Torna su ▲
Avvento 2016
Idee Regalo

Il dottor Mozzi e la dieta dei gruppi sanguigni

Scopri quale tipo di alimentazione è più adatto al tuo gruppo sanguigno e quali sono gli ingredienti ideali per realizzare tante gustose e sane ricette

Il dottor Mozzi e la dieta dei gruppi sanguigni

 

La dieta ideata dal dottor Mozzi ha ottenuto una grande risonanza e sempre più persone si affidano all'analisi del proprio gruppo sanguigno per capire come mangiare in modo corretto e salutare.

Ecco una piccola introduzione a questo tipo di alimentazione, con anche alcuni esempi di alimenti e ricette pensati per ciascun gruppo.

 

 

 

L'evoluzione del nostro sangue

Tutto è cominciato con gli studi del dottor James D'Adamo e soprattutto di suo figlio Peter, che iniziarono a sperimentare su alcuni pazienti alcuni tipi di alimentazione specifici pensati in base al gruppo sanguigno.

Secondo Peter D'Adamo, infatti, i diversi gruppi (0, A, B e AB) si sono differenziati in base al diverso tipo di alimentazione adottato dall'uomo nel corso della sua evoluzione. Inizialmente vi era il gruppo 0, quando gli uomini erano soprattutto cacciatori e raccoglitori. Con il passaggio all'agricoltura sarebbe avvenuta la comparsa del gruppo A, mentre con l'introduzione della pastorizia sarebbe subentrato il gruppo B. Il gruppo AB, quello di più recente formazione e integra entrambi i tipi di alimentazione.

Sulla base di questo D'Adamo ha dedotto che, in base al proprio tipo di sangue, vi sarebbe una maggiore affinità con alcuni alimenti piuttosto che con altri.

Utilizzando questi ed altri studi come punto di partenza per il proprio lavoro, il dottor Pietro Mozzi ha sviluppato un piano alimentare diverso per ciascun tipo di gruppo sanguigno.

Egli ha preso in considerazione non soltanto le affinità con i diversi alimenti, ma anche le caratteristiche immunitarie di ciascun gruppo. Il gruppo sanguigno infatti non era inizialmente pensato dalla natura per identificare il tipo di sangue necessario per le trasfusioni o per trovare organi compatibili per i trapianti, ma rappresenta l'espressione più immediata del nostro sistema immunitario.

In base ad esso possiamo capire in che modo in nostro corpo reagisce alle malattie e anche come aiutarlo a svolgere al meglio la sua funzione, anche con il cibo.

Ecco una breve introduzione ai quattro tipi di alimentazione proposti dal dottor Mozzi e qualche ricetta pensata appositamente per ogni gruppo.

 

La Dieta del Dottor Mozzi Le Ricette del Dottor Mozzi Le Ricette del Dottor Mozzi 2

La Dieta del Dottor Mozzi


Acquista ora

Le Ricette del Dottor Mozzi


Acquista ora

Le Ricette del Dottor Mozzi 2


Acquista ora

 

IL GRUPPO 0

Gli individui che hanno questo gruppo sanguigno rispondono bene agli stimoli e reagiscono rapidamente a malattie e infezioni.

Hanno un sistema digerente robusto e tollerano molto bene livelli anche alti di stress. Hanno bisogno di molta attività fisica e sono molto sensibili ai cambiamenti e coerenti con se stessi.

Alimentazione: digeriscono facilmente la carne (tranne quella di maiale, d'oca e le carni affumicate), mentre fanno molta fatica ad assimilare correttamente cereali (soprattutto quelli contenenti glutine) e latticini. Sono consigliati anche alcuni tipi di pesce, frutta e verdura di stagione e legumi. Dovrebbero mangiare non a orari prestabiliti, ma in base al bisogno e in piccole quantità.

La ricetta: Polenta e ragù

Ingredienti (per 6 persone):

Preparazione:

  1. Tritare finemente le verdure e farle appassire in una casseruola con Vi bicchiere d' acqua. Aggiungere la carne tritata, fare cuocere qualche minuto, sgranandola con una forchetta se necessario, lasciare asciugare l'acqua rilasciata e poi versare il vino, mescolare, fare evaporare e aggiungere la salsa.
  2. Tritare finemente le erbe aromatiche, chiuderle in una garza con un laccetto da cucina e aggiungerle al sugo. Fare bollire a fuoco medio per un'ora e mezza circa con il coperchio, mescolando di tanto in tanto. Alla fine salare a piacere.
  3. Nel frattempo preparare le fette di polenta su di un vassoio. Quando il ragù è pronto togliere le erbe aromatiche e versare due cucchiai abbondanti di sugo su ogni fetta.
  4. Se si desidera alla fine della preparazione si possono spolverare le fette con un po' di pecorino e passare il vassoio in forno caldo a 200° per qualche minuto. Servire molto calde.

 

Alimenti consigliati per il Gruppo 0

Carobpulver - Farina di Carrube Olio di Lino Curcuma in Polvere Noci Sgusciate Semi di Zucca

Carobpulver
Farina di Carrube

Rapunzel

Acquista ora

Olio di Lino


Crudigno

Acquista ora

Curcuma in Polvere


Rocca Dei Fiori

Acquista ora

Noci Sgusciate


Ki Group

Acquista ora

Semi di Zucca


Probios Alimenti

Acquista ora

 

Scopri tutti gli ALIMENTI BENEFICI PER IL GRUPPO 0 >

 

IL GRUPPO A

Le persone che hanno questo gruppo sanguigno hanno un sistema immunitario abbastanza delicato, che va rinforzato e sostenuto adeguatamente.

Hanno un sistema digerente delicato e hanno bisogno di mangiare a ritmi cadenzati. Preferiscono un'attività fisica moderata, soprattutto per sfogare lo stress, a cui sono molto sensibili. Sono sensibili, intuitive e molto metodiche.

Alimentazione: hanno difficoltà a digerire le proteine animali, soprattutto quelle dei mammiferi. Sono consigliati soprattutto il pesce e i semi oleosi e digeriscono meglio i carboidrati (meglio i cereali senza glutine). Anche in questo caso è meglio non consumare troppi latticini.

La ricetta: Gnocchetti di quinoa con verdure

Ingredienti (per 4 persone):

Preparazione:

  1. Preparare i gnocchetti. Prendere 300 g di pasta fresca, dividerla in 3 pezzi, fare rotolare ogni pezzo sotto i palmi delle mani fino a creare 3 bisce spesse come un dito mignolo. Con un coltello o con una spatola tagliare le bisce a tocchetti di 1 cm circa, poi con il pollice infarinato schiacciare ogni pezzetto dandogli la forma dei gnocchetti. Lasciare asciugare su un vassoio infarinato per almeno 30 minuti.
  2. Intanto tagliare le cipolle a julienne, farle appassire in una padella antiaderente a fuoco medio-basso con un goccio d'acqua, poi aggiungere le zucchine tagliate a cubetti e farle cuocere coperte 7-8 minuti con un pizzico di sale e mezzo bicchiere d'acqua. Fare cuocere anche i gnocchetti in abbondante acqua bollente per 10 - 15 minuti, scolarli e aggiungerli alle verdure. Fare saltare in padella tutti gli ingredienti e prima di servire condire con una salsa al prezzemolo.
  3. Se si desidera, per accompagnare questa pasta, in inverno/ primavera si possono usare le verze, i carciofi o gli asparagi.
  4. E importante che le verdure siano sempre tagliate finemente, per mescolarle meglio alla pasta.

 

Alimenti consigliati per il Gruppo A

Soya Natural - Latte di Soya Azuki Rossi Fusilli di Grano Saraceno Tamari - Salsa di Soia Olio di Semi di Girasole Crudo

Soya Natural
Latte di Soya

Provamel

Acquista ora

Azuki Rossi


Probios Alimenti

Acquista ora

Fusilli di Grano Saraceno


Fior di Loto

Acquista ora

Tamari
Salsa di Soia

Probios Alimenti

Acquista ora

Olio di Semi
di Girasole Crudo

Crudigno

Acquista ora

 

Scopri tutti gli ALIMENTI BENEFICI PER IL GRUPPO A >

 

IL GRUPPO B

Coloro che hanno questo il sangue di gruppo B hanno un sistema immunitario forte e robusto, in grado di affrontare bene le patologie, anche se sono piuttosto deboli quando si parla di malattie autoimmuni e malattie del sangue.

Il sistema digerente è molto adattabile e prediligono mangiare poche quantità di molti alimenti per pasto, piuttosto che uno o due in quantità più abbondante.

Amano praticare molti sport ma non è il caso che si sottopongano ad attività fisica intensa. Hanno ottime capacità di relazione e sono anche molto equilibrati.

Alimentazione: sono coloro che digeriscono meglio le proteine del latte, quindi sono consigliati latte di capra e di mucca, feta, formaggio di capra, kefir e alcuni tipi di formaggi vaccini. Sono adatti anche alcuni tipi di carne e di pesce, patate, riso e cereali senza glutine, oltre che frutta e verdura di stagione.

La ricetta: Tortino di patate

Ingredienti (per 4-5 persone):

  • 1 kg di patate cotte
  • 5 tuorli d'uovo
  • 35 g di pecorino grattugiato
  • un pizzico di sale

Preparazione:

(Teglia rettangolare cm 36 x cm 26 a bordo basso)

  1. Passare le patate nello schiacciapatate, unire il sale, il pecorino, i tuorli e amalgamare bene il tutto.
  2. Stendere uniformemente l'impasto nella teglia rivestita con carta da forno. Porre in forno preriscaldato per circa 50 minuti a 180 °.
  3. Questa schiacciata è ottima appena sfornata, ma è anche indicata per la preparazione di sandwich con verdure o bresaola o carne affettata sottile, con maionese o altre salse consentite.

 

Alimenti consigliati per il Gruppo B

Pronto Kefir Biologico Miglio Decorticato Te' Verde - Dazhang Shan Riso Rosso Integrale Fagioli Bianchi di Spagna al Naturale

Pronto Kefir Biologico


Sane Bontà

Acquista ora

Miglio Decorticato


Ki Group

Acquista ora

Te' Verde
Dazhang Shan

La Finestra sul Cielo

Acquista ora

Riso Rosso Integrale


Abc Bio

Acquista ora

Fagioli Bianchi di Spagna
al Naturale

Il Nutrimento

Acquista ora

 

Scopri tutti gli ALIMENTI BENEFICI PER IL GRUPPO B >

 

IL GRUPPO AB

Questo gruppo sanguigno non solo è il più recente, ma è anche il più raro dei quattro. Raccoglie alcune caratteristiche peculiari dei gruppi A e B (è il risultato della loro unione), ma per alcuni aspetti si discosta molto da essi.

Le persone del gruppo AB hanno un sistema immunitario molto sensibile, che necessita di rinforzo. Anche il sistema digerente è molto delicato e anche lento: intossicazioni e reazioni al cibo tendono a mostrare anche molto tempo dopo aver ingerito il pasto. Ha bisogno di ritmi costanti e di evitare gli eccessi.

Sono molto sensibili allo stress e hanno bisogno di molto riposo per recuperare. Anche l'attività fisica va alternata da periodi più intensi ad altri più rilassanti. Non amano i cambiamenti improvvisi.

Alimentazione: subiscono la doppia influenza del gruppo A e del gruppo B. Sono particolarmente adatte le carni bianche, alcuni pesci, latticini di capra, frutta e verdure di stagione.

La ricetta: Polpette di tacchino e lenticchie

Ingredienti (per 6 persone):

Preparazione:

  1. Frullare insieme tutti gli ingredienti, salare e pepare a piacere, infine aggiungere mezzo cucchiaino di cumino in polvere.
  2. Quando l'impasto risulterà spumoso e compatto metterlo in una tasca da pasticcere con una bocchetta a stella e formare le polpette direttamente in una teglia rivestita con carta da forno.
  3. Se con la tasca da pasticcere si è in difficoltà si può dare forma alle polpette semplicemente utilizzando un cucchiaio.
  4. Cuocere in forno già caldo a 180° per 25 - 30 minuti circa . Sono pronte quando risultano un po' dorate sui bordi e si staccano con molta facilità dalla carta di cottura.
  5. Sono ideali se accompagnate con maionese o salsa di prezzemolo. Le polpette si possono guarnire con scagliette di mandorle pelate.

 

Alimenti consigliati per il Gruppo AB

Riso Basmati Integrale Farina di Castagne Lenticchie Verdi Bio Riso Nerone Integrale Succo di Carote

Riso Basmati Integrale


Probios Alimenti

Acquista ora

Farina di Castagne


Ki Group

Acquista ora

Lenticchie Verdi Bio


La Finestra sul Cielo

Acquista ora

Riso Nerone
Integrale

Probios Alimenti

Acquista ora

Succo di Carote


Biotta

Acquista ora

 

Scopri tutti gli ALIMENTI BENEFICI PER IL GRUPPO AB >

 

Alimenti consigliati per tutti i gruppi sanguigni

Esistono poi alcuni alimenti che possono essere assunti da tutti i gruppi sanguigni, senza alcun tipo di danno o pericolo per la salute 

Eccone alcuni:

Quinoa Cicoria Torrefatta per Moka Olio di Semi di Vinacciolo Zenzero Polvere Succo di Ananas

Quinoa


Probios Alimenti

Acquista ora

Cicoria Torrefatta
per Moka

Lima

Acquista ora

Olio di Semi di Vinacciolo


Fior di Loto

Acquista ora

Zenzero Polvere


Speziali

Acquista ora

Succo di Ananas


Plose

Acquista ora

 

Disclaimer

Le informazioni fornite su Macrolibrarsi.it di Golden Books Srl sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico abilitato (cioè un laureato in medicina abilitato alla professione) o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, farmacisti, fisioterapisti, e così via). Le nozioni e le eventuali informazioni su procedure mediche, posologie e/o descrizioni di farmaci o prodotti d'uso presenti nei testi proposti e negli articoli pubblicati hanno unicamente un fine illustrativo e non consentono di acquisire la manualità e l'esperienza indispensabili per il loro uso o pratica.

 

Piero MozziTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Piero Mozzi

Piero Mozzi, nato nel 1950 e laureato in medicina nel 1977, vive a Mogliazze nel comune di Bobbio.

Sono nato a Bobbio, in provincia di Piacenza, dove ho vissuto una bella infanzia molto libera, trascorsa all'aria aperta. Tutto l'anno facevamo interminabili partite a pallone sulle piazze; d'inverno stavamo sotto i portici di Bobbio a giocare a "figurini" e a palle di neve per le strade; d'estate passavamo il tempo sul fiume Trebbia, le cui acque erano così pulite da poter essere bevute e consentivano a parecchi pescatori professionisti di vivere di ciò che ricavavano dalla vendita del pesce pescato. A Bobbio c'era tutto il necessario e poco del superfluo. Ho ricevuto un'educazione severa e spartana e sono grato a mio padre, da cui ho appreso l'essenzialità nei bisogni e con cui ho in comune il tratto del carattere che ci spinge ad anteporre l'aiuto del prossimo al soddisfacimento delle nostre necessità.
Ho frequentato a Bobbio le scuole elementari e medie, a Piacenza il liceo classico e a Parma la Facoltà di Medicina. Alla fine del 1974, mentre frequentavo l'università, ho scoperto Mogliazze, un borgo in stato di abbandono composto da alcune case in pietra e posto sulle pendici dell'Appennino, otto chilometri sopra il comune di Bobbio. Nel gennaio 1978 è stata fondata la cooperativa Mogliazze, dal nome del borgo. Dopo varie peripezie, molta pazienza e volontà, la maggior parte delle case e dei terreni circostanti sono stati acquistati dalla cooperativa Mogliazze. Il villaggio è stato pian piano restaurato e i terreni intorno recuperati. Tuttora vivo in questo piccolo borgo con la mia famiglia. A Mogliazze ho vissuto a strettissimo contatto con la natura e ciò ha dato l'impronta risolutiva alla mia visione del mondo e della medicina e mi ha insegnato molto di quello che so. La domanda che mi faccio spesso, come uomo oltre che come medico, è che cosa lasceremo in eredità alle generazioni future. Più che il denaro sarebbe importante consegnare loro il pianeta in buono stato, cioè con il minor tasso d'inquinamento possibile.

In medicina è difficile che esistano verità assolute, proprio per il fatto che ogni essere vivente ha un patrimonio genetico unico e diverso dagli altri. Il dubbio in medicina deve essere sempre presente; deve guidare tutti noi e anche l'orientamento del medico, permettendoci di capire se siamo sulla strada giusta oppure no.
- Dottor Piero Mozzi

 

Lo Staff di Macrolibrarsi.itTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

I vostri commenti - Scrivi un commento!

Nessun commento presente

Scrivi un commento!