Torna su ▲

Introduzione di "Mangia, Muoviti, Ama" libro di...

Leggi in anteprima un brano estratto dal libro di Giorgio Nardone e Luca Speciani "Mangia, Muoviti, Ama"

Introduzione di "Mangia, Muoviti, Ama" libro di Giorgio Nardone e Luca Speciani

Abbiamo scelto il titolo di questo libro parafrasando quello di un libro e di un film di successo Mangia Prega Ama, perché, come la protagonista va a ricercare l'essenza della vita, noi abbiamo cercato di individuare gli aspetti fondamentali di una vita sana ed equilibrata.

Le nostre professio­ni ovviamente ci inducono a parlare di quello di cui siamo competenti e dunque escluderemo la parte spirituale e ci oc­cuperemo di evidenziare come il nutrirsi e la relazione con l'alimentazione siano uno di questi aspetti; l'essere attivi, artefici del proprio destino invece che vittime passive rappresenta l'altro aspetto cruciale. Amare, nel senso di vivere con passione e slancio la propria esistenza, infine, completa la triade.

Per evitare confusioni con visioni new age o teorie orientaleggianti sulla «pienezza» del vivere, è bene chiarire una a una le tre esortazioni del titolo del libro.

Mangia

A distanza di 2500 anni dalle parole di Ippocrate, il primo grande medico ufficiale della storia, «che il cibo sia la tua medicina», abbiamo le prove scientifiche di quanto questa sentenza fosse profondamente vera.

Oggi le ricerche mo­strano come il nutrirsi, se ben calibrato alle esigenze della persona, possa essere, per alcune patologie, un importante se non fondamentale presidio terapeutico: di questo tratteremo per esteso nei successivi capitoli, mostrando come a differenza dell'uso massiccio di farmaci, il cibo vada a mo­bilitare principi di autoguarigione o meglio, in termini più rigorosi, di autoregolazione delle funzioni dell'organismo nel suo insieme.

Mangiare non è soltanto un atto meccanico, finalizzato all'effetto nutritivo e chimico, bensì rappresenta un modo fondamentale di comunicare con noi stessi, gli altri e il mondo.

Il cibo col quale mi nutro, sia per i suoi aspetti prettamente chimici, sia per le sensazioni che mi arreca è la forma più arcaica, ma al tempo stesso attuale, di comunica­zione con noi stessi. Nei fatti, quando mangiamo qualcosa inviamo dei segnali ai distretti paloencefalici del cervello che sono il direttore d'orchestra del funzionamento del nostro organismo a livel­lo sia psicologico sia fisiologico. Pertanto i cibi che abbiamo la fortuna di poter scegliere di mangiare e il modo in cui mangiamo hanno un'enorme influenza sul nostro equilibrio biopsicologico.

Inoltre la modalità di preparazione dei cibi, l'allestimento dei pasti, la gestione del tempo dell'alimenta­zione rappresentano un'altra maniera di comunicare con noi stessi e gli altri: un prendersi cura di sé attraverso il modo in cui mangiamo, un prendersi cura degli altri vicini a noi per come predisponiamo e poi consumiamo insieme i cibi preparati. A questo livello l'alimentazione diventa qualcosa di relazionale oltre che di personale.

Infine il piacere della tavola condiviso con persone care ma anche con persone incontrate per la prima volta è un potente mediatore di comunicazione interpersonale. Non è un caso che i pranzi e le cene facciano parte di tutte le ritualità istituzionali e professionali, proprio in virtù del fatto che sedersi insieme a tavola, consumare un buon pasto è già di per sé un incon­tro.

Il lettore può ben capire quanto l'esortazione «man­gia» sia qualcosa che vada ben oltre il semplice nutrimento in senso organico.

Muoviti

La seconda esortazione del titolo non fa riferimen­to al solo muoversi in senso motorio e sportivo ma abbraccia il concetto del «darsi da fare», nel senso di essere attivi nel raggiungere i propri scopi, migliorare costantemente se stes­si e il mondo che ci circonda.

Qualunque filosofia si adotti, si deve considerare che ognuno di noi costruisce quello che poi subisce (Watzlawick, Nardone, 1997; Nardone, 1998; Nardone, Salvini, 2004; Nardone, 2013): anche il non agire è un atto di responsabilità che ci si ritorce contro comun­que, pertanto come ci indica il premio Nobel Ortega Y Gas-set: «Si è comunque condannati alla libertà di scegliere».

Dal nostro punto di vista la posizione esistenziale non può che essere quella di assumersi la responsabilità del nostro agire costruttivamente invece che adagiarsi a un subire pas­sivamente.

Si badi bene questa non è una posizione basata solo su una sorta di «filosofia eroica», bensì un'indicazione che viene dalla ricerca sul come gli esseri umani possono mantenersi in salute fisica, equilibrio psicologico e persino allungare la propria esistenza. Difatti tutti gli studi clinici su questo argomento concordano nel mostrare che sia l'attivi­tà fisica in quanto tale sia un atteggiamento propositivo nei confronti della realtà mobilitano risorse psicobiologiche che rafforzano il nostro sistema immunitario e le nostre capacità come sistema vivente.

Ancora una volta i nostri lontani pre­decessori lo sapevano già: siamo quello che facciamo ripetu­tamente.

Queste sono le parole di Aristotele, il quale conti­nuava anche affermando che «l'eccellenza è un'attitudine» che si sviluppa attraverso l'impegno. Queste considerazioni sono ancora più importanti oggi nel nostro mondo in cui il cedimento, l'arrendevolezza, la noia e la demotivazione sono divenuti una sorta di epidemia sociale.

Di nuovo, il lettore potrà comprendere come la seconda esortazione del titolo vada ben oltre il primo significato: muoversi è infatti inteso come agire nel mondo.

Ama

La terza parte del titolo fa riferimento all'amare nel senso di passionalità con la quale noi pensiamo debbano essere vissute non solo le cose più importanti della nostra esistenza ma un po' tutto quello che facciamo; come ha det­to Fernando Pessoa «Metti tutto quello che sei in tutto ciò che fai».

Questo implica il mettere in gioco costantemente noi stessi anche a livello emotivo, affettivo e sentimentale, «evitando di evitare» le sofferenze che vivere con passione ci farà incontrare, poiché queste sono il rovescio della medaglia costante della gioia, del piacere e dell'amore profondamente vissuto.

Amare significa essere spinti dallo «slancio vitale», così ben descritto nella sua opera dal filosofo Bergson, o dal concetto di «sfida al caso» del poeta Stephane Mallarmé e dalle «passioni vitali» così ben descritte dallo psicologo Wil­liam James. Amare è il rischio più grande del nostro esistere ma è anche ciò che più ci rende vivi e ci dà quei brividi senza i quali vivremmo, con le parole di E. Cioran, «al culmine della disperazione» in un deserto di sensazioni.

A livello medico-psicologico lo slancio passionale col qua­le si vivono le cose innesca circuiti biochimici ed elettrici nel nostro organismo che sono alla base del suo benessere sia organico sia psicologico. A questo si deve aggiungere che senza passionalità tutte le nostre abilità e capacità vengono a deprimersi e anche la nostra possibilità di esprimerci con successo nella vita.

Credo che anche in questo caso l'esortazione del titolo indichi qualcosa che va ben oltre il semplice amare in senso erotico- sentimentale.

Mangiare, muoversi, amare sono ciò che noi definiamo medicina dello stile di vita, un approccio alla salute e al benessere individuale che poi diviene anche interpersona­le e sociale, che non vuole opporsi a tutte quelle pratiche mediche e psicologiche di accertata efficacia, al contrario vuol utilizzarle al meglio all'interno di un progetto sistemi­co biopsicologico che consideri l'essere umano come una «qualità emergente» di componenti organiche, psicologiche e relazionali.

 

Luca SpecianiTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Luca Speciani

Luca Speciani, medico chirurgo a Monza, e già agronomo alimentarista fin dal 1986, è inventore, con il fratello Attilio (immunologo) del metodo dietaGIFT, di cui dirige da alcuni anni la rete italiana di professionisti affiliati. Presidente dell'AMPAS (associazione medici per un'alimentazione di segnale), maratoneta e triathleta, tecnico della FIDAL (atetica) e istruttore di Nordic Walking, è dal 2009 responsabile medico nutrizionale delle squadre nazionali italiane di ultramaratona. Autore di numerosi testi di medicina, alimentazione e sport, collabora stabilmente con diverse testate, tra cui Correre, Ciclismo, Triathlete, Prealpi e con i siti dietaGIFT.it e Eurosalus.com. Visita in Lombardia, Piemonte e Veneto.

 

Giorgio NardoneTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Giorgio Nardone

Giorgio Nardone, psicologo e psicoterapeuta è uno dei maggiori esperti al mondo dei disturbi fobico-ossessivi.

Fondatore, insieme a Paul Watzlawick, e direttore del Centro di Terapia Strategica (C.T.S.), dove svolge la sua attività di psicologo e psicoterapeuta, dirige la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Breve Strategica presso il C.T.S. in Arezzo e la Scuola di Comunicazione e Problem Solving Strategico ad Arezzo e Milano.

E' Docente di Tecnica di Psicoterapia Breve presso la Scuola di Specializzazione in Psicologia Clinica all'Università di Siena, Italia.

Giorgio Nardone rappresenta l’esponente italiano di maggior spicco tra i ricercatori della cosiddetta Scuola di Palo Alto. Infatti le sue ricerche in campo clinico hanno condotto alla messa a punto di innovativi quanto efficaci modelli di Terapia Breve specifici per particolari forme di patologie (attacchi di panico, disturbi fobico-ossessivi, disordini alimentari, ecc).

Al suo creativo ed al tempo stesso sistematico lavoro si ispirano studiosi, terapeuti e manager di tutto il mondo.

Nel campo della Comunicazione ha messo a punto una serie di tecniche evolute dimostratesi di particolare successo nella consulenza, nel coaching e la formazione.

Ben 18 sono i libri pubblicati e tradotti in molte lingue che si riferiscono al frutto delle ricerche svolte presso il Centro di Terapia Strategica di Arezzo.

NARDONE è coordinatore del Network Europeo di Psicoterapia Breve Strategica e Sistemica e della Rivista Europea di Psicoterapia Breve Strategica e Sistemica.

E' direttore della Collana "Saggi di Terapia Breve" dell'editore "Ponte alle Grazie" e da anni tiene regolarmente conferenze e seminari in Italia ed all’estero.

 

Articoli correlatiTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Mangia, Muoviti, Ama - Libro

Uno psicologo e un medico insieme per insegnarti la nuova scienza dello stile di vita

Luca Speciani, Giorgio Nardone

€ 13,60 € 16,00 (-15%) Solo 3 disponibili: affrettati!
Disponibilità: Immediata

Libro - Ponte alle Grazie - Maggio 2015 - Terapie pratiche

Ricercare l'essenza della vita in tre semplici mosse, mangia - muoviti - ama per riscoprire uno stile di vita che vi renderà liberi e felici Come si fa costruire e mantenere la propria salute e il proprio benessere? E cosa... scheda dettagliata

 

Macrolibrarsi Assistenza Chat

 

Assistenza Clienti

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi sconti, promozioni e novità direttamente nella tua casella di posta.

Guadagna subito +50 PUNTI per i tuoi futuri acquisti e premi.



COMMUNITY

Seguici su Facebook
Ti Piace Macrolibrarsi?
Se ti piace clicca su:
   

I LIBRI PIU' VENDUTI

 

SPECIALI