Torna su ▲

RICEVI L'OMAGGIO DI OGGI SE ACQUISTI ENTRO: ORE MIN SEC

Avvento 2016
Idee Regalo

Introduzione di "Adesso Racconta" libro di Bobette...

Leggi in anteprima un brano estratto dal libro di Bobette Buster "Adesso Racconta"

Introduzione di "Adesso Racconta" libro di Bobette Buster

Le storie sono il fuoco che portiamo gli uni agli altri.

Nel romanzo di Cormac McCarthy Non è un paese per vecchi lo sceriffo Bell ricorda che il padre portava all'interno di un corno le braci dal fuoco di un accampamento al successivo. Era un'usanza tramandata ai cowboy dagli indiani d'America. Nel romanzo questo gesto si carica di un altro significato: nutrire la speranza e continuare la ricerca, ma anche preservare l'umanità. Colui che portava il fuoco ricopriva un ruolo speciale nella tribù e agli occhi della comunità. 

Le storie possiedono una scintilla, un potere: consolano, connettono, distruggono, trasformano e, addirittura, guariscono.

Ognuno di noi ha una storia da raccontare, e ognuno di noi può apprezzare una bella storia ben raccontata. Ma non tutti siamo abili narratori.

Eppure, negli anni spesi a insegnare «l'arte del racconto» in giro per il mondo, non ho mai conosciuto nessuno che non fosse in grado di imparare a raccontare una storia in modo efficace, dopo aver appreso ciò che scoprirete in questo libro. La capacità di narrare, come vedrete, è insita nella natura umana. 

Il semplice fatto di raccontare ha un potere, perché riferire e ascoltare una storia ispira le persone, spingendole a immaginare una vita migliore e infondendo coraggio. Accade poi un fatto curioso: le nostre azioni, i nostri atti di audacia risanano l'umanità e quindi trasformano il mondo.

Ugualmente potente è il contrario: il potere della narrazione può essere letale. Il passato, infatti, dimostra che le storie non raccontate si trasformano in un genio malefico chiuso in una bottiglia. Una volta liberato, scatena il suo potere distruttivo. 

Pensiamo a un caso accaduto di recente negli Stati Uniti: il 5 novembre 2011 si scoprì che uno dei più osannati allenatori di football degli Stati Uniti, Joe Paterno, del Pennsylvania State College (noto come Penn State), aveva occultato un'informazione di vitale importanza per più di 14 anni: il suo allenatore in seconda, Jerry Sandusky, era stato accusato di 40 casi di pedofilia. Joe, conosciuto come «JoePa», allora era forse l'allenatore di football più amato della storia, ma non ebbe il coraggio di essere sincero e non fu in grado di affrontare la realtà della «storia» in cui si trovava. Quando la verità emerse, Joe Paterno fu subito licenziato e gli studenti insorsero in sua difesa. Morì sei settimane dopo di cancro ai polmoni. Jerry Sandusky fu processato e giudicato colpevole. 

Allo stesso modo le storie possono distruggere con il pettegolezzo, l'insinuazione e la diffamazione. 

Il «News of the World» di Rupert Murdoch è stato chiuso perché sia i lettori sia il governo britannico erano arrivati al punto di non sopportare più l'accanimento cinico della sua direzione editoriale verso il dolore di una famiglia. Eppure è stata proprio la curiosità morbosa del pubblico a consentire la longevità del suo potere, a prescindere dal modo ambiguo in cui era stata conquistata. 

Questo libro non tratterà di storie sensazionalistiche né di simili narratori. 

Al contrario si parlerà del potere di curare, risanare, comunicare un'idea e, soprattutto, ispirare gli altri insito nella narrazione. Nelle pagine che seguiranno troverete storie di questo genere, tutte personali e vere. Racconteremo di persone che, non potendosi più «permettere il lusso della propria ignoranza», hanno intrapreso progetti umanitari; di diplomatici civili; di attivisti e di un politico all'inizio sottovalutato che ha salvato il mondo.

Scoprirete il potere dell'alchimia mentre entriamo in mondi che, altrimenti, non conosceremmo mai, a Copenaghen, in Uganda, in un sobborgo di Parigi e in una piccola città del Kentucky.

In ogni capitolo vi incoraggerò a prendere nota di alcuni elementi o caratteristiche ricorrenti che trasformano un buon racconto in una storia efficace, con la speranza che anche voi impariate a farli emergere quando narrate una storia.

Dalla preistoria a tempi relativamente recenti, i nostri antenati ci hanno lasciato in eredità la tradizione orale. Sciamani, stregoni e griots di culture tribali di tutto il mondo hanno tramandato il sapere dell'umanità attraverso il folklore, le favole, i miti e le leggende. È così che ogni generazione si preparava psicologicamente al futuro, consapevole che sarebbe riuscita non solo a sopravvivere, ma anche ad affrontare con successo le inevitabili avversità della vita.

Com'è noto, l'era industriale è finita dopo la seconda guerra mondiale, sostituita dall'era dell'informazione veicolata dal computer, dal boom della cultura pubblicitaria di Madison Avenue negli anni '60 (si veda la serie di successo Mad Men) e dall'avvento della televisione. Negli anni '90 è arrivato il momento di Internet, a cui è seguita, nel 2003, l'esplosione epidemica dei social media, con la quale è emersa una nuova, ingannevole idea: tutto ciò che c'è da sapere è a portata di un click.

Stranamente, questa immediatezza ha spento nella gente la curiosità di scoprire il mondo, o quantomeno di conoscerlo in profondità. Con le notizie che vengono date 24 ore su 24 e sette giorni su sette, con le ore spese a twittare o ad aggiornare le pagine Facebook con inezie quotidiane e con gli infiniti reality show televisivi, il potere della narrazione - la sua bellezza contestuale, la sua straordinaria capacità di commuoverci -ha iniziato a declinare.

Come conseguenza i bambini di oggi conoscono i fatti, ma non il contesto in cui essi accadono. Non più plasmati da un mondo in cui si raccontano storie, sembra che non abbiano il desiderio di scavare in profondità, preferendo invece navigare in tempo reale. 

Sono rimasta sconvolta quando, poco tempo fa, un giovane diplomato in una delle migliori scuole americane mi ha chiesto: «John Lennon era in quel gruppo... non me lo dica... i Wings?». 

Non solo. Uno studente della più celebre scuola francese di cinema, La Fémis, mi ha domandato: «Che cosa ha fatto di così straordinario Jean-Luc Godard?». 

Infine ho sentito per caso una donna di Detroit, madre di tre figli, affermare senza ironia: «Ho appena scoperto che George Washington è stato il padre della nostra nazione. Mi sono sempre chiesta chi fosse quell'uomo sul quarto di dollaro». E pensare che ogni anno, il terzo lunedì di febbraio, gli Stati Uniti celebrano una festa nazionale per commemorare il «Giorno del Presidente», in onore di Washington (e di Lincoln). Quando andavo a scuola - ed è così da duecento anni - il 22 febbraio gli scolari imparavano la storia di George Washington che, quando era ragazzo, confessò apertamente al padre: «Non posso mentire. Ho abbattuto quel ciliegio». Quella storia era come l'aria che respiravamo. 

Da un recente e innovativo studio sull'infanzia (Do You Know?), condotto da Marshall Duke, psicologo della Emory University, e dal suo collega Robyn Fivush, è emerso che il migliore indicatore della salute mentale e della felicità dei bambini sono le storie. A quanto pare, più un ragazzino conosce la storia della sua famiglia - e gli ostacoli che i suoi antenati hanno dovuto superare per sopravvivere e andare avanti -, «maggiore è il senso di controllo sulla sua vita e più alta è la sua autostima».

Il problema è che i genitori non raccontano più ai figli le storie di famiglia.
Forse non le conoscono nemmeno loro, perché da bambini non hanno avuto l'occasione di ascoltarle.

Ma nulla è perduto. A quanto pare stiamo entrando in una nuova era: l'era della storia (il ritorno ai racconti intorno al fuoco!) o, meglio, l'era della creazione dei contenuti, nella quale vince chi ha la storia migliore. Diventa quindi essenziale affinare le proprie doti narrative e imparare a narrare nel modo più efficace. Ma per prima cosa bisogna prendere coscienza del fatto che nessuna storia funziona se non si comprende il contesto, il setup che permette di inquadrare il tema e di far emergere le emozioni.

Norman Lear, il creatore di Arcibaldo (una delle serie televisive più amate negli Stati Uniti), ha detto: «Per quanto riguarda le emozioni, viviamo nell'epoca più caotica della storia». Le storie aiutano a riconoscere le emozioni e a comprendere il mondo con maggiore chiarezza. Senza di esse, la prossima generazione si troverà confusa e spaesata.

Padroneggiare l'arte del racconto ha davvero un potere immenso.

Spero che questo libro vi dia gli strumenti di cui avete bisogno per raccontare una storia in modo efficace, che vi mostri come affascinare, persuadere, incantare chi vi ascolta con immagini vivide, creare legami emotivi duraturi.

In ognuno degli otto capitoli che seguono (a partire da p. 31) presenterò una storia principale, talvolta accompagnata da storie secondarie. Ognuna illustrerà un punto chiave del metodo della narrazione. Il mio intento è che ogni capitolo faccia chiarezza su un diverso elemento; al contempo spero lo si usi come base per costruire nuovi significati, un po' come in una piramide.

Noterete che, come sosteneva Aristotele, la narrazione si basa su un principio fondamentale e immutabile: tutte le belle storie possiedono una struttura. Hanno un inizio, una parte centrale e una conclusione. 

Al termine del libro troverete alcuni esercizi grazie ai quali potrete mettere in pratica le vostre nuove abilità narrative, in attesa di affrontare una presentazione o di scrivere la storia della vostra azienda, o semplicemente di portare il fuoco della vostra storia. 

 

Bobette BusterTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

BOBETTE BUSTER è cresciuta in Kentucky, e già durante il liceo si è distinta per le abilità di scrittura e di oratoria. Dopo gli studi si è trasferita a Hollywood per entrare nel mondo della sceneggiatura, e oggi scrive, produce e tiene conferenze per la Disney, la Pixar e la Twentieth Century Fox. Dal 1992 insegna presso la scuola di arti filmiche della University of Southern California, dove ha fondato il primo corso di scrittura di sceneggiature originali.

 

I vostri commenti - Scrivi un commento!

Nessun commento presente

Scrivi un commento!

Articoli correlatiTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Adesso Racconta - Libro

Come narrare la tua storia perché il mondo la ascolti

Bobette Buster

(1)
€ 12,33 € 14,50 (-15%)
Disponibilità: 2 giorni

Libro - Anteprima - Aprile 2015 - Vendita

Nel mondo di oggi, per avere successo non basta più produrre e stare sul mercato. Il mondo di oggi vuole conoscere te e la storia nascosta dietro il tuo lavoro. Ma tu, sei in grado di raccontargliela? Che tu abbia un... scheda dettagliata

Possiamo aiutarti?

assistenza clienti

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

 

Assistenza Clienti

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi sconti, promozioni e novità direttamente nella tua casella di posta.

Guadagna subito +50 PUNTI per i tuoi futuri acquisti e premi.



COMMUNITY

Seguici su Facebook
Ti Piace Macrolibrarsi?
Se ti piace clicca su:
   

I LIBRI PIU' VENDUTI

 

SPECIALI