Torna su ▲

Il Disegno Unificato di Tutto: a cosa mi serve un...

Un'unica visione di fondo attraverso la quale le persone non dovranno più scegliere attraverso quale dei tanti metodi naturali curarsi perché ognuna di queste cose avrà senso in un preciso momento della propria vita

Il Disegno Unificato di Tutto: a cosa mi serve un altro libro?

Ad un certo punto, bisogna tirare le fila delle esperienze fatte e farsi qualche domanda. Da buon lettore uscente proprio dalle pagine del catalogo Macro, mi sono reso conto che, dopo 500 libri divorati in 5 anni che hanno spaziato in tutto quello che ci ostiniamo a chiamare “mondo alternativo”, una revisione dei conti la dovevo fare.

Mi spiego meglio raccontando la mia brevissima storia, che vedrete essere la stessa vostra dato che mi state leggendo proprio su questo sito.

Ricordo ancora i miei primi 33 anni di vita, passati probabilmente nel ricordo genetico, karmico, biologico o di imprinting (tanto è la stessa cosa) da santo inquisitore: tutto ciò che mi autorizzavo a credere doveva essere validato e comprovato dalla scienza ufficiale. Anni di studi e di tomi universitari mi avevano allenato a discernere tra le bufale e la verità accademica. Del resto solo se dimostriamo di sapere ciò che troviamo sui libri ci vengono dati bei voti e crediti che concorreranno a definirci come ottimi studenti in base ad un giudizio espresso in trentesimi. Mi dovevo occupare di salute e non potevo permettermi di sbagliare nemmeno un colpo. Triste ma semplice. Se vuoi conformarti lo fai, oppure scendi dal treno. Ed io l’ho fatto per un bel po’.

Poi un giorno passeggiando in libreria da uno scaffale è caduto un libro: Spedizioni nell’altro passato, di Zecharia Sitchin. Bene, compriamolo. La mia vita non è più stata quella di prima. Forse avevo esaurito le cariche del lanciafiamme che usavo per sterminare chiunque avesse detto quello che ora sono qui a scrivere di persona.

Ovunque poggiavo gli occhi nella storia conosciuta trovavo le prove di ciò che in quel libro si andava raccontando, e finita tutta la collana delle cronache terrestri la filogenesi, la religione e la mia personale concezione di chi siamo e da dove veniamo era finita diritta nel baratro oscuro di quel mondo che fin li avevo combattuto solo perché mi era stato insegnato a farlo.

Poi lo studio del mondo esoterico ad esso collegato mi aveva fatto inciampare in un nome: Ramtha. Neanche a farlo apposta (di sincronicità quantistica ancora non capivo nulla...) due settimane dopo arrivava in Italia ed il pensiero è stato: “o la va o la spacca, andiamo e vediamo di persona se davvero mi sto bruciando il cervello o se qualcosa c’è”. Ottimo, mi sono accorto che qualcosa c’era proprio grazie al fatto che mi stavo bruciando il cervello. Le meraviglie che escono dai processi alchemici di scoagulazione e rimodellamento delle proprie sinapsi sono quantomeno bizzarri e sconvolgenti, però funzionano.

Già da lì, dopo altri 12 libri suoi (sempre 12 in effetti) il mio corpo cambiava esattamente in relazione a come stava cambiando il mio stato di coscienza o comunque di interpretazione del mondo e della vita: piano piano i vecchi sintomi, le vecchie cose della mia passata vita se ne andavano senza nemmeno doverci spendere altro tempo se non quello del focus necessario a mantenerci sopra l’attenzione.

Non mancava molto oramai alla domandona autostrutturatasi nel mio cervello… “ma allora tutto quello che fino ad ora ho studiato sulla salute, sarà davvero così?”.

Questa è stata la fiammella che ha portato a scandagliare tutto il mondo della medicina alternativa, le diete, la medicina tradizionale cinese, quella ayurveda, le tecniche riflessogene, la psicosintesi, le tecniche meditative, quelle sulla memoria dell’acqua, la fisica quantistica, l’enneagramma, le 5 Leggi Biologiche. Ed il bello è che ogni volta tutte funzionavano esattamente da copione: provavi la dieta vegana e stavi meglio. Provavi quella del gruppo sanguigno e stavi meglio. Meditavi e stavi meglio.

E questa bella cosa ad un certo punto è diventata meno bella rispetto all'inizio per un semplice motivo: ma come era possibile star meglio praticando discipline che partono esattamente da punti di vista opposti? Come è possibile star meglio seguendo uno schema di vita che presuppone che ogni patologia sia causata da una alimentazione scorretta e da una che presuppone che ogni patologia scaturisca solo da un vissuto psichico disarmonico? Ma soprattutto come era possibile star meglio anche partendo da uno schema di vita e mentale che presuppone che… non esiste nessuna patologia?

C’è qualcosa che ci sfugge o ci stiamo prendendo in giro da soli ed è tutto un enorme effetto placebo? Tutti questi libri a cosa servono se ognuno ci dà solo la sua particolare interpretazione delle cose?

Tutto è cominciato così: dallo studio attento di cosa ogni cibo crea al corpo umano, ho scoperto come ogni reazione biochimica derivi solo da un particolare modo del corpo umano di rispondere alle leggi fisiche che stanno alla base della vita nell’universo.

La cosa meravigliosa è che questo modo è lo stesso che tutta a biologia ha usato per svilupparsi qui sulla Terra, al solo scopo di permettere alle nostre personalità di fare esperienza del proprio spirito in modo materiale e tangibile, emozionale in fin dei conti.

Ed è così che ci si gioca il futuro: e se ogni esperienza che facciamo, ogni sintomo non fosse altro che la necessaria strada evolutiva che ci serve per adempiere all’unico scopo che in tutto l’universo si vede esistere, cioè la sua eterna espansione, che in ultima analisi si definisce immortalità?

Finalmente in un unico libro, ma soprattutto in un unico criterio, trovano un modo per mettersi d’accordo Einstein, Bose, Saint Germain, Yeshua Ben Yosef, Lamarck, il dottor Hamer, Gerson, D’Adamo, Masaru Emoto, Gregg Braden, Biglino, Gurdjeff, Ramtha e tutti gli altri che ci stanno accompagnando nelle letture da anni.

Finalmente un modo coerente ed efficace per sapere in quale momento è più evolutivamente sensato seguire un percorso piuttosto che un altro, solo comprendendo come la natura, l’universo, la metafisica, lo stiano facendo da sempre ed in modo continuo.

Rendersi conto che è la scienza stessa a dimostrarci la necessità dell’immortalità dell’uomo sarà una piacevole sorpresa, ma soprattutto la cosa più importante che ognuno imparerà nella propria vita: persa la paura della morte la vita comincerà a risplendere! E sarà stato davvero semplice!

Buon viaggio alla riscoperta del primo e del più grande dei perché: perché esiste la vita?

 

Maurizio ForzaTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Maurizio Forza

Maurizio Forza ha conseguito una laurea in fisioterapista, il c.o. e D.o. in osteopatia, è Kinesiologo e Naturopata. Insegna in numerose scuole ed Accademie italiane. E' vicepresidente dell'Accademia di Naturopatia Olistica Tesla e cofondatore insieme a Manuele Baciarelli del Jubileum Project, scuola-percorso di spostamento coscienziale della personalità.

 

Articoli correlatiTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

La Terapia Unificata di Tutto - Libro

Il primo vero protocollo di lavoro per integrare le 5 leggi biologiche con la medicina energetica, l’alimentazione e tutte le discipline olistiche! - In appendice tutte le tavole per i conflitti e i meridiani corrispondenti

Maurizio Forza

(1)
€ 21,25 € 25,00 (-15%)
Disponibilità: Immediata

Libro - Dudit Edizioni - Giugno 2016 - Olistica

Come cancellare dal nostro presente, il passato che impedisce al nostro futuro di realizzarsi. “Ma adesso che abbiamo capito perché ci ammaliamo, e dell’alimentazione, delle 5 leggi biologiche e psicosomatica... scheda dettagliata

Il Disegno Unificato di Tutto - Libro

Se solo Mosè avesse conosciuto Hamer... - Gli studi scientifici su Alimentazione, Genetica Cellulare, Fisica Quantistica, 5 Leggi Biologiche, e Enneagramma che dimostrano l'immortalità dell'uomo

Maurizio Forza

(3)
€ 25,50 € 30,00 (-15%)
Disponibilità: Immediata

Libro - Dudit Edizioni - Maggio 2016 - Enneagramma

Finalmente è arrivato il libro che tutti stavano aspettando:L'era delle diete è finita e quella del pensiero sta per rinascere Dopo anni, secoli; millenni di incomprensioni e battaglie, finalmente scienza accademica,... scheda dettagliata