Torna su ▲

RICEVI L'OMAGGIO DI OGGI SE ACQUISTI ENTRO: ORE MIN SEC

Avvento 2016
Idee Regalo

Introduzione - Chi siamo? Da dove veniamo? Dove...

Leggi un estratto dal libro di Daniela Bortoluzzi "Chi siamo? Da dove veniamo? Dove andremo?"

Introduzione - Chi siamo? Da dove veniamo? Dove andremo? - Libro di Daniela Bortoluzzi

Ci sono due cose di fronte a cui l'uomo è impotente: lo scorrere ineluttabile del tempo e il desiderio di conoscere il futuro. Le civiltà del passato scrutavano nelle pieghe del tempo a venire, traendo auspici dal cielo e dai sogni, allo scopo di evitare carestie o vincere in battaglia, mentre per vincere la morte usavano riti e formule magiche, invocando gli dei e le forze della Natura.

Oggi, invece, l'uomo moderno vive un momento epocale caratterizzato da un tam-tam di informazioni e ognuno può decidere se sposare le correnti di pensiero positive (secondo le quali in questo periodo stanno avvenendo cambiamenti evolutivi a livello coscienziale ed esistenziale che produrranno beneficio a tutta l'umanità), o quelle negative (i cui unici valori sono il potere e il denaro). Esiste quindi un polo positivo formato dai mistici, che annunciano una prossima era di pace della durata di almeno mille anni... e un polo negativo formato invece da uomini che sono esempi di egoismo e di corruzione in ogni settore del potere (politica, religione e industria, compresa quella bellica). I primi distribuiscono gratuitamente saggezza, amore e Grazia, mentre i secondi distribuiscono miseria, paura e morte e diventano milionari (in dollari e in euro) con le loro idee perverse.

Non bisogna meravigliarsi se sussistono due punti di vista diametralmente opposti in un'epoca materiale e duale come quella attuale: vita/morte, bene/male, giorno/notte, uomo/ donna, caldo/freddo, ricchezza/miseria ecc. In un mondo duale come la Matrix / Maya, in cui crediamo erroneamente di vivere, esistono un polo negativo e uno positivo che corrispondono alla Luce e all'Ombra e che si devono compensare in quanto rappresentano un importante equilibrio di energie.

È peraltro piuttosto evidente che il polo negativo è iperattivo allo scopo di sopraffare quello positivo: la maggioranza delle persone, comprese quelle al potere, non desiderano affatto questo cambiamento esistenziale, motivate da interessi personali e legate al senso di «io» e di «mio» da cui non intendono separarsi. Facendo attenzione alle sincronicità quotidiane, ognuno di noi può facilmente riconoscere la presenza di una forza negativa che opera per impedire il risveglio delle coscienze e mantenere viva l'Ombra.

Negli ultimi decenni la scienza ha fatto passi da gigante grazie alla meccanica quantistica, una branca della fisica che rispecchia in modo imbarazzante la filosofia vedica. E mentre negli «archivi del Conscio» stanno riaffiorando impressioni, intuizioni e sensazioni che cominciano a risvegliarci, riscopriamo Leggi e Forze universali dimenticate per millenni: chiudiamo gli occhi per ascoltare i sussurri degli alberi, respirare il profumo della Natura o immergerci nella meditazione per ritrovare noi stessi.

Alcuni di noi non sopportano più di cibarsi di animali, né di farli soffrire e si orientano verso il vegetarismo e un'alimentazione sattvica. Ci stiamo risvegliando da un sonno millenario caratterizzato dal calo progressivo della Coscienza. Con la fine del Kali Yuga (il periodo più buio della Coscienza), una nuova energia sta accelerando il grande cambiamento già in atto e questo si traduce con un risveglio graduale della Coscienza, che anela ogni giorno di più all'Illuminazione, cioè al risveglio totale. Un nuovo afflusso di energia sta affluendo nella nostra galassia influenzando il Sole, che a sua volta influisce sul nostro DNA e sulle nostre menti.

Il DNA umano si sta modificando per adeguarsi ai disturbi magnetici solari in atto: la struttura molecolare umana sta mutando per essere in sintonia con questo processo iniziato una ventina di anni fa e diventa sempre più sottile a mano a mano che sviluppa il nuovo corpo di Luce. E benché l'enorme quantità di questa nuova energia stia apportando consapevolezza innalzando le nostre frequenze, l'ascensione planetaria avverrà solo attraverso il libero arbitrio di chi deciderà di elevare la propria Coscienza.

Nella tradizione induista esistono quattro Età (Yuga) cicliche: Sathya, Treta, Dvapara, Kali. Il passaggio astrologico all'Era dell'Acquario segnerà il Sathya Yuga, l'Età dell'Oro (o della Verità), il più bel momento del ciclo umano. Il passaggio da un'Età/Era all'altra, infatti, è ciclico e la razza umana è destinata a elevarsi dopo il declino finale del Kali, che secondo gli antichi Veda e gli Avatar, iniziò circa 5000 anni fa, dopo la morte di Krishna.

Dall'India ci viene quindi la risposta a molte domande, ma per annullare gli effetti deleteri della mente nella vita di ogni giorno è necessario sottometterla, consentendo al Diksha (l'Energia del Risveglio) di mostrarci cosa siamo in realtà e di spogliarci dalla corazza che il nostro Ego si è andato costruendo fin dai primi mesi di vita.

La fine di questo ciclo cosmico è caratterizzata da fanatismi religiosi e al contempo da profeti di speranza, mentre gli scienziati scoprono che la vita è un mistero e qualcuno inizia ad ammettere che la realtà, nel modo in cui l'abbiamo sempre concepita, semplicemente non esiste.

In questo momento cosmico servirebbe molta compattezza spirituale e comunione di intenti per far imperversare l'amore universale e accelerare l'evoluzione umana, perché è di questo che stiamo parlando. Non dell'evoluzione darwiniana, ma di quella «coscienziale» del genere umano! L'amore è così forte che ha un effetto-lievito. Se ognuno di quelli che ci credono (nella forza evolutiva e guaritrice dell'amore) farà la sua parte, riusciremo a neutralizzare quel polo negativo che sta seminando confusione nelle menti.

Purtroppo siamo circondati dall'indifferenza, dallo scetticismo e dal sarcasmo, come lo fu Galileo Galilei che per non finire al rogo degli inquisitori dovette ritrattare le sue scoperte. La scienza dell'epoca era infatti soggiogata dal potente clero oscurantista, talmente dogmatico e contrario a ogni idea rivoluzionaria, che nessuno volle guardare nel cannocchiale (che avrebbe dimostrato l'esattezza delle sue intuizioni). Per certi aspetti la situazione attuale non è molto diversa... l'oscurantismo, specialmente quello religioso, esiste ancora. La religione, secondo la sua stessa etimologia, dovrebbe unire... ma è invece un focolaio di proselitismo di questo o di quel Dio... mentre Dio è Uno. E noi siamo particelle di quell'Uno, siamo l'Uno stesso... siamo Dio. Non esiste nemmeno un «noi»: c'è solo siamo.

Una volta capito questo, ci sarà la liberazione dalla schiavitù impostaci dal letargo da cui ci stiamo finalmente risvegliando! Stiamo per passare da una dimensione esistenziale di sonno a una di veglia.

Negli ultimi tempi si tengono molte conferenze di estrema importanza e sono stati scritti libri che spiegano alcune tra le più straordinarie Leggi dell'Universo, la cui scoperta e conoscenza porterà benefici indicibili a tutti e al futuro di tutti. Di tutti coloro, ovviamente, che le vorranno conoscere, riconoscere e usare. In questo libro, oltre a parlarne, insegnerò alcune tecniche per attivarle non solo nella quotidianità, ma eventualmente anche per scongiurare un'emergenza e di conseguenza cambiare un futuro già in atto.

Non pensiate che io voglia atteggiarmi a guru! Desidero solo condividere con quante più persone possibili le mie esperienze personali, le mie scoperte e i miei risultati. Ho provato su di me gli effetti di alcune Leggi Universali e desidero che i lettori di questo libro non mi fraintendano e aprano il loro cuore e la mente. Se lo faranno avranno qualcosa di nuovo da metabolizzare nello spazio del loro intuito, da condividere a loro volta.

Provenendo da una famiglia come tante, i principi religiosi mi erano stati dolcemente inculcati fin dall'infanzia. La religione appresa, con tutti i suoi dogmi, si era impossessata lentamente della mia mente, impedendole di vedere oltre. Adesso è tutto chiaro: Dio non è lì fuori, in cielo, da qualche parte... è in ognuno di noi e l'Energia Cosmica, presente in tutte le cose visibili e non visibili, in tutti i mondi di tutti gli universi ultradimensionali, è la condizione di divinità senza la quale non potrebbe sussistere alcuna forma di vita.

All'inizio è stato molto difficile riuscire a scrivere queste cose, ma la cosa più traumatica è stata l'accettazione di poterle capire. Presa da una crisi esistenziale provocata dall'improvvisa mancanza delle mie certezze (e da mille dubbi circa la mia stessa capacità di discernere), sono stata più di una volta sul punto di gettare la spugna.

E allora ecco un sogno e poi un altro... e un altro ancora. Notte dopo notte, ho appreso dal mio apparente passato, nozioni che provenivano dal luogo del non-tempo, in un susseguirsi senza fine. La prima volta, al risveglio, è stato uno shock, perché la realtà sembrava virtuale e il sogno, realtà. Ogni qual volta non riuscivo ad accettare che fosse così, soffrivo terribilmente; allo stesso tempo non vedevo l'ora di addormentarmi per essere risucchiata da quel vortice inebriante di sensazioni.

Nelle prossime pagine intendo descrivere con la massima umiltà le esperienze, le scoperte, i sogni, i traumi e le gioie che mi hanno portato a scrivere questo libro. Consapevole che nulla avviene per caso e che l'esistenza è un continuo concatenarsi di eventi che ritornano sul nostro cammino, ho finalmente realizzato perché questo succede.

I sogni, anche se non tutti, sono lo spazio più importante della comprensione umana perché sono una realtà creata dalla mente. Alcuni famosi psichiatri lo avevano capito, senza tuttavia compenetrare il luogo arcano dove si manifestano e, di conseguenza, come arrivano alla nostra mente. Anticamente veniva riservata moltissima importanza ai sogni, tanto che da molti di loro fu possibile trarre quegli auspici che permisero di evitare pericoli, carestie, epidemie e sconfitte in battaglia.

Durante il sonno sperimentiamo uno stato di coscienza alterata che ci permette di entrare in contatto con entità che vivono in altre dimensioni, in altri mondi, in altri universi. Il più delle volte non siamo in grado di controllare la direzione verso cui andare, perché, di fatto, entriamo nella dimensione onirica passivamente. Per essere «catapultati» in una condizione di spazio-tempo particolare, esistono specifici metodi, che vanno dall'ipnosi regressiva all'autoipnosi, alla meditazione, all'assunzione di sostanze psichedeliche.

Vorrei ricordare che il premio Nobel Francis Crick rivelò in punto di morte di aver «visto» la struttura a doppia elica del DNA (che gli fece guadagnare il prestigioso riconoscimento) sotto l'effetto dell'LSD. Confessò anche di essere convinto che la molecola del DNA ci fosse stata inviata dentro alcuni batteri da una civiltà extraterrestre. Si chiedeva, a questo proposito, come mai il cosiddetto «DNA spazzatura», cioè quel 97% che gli scienziati non capiscono, contenga una serie di sequenze chimiche - regolate in modelli e frequenze - riscontrate nei codici dei linguaggi umani.

Quando conobbi lo scrittore Graham Hancock, mi parlò dell'usanza degli sciamani di bere intrugli allucinogeni per raggiungere stati di coscienza alterata; in particolare descrisse quelli delle foreste pluviali dell'Amazzonia (con cui aveva vissuto per un certo periodo allo scopo di raccogliere testimonianze per il libro che stava scrivendo ^) che bevono l'infuso di ayahuasca, un'erba altamente allucinogena che li conduce fuori del corpo, nel mondo degli spiriti. Qui incontrano le entità intelligenti che hanno insegnato loro a vivere nella giungla e a sfruttare i poteri delle piante medicinali della foresta pluviale. Li descrivono come esseri ibridi con teste di animali e corpi umani.

Hancock parlò anche degli effetti della DMT, della psilocybina, della mescalina e dell'LSD, testati da un gruppo di volontari occidentali, i quali hanno riferito visioni e incontri con esseri ibridi (la cui descrizione è identica a quella dipinta dai nostri antenati preistorici nelle caverne, e tuttora dagli sciamani dell'Amazzonia). Parlando di quel libro, Graham Hancock disse di aver investigato gli aspetti psicologici dei nostri antenati e gli stati di coscienza alterata, cioè un aspetto mai preso in considerazione prima, aggiungendo di aver concluso le sue ricerche, dopo molti anni di investigazioni, per scoprire le tracce dei nostri predecessori in giro per il mondo, rischiando la vita e la reputazione.

I nostri creatori vivono in altri pianeti del Cosmo, e questi pianeti si trovano da qualche parte... forse in uno dei tanti universi paralleli, probabilmente in una dimensione diversa cui noi possiamo accedere attraverso stati di coscienza alterata. Al contrario, loro possono anche viaggiare a bordo di veicoli spaziali in grado di trasportarli fino al nostro pianeta attraverso corridoi spazio-temporali. Ho specificato anche perché una struttura molecolare molto meno densa della nostra, consenta loro di apparire per brevi istanti sulla Terra senza bisogno di spostarsi dal luogo dove si trovano. Grazie alla loro particolare struttura, alcuni possono manifestarsi contemporaneamente in dimensioni diverse e quindi, in una sorta di ubiquità dimensionale, trovarsi nel nostro futuro e contemporaneamente nel nostro passato, dal momento che il tempo non esiste.

Poiché il tempo non esiste, non esiste neanche la morte, che è solo un'invenzione della nostra mente razionale... e naturalmente non esiste la nascita. La scintilla divina che alberga in noi, ovvero la Coscienza Cosmica, è sempre stata e sempre sarà.

La Coscienza umana, che non ha ancora realizzato la sua divinità, deve anelare a questa consapevolezza... ma per farlo, deve rompere le barriere mentali che le impediscono di vedere la Verità.

All'inizio di tutte le cose... c'è l'inizio.

All'inizio del risveglio della nostra Coscienza, il buio inculcatoci dalle religioni e dalla scienza oscurantista sarà rischiarato appena un po', ma da quel momento, il piccolo barlume diverrà una luce sempre più chiara e rivelatrice.

Svegliati, uomo sonnolento e intontito! Non permettere più che altri uomini, dai loro appostamenti di potere, ti tengano schiavo!

Svegliati! Riconosci te stesso e la tua divinità!

Chi siamo? Da dove veniamo? Dove andremo?

Chi siamo? Da dove veniamo? Dove andremo?

Da quando l’uomo ha l’uso della ragione si è sempre chiesto da dove viene e dove andrà dopo la sua parentesi terrena.

Curiosità motivata dalla paura di morire, o sincero desiderio di sapere?

L’autrice esamina alcune recenti scoperte della meccanica quantistica che ricalcano concetti della filosofia vedica.

Nella ricerca delle origini della vita e della specie umana, vengono analizzati antichi documenti storico-religiosi, per scoprire i messaggi esoterici che i nostri predecessori ci hanno voluto lasciare.

Possibile che il nostro pianeta sia stato teatro di genetica sperimentale e che alcuni organismi, come quelli dei nostri antenati, siano stati modificati al fine di ottenere creature più forti e intelligenti?

Investigando una serie di misteri che la scienza non sa ancora decifrare scopriremo la Forza capace di trasformare il vuoto in ciò che chiamiamo Realtà.

Acquista ora

 

Daniela BortoluzziTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Daniela Bortoluzzi

Daniela Bortoluzzi è nata nel 1948 a Venezia, dove risiede con la sua famiglia.
Ha conseguito studi classici, linguistici e artistici prima di decidere di essere una ricercatrice indipendente.  E' creatrice, autrice e webmaster.

Ha sempre odiato le mezze verità, i dogmi, i cover-up mediatici e religiosi, le teorie-leggi sull'evoluzionismo,  l'oscurantismo imbarazzante degli egittologi, le non-verità elargite a piene mani... Da molti anni, partendo da una passione innata per l'Egitto e per l'esoterismo, Daniela si dedica a "investigare" su temi scottanti come l'archeologia proibita, la mitologia e le rispettive valenze storico-religiose. Non ha mai voluto accettare i dogmi religiosi, le teorie di Darwin, le versioni ufficiali sulla Piramide "di Cheope" e sulla Sfinge, e i cover-up della NASA e del Vaticano, ritenendo che si tratti - spesso volutamente - di elementi fuorvianti confezionati ad arte per impedirci di sapere chi siamo e da dove veniamo.

Daniela Bortoluzzi è autrice di molti articoli pubblicati dalle riviste Hera, Nexus, Archeomisteri e Fenix; è spesso invitata a trasmissioni radiofoniche e televisive  e a partecipare a conferenze e dibattiti su temi legati alla spiritualità, ad Atlantide, al 2012, e alle tracce che i nostri predecessori hanno lasciato su questo pianeta.

 

I vostri commenti - Scrivi un commento!

Nessun commento presente

Scrivi un commento!