Torna su ▲

RICEVI L'OMAGGIO DI OGGI SE ACQUISTI ENTRO: ORE MIN SEC

Avvento 2016
Idee Regalo

Il potenziale curativo di agonia ed estasi: le...

Leggi un estratto dal libro "Viaggio di Guarigione" di Claudio Naranjo

Il potenziale curativo di agonia ed estasi: le sostanze psicoattive nella psicoterapia

Da sempre sappiamo di un nesso tra stati alterati di coscienza e cambiamenti di personalità. Gli sciamani di molte zone provocano stati di trance per guarire; i mistici spesso vivono esperienze “visionarie” durante la loro “conversione”; i pazienti nelle fasi più avanzate della psicoanalisi a volte hanno allucinazioni o mostrano altri sintomi psicotici temporanei.

L'uso deliberato di stati di alterazione della coscienza nel processo terapeutico ricade nell'ambito dell'ipnoterapia e dell'uso di sostanze psicotrope. Di recente è aumentato l'interesse per la nozione di “disintegrazione positiva” (Dabrowski) e per il valore dell'esperienza psicotica, quando ben integrata, essendo l'uso delle sostanze il metodo che ha più vasta applicabilità.

Le prime sostanze ampiamente usate a scopo terapeutico sono state i barbiturici e le anfetamine. Un barbiturico somministrato per via endovenosa, usato per la prima volta da Laignel-Lavastine (1924) per “rivelare l'inconscio”, in seguito è diventato la base di metodi come la narcoanalisi (proposta da J.S. Horsley nel 1936), la narcosintesi (Grinker) e altri.

Il primo uso di uno stimolante del sistema nervoso centrale in psicoterapia sembra risalire allo “shock da anfetamina” di J. Delay, seguito dalla “weckanalisi” di Jantz. Prima di loro Myerson (1939) aveva descritto l'uso di benzedrina in endovena associata all'amobarbital, ma l'interesse per questo metodo crebbe soprattutto negli anni '50, quando si iniziarono a usare più di frequente le anfetamine per via endovenosa.

Dopo stimolanti e sedativi, ci si interessò agli allucinogeni come facilitatori della psicoterapia. Gli esperimenti clinici di Federking (1947) con dosaggi piccoli o medi di mescalina furono seguiti da quelli di Abramson, che consigliava una dose minima di LSD-25 durante il trattamento psicoanalitico per raggiungere uno stato mentale alterato, e quello di Sandison, che portò un approccio junghiano al processo.

Negli anni successivi non solo entrarono in campo sostanze qualitativamente simili (psilocibina e altre triptamine), ma anche modi diversi di avvicinarsi allo stato mentale da esse indotto. In campo non medico, molti furono colpiti dal valore intrinsecamente spirituale dell'“esperienza psichedelica”, più che dall'uso terapeutico delle sostanze. Aldous Huxley, in particolare, ebbe una certa influenza nell'attirare l'attenzione sugli aspetti religiosi ed estetici delle sostanze psicoattive. Altri collegarono tali stati al tema del cambiamento di comportamento, anzi, li videro come la chiave per raggiungerlo, mettendo a punto delle procedure per massimizzare la possibilità di ottenere esperienze di picco. Questo, per esempio, è stato l'approccio terapeutico adottato da Hoffer e Osmond nel Saskatchewan nei confronti di pazienti alcolisti, e anche quello utilizzato dal gruppo di Harvard per progetti di riabilitazione in una prigione del Massachusetts.

Le sostanze di cui mi occupo in questo libro sono solo alcune tra quelle scoperte e riscoperte in anni recenti: l'impressione è che siamo solo all'inizio del processo che porta all'induzione di stati di coscienza non ordinari. D'altra parte, le sostanze che già conosciamo – stimolanti, sedativi, allucinogeni e quelle descritte nei capitoli successivi – ci dicono che non c'è un unico stato mentale che può aiutare l'esplorazione psicologica o l'interazione terapeutica: ogni sequenza di alterazioni indotte artificialmente nello schema della personalità di un individuo può contribuire a interrompere circoli viziosi nella psiche, facendo emergere dimensioni emotive o mentali sconosciute, o facilitando esperienze compensative in cui le funzioni meno sviluppate vengono temporaneamente stimolate, mentre quelle eccessivamente sviluppate vengono inibite.

Le quattro sostanze di cui tratta questo libro, sia dal punto di vista chimico che da quello dei loro effetti soggettivi, possono essere divise in due gruppi.

Il gruppo delle fenilisopropilamine, che comprende l'MDA e l'MMDA, è caratterizzato soprattutto da effetti di potenziamento delle sensazioni: l'attenzione si acuisce e la fluidità nei collegamenti comunicativi aumenta.

L'altro gruppo, quello degli indoli policiclici (ibogaina, armalina), potrebbe essere benissimo chiamato, per via dei suoi effetti, “oneirofrenico”, il termine che consiglia Turner per gli alcaloidi armalinici. Il loro effetto sulla maggior parte dei soggetti è quello di incrementare la visione di sequenze oniriche vivide, che possono essere contemplate da svegli chiudendo gli occhi, senza perdere il controllo sull'ambiente esterno e senza alterazioni nel pensiero.

Ciò che rende le sostanze di entrambi i gruppi utili per la psicoterapia è il fatto che facilitano l'accesso a processi, sensazioni o pensieri che altrimenti resterebbero inconsci; una qualità che è giusto chiamare “psichedelica” nel senso usato da Osmond, ossia di “rivelazione della mente”. Queste sostanze non provocano i fenomeni percettivi, di spersonalizzazione o di cambiamento nel pensiero caratteristici degli allucinogeni, ma con essi hanno in comune l'intensificazione della consapevolezza, quindi potremmo chiamarli psichedelici non psicotomimetici.

Ci sono chiare differenze non solo tra i vari tipi di sostanze psicotrope, ma anche tra le caratteristiche individuali degli effetti di ognuna e tra i vari sintomi che possono indurre. In alcuni casi può essere difficile trovare differenze tra le diverse possibili reazioni alla stessa sostanza, mentre in altri si può scoprire che ciò che sembrerebbe essere molto diverso è solo una differente rappresentazione dello stesso processo.

Proprio come la perdita dell'ego causata dall'LSD può essere vissuta sia come un'estasi nell'unità del Tutto che come un disperato attaccamento a un'esile identità, paura del caos e della pazzia, così anche l'aumento di realistica consapevolezza del presente causata dall'MMDA può essere vissuta sia come serena soddisfazione che come ansia straziante, vergogna e senso di colpa per chi non è pronto ad affrontare quel momento.

Ogni sostanza induce più di due sintomi tipici che, a seconda anche dei tipi di personalità coinvolte, dovranno essere affrontati in maniera differente per ottenere risultati psicoterapeutici ottimali.

Inoltre, l'atteggiamento del terapista nei riguardi della situazione dipenderà anche da come interpreterà i contrasti sopra elencati. In quei momenti si manifestano polarità piacere/dolore, come anche di integrazione/disgregazione della personalità, ed è di questo che voglio occuparmi nelle prossime pagine.

Viaggio di Guarigione

Viaggio di Guarigione

Viaggio di guarigione è il resoconto dettagliato delle ricerche pioneristiche di Claudio Naranjo sull'applicazione delle sostanze psicoattive nella psicoterapia.

Attraverso le esperienze e le testimonianze dei suoi pazienti, Naranjo ci svela il potenziale di cura e di espansione della consapevolezza insito in queste sostanze – MDA, MMDA, armalina (presente anche nell’ayahuasca) e ibogaina – che oggi, a quarant'anni dalla prima pubblicazione di questo libro, stanno attirando sempre di più l’interesse di scienziati, psicologi e ricercatori nel campo della coscienza.

Acquista ora

 

Claudio NaranjoTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Claudio Naranjo

Claudio Naranjo, psichiatra e psicoterapeuta, tra i massimi esponenti della terapia della Gestalt, è stato uno dei successori di Fritz Perls all'Esalen Institute in California.

Ha insegnato in Università del Cile e degli USA, e nel 2007 è stato insignito di Laurea ad honorem all'Università di Udine.

Conduce corsi di consapevolezza in diversi paesi del mondo, integrando tradizioni orientali e occidentali.

 

I vostri commenti - Scrivi un commento!

Nessun commento presente

Scrivi un commento!