Torna su ▲
Avvento 2016
Idee Regalo

Introduzione a "Guida Pratica al Cibo per la...

Introduzione a "Guida Pratica al Cibo per la salute delle Ossa"

«Il comportamento finalizzato a uno scopo è spesso in sé controproducente. Cioè nel ricercare scopi immediati (cibo, energia, ricchezza) gli esseri umani generano una reazione a catena di effetti secondari nel sistema naturale di cui essi fanno parte, un sistema infinitamente più complesso e sottile di quanto ne abbiano cognizione:
“I fini consci che puntano al raggiungimento di specifiche mete, non tengono solitamente conto della struttura circolare data dal rapporto di causa ed effetto il quale caratterizza l’universo, e questo errore cognitivo induce al fallimento dei fini”».

Richard Grossinger
citando Roy Rappaport, «Planet Medicine»

Come capita a tanti, sto diventando vecchia.

Tuttavia sento acutamente che il diventare vecchia può essere un ulteriore processo gioioso di crescita e di apprendimento non trattandosi né di una malattia né di una tragedia. La società in cui viviamo, invece, tende a farci credere che per una donna la vecchiaia rappresenti entrambe queste situazioni.

Siamo bombardate letteralmente sul come mantenerci giovani, come cercare l’eterna giovinezza, o come apparire con un’età che non abbiamo, spesso mantenendo i nostri corpi, dal punto di vista ormonale, gli stessi quali essi erano durante gli anni riproduttivi. Ci viene detto di mantenere il fisico, di perdere peso, eliminare le rughe, sottoporsi al lifting e alla liposuzione.

Ma a quale scopo? A trent’anni la nostra energia sessuale è al massimo. A sessanta si può ridurre a un regolare e piacevole mugolio mentre allo stesso tempo, la nostra energia spirituale si innalza.

Perché tenerci ancorati al passato e confondere il problema? A questo stadio della nostra storia personale, quando abbiamo abbastanza cibo, riparo e sicurezza dai predatori (siano essi un leone o un criminale, e penso che la vita di città quanto a sicurezza equivalga alla vita nella giungla) possiamo vivere una vita lunga e produttiva apportando la nostra saggezza ed esperienza al mondo che ci circonda. A che pro pretendere a tutti costi di sembrare giovani in età matura?

Eccoci al tema in questione.

Nelle donne in menopausa
l’osteoporosi e la fragilità delle ossa sono un problema fondamentale.

Non passa giorno, o quasi, che non se ne debba parlare o che personalmente non ne abbia a che fare con una paziente preoccupata. Sempre di più l’osteoporosi è oggetto di campagne pubblicitarie organizzate dal mercato farmaceutico. È vero che la frattura del bacino, di una vertebra, di un polso colpisce più che altro persone in età avanzata e questo merita la giusta attenzione.

Quando entrai in menopausa, verso i primi anni Novanta, mi imposi di non preoccuparmi delle ossa, dopotutto erano trent’anni che mi preoccupavo dell’alimentazione e della salute e forse ne avevo abbastanza.

Mi ero occupata di dieta vegetariana fin dall’adolescenza, di macrobiotica intorno ai vent’anni, a trenta ero passata a insegnare la cucina dei cibi integrali, poi a dare lezioni su come il cibo influisce sulla nostra salute e in generale sul nostro benessere.
Così nel cammino intrapreso fu quasi giocoforza creare la scuola di cucina che ora è diventata il Natural Gourmet Institute for Health and Culinary Arts assieme all’istituzione parallela il Natural Gourmet Institute for Food and Health.

Poiché adoro scrivere quanto insegnare, ho scritto due libri di cucina: The Book of Whole Meals, pubblicato nel 1979, dove si faceva vedere che era possibile preparare colazione, pranzo e cena sulla base di cereali integrali e fagioli.
Successivamente nel 1989 pubblicai The Natural Gourmet con ricette più esotiche e menu che avevano come base la teoria cinese dei cinque elementi.
Nel frattempo avevo pubblicato nel 1986 le mie riflessioni, Food and Healing, che a dieci anni di distanza, è stato riedito. Questo libro rappresenta il tentativo di gettare le basi di una teoria di come il cibo influisca sulla nostra salute, dando la possibilità di scegliere i cibi più sani nelle più svariate circostanze, evitando altresì di cadere nella trappola di ideologie alimentari che possono fuorviare.
Il mio precedente libro sul tema della salute del tessuto osseo, Food and Our Bones, fu pubblicato da Dutton/Plume nel 1998 ed esaurito dal 2004.

Nel periodo di stesura di quel libro completai un dottorato sull’alimentazione integrale presso la Union Institute e l’Università a Cincinnati, Ohio, 2002, come è testimoniato dalle iniziali accanto al mio nome.

Prestando attenzione a quanto mi veniva insegnato dalla vita, dalla famiglia, dai figli, dagli studenti e da tutti coloro che hanno condiviso e discusso con me le esperienze, assieme a quanto via via apprendevo dalle pubblicazioni e dalle ricerche, inevitabilmente venivo a modificare quanto insegnavo. Dovevo aggiungere o depennare finché non fossi giunta al cuore della questione, ovvero dovevo individuare i benefici dei molti e diversi cibi naturali sia del mondo naturale che vegetale.

Trovavo persone cui giovavano diete vegetariane o anche vegane, altre cui bastava evitare nella propria dieta non solo il pesce ma anche la carne rossa. Scoprii che molte persone, tra cui me stessa e i miei figli, devono evitare il latte e i suoi derivati nonché lo zucchero, mentre altre trovano i derivati del latte confacenti al loro organismo.

Quello che invece rimaneva per me una costante era abbondare nelle verdure e cereali integrali e che i cibi migliori fossero quelli forniti dalla natura senza alcuna manipolazione e cioè cibi integrali, freschi, naturali, in una parola “veri”.

Credo fermamente che in una dieta sana non vi sia posto per il cibo industriale, colorato artificialmente, insaporito, addolcito e cioè quello che comunemente si definisce cibo finto. E così le diete che si focalizzano su uno dei macronutrienti – proteine, carboidrati, o grassi – vuoi pro o vuoi contro, presto o tardi si rivelano diete non bilanciate o insufficienti.

Il segreto invece sta tutto nel trovare i cibi più appropriati alla nostra esistenza.

Credo innanzitutto che per stare sani dobbiamo fare attenzione a come ci sentiamo e a come funziona il nostro organismo, non limitarci a prestarvi attenzione quando ci ammaliamo.

Alla stessa maniera in cui ci preoccupiamo di tenere la casa pulita o ci preoccupiamo dell’olio o della benzina dell’auto, così dobbiamo tenere il corpo pulito dentro e fuori, disintossicarlo nella giusta misura e regolarmente, dargli cibi e liquidi confacenti così da poter vivere bene e sentirci quindi utili e contenti.

Il tema delle ossa si rivela terribilmente complesso.

Il nostro scheletro non sostiene solamente muscoli e organi, ma è il deposito dei tanti minerali di cui il corpo abbisogna per il suo corretto funzionamento. Questi minerali sono parte essenziale del nostro metabolismo, mantenendo il pH del sangue al giusto livello. Essi più che pietruzze od oggetti duri si possono raffigurare piuttosto come una corrente continua che trasporta elementi nutritivi e minerali.

Quando ci troviamo in equilibrio – un equilibrio dinamico legato a un movimento costante, come andare in bicicletta – gli elementi nutritivi dati e contemporaneamente tratti dal tessuto osseo sono in equilibrio e le nostre ossa rimangono forti. Quando l’estrazione di questi elementi nutritivi supera il normale rifornimento, le ossa diventano più fragili.

Questo libro considera l’intero e complesso sistema della salute del tessuto osseo e ha la pretesa di dare una migliore comprensione dell’argomento, nonché fornire strumenti pratici per la protezione delle ossa.

Viene in primis affrontato il tema di come il sistema di alimentazione si rifletta sullo scheletro, quali cibi lo indeboliscano e come invece un’alimentazione appropriata possa rafforzarlo e prevenire fratture dovute a fragilità ossea.

Aggiungo che le scelte nutrizionali e opportunamente bilanciate, vedi le ricette presentate nel libro, aiuteranno a rafforzare tutto il vostro corpo. Come dice quella canzone, «l’osso del piede è collegato all’osso della caviglia, l’osso della caviglia collegato all’osso della gamba». In realtà tutte le ossa sono interconnesse e a loro volta connesse a tutto il corpo.

Mangiare sano è dunque la migliore medicina preventiva.

Questo libro spiega come avere un’ossatura forte con cibi integrali di qualità, i soli in grado di fornire in forma naturale i necessari nutrienti, unitamente all’esercizio fisico e all’esposizione alla luce del sole.

Spero che il lettore trovi consigli a lui adatti, tali da preservarlo forte per tutto il resto della sua vita. Conoscendo la realtà dei fatti, il percorso della vostra azione individuale sarà più chiaro. Le ricette aiuteranno a prendere la strada giusta.

Ricordiamoci che, una volta che il corpo muore, le ossa possono rimanere intatte per millenni. E visto che possono durare così a lungo non c’è ragione per cui debbano indebolirsi e rompersi mentre noi siamo ancora in vita.

 

Annemarie ColbinTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Annemarie Colbin

Annemarie Colbin, nata in Olanda da padre ungherese e madre olandese, emigrò con i genitori in Argentina dopo la seconda guerra mondiale. L'influenza della sua famiglia la spinse a divenire vegetariana e a studiare gli effetti del cibo sulla salute.

Nel 1961 si trasferì negli Stati Uniti, dove nel 1984 conseguì un master in Nutrizione Olistica alla Columbia Pacific University e varie specializzazioni in ambito nutrizionale negli anni successivi. E' una personalità molto conosciuta negli ambienti della salute naturale sia per la sua professionalità sia per la sua attività di conferenziere in materia di benessere.

Nel 1977, a New York City, fondò "Natural Gourmet Cookery School", la prima scuola di cucina naturale nel paese, che è la sola riconosciuta nel dipartimento educativo di stato a New York. Autrice di alcuni libri di cucina, partecipa a diverse trasmissioni televisive e scrive su riviste e giornali autorevoli.

A Manhattan, dove vive con le figlie, ha fondato e dirige un istituto dove insegna come ciò che mangiamo determina la nostra salute, il nostro benessere e la qualità della nostra vita.

 

I vostri commenti - Scrivi un commento!

Nessun commento presente

Scrivi un commento!

Articoli correlatiTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Guida Pratica al Cibo per la salute delle Ossa - Libro

Rinforza il tessuto osseo per prevenire le fratture e l'osteoporosi - 85 deliziose ricette naturali

Annemarie Colbin

(6)
€ 16,50
Disponibilità: Immediata

Libro - Macro Edizioni - Settembre 2013 - Ricette per la salute

È essenziale per la tua salute mantenere le ossa forti. Ma come fare? Bevendo tanto latte come ti hanno insegnato da piccolo? No, mangiando cibi integrali e seguendo i consigli dell’esperta di nutrizione Annamarie Colbin.... scheda dettagliata

Possiamo aiutarti?

assistenza clienti

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

 

Assistenza Clienti

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi sconti, promozioni e novità direttamente nella tua casella di posta.

Guadagna subito +50 PUNTI per i tuoi futuri acquisti e premi.



COMMUNITY

Seguici su Facebook
Ti Piace Macrolibrarsi?
Se ti piace clicca su:
   

I LIBRI PIU' VENDUTI

 

SPECIALI