Torna su ▲

Insonnia - Rimedi Naturali

Cosa c’è all’origine dell’Insonnia e come è possibile risolverla in modo naturale? Ecco una spiegazione a cosa accade e i rimedi naturali più efficaci per migliorare la quantità e la qualità del riposo notturno.

Insonnia - Rimedi Naturali

Effetti dell’Insonnia

E’ capitato a tutti, per un motivo od un altro, di trascorrere una notte dormendo poco, risvegliandosi in continuazione, fissando a lungo il soffitto o un punto indefinito nel vuoto, rigirandosi inutilmente nel letto in cerca di una posizione che potesse alleviare questo stato ed accorgersi che il passare del tempo diventava sempre più angosciante, foriero di pensieri e presagi.

E’ questo uno degli effetti dell’insonnia che, in forma occasionale o invece costante e continua, può gravemente incidere sul benessere e sullo stato di salute della persona.

Infatti la qualità del sonno è di fondamentale importanza per il recupero ed il ripristino delle proprietà funzionali del sistema nervoso e di tutto l’organismo; chi ha provato quanto sopra descritto sa bene le difficoltà che il giorno dopo ha dovuto incontrare nel sostenere il lavoro mentale o lo studio, nelle attività fisiche, nelle relazioni sociali ed anche nel senso di benessere organico e nella serenità interiore.

Cosa la provoca

Gli stili ed i ritmi di vita attuali che ci hanno inculcato il concetto della massima efficienza e della prontezza di risposta ad ogni sollecitazione, hanno portato ad assumere come normale e scontato un atteggiamento di continuo stato di allarme e tensione. Ciò sembra ormai imprescindibile sul lavoro, ma anche in situazioni apparentemente più rilassate come lo studio, la famiglia, le relazioni sociali, possiamo osservare come spesso tutto sia scandito da tempi, scadenze e impegni sempre più pressanti ed irrinunciabili, il che mette in moto un meccanismo di competizione continua fra la persona ed il tempo a sua disposizione.

Se era possibile comprendere lo stress come fattore di rischio per managers e responsabili di alto livello, ora vediamo comunemente che categorie assolutamente lontane da tali ipotesi soffrono sempre più apertamente di tali problemi. Oramai anche fra studenti, casalinghe e pensionati spesso si manifesta la tipica sintomatologia stressogena, anche in assenza di obbiettive motivazioni.

A livello fisiologico lo stress è un fenomeno normale ed anzi utile, in quanto ci permette di reclutare energie e risorse particolari nello svolgersi di eventi particolarmente impegnativi. Nella fase di stress viene attivato il nostro sistema nervoso autonomo, in particolare il ramo Simpatico, quello che utilizza come mediatore sinaptico l’adrenalina.

Tipiche sono le reazioni di risposta di “attacco e fuga” che vengono svolte da ogni organismo animale in maniera pressoché automatica di fronte a fenomeni improvvisi e potenzialmente pericolosi. In questi momenti, dietro lo stimolo adrenalinico del Simpatico e la secrezione conseguente di cortisolo, si mobilizza tantissima energia che verrà utilizza dal soggetto per reagire rapidamente e nel modo migliore alla stimolazione o alla presunta minaccia.

Tali eventi fanno consumare dall’organismo molta energia e inducono modificazioni fisiologiche come l’aumento della tensione dei muscoli e dei tendini, la diminuzione della funzione degli organi interni, l’accelerazione del battito cardiaco e della respirazione, l’aumento di pressione arteriosa e della reattività nervosa.

Tutto ciò solitamente ha una durata contenuta ed alla cessazione dello stimolo scatenante entra in funzione l’altro ramo del sistema nervoso autonomo, quello Parasimpatico. Esso rilascia acetilcolina come neurotrasmettitore ed induce la regressione degli stimoli adrenalinici, un rilassamento generale, la terminazione dello stato di allarme e di tutte le modificazioni fisiologiche da esso indotte e la predisposizione al recupero energetico. In questo modo l’organismo riesce a gestire normalmente nel tempo cicli consecutivi fra “allarme” e “relax”.

Le conseguenze dell’insonnia da attivazione nervosa

Il problema sorge quando lo stimolo per la scarica adrenalinica del Simpatico tende a permanere nel tempo e a divenire praticamente costante; ecco che così tendiamo a vivere continuamente una attivazione adrenalinica, anche in assenza di una reale motivazione, che farà permanere il nostro organismo in uno stato di alterata, continua tensione.

Nel tempo aumenterà e diverrà costante il consumo eccessivo di energia che sarà sempre più difficile da recuperare inducendo stanchezza cronica e astenia, la tensione muscolare e tendinea si trasformerà in problematiche infiammatorie e dolorose alle articolazioni (schiena, collo, spalle), gli organi interni diminuiranno la loro funzionalità ed accuseranno fastidi (ulcere, acidità, coliti), l’apparato cardiovascolare e respiratorio sarà sottoposto nel tempo a gravi potenziali problematiche (aritmie, infarti, ipertensione, asma), il sistema nervoso andrà incontro a progressiva degradazione delle sue qualità (confusione, irritabilità, ansia).

Il sonno è una fase fisiologica di fondamentale importanza per l’interruzione degli stimoli eccitatori che possono far permanere lo stato di attivazione adrenalinica; la perdita progressiva della durata e della qualità del sonno è infatti uno dei chiari segnali che stiamo procedendo nell’acuirsi di tale situazione infausta.

Cosa non fare

E’ importante in queste fasi reagire opportunamente alla situazione e non commettere invece errori molto comuni ed anche gravi. Prendiamo ad esempio l’uso a volte esagerato di caffè durante la giornata. Se ci sentiamo stanchi dopo un lungo periodo di stress e magari di insonnia, ecco che ricorriamo ad eccitanti alcaoidi (caffeina) per rimanere comunque efficienti e per rimediare al senso di stanchezza, spossatezza e poca lucidità mentale che proviamo.

In questo modo però purtroppo non facciamo altro che aumentare ulteriormente la stimolazione adrenalinica e la presenza di cortisolo nel sangue, il che non potrà che ripercuotersi nel tempo ancor più gravemente su tutte le varie situazioni negative che possiamo presentare.

Possiamo quindi comprendere che è invece utile e necessario interrompere il trend “eccitatorio” che abbiamo intrapreso, cercando il modo di ripristinare la fisiologica alternanza del ritmo Simpatico/Parasimpatico. E’ lo stesso ritmo che assicura la naturale consecutività di veglia e sonno, in fasi apparentemente opposte ma che, solo in questo modo, permettono il recupero di energie e capacità ed il loro successivo migliore impiego.

Pensieri continui, ossessivi, negativi, tensioni fisiche e mente autoattivante, questi sono le tipiche sensazioni che conoscono bene coloro i quali possono trovarsi nel pieno della notte, per ore, a rimuginare pensieri ed inseguire un rilassamento che non arriva. Sono i classici sintomi derivanti dall’attivazione adrenalinica Simpatica eccessiva, quella che deriva dallo stato di stress continuato e non scaricato, anche se la persona apparentemente sembra tranquilla e controllata.

E’ infatti proprio quel controllo, basato su un contenimento costrittivo di timori, rabbie o tensioni, che se pur ci appare come la soluzione migliore per superare il nostro stato di stress, ne impedisce invece il normale scarico e l’innestarsi del fisiologico periodo di recupero e rilassamento Parasimpatico.

I rimedi naturali

In tutti questi casi, oltre al fondamentale approccio con un proprio personale percorso di cambiamento di abitudini e tendenze dello stile di vita attraverso anche alla messa in pratica di azioni semplici ma concrete (passeggiate, svago e tempo per sé, riflessologia plantare, yoga o pratiche di rilassamento, ecc.), può essere utile abbinare l’uso di integratori naturali che apportino un valido sostegno all’abbassamento del tono adrenalinico (Simpatico) ed alla ripresa della fisiologica alternanza con quello Parasimpatico.

Prima che tali disturbi nell’alternanza sonno/veglia e della qualità del riposo diventino tali da richiedere l’intervento farmacologico del medico, fase che poi può presentare difficoltà per una successiva uscita dal farmaco, è pertanto utile poter far uso di integratori a base vegetale che possono permettere un approccio più delicato e naturale ma altrettanto efficace alla problematica dell’insonnia.

Le piante utili per l’insonnia

  • Valeriana (Valeriana officinalis)
    le radici di questa pianta erbacea, dal caratteristico odore pungente, contengono una serie di sostanze utili alla distensione ed al rilassamento nervoso.
    Ad oggi la Valeriana è la pianta d’elezione per il trattamento dell’insonnia ed è menzionata nelle Farmacopee ufficiali di moltissimi paesi. Essa è considerata una valida alternativa naturale alle benzodiazepine per il trattamento dei disturbi del sonno; essa tende a ridurre il tempo di latenza necessario ad addormentarsi, la frequenza dei risvegli notturni, il prolungamento della durata del riposo notturno migliorandone la qualità e, conseguentemente, il benessere dell’individuo durante la giornata.
    Per la presenza dei suoi principi attivi, la Valeriana possiede proprietà sedative, rilassanti e ipno-inducenti, cioè favorenti il sonno; è indicata anche in tutti i disturbi associati all’insonnia come ansia, agitazione nervosa, depressione reattiva, nevrosi dovuta ad angoscia, nevrastenia o irritabilità, mal di testa, palpitazioni, ipertensione arteriosa nervosa, tremori, nevrosi gastrica, spasmi colici.
  • Escolzia (Eschscholtzia californica)
    pianta di piccole dimensioni originaria del Centro America, capace di crescere su terreni caldi e aridi in prossimità delle zone desertiche. Durante la fioritura produce dei piccoli fiori di un bel colore giallo-arancio grazie ai quali viene comunemente chiamata “papavero dorato”.
    Le parti sommitali della pianta contengono un fitocomplesso ricco di princìpi attivi. I maggiori effetti che le sono attribuiti riguardano la sua capacità sedativa ed antispasmodica. La tradizione popolare ne propone l’uso per affrontare casi di insonnia o stati di ansia e tensione nervosa.
    Una importante qualità di questa pianta è che esercita la sua attività senza causare stordimento al risveglio. L'assunzione di Escolzia risulta particolarmente indicata nei casi di insonnia, irritabilità, agitazione nervosa ed ansia ed ha effetti sedativi e antispasmodici. Riduce l’attività nervosa cardiaca normalizzando la pressione.
    Nell’uso prolungato non dà assuefazione. Favorisce l’addormentamento, migliora la qualità del sonno e diminuisce l’ansia senza provocare depressione del sistema nervoso e non influenzando la lucidità mentale. Grazie alle sue proprietà antispasmodiche è utile nei crampi notturni, sindromi dolorose viscerali, emicrania, spasmi colici e biliari.
  • Luppolo (Humulus lupulus)
    pianta rampicante erbacea perenne dotata di un grosso rizoma carnoso da cui si sviluppano fusti erbacei che si attorcigliano su qualsiasi sostegno trovino nelle vicinanze, fino a raggiungere un'altezza anche di sei-sette metri. Del Luppolo si utilizzano le infiorescenze femminili (coni o strobili) che contengono il fitocomplesso molto ricco e articolato, che svolge azioni spasmolitiche e sedative del sistema nervoso centrale.
    Questa pianta possiede non indifferenti proprietà sedative ed è stata per questo fin dai tempi più antichi impiegata come calmante nervoso e coadiuvante del sonno. Le sue attività principali sono infatti quelle ipnotiche, sedative, calmanti ed antispasmodiche. Il suo utilizzo permette di affrontare gli stati di ipereccitabilità, tensione nervosa ed irritabilità, l’agitazione notturna e l’insonnia, gli spasmi e la reattività gastrica ed intestinale dovuti ad influssi nervosi.
    Utile nell’insonnia in menopausa
    grazie ad attivi fito-estrogenici.
  • Tiglio (Tilia platyphyllos et cordata): magnifica specie arborea originaria dell'Europa e del Caucaso. E' provvista di un robusto tronco, con una ramificazione densa e compatta e alta oltre 20 m. E' una specie decidua, la cui parte utilizzata in fitoterapia sono le infiorescenze. Esse hanno azione emolliente, decongestionante, vasodilatatrice, antispasmodica, ipotensive e sedative e rappresentano un buon rimedio fitoterapico nell’insonnia; possono essere somministrati anche ai bambini.
    Il Tiglio è impiegato tradizionalmente negli stati d’ansia, nell’insonnia, nelle palpitazioni di origine nervosa; il miglioramento della qualità del sonno non è dovuto a effetti ipnoinducenti bensì proprio alla sua capacità di mitigazione dell'ansia e dell’attivazione eccitatoria. Ha una buona azione sedativa a livello cerebrale, utile soprattutto nei soggetti ansiosi, ipereccitabili e con sintomi legati alla somatizzazione dell’ansia a livello dello stomaco e dell’intestino. La sua azione determina un netto effetto ansiolitico senza causare effetti negativi sulle capacità cognitive; la sua efficacia sedativa è particolarmente utile nel bambino, data l'assenza di effetti collaterali documentati. Non provoca sonnolenza durante le ore del giorno né assuefazione.
    Il Tiglio possiede azione antispasmodica e lenitiva e può essere quindi utile sui disturbi e le manifestazioni psico-somatiche specie a livello dei visceri come la somatizzazione dell’ansia a livello addominale, nervosismo tensivo e irritabilità gastro-intestinale.

Il prodotto consigliato

SERENA NOTTE Salugea può essere un prodotto adeguato a questa necessità in quanto la sua formulazione specifica è a base di estratti di Valeriana, Escolzia, Luppolo e Tiglio.

Esso contiene validi apporti di attivi naturali, adeguati per recuperare gradatamente questo nuovo equilibrio del ritmo veglia/sonno, migliorando la qualità e la profondità del riposo ed estendendone la durata, riducendo il numero degli episodi di risveglio notturno e diminuendone le fasi di veglia attiva. La sua formulazione ricca e completa consente di affrontare ad ampio spettro tutte le problematiche relative ad un riposo poco soddisfacente, con sonno tardivo, troppo breve o interrotto che spesso accompagna stati tensivi a livello emotivo e nervoso.

E’ importante migliorare la qualità del proprio riposo e ottenere il conseguimento ed il mantenimento di un sonno naturale e profondo, specie se esso nel lungo termine comincia ad essere insufficiente e può a sua volta essere origine di stress, ansia, ridotta attenzione e lucidità mentale, stanchezza e svogliatezza.

La sinergia degli ingredienti naturali di SERENA NOTTE Salugea è studiata per fornire il giusto sostegno quando non riusciamo più ad avere un riposo notturno gratificante in grado di ripristinare le nostre energie e capacità fisiche e mentali per affrontare poi al meglio il lavoro, lo studio e tutte le occupazioni del giorno dopo. Il grande vantaggio dell’utilizzo di estratti vegetali per il conseguimento e il mantenimento di un sonno profondo e riposante è che essi non inducono assuefazione e dipendenza, se assunti nelle dosi e nelle modalità indicate, permettendo così nel tempo una autonoma riconquista delle capacità di dormire, mitigandone alla base la causa scatenante, l’eccessiva attivazione adrenalinica.

 

Stefano CensaniTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Il Dott. Stefano Censani è laureato in Scienze Biologiche ad indirizzo biologico-sanitario presso l’Università di Camerino con la votazione di 110/110 e Lode, e ha successivamente conseguito anche il Diploma Quadriennale di Operatore in Discipline Bio-Naturali e Naturopatia ad Ancona.

Da oltre 25 anni svolge con grande passione la professione di Direttore di Produzione e Formulatore di integratori erboristici. E' Direttore Tecnico in Salugea, dove studia e progetta formulazioni 100% naturali a base di estratti vegetali.

 

Articoli correlatiTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Serena Notte 100% Naturale – Sonno e Riposo

Favorisce il rilassamento, migliora la durata e la qualità del sonno

Salugea

(4)
€ 22,00
Disponibilità: Immediata

Prodotto - Insonnia e disturbi del sonno

  Favorisce il rilassamento ed un naturale conseguimento del sonno profondo. 62 capsule vegetali da 505 mg - 31,30 g SERENA NOTTE è un integratore alimentare che permette di migliorare la qualità e la durata del sonno... scheda dettagliata

 

Macrolibrarsi Assistenza Chat

 

Assistenza Clienti

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi sconti, promozioni e novità direttamente nella tua casella di posta.

Guadagna subito +50 PUNTI per i tuoi futuri acquisti e premi.



COMMUNITY

Seguici su Facebook
Ti Piace Macrolibrarsi?
Se ti piace clicca su:
   

I PRODOTTI PIU' VENDUTI

 

SPECIALI