Torna su ▲

RICEVI L'OMAGGIO DI OGGI SE ACQUISTI ENTRO: ORE MIN SEC

Avvento 2016
Idee Regalo

Introduzione - Il Deserto e la Rosa - Libro di...

Leggi un estratto dal libro di Guido Guidi Guerrera "Il Deserto e la Rosa"

Introduzione - Il Deserto e la Rosa - Libro di Guido Guidi Guerrera

Animula vagula blandula
Hospes comesque corporis,
Quae nunc abibis in loca
Pallidula rigida nudula,
Nec, ut soles, dabis ioco.
(Publio Elio Traiano Adriano)

Questo è un viaggio di coscienza e conoscenza, un iter iniziatico vero e proprio che nasconde insegnamenti, contiene simboli, racchiude misteri e svela qualche segreto. Come ogni percorso di conoscenza va fatto con molta attenzione al paesaggio interiore che propone e chi si mette in cammino deve sapere che si scontrerà con i mille ostacoli che la sua stessa natura interpone costantemente. Leggere Il Piccolo Principe è un’avventura intellettuale pregevole che per chi ha lo sguardo lungo può trasformarsi nell'apertura di orizzonti spirituali inimmaginabili.

L’autore ha fatto una cosa deliziosa scrivendo la sua storia, consegnandola così a una fama e a una gloria senza tempo: ha usato il metro della semplicità per alludere a un universo tutt'altro che semplice e anzi davvero molto complesso.

Analizzando in chiave simbolica alcuni degli elementi topici del racconto cercherò io stesso di mantenermi nella identica dimensione dello scrittore, perché complicare o “rivisitare” un tessuto narrativo perfetto sarebbe far torto specialmente all'anima bambina evocata e a quanti, me compreso, sperano e tentano di recuperarla quale parte migliore di sé.

Innanzi tutto confesserò al pubblico dei lettori che a spingermi e convincermi a svolgere questa indagine tra le pieghe del “Principe” sono stati essenzialmente le iperboli, i voli pindarici, le stralunatezze e il surreale “ragionato”. Questi ingredienti stilistici sono essenziali e non prescindono affatto da quel tipo di viaggio cui intendono alludere ma anzi ne sono pretesto e motivo.

Il viaggio del Piccolo Principe è notoriamente circolare: parte da un punto per fare ritorno al medesimo. È l’eterna odissea dell’uomo che in nome di un qualche ideale spalanca panorami siderali sul proprio essere costringendolo a conoscere, a meravigliarsi, a crescere e ad aprire il dibattito senza tempo tra vita e morte. Il protagonista viene fatto apparire come il perenne bambino, tuttavia l’acquisizione di una coscienza sempre più raffinata e il contrasto con forme di realtà non note e non sempre gradite lo portano a incontri che segnano.

È inutile perfino sottolineare come l’autore e la sua creatura siano l’identica cosa, come l’aviatore incontri se stesso proprio nel deserto che è luogo di smarrimento ma anche di prodigioso anelito spirituale. Lo scrittore lì fa i conti con il proprio “io” e l’essere alieno che per volere del caso conosce lo conduce per mano verso sentieri assolutamente mai esplorati prima, lo provoca con dolcezza infantile e lo sfida con la forza dell’ineluttabile.

Un Don Juan fanciullo, in qualche misura, che racconta dell’esistenza di mondi lontanissimi e straordinari governati da leggi e sovrani bislacchi, da creature daliniane. Ed è così che il bambino prende per mano l’adulto e lo convince a seguirlo in un sogno che è più vasto e significativo di una qualsiasi forma di realtà. Lo scrittore apparentemente asseconda il suo personaggio, a partire dal disegno della pecora, ma è solo perché il Piccolo Principe detti i suoi codici e disegni un mondo completamente e meravigliosamente nuovo. [...]

Il Deserto e la Rosa

Il Deserto e la Rosa

Il Piccolo Principe rappresenta un’opera di grande significato evolutivo per chi le si accosta, e permette di vivere una esperienza unica sul piano spirituale e intellettuale. Guerrera propone un viaggio attraverso emozioni e figure allegoriche nell'universo costellato di simboli che l’autore francese racconta in maniera apparentemente lieve. La rosa, con i suoi accostamenti ad amore e sofferenza, non a caso usata come emblema da gruppi a orientamento mistico-filosofico. La Volpe, vero e proprio simbolo dell’eterno femminino, riassunto mirabilmente dall'arcano undici dei tarocchi, che indica proprio “l’addomesticamento” della natura bruta. Il serpente, emblema di conoscenza e crescita per eccellenza.

Colui che dà e toglie la vita, ma che insegna al saggio il potere senza tempo delle perenni metamorfosi. 

Questo è un viaggio di coscienza e di conoscenza, che nasconde insegnamenti, racchiude misteri e svela qualche segreto.

Il Deserto e la Rosa propone anche la nuova traduzione (e adattamento) ad opera dello stesso autore.

Acquista ora

 

Guido Guidi GuerreraTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Guido Guidi Guerrera

Guido Guidi Guerrera è giornalista e scrittore. Ha pubblicato numerosi libri, scrive su diverse riviste ed è collaboratore storico di "QN" che comprende i quotidiani La Nazione, Il Giorno e Il Resto del Carlino, nelle pagine dedicate alla cultura, agli spettacoli e al costume.

Studioso di dottrine filosofico-esoteriche occidentali e orientali ha scritto quattro volumi sull'argomento per le Edizioni Mediterranee-Hermes di Roma. Considerato dalla stessa Fernanda Pivano uno dei massimi esperti della vita e delle opere di Ernest Hemingway in Italia, Guerrera ha ultimamente pubblicato "A spasso con Papa Hemingway" edito da Todaro Ed., in seguito tradotto in spagnolo dalla scrittrice cubana Mayerin Bello e presentato alla Fiera Internazionale del Libro 2004 all’Avana da Leonardo Padura Fuentes, che ne ha curato anche la prefazione.

 

I vostri commenti - Scrivi un commento!

Nessun commento presente

Scrivi un commento!