Sperling e Kupfer ha pubblicato con grande successo La Zona italiana e Più belle con la Zona.

 

I vostri commenti - Scrivi un commento!

Nessun commento presente

Scrivi un commento!