Torna su ▲

RICEVI L'OMAGGIO DI OGGI SE ACQUISTI ENTRO: ORE MIN SEC

Avvento 2016
Idee Regalo

Introduzione - Guarire con un Abbraccio - Libro di...

Leggi un estratto dal libro di Celine Riviere "Guarire con un Abbraccio"

Introduzione - Guarire con un Abbraccio - Libro di Celine Riviere

Dall'infinitamente piccolo all'infinitamente grande, la scienza non ci aveva mai fornito tante ragioni per rincentrarci su di noi. Si accumulano le prove che noi tutti abbiamo inestimabili poteri sulla nostra salute. Le applicazioni terapeutiche si arricchiscono di questi progressi scientifici che trasformano il nostro rapporto nei confronti della salute. Perché? Perché bisogna ripercorrere il cammino verso noi stessi. Che il corpo e lo spirito lavorino di comune accordo per il nostro benessere è un’idea alla quale aderiamo ancora poco nel nostro quotidiano. Eppure, il movimento che ci riporta all'essenziale, all'originale, alla semplicità, ci fa focalizzare sui nostri bisogni fondamentali. E cosa è più essenziale dell’abbraccio? Scopo di questo libro è ridare agli abbracci il posto che meritano e di mostrare scientificamente i loro innumerevoli benefici.

L’abbraccio ci rimanda a immagini di dolcezza, calore, comfort e tenerezza. A immagini dell’infanzia. Di braccia accoglienti pronte a riparare a piccoli e grandi dispiaceri. Di un luogo rassicurante, un bastione contro la paura. Come non sentire di nuovo il bisogno di tornarvi quando la vita ci mette alla prova, quando ci fa confrontare con i nostri limiti, la nostra solitudine, le nostre mancanze? Ritornare ad essere il bambino che può abbandonarsi alle proprie emozioni senza venire giudicato, che crede nei propri sogni.

Troviamo mille motivi per stare male, spesso per abitudine. Lamentele e collera ci fanno dimenticare la nostra vera ricchezza. Non siamo abbastanza riconoscenti, ostacolati da paura e solitudine, i maggiori freni della nostra felicità.

Non avete mai provato la voglia di stringere tra le braccia chi soffre per consolarlo? Non avete sentito il bisogno in certi momenti della vostra vita di essere confortati da un contatto, un tocco benevolo?

Nel mio quotidiano di psicologa, quando vedo una persona sofferente, devo trattenermi dall'impulso istintivo di abbracciarla. Cosa c’è di più naturale, di più spontaneo per accogliere il dolore? Fin dall'infanzia, ci insegnano ad andare contro le nostre pulsioni primarie, a dominarle fino a farle sparire. L’educazione ha condotto il nostro corpo a incatenarsi. Tratteniamo ogni slancio, temendo il giudizio, per paura del ridicolo, del disprezzo o per rispetto di una certa morale. Il contatto è diventato asettico.

E se fosse un errore? E se ci fossimo ammalati per non aver seguito le nostre pulsioni benigne?

Una volta diventati adulti, toccarsi non è più così semplice. Ha i suoi codici, prima di tutto sociali. La sfera intima è diversa secondo le culture e i Paesi. Negli Stati Uniti, per esempio, all'annuncio della perdita di una persona cara, si vedono pubblicare sui social network messaggi di big hugs, testimonianze in quei momenti di disperazione che gli inviti a un gesto affettuoso sono più forti delle semplici parole. La solidarietà e il conforto, o la compassione, derivano da questo tocco virtuale. Un’altra versione degli hugs, gli abbracci proposti sulla pubblica via, diventati una moda, ci ricorda una variante soft del movimento hippie, «fate l’amore, non la guerra».

La terapia delle coccole ci propone di rimediare alle nostre carenze e di farci rivivere la sicurezza del bambino piccolo. Ritrovare le barriere calorose che talvolta cerchiamo vagabondando, alla ricerca di assoluto e di perfezione. Recuperare le nostre emozioni e la nostra respirazione nella semplicità di un contatto. Liberarci dal peso delle nostre vite, per il tempo di una parentesi, per poi sentirci più forti, stare meglio nel corpo e nella mente. Riconnetterci a quella voglia che ci fa credere di nuovo in noi stessi, ci ridà il sorriso, sprigiona i nostri ormoni della felicità. Ritornare ad essere umani, lasciandoci andare alle nostre emozioni in una calda stretta riparatrice che ci permette di accettare le nostre debolezze. Ascoltare i nostri messaggi, quelli che circolano tra il cuore e il cervello. Entrare in risonanza con gli altri per raggiungere l’armonia. E ringraziare la scienza, che interviene opportunamente a darci ragione. Gli studi scientifici confermano, in effetti, i benefici degli abbracci. Al bivio tra diverse discipline scientifiche, tutte in piena effervescenza, vi renderete conto, nel corso di questo viaggio inatteso e sorprendente, che ogni cambiamento inizia da voi stessi.

Basta con i sensi di colpa, finiamola con la moderazione! Fino ad ora avevamo fatto affidamento sulla nostra intelligenza, sulla nostra razionalità, sulla nostra capacità di giocare con i concetti per disfarci della nostra «animalità». E se facessimo un po’ marcia indietro per ritrovare un equilibrio, giacché è in questi eccessi che ci siamo persi? Il cammino della pace, della calma e della gioia non passerà forse per l’amore e una delle sue manifestazioni più belle, che sono gli abbracci? Il nostro cervello, affascinante organo, non ci ha ancora affidato tutti i suoi segreti. Ma sappiamo che può ingannarci. Non crede a quello che vede, ai messaggi che riceve. Partire invece proprio da quei messaggi è l’inversione necessaria per ritornare all'equilibrio.

Quando ho iniziato a parlare dell’argomento di questo libro alle persone intorno a me, la cosa dapprima è stata accolta con curiosità. Poi alcuni sono venuti a confidarmi spontaneamente le loro esperienze più forti. C’è voluto del tempo, quello di far ritorno a se stessi. Con grande emozione ho ascoltato quei momenti fondamentali che hanno segnato la loro vita. Fra traumi e assoluto benessere, le coccole non sono un soggetto neutro. Non riceverne non è una cosa di poco conto, fa soffrire, e molto. Nella sicurezza affettiva, in uno stato d’animo pacificato, un corpo soggetto a più contatti fisici si ammala di meno. Il sistema immunitario ne risulta rafforzato.

L’espressione «Mi tocchi» evoca tanto le nostre emozioni quanto il nostro bisogno di contatto. La società individualista che abbiamo creato sta soffocando e proclama le sue sofferenze. Il tempo in cui esaltavamo la libertà è lontano e ci ha portato alla confusione. Ci rendiamo conto che è l’essere connessi agli altri a renderci liberi, felici e in buona salute. I siti di incontri non si sono sbagliati quando sono passati dal «tutto virtuale» all'organizzazione di serate.

Gli abbracci sono in sé una terapia, poiché cambiano il nostro modo di essere, il nostro sguardo sul mondo e su noi stessi. Ed è questo che ci manca. Di pari passo con la presa di coscienza di tale bisogno fondamentale dell’altro, le proposte di coccole di tutti i generi fioriscono. Dagli hugs organizzati per strada ai bar per abbracci, dagli animali da accarezzare nelle case per anziani, dai contatti pelle contro pelle per i neonati prematuri, passando per Amma, che riempie il Centro Esposizioni di Pontoise proponendo una stretta amorevole… Tutto è un pretesto per avvicinarsi. Questo libro ci propone di capire i meccanismi riparatori che si operano in noi quando avvengono questi contatti e rende evidente il nostro stesso potere di liberazione. E se, per una volta, ci permettessimo di dirigere su noi stessi il proiettore disfandoci del nostro fardello di colpa?

Vi propongo di lasciarvi guidare nel cuore delle vostre cellule per capire che «tutto è in tutto» e che anche nel deserto si trovano piante capaci di fornirci il rimedio contro i morsi mortali del sole. Bisogna solo riuscire a vederle, riconoscerle. Rischiamo di passare oltre per ignoranza e di continuare a soffrire. Il deserto, metafora del nostro corpo, possiede le proprie risorse che noi non conosciamo. Questo percorso necessario verso noi stessi e gli altri ci risveglia e ci rende attenti e responsabili.

Attivare i propri meccanismi salutari è possibile. Ritrovare la fiducia per mettere le proprie risorse al servizio di noi stessi, ecco la sfida. E se iniziassimo a crederci, per il nostro bene? Aprite le pagine di questo libro come se fossero braccia calorose e sbarazzatevi di tutto ciò che ostacola la buona circolazione della vostra energia. Tanto nella prevenzione che nell'attivazione dei processi di guarigione, gli abbracci ci dicono che non siamo soli, che facciamo parte di un tutto. Essi sono come la piccola storia nella grande Storia, quella di cui andiamo pazzi, una storia d’amore.

Guarire con un Abbraccio

Guarire con un Abbraccio

Gli abbracci fanno bene, all’anima ma anche al corpo.

Non è una trovata new age, è una realtà scientifica, corroborata da dati concreti frutto di lunghe ricerche.

Dare e ricevere abbracci infatti causa il rilascio ossitocina, «l’ormone della felicità», che rimanda a immagini di piacere e di buona salute.

Céline Rivière ha raccolto in questo libro una serie esauriente di esempi di questa sua approfondita e serissima ricerca.

Il volume non è solo l’esempio di quanto le coccole facciano bene a chiunque, non solo alle coppie, ma anche un’opera divulgativa, che traccia la mappa dei nuovi orizzonti della medicina, sempre più orientati verso una visione olistica, attenta agli stretti legami tra corpo, psiche e ambiente circostante.

Acquista ora

 

Céline RivièreTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Céline Rivière

Céline Rivière è una psicologa clinica, diplomata in terapie neuroemozionali, neuropsicologia e in neuroscienze.

 

I vostri commenti - Scrivi un commento!

Nessun commento presente

Scrivi un commento!