Torna su ▲

RICEVI L'OMAGGIO DI OGGI SE ACQUISTI ENTRO: ORE MIN SEC

Avvento 2016
Idee Regalo

Il Potere della Respons-abilità

Il Potere della Respons-abilità

Ogni giorno prendi decisioni e fai delle scelte, a volte grandi e a volte più piccole ma non per questo meno importanti. In diversi casi, non hai neppure la consapevolezza di star scegliendo, perché vai in automatico. Pensi che sia istinto e che tu sia semplicemente fatta/o così.

Tuttavia, anche dietro queste tue risposte “spontanee” ci sono scelte che hai fatto in un determinato momento della tua vita e che hai portato avanti continuando a rinforzarle sempre di più. E’ stato così che si sono trasformate in pensieri dominanti o altrimenti detti credenze.

Cosa hanno di speciale le credenze? Che percorrono la via preferenziale diretta al tuo subconscio, il manifestatore per eccellenza, il 95% responsabile delle tue azioni, il 30.000 volte più potente della parte conscia. Lui risponde solo ai pensieri che sono più forti e ripetuti.

Ed è così che ogni tua credenza si esprime in automatico senza che tu ci pensi e lo fa attraverso altri pensieri, scelte, azioni, atteggiamenti, attitudini. Tutto questo contribuisce a formare il tuo particolare modo di essere ed agire.

Non sempre riesci ad essere consapevole di queste credenze così profonde. Fintanto che queste sono di sostegno alla tua vita, va tutto bene; ma quando sono di ostacolo alla tua felicità ed al tuo successo e ciclicamente ti sabotano, allora pensi che ci sia qualcosa di sbagliato in te oppure che la vita ti sia avversa o addirittura entrambe!

Il senso di vittimismo e di determinismo impera da molti secoli nella cultura occidentale.
La cultura religiosa ha dato un grande contributo in questo, ma anche le scienze hanno fatto la loro parte.

Per fortuna, geni come Einstein ed altri grandi hanno dato il loro prezioso contributo nel “rompere” le catene riportandoci ad una relatività che apre le porte alla possibilità di cambiare, di avere più alternative di quelle che crediamo siano imprescindibili, in altri termini di scegliere.

Sempre più discipline, dalle olistiche alle scientifiche, ci ricordano che l’esterno rispecchia l’interno e che ciò che viviamo ogni giorno è frutto dei nostri pensieri e delle nostre intenzioni, di quello che crediamo sia vero per noi e di quello che scegliamo come nostra realtà.

Il Buddha diceva “Quello che pensi, diventi; quello che provi, attrai; quello che desideri, manifesti.”
La fisica quantistica afferma che il pensiero può modificare persino i geni del DNA.

Due punti di vista differenti per arrivare alla stessa conclusione: ogni essere umano ha la capacità di influenzare e modellare la materia attraverso i suoi pensieri.

Entrare in questo ordine di idee presuppone costante consapevolezza di sé.

Se non sei consapevole di quello che pensi, provi e desideri, come puoi riconoscere a quali credenze stai rispondendo? Come puoi ripercorrere all’indietro il percorso che dai tuoi comportamenti di oggi ti portano all’origine delle tue credenze? Come puoi distinguere tra chi sei veramente e chi sei dovuta/o diventare per condurre la tua vita al meglio delle possibilità?

Nell’arco della tua vita hai forse dovuto virare la tua direzione da un richiamo interiore forte a quello che sembrava necessario fare.
E dunque hai scelto quale strada seguire.

Cosa accade quando continui a scegliere ciò che sembra necessario fare?

Arrivano ogni tanto momenti di crisi, di indecisione, dove non sai più cosa vuoi, dove vuoi andare, cosa vuoi per te stessa/o. Non confonderli con mancanza di fiducia in te stessa/o o di debolezza, perché sono invece preziosi istanti, in cui il tuo sé più vero ti segnala che forse non sei completamente allineata/o ad esso.

“Crisi” viene dal greco “krisis” che significava originariamente “separazione” perché riferito alla trebbiatura: separazione della granella del frumento dalla paglia e dalla pula. In origine il termine era di derivazione agricola, ma in seguito acquistò una serie di significati secondari, già presenti nella lingua greca. Nel vocabolario della lingua greca oltre al primo significato di “separare”, troviamo così in successione: “scelta”, “giudizio”, inteso anche come “capacità di giudizio”, “discernimento”, “interpretazione” di sogni e prodigi; in ambito giuridico “giudizio”, “processo”, ma pure “accusa”, “condanna”; segue “esito”, “soluzione” e “disputa”, “contesa”, “gara”; come ultima accezione di ambito medico “crisi”, “fase critica”.

I momenti di crisi sono quindi momenti di discernimento, scelta e cambiamento. Nel momento in cui la tua struttura è instabile, puoi apportare modifiche con maggior facilità; quando è ben solida e radicata, è ben più difficile.

A volte hai soffocato questi richiami dal tuo vero sé ed a volte hai dato loro spazio. E’ stato quando hai lasciato che si esprimessero che hai ricevuto importanti insegnamenti, nonostante fatiche o sacrifici, che ti hanno fatto diventare una persona più saggia e più forte.

Sai quando sicuramente aumenta la frequenza di queste crisi?
Dopo aver deciso di seguire ciò che il tuo cuore realmente desidera.

Quando, in un momento di crisi, hai sentito forte la differenza tra quello che stai vivendo e quello che realmente desideri e hai DECISO di SCEGLIERE di seguire ciò che il tuo cuore ti comanda, in quel momento hai iniziato a mettere in discussione tutte le credenze che ti hanno sempre tenuta/o lontana/o.

Magari si tratta di scelte che da piccola/o ti hanno aiutato a sopravvivere ed hanno quindi avuto il loro valore per quel tempo; ma da adulta/o hanno ancora senso?

Quando ritrovi e sostieni il contatto con il centro più importante di te (il cuore) e ad esso allinei la tua motivazione (la pancia) e la tua parte razionale (il cervello), hai tutte le carte in regola per ridefinire le tue credenze, le tue attitudini e le tue abitudini.

Il tuo cuore è legato ai tuoi valori, sogni e desideri più veri.
E’ il tuo cuore a rivelarti il tuo scopo, ciò per cui sei disposta/o a fare grandi sacrifici e sforzi, ciò che ti permette di contattare una gioia ed una forza profonda.

In questo sta uno dei grandi valori di Goal Mapping: aiutarti a ricontattare il tuo cuore ed il suo grande sogno.

Cosa accade dopo aver compiuto la scelta di ritornare in contatto con la tua luce?

Scoprire il tuo scopo non è sufficiente per realizzarlo. E’ solo l’inizio di una trasformazione, perché vivere il tuo scopo è portarlo in te nella vita di tutti i giorni, in grandi ed in piccoli gesti. Ti porterà faccia a faccia con le tue credenze, con la tua motivazione, con le tue scelte, con la tua zona di comfort, con le tue paure.

Ecco perché l’altro grande valore di Goal Mapping è ricordarti ogni giorno il tuo scopo insieme alle ragioni per cui lo vuoi perseguire: serve per sostenere la tua connessione e la tua motivazione. E lo fa in un modo incredibilmente potente: mette in comunicazione la parte conscia con quella inconscia utilizzando le parole per comunicare con la tua parte sinistra razionale e le immagini per la tua parte destra creativa.

La grande forza delle immagini è la loro via diretta al tuo subconscio: quando guardi le immagini ed i simboli che rappresentano ciò che vedi come già realizzato, stai parlando al tuo subconscio usando la sua stessa lingua. Ecco il valore unico di Goal Mapping.

Grazie a Goal Mapping ingrani la quinta per dirigerti verso i tuoi desideri più veri!
Con questo grande sostegno alla tua motivazione attraverso il tuo scopo, riesci a sostenere con forza la tua respons-abilità.

Responsabilità è spesso confusa con assunzione di colpa e conseguente punizione. Altro travisamento dei significati delle parole... Il termine responsabilità deriva dal latino respònsus, participio passato del verbo respòndere, cioè, in un significato filosofico generale, impegnarsi a rispondere, a qualcuno o a sé stessi, delle proprie azioni.

Usando in modo semplificato le due parti che compongono questa parola, “respons-abile” ci ricorda che “siamo abili alla risposta”, ossia siamo in grado di poter scegliere in ogni istante cosa riteniamo esser giusto per noi stessi nel rispetto dei propri valori e del proprio scopo.

Vuol dire che non necessariamente devi andare in automatico, ma puoi dare un’altra risposta rispetto alla solita, soprattutto se è lontana dal cammino che hai DECISO di percorrere.

E allora quando si presentano situazioni che rivelano sabotaggi alla tua felicità, scegli di nuovo rimanendo allineata/o al tuo cuore.

Riconosci cosa appartiene al tuo “personaggio” costruito da credenze più o meno limitanti e cosa invece appartiene al tuo vero sé e SCEGLI, ogni istante, nel piccolo e nel grande.

Scelta dopo scelta le tue credenze saranno più di sostegno che di sabotaggio a ciò che realmente sei e ciò che ti accade te lo rispecchierà.

Il cammino non è sempre lineare e fluido. I momenti di crisi arriveranno.
E allora avrai una nuova occasione per rinnovare la tua SCELTA: il cuore.
Già questo ti renderà felice.

“L’Universo è cambiamento. La nostra vita è il risultato dei nostri pensieri.”
Marco Aurelio

Goal Mapping

Goal Mapping

Goal Mapping è un metodo collaudato per realizzare i propri obiettivi in ogni settore della vita e per ogni attività, sia essa personale o di gruppo. Imparare a stabilire obiettivi in modo corretto e a raggiungerli è l’abilità prima della vita, poiché permette di conseguire tutte le altre. Ogni intenzione, dalla più basilare alla più strutturata, è in sé un obiettivo.

Questo sistema è unico ed efficace perché:

• rappresenta la fusione tra saggezza antica ed apprendimento accelerato, integrata con i principi di definizione degli obiettivi;
• a differenza delle tradizionali tecniche, esso utilizza anche immagini e simboli, che sono il linguaggio dell’inconscio.

Le sole parole agiscono solo sull’emisfero sinistro, legato alla razionalità. Unire parole ed immagini attiva tutto il cervello conferendo al sistema un potere straordinario. Metterle su carta poi rafforza ancora di più la loro efficacia.

Goal Mapping è il manuale pratico che ti insegna in cosa consiste il sistema, come funziona e come usarlo.

Vai al Libro >

PARLA CON L'ESPERTO

L'ESPERTO RISPONDE

Vuoi ricevere maggiori informazioni su Brian Mayne e sul Goal Mapping?
Lascia una domanda al nostro esperto!

E' un servizio gratuito per i clienti di Macrolibrarsi.

Fai una domanda >

 

Sara BarisonTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Sara Barison

Sara Barison conosce Brian Mayne a luglio 2013 e viene immediatamente conquistata dalla sua persona e dal suo messaggio.

Diventa Practitioner Certificato di Goal Mapping a settembre 2013 e, grazie alla sua professionalità in Marketing e Comunicazione, decide di dare il suo contributo nella divulgazione della tecnica in Italia ed organizza insieme a Fabrizia Aulisi ed Alessandra Barison i primi eventi di Brian in Italia ovvero Workshop del Successo di Goal Mapping, Practitioner Programme di Goal Mapping e Workshop di Life Mapping.

Il suo scopo è quello di poter divulgare in Italia il sistema di Brian Mayne, il cui obiettivo è aiutare le persone a ritrovare il proprio sogno e a realizzarlo.

Ha coordinato la pubblicazione del libro di Goal Mapping in italiano con Macro Editore, insegna la tecnica di Goal Mapping e Life Mapping e continua ad organizzare eventi per Brian Mayne in Italia.

 

I vostri commenti - Scrivi un commento!

Nessun commento presente

Scrivi un commento!