Torna su ▲

RICEVI L'OMAGGIO DI OGGI SE ACQUISTI ENTRO: ORE MIN SEC

Avvento 2016
Idee Regalo

Introduzione - Dieci Obiezioni ai Comandamenti -...

Leggi in anteprima le pagine iniziali del libro di Igor Sibaldi "Dieci Obiezioni ai Comandamenti"

Introduzione - Dieci Obiezioni ai Comandamenti - Libro di Igor Sibaldi

Questa breve e frammentaria storia radiale della letteratura russa parla principalmente dei dieci comandamenti.

E dieci forme di obiezione ai dieci comandamenti sono adoperate qui come chiavi di lettura di alcune problematiche fondamentali della cultura russa dell'Otto e Novecento; e queste problematiche sono adoperate qui come chiave di lettura dei dieci comandamenti.

Secondo me è un buon metodo.

La letteratura, la critica letteraria e la teologia hanno sempre argomenti in comune; hanno talmente tanti argomenti in comune che, a considerarle obiettivamente, risulta in realtà molto difficile tracciare tra esse una demarcazione.

La nostra teologia infatti (la nostra teologia propriamente detta) parla sempre e soltanto di opere letterarie, di narrazioni: la Bibbia, il Vangelo. Proprio come la critica letteraria. E le narrazioni di cui tratta la nostra teologia parlano delle stesse cose di cui parlano i romanzi: il rapporto dell'uomo con il mondo, con Dio, con se stesso, con la vita e la morte, con la Storia, eccetera. E ne parlano nello stesso modo in cui ne parlano i romanzi.

Precisamente nello stesso modo.

Di solito non ci si bada, poiché si ritiene che le narrazioni di cui parla la teologia abbiano un intento normativo che la letteratura non ha. Ma non è vero.

E' vero soltanto là dove la teologia viene utilizzata come strumento di una qualche religione; le religioni, come dice la parola stessa, sono appunto quegli apparati che trasformano in norme determinati brani delle narrazioni di cui parla la teologia. Ma attualmente nessuno obbliga a utilizzare la teologia come strumento di una qualche religione, e nessuno punisce più chi fa teologia senza riconoscersi in nessuna religione istituzionale.

E la differenza tra coloro che utilizzano la teologia come strumento di una qualche religione e coloro che fanno teologia e basta, è che i primi hanno appunto come scopo la dimostrazione della necessità di quelle norme religiose - che la loro religione trae da quelle narrazioni — mentre gli altri parlano per lo più del contrario, cioè della necessità di superare quelle norme.

E questa stessa necessità riempie sia i romanzi, sia le narrazioni di cui parla la teologia: così infatti la Bibbia è tutta quanta colma della inesauribile necessità di superare i dieci comandamenti, la stragrande maggioranza delle storie della Bibbia sono storie di disobbedienza ai comandamenti; e i Vangeli espongono addirittura il metodo (a partire dal Discorso della Montagna), il metodo per superare i comandamenti biblici, cioè di disobbedire a essi, nonché il metodo per superare ciascun comandamento di Gesù che non sia di per sé un infinito autosuperamento.

Questa stessa necessità di superare i comandamenti si ritrova, molto evidente, nelle opere di cui parlo qui, e nelle quali e per le quali il confine tra letteratura e discorso teologico diviene dunque indefinibile, e inutile. E ciò, indipendentemente dalla religiosità dei loro autori.

La questione del superamento dei comandamenti è molto interessante, e molto semplice e molto complessa al contempo; in gran parte si spiega da sé, richiede solo un paio di precisazioni preliminari, riguardo a ciò che in essa può apparire inconsueto ai più.

I dieci comandamenti li conoscete:

  1. Non avrai altri dèi di fronte a me.
  2. Non pronunciare invano il nome del Signore tuo Dio.
  3. Osserva il giorno di sabato, per santificarlo: sei giorni faticherai e farai ogni lavoro, ma il settimo giorno è il sabato per il Signore tuo Dio.
  4. Onora tuo padre e tua madre.
  5. Non uccidere.
  6. Non commettere adulterio.
  7. Non rubare.
  8. Non pronunciare falsa testimonianza.
  9. Non desiderare la moglie del tuo prossimo.
  10. Non desiderare la casa del tuo prossimo.

Sono i tabù della nostra religiosità.

Sono i tabù della coscienza: nella prassi è uso comune disobbedire a essi, ma nella coscienza si sa che sono importanti, giusti e veri; è questo il modo in cui la nostra religiosità intende i suoi tabù.

E un tabù esiste appunto perché lo si superi.

E' un confine posto all'individuo (alla coscienza dell'individuo, secondo la nostra religiosità) al solo scopo di dare un orientamento alla sua crescita interiore. Come a dire: fin qui, fino a questo tuo confine tu sei cresciuto finora, e questo è il tuo confine, ora. Così che se crescerai, saprai di essere cresciuto soltanto se questo tuo confine non sarà più un confine per te (per la tua coscienza, secondo la nostra religiosità).

I più, si sa, sono abituati a ritenere che non sia affatto così, e che questi comandamenti siano dati perché sono e devono essere soltanto comandamenti. Ma i più sono soltanto i più, e anche per loro è soltanto una questione di crescita. Crescite simili richiedono secoli, millenni: perché la coscienza si accorga di essere giunta più in là dei confini dei propri comandamenti. Più in là, non più indietro.

E quanto più profonda è la religiosità di una cultura, di un individuo, di una classe sociale, o di un popolo, tanto più netta è la percezione del disagio che è dato da quei confini dei suoi tabù, dei suoi comandamenti. E tanto più netto è, nella coscienza, lo sforzo di capire e dire quel disagio.

Così è sempre. Succede sempre così.

Così, non è che non siano o non vogliano essere cristiani gli autori di cui si parla in questo libro.
Tutt'altro.

Il disobbedire della coscienza ai dieci comandamenti, il premere della coscienza sui loro confini è la forza di crescita dell'anima cristiana.

Alla teologia consueta, strumentale, questo non interessa.

Alla letteratura sì.
E da qui partiamo, in questo libro.

Dieci Obiezioni ai Comandamenti

Dieci Obiezioni ai Comandamenti

I dieci comandamenti sono i tabù della religiosità e della coscienza, un confine posto all’individuo al solo scopo di dare un orientamento alla sua crescita interiore. E quanto più profonda è la religiosità di una cultura, di un individuo, di una classe sociale o di un popolo, tanto più netta è la percezione del disagio che è dato da quei confini dei suoi tabù, dei suoi comandamenti. E tanto più netto è, nella coscienza, lo sforzo di capire e dire quel disagio.

In Dieci obiezioni ai comandamenti, Sibaldi parla da teologo, facendosi portatore di una teologia totalmente slegata dalla religione, e provando a scardinare i rigidi schemi imposti dai comandamenti attraverso l’esegesi dei più importanti romanzi della letteratura russa.

Dieci forme di obiezione ai dieci comandamenti sono adoperate qui come chiavi di lettura di alcune problematiche fondamentali della cultura russa dell’Otto e Novecento, ma soprattutto della società contemporanea.

Vai al Libro >

 

Igor SibaldiTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Igor Sibaldi

Igor Sibaldi, nato a Milano (dove vive tuttora) nel 1957 da madre russa e padre toscano, è scrittore, studioso di teologia e storia delle religioni. Ha pubblicato diversi romanzi presso Mondadori e curato l'edizione e la traduzione di numerosi classici della letteratura russa. 
Studioso di teologia neotestamentaria, dal 1997, con il suo romanzo-saggio "I maestri invisibili", ha cominciato a narrare la sua personale esplorazione "dei miti e dei territori dell'aldilà". In seguito Igor Sibaldi ha pubblicato numerosi romanzi e saggi sullo sciamanismo, i testi sacri, le strutture superiori della coscienza e in particolare sul fenomeno degli "Spiriti Guida". 

Su argomenti di mitologia e di psicologia del profondo tiene regolarmente conferenze e seminari in tutta Italia dal 1997.

I libri di Igor Sibaldi trattano di mitologia, storia delle religioni, Sacre Scritture e psicologia del profondo. Sono tutti dedicati alla scoperta dell’Aldilà, inteso non soltanto come dimensione di esseri superiori, angelici o divini, ma anche come struttura superiore della psiche di ognuno. Tra i suoi titoli principali: I maestri invisibili, Il codice segreto del Vangelo, Il frutto proibito della conoscenza, Il libro degli Angeli. Con Anima Edizioni ha già pubblicato La trama dell’Angelo, 2004 e Iniziazione ai maestri invisibili, 2005.

 

I vostri commenti - Scrivi un commento!

Nessun commento presente

Scrivi un commento!