Torna su ▲

Introduzione - La Realizzazione del Sè - Libro di...

Leggi in anteprima le prime pagine del libro "La Realizzazione del Sè" di Paramhansa Yogananda

Introduzione - La Realizzazione del Sè - Libro di Paramhansa Yogananda

Ho vissuto con Paramhansa Yogananda come suo discepolo negli ultimi tre anni e mezzo della sua vita.

Ero con lui da un anno e mezzo, quando egli cominciò a esortarmi a prendere nota di quello che diceva nelle sue conversazioni informali. Eravamo nel suo ritiro nel deserto, dove stava completando i suoi commenti alla Bhagavad Gita.

Dapprincipio mi trovai un po’ in difficoltà. Non conoscevo la stenografia e la mia calligrafia era illeggibile persino per me.

Il Maestro, però, fedele al suo stesso insegnamento che bisognerebbe concentrarsi sulla luce piuttosto che sull’oscurità, non prestò alcuna attenzione a impedimenti così insignificanti. Continuò a esortarmi.

«Non parlo spesso da un livello di gyana [saggezza impersonale] » diceva. La sua natura, infatti, si esprimeva solitamente nell’amore divino.

Il mio entusiasmo crebbe, man mano che mi rendevo conto di non avere mai letto o udito altrove insegnamenti così profondi, chiari e convincenti.

«Scrivilo!» mi ripeté spesso il Maestro negli anni seguenti, durante le sue conversazioni con i monaci o i visitatori. A volte, come spiegazione, aggiungeva: «Non l’ho mai detto prima d’ora».

Dato che la mia scrittura era quella che era, non potevo sperare di stargli dietro. Tuttavia, con il passare delle settimane, scoprii che il Maestro mi aveva concesso una straordinaria benedizione: potevo sentire la sua voce come se pronunciasse le parole nella mia mente mentre le annotavo, anche dopo diverso tempo.

Era una benedizione così straordinaria che anni dopo, in India, ebbi la conferma che i miei ricordi delle parole, e perfino di intere frasi, che il Maestro aveva pronunciato in hindi o in bengali erano corretti, benché non conoscessi quelle lingue quando lui era in vita.

Ancora oggi, nella mia mente, risuona con chiarezza il ricordo delle sue parole e della sua voce, colme di saggezza, di amore divino e della pienezza del potere spirituale, spesso accompagnate da un delizioso senso dell’umorismo. Le sue conversazioni erano costellate di aneddoti, sfavillavano di metafore ed erano colme delle più profonde intuizioni riguardo a tutti i livelli della realtà, umana e divina, che io abbia mai avuto la grande benedizione di incontrare.

Swami Kriyananda

Paramhansa: il “cigno supremo”

Paramhansa significa, “cigno supremo”.
È il più elevato titolo spirituale nella religione indù e le sue origini risalgono agli albori della tradizione.

Il cigno è ugualmente a casa sulla terra e sull'acqua. Allo stesso modo, il vero saggio, o paramhansa, è a suo agio sia nel regno della materia sia in quello dello Spirito.

Secondo la tradizione indiana, inoltre, il cigno è in grado di separare il latte dall'acqua. Probabilmente, ciò significa che esso secerne nel becco una sostanza che fa cagliare il latte, separando così il caglio dal siero.

Quali che siano i fatti biologici, in India il cigno simboleggia la capacità di un maestro autorealizzato di separare la solida sostanza della verità dall'inconsistenza dell’illusione.

È importante osservare, infine, che il termine hansa è composto di due parole sanscrite, che significano: “io sono Lui” o “io sono Spirito”. Un paramhansa è in posizione tale da poter proclamare la propria unità con lo Spirito; e può farlo in modo supremo, poiché non si limita più ad affermarlo mentalmente, ma ha realizzato questa verità nel proprio Sé interiore.

Secondo gli studiosi di sanscrito, paramhansa dovrebbe essere scritto più correttamente come paramahansa, con un’ulteriore a nel mezzo. La precisione degli studiosi, tuttavia, non coincide sempre con la comprensione di chi non possiede la stessa erudizione.

In inglese, quella a nel mezzo accentua le difficoltà della pronuncia, al punto che le persone fanno una pausa in quel punto e sottolineano ulteriormente una lettera che, in India, non è invece pronunciata. In altre parole, l’americano o l’inglese medio – e con grande probabilità il non-indiano medio – pronuncia la parola in questo modo: «paramaahansa». La pronuncia corretta, tuttavia, è paramhansa.

Per quegli occidentali che desiderano semplicemente sapere con una certa precisione come pronunciare questa parola così difficile per noi, gli studiosi di sanscrito accettano la grafia paramhansa.

 

Paramhansa YoganandaTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Paramhansa Yogananda

Yogananda nacque con il nome di Mukunda Lal Gosh a Gorakhpur, India, il 5 Gennaio 1893, in una famiglia Bengali devota ed agiata. Nel 1910, all'età di 17 anni divenne discepolo di Swami Yukteswar Giri (a sua volta discepolo di Lahiri Mahasaya). Nell'eremitaggio di questo grande maestro passò la maggior parte dei successivi dieci anni della sua vita.

Yogananda giunse a Boston nel 1920, quale rappresentante per l'India al Congresso dei Liberali Religiosi, dove tenne un discorso intitolato “La scienza della religione”. Creò il primo centro a Boston ed iniziò a tenere pubbliche conferenze e lezioni sulla realizzazione del Sé in tutti gli Stati Uniti. Le sue lezioni ebbero una straordinaria accoglienza di pubblico e spesso vi parteciparono migliaia di ascoltatori nelle più grandi sale di conferenza del Paese.

Nel 1925 Yogananda stabilì il suo centro principale a Los Angeles pur continuando a dare conferenze in molte altre città. Scrisse molti libri, tra cui spiccano la famosa “Autobiografia” ed i commenti sugli insegnamenti originali di Gesù Cristo e di Krishna (La Bhagavad Gita). All’epoca della sua morte nel 1952 aveva centinaia di migliaia di studenti ed aveva fondato templi, centri e gruppi di meditazione in tutto il Paese.

 

Articoli correlatiTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

La Realizzazione del Sè - Guida alla Vera Felicità - Libro

Raccolto e compilato dal discepolo Swami Kriyananda

Paramhansa Yogananda

(3)
€ 12,75 € 15,00 (-15%)
Disponibilità: Immediata

Libro - Ananda Edizioni - Ottobre 2014 - Percorsi di consapevolezza

Un dono straordinario, che ci offre la profonda spiegazione del vero scopo della vita e di come realizzare nel quotidiano l’immensa e imperturbabile gioia del nostro stesso Sé. I grandi insegnanti lavorano spesso tramite... scheda dettagliata