Torna su ▲
Avvento 2016
Idee Regalo

Introduzione - I Fiori del Risveglio - Libro di...

Leggi un estratto dal libro di Michela Caelli "I Fiori del Risveglio"

Introduzione - I Fiori del Risveglio - Libro di Michela Caelli

La mia reazione di fronte alle prime informazioni che mi giunsero riguardo la Nuova Medicina Germanica (NMG o più semplicemente NM) fu quella di rifiuto: lo spiraglio attraverso il quale avevo fuggevolmente guardato venne oscurato dalla mia ferrea convinzione che ciò che avevo intravisto era al di là delle mie possibilità, quindi da evitare. Preferivo rimanere nella mia zona di comfort al riparo da idee troppo impegnative e scomode.

In quel periodo nella mia pratica terapeutica avevano riscontrato un buon successo le tecniche di Psicologia energetica quali EFT e la Logosintesi che, unite alla conoscenza dei Fiori di Bach, mi consentivano di trattare le persone affette da stati emotivi disturbanti quali ansie, paure e vari problemi fisici Sebbene fossi soddisfatta dei risultati ottenuti, sentivo che mi mancava qualcosa, un qualcosa che però facevo fatica a definire.

Paludai per un certo periodo in compagnia delle mie vecchie stagnanti convinzioni che cercavano insistentemente di tenere lontana da me la NM, fino a quando, un bel giorno successe qualcosa di inaspettato...

Una mia cliente mi disse: "Da quando mi hai consigliato Centaury mi è passata anche la cistite di cui soffrivo da una vita!" .

Le avevo consigliato questo rimedio perché di carattere molto docile e sottomesso, veniva facilmente sfruttata da tutti e quindi la sua esigenza era quella di esse-e più forte e determinata nell'ottenere un maggior rispetto. Mi raccontò che i suoi nipoti, che abitavano di fonte a lei, andavano e venivano da casa sua, anche la sera tardi, ma che lei avrebbe preferito ad una certa ora non essere più disturbata e chiudere la porta. In fondo quella era anche casa sua... Il problema lo sentì maggiormente, quando, parlandone con suo marito, molto legato al fratello e ai nipoti, non le diede il supporto che si aspettava. Nella mia formazione sapevo che dietro un sintomo organico c'è sempre un problema emotivo irrisolto, e che, come sosteneva il dottor Bach, per curare un processo patologico occorre riferirsi allo stato d'animo che si prova, ma in realtà quello che si stava evidenziando sotto i miei echi era una correlazione straordinariamente precisa tra ciò che stava vivendo intimamente la mia cliente e il sintomo fisico, Centaury, e questo lo potei mettere a fuoco successivamente, l'aveva aiutata a risolvere il conflitto di non riuscire a difendere il proprio territorio dagli intrusi, che si manifestava con il sintomo organico della cistite.

Fu così che cominciò a farsi largo l'intuizione che i rimedi floreali potessero avere una specifica correlazione con i conflitti biologici descritti dal dottor Hamer, come ad esempio quando, al fine di aiutare mia figlia a superare le sue paure inconsce che affioravano prima di addormentarsi, mi accorsi che dopo un certo periodo di somministrazione di Aspen anche i raffreddori di cui soffriva erano notevolmente diminuiti. Cosa potevano avere in comune le paure indefinite di mia figlia con il raffreddore? Lo stesso rimedio si stava rivelando utile in entrambi i casi.

Ci volle un bel po' di tempo prima che le relazioni tra conflitto biologico e rimedio floreale mi fossero chiare, ma non potei più negare l'evidenza, e nonostante i dubbi e le resistenze della mia mente razionale fossero sempre ben presenti, l'intuito cominciò a mandarmi i suoi primi messaggi...

Con la schiena appoggiata ad una vecchia e maestosa quercia, ancora un po' rigido e dolorante, una notte sognai il mio amico Marco. Improvvisamente la quercia gli rivolse queste parole: "Potrai appoggiarti a me quanto vorrai e per tutto il tempo che lo riterrai necessario". Potei comprendere pienamente il messaggio di questo sogno solo molto più tardi, quando realizzai la connessione dell'energia riparativa della quercia con i conflitti di svalutazione ossea. Egli ebbe un grave incidente di moto in cui riportò una serie di fratture ossee che in quel periodo si stavano rinsaldando.

Era iniziata per me una delle avventure più sorprendenti e gratificanti della mia vita ed ora sento che è giunto il momento di raccontarvela e condividerla con voi. Cominciai a studiare la Nuova Medicina Germanica, ma soprattutto cominciai a dare un senso diverso alle mie esperienze personali e terapeutiche. Attraverso la verifica delle sue Leggi Biologiche avevo l'impressione di conoscere meglio, in maniera più semplice, diretta e autentica le persone con cui avevo a che fare, compresa me stessa. Prendere coscienza della veridicità della Leggi Biologiche scoperte dal dottor Hamer attraverso le persone, i loro conflitti, i loro comportamenti, i loro pensieri era diventata la forma più stimolante di conoscenza dell'altro e della realtà che mi circondava.

Le conoscenze che il dottor Hamer ci ha trasmesso mi consentirono di rivedere tutto sotto una luce nuova, di effettuare un salto di qualità nel rapporto con me stessa e la mia salute.

Rendermi conto che i processi"patologici" erano delle logiche conseguenze a ciò che avevo vissuto, comprendere ed accettare che il dolore fisico che sperimentavo non era dovuto allo sgretolamento del mio corpo, ma che era in atto un processo di ricostruzione dello stesso, mi mise in grado di conoscere meglio la mia esistenza e i movimenti all'interno di essa. La salute non è uno stato assoluto, come non lo è la "malattia". Si tratta di processi dinamici che si evolvono, che si trasformano, e ci trasformano, fornendoci delle indicazioni importanti riguardo a noi stessi.

A giudicare dalle pubblicazioni che riguardano la NM in questo periodo direi proprio che non sono l'unica persona ad aver intrapreso questo cammino, direi che il "dado è tratto". Oramai è solo una questione di tempo, il tempo utile e necessario perché le nuove conoscenze sostituiscano quelle vecchie, il tempo di scrivere una nuova storia.

Di storie nel libro ne troverete parecchie, sono storie di fate, di alberi e di uomini, tutti esseri speciali, a cominciare dal dottor Hamer. Vi invito a leggere la sua vita, così intimamente connessa con le sue straordinarie scoperte.

I Fiori del Risveglio

I Fiori del Risveglio

La Nuova Medicina del dottor Hamer e la floriterapia del dottor Bach due discipline che fino ad oggi facevano parte di un percorso parallelo, oggi vengono integrate per far fronte alle malattie dell'anima.

Con I Fiori del Risveglio si apre un nuovo capitolo nello studio della malattia e del malato.

Le Cinque Leggi Biologiche scoperte dal dottor Hamer sono state ormai verificate da medici e terapeuti di mezza Europa, ma anche e soprattutto da persone normali, sempre più desiderose di conoscenza e ogni volta si sono rivelate esatte e riproducibili. Non più malattie e malati, ma processi sensati in atto.

La Natura ha provveduto meglio di qualsivoglia medicina o intervento attribuendo a noi stessi il potere trasformativo delle nostre esperienze traumatiche in esperienze di crescita e guarigione.

I rimedi floreali, come qualsiasi altro aiuto dall'esterno, non possono essere che degli intermediari fra noi e le forze guaritrici della Natura stessa.

L'essenza del fiore, la sua energia, ci può aiutare a risolvere il conflitto che sta alla base dei processi organici attivati, accompagnando il suo decorso sintomatico.

I Fiori di Bach diventano nelle nostre mani degli strumenti di sostegno e di un vero e proprio risveglio interiore.

Acquista ora

 

Michela CaelliTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Michela Caelli

Michela Caelli è diplomata in Tecniche della Comunicazione, si occupa di Psicologia Energetica con tecniche quali la Logosintesi, l'Age Gate Therapy e l'EFT (Emotional Freedom Tecniques).

E' consulente nell'ambito dell'utilizzo della Floriterapia del dr Bach e delle Leggi Biologiche scoperte dai dr Hamer, si dedica alla divulgazione di queste preziose conoscenze attraverso incontri individuali, seminari e corsi di formazione.

 

I vostri commenti - Scrivi un commento!

Nessun commento presente

Scrivi un commento!