Torna su ▲
Avvento 2016
Idee Regalo

Il bisogno di imprenditori - Estratto dal libro "8...

Leggi in anteprima un estratto dal primo capitolo del libro di Robert T. Kiyosaki e scopri come applicare con grande successo le regole militari al tuo business

Il bisogno di imprenditori - Estratto dal libro "8 Lezioni di Leadership Militare"

Questo libro si rivolge a chiunque faccia l'imprenditore, o sogni di diventarlo.

Si rivolge anche a uomini e donne che prestano - o hanno prestato - servizio nelle forze armate, perché hanno già seguito un processo di formazione unico e rigoroso, un processo che è essenziale per tutti gli imprenditori.

Come forse saprai, nove imprese neo-costituite su dieci falliscono entro i primi cinque anni di vita. Delle dieci su cento che sopravvivono ai primi cinque anni, nove chiudono i battenti nei cinque anni successivi.

La ragione principale per cui falliscono quasi tutti i neo-imprenditori è che non hanno la formazione di base, né i punti di forza essenziali per reggere alle difficoltà di quel mestiere. Alcuni parlano di coraggio. Altri parlano di perseveranza. Nelle forze armate, si potrebbe mettere in questi termini: "Alzati, muovi le chiappe, smettila di piangerti addosso, piantala di fare il broncio, smettila di succhiarti i pollici e ricomincia da capo. Tua madre si vergogna di te - perché è più tosta di te". Il messaggio è forte e chiaro.

Un'altra ragione importante per cui quasi tutti gli imprenditori vanno in fallimento è che il nostro sistema educativo prepara le persone a diventare dipendenti, non imprenditori. Il mondo del dipendente è molto diverso dal mondo dell'imprenditore. Una grandissima differenza sta nel concetto di stipendio. Se un dipendente non riceve lo stipendio, prende e se ne va. Quasi tutti gli imprenditori devono avere la forza di operare, a volte per anni, senza "stipendio".

Nel mondo delle piccole imprese, dette anche "aziende familiari", gli imprenditori percepiscono spesso una paga oraria inferiore a quella dei loro dipendenti, se si tiene conto dell'impegno complessivo. In quasi tutti i piccoli business, il lavoro più importante si fa dopo la chiusura. Si chiama lavoro amministrativo... e designa tutte le attività indirette che fanno andare avanti l'azienda - adempimenti di legge, fatturazione e incassi, contabilità e pagamento delle imposte.

Quando i dipendenti vanno in vacanza, possono lasciarsi alle spalle il lavoro. Quando gli imprenditori vanno in vacanza, il lavoro li segue.

Se l'azienda è in difficoltà o entra in crisi, il dipendente può mettersi alla ricerca di un altro posto. Il lavoro dell'imprenditore, invece, è solo all'inizio. Quando un'azienda va in crisi, è come cercare di tirarsi fuori dalle macerie di un edificio abbattuto da un attacco aereo. I danni, le "perdite umane", le passività e le cause giudiziarie possono mettere in ginocchio un imprenditore per anni. Molti non si riprendono mai da quella versione economica del disturbo post-traumatico da stress.

Molti "esperti" dicono: "Gli imprenditori falliscono perché sono sotto-capitalizzati. Vuol dire che non hanno abbastanza soldi - o un accesso sufficiente al credito - per rimanere a galla. Questa paura di essere "sotto-capitalizzati", questa mancanza di soldi accompagnata dall'assenza di uno "stipendio" regolare, è ciò che spinge quasi tutti a preferire la sicurezza del lavoro dipendente.

Io la penso diversamente. Secondo me, il problema non è la mancanza di capitale; è la mancanza di formazione specifica, di esperienza reale nel mondo degli affari, e di coraggio. Se parli con degli imprenditori di successo, ti diranno che sono sempre "sotto-capitalizzati". Non hanno mai abbastanza soldi per soddisfare tutti gli obblighi finanziari che si sono accollati, e tanto meno il capitale necessario per far crescere la loro attività. Eppure, in qualche modo, i veri imprenditori vanno avanti ugualmente. Poi, un giorno, per alcuni di loro, i soldi cominciano a piovere dal cielo. E mi viene sempre un po' da ridere quando sento dire: "E stato fortunato" o "Ha avuto un successo immediato". Pochi sanno cosa c'è veramente dietro i successi imprenditoriali.

Ecco perché io credo che gli uomini e le donne che militano nelle forze armate abbiano i punti di forza e la formazione di base che occorrono per diventare imprenditori. In molti casi, voi siete stati addestrati a "fare l'impossibile". La maggior parte dei laureati viene addestrata unicamente a "trovare un lavoro".

C'è una bella differenza di carattere tra chi è stato addestrato a fare l'impossibile - chi è disposto all'estremo sacrificio - e chi è stato addestrato a cercarsi "un lavoro ben pagato con dei ricchi benefit".

La mia carriera militare è iniziata alla U.S. Merchant Marine Academy di Kings Point, a New York, considerata una tra le migliori scuole di leadership del mondo. Nel 1965, ho ottenuto la Congressional nomination sia per la U.S. Naval Academy sia per la U.S. Merchant Marine Academy dal senatore e medaglia d'oro Daniel K. Inouye.

Ho scelto Kings Point. La missione della scuola è preparare ufficiali di macchina, e i suoi diplomati si possono trovare nei porti di tutto il mondo, sulle navi da crociera, sulle navi da carico, sui porta-container, sulle petroliere e sui rimorchiatori d'altura. Alcuni diplomati, come me, hanno poi deciso di entrare nella marina militare, nel corpo dei Marines o nella guardia costiera.

Un ufficiale che esce da Kings Point è l'equivalente civile di un ufficiale dell'esercito diplomato a West Point. Nel 1969, quando mi sono diplomato io, i "Kings Pointer" erano tra gli ufficiali meglio pagati del mondo. Questo perché, pur essendo una scuola militare, la Merchant Marine Academy dipendeva dal Dipartimento del commercio e non dal Dipartimento della difesa.

Uscito da Kings Point, sono stato ammesso alla U.S. Navy Flight School di Pensacola, Florida, e ho combattuto in Vietnam come elicotterista. Sono sicuro che senza quell'addestramento militare non sarei mai diventato un imprenditore di successo.

8 Lezioni di Leadership Militare per Imprenditori

8 Lezioni di Leadership Militare per Imprenditori

Su 10 imprenditori 9 falliscono nei primi cinque anni del loro business. Per ogni 10 imprenditori che ce la fanno, 9 di questi 10 falliscono nei successivi cinque anni.

Che differenza c’è tra l’imprenditore che ce la fa e i nove che falliscono?

Il successo di un imprenditore è determinato dalle stesse qualità, dagli stessi valori di leadership che si insegnano nel mondo militare.

Acquista ora

 

Robert T. KiyosakiTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Robert T. Kiyosaki

"Il motivo principale per cui molti hanno difficoltà finanziarie dipende dal fatto che sono andati a scuola per molti anni senza apprendere nulla sul funzionamento del denaro. Così lepersone imparnano a lavorare per i soldi, ma non imparano come far lavorare i soldi per loro" (Robert T. Kiyosaki)

Robert T. Kiyosaki, nato e cresciuto alle Hawaii, è un nippo-americano di quarta generazione. Dopo le superiori ha frequentato l'Università di New York; si è laureato e poi arruolato nei Marine per andare in Vietnam come ufficiale e pilota di elicotteri.
Tornato dalla guerra ha intrapreso la carrira finanziaria. Ha creato diverse aziende e a 47 anni si è ritirato dal lavoro. Adesso si diverte a fare quello che più preferisce: investire...
Oltre ad investire in immobili e azioni di piccole società, la sua principale occupazione è l'insegnamento dell'inteligenza finanziaria e delle tendenze economiche:
Insegna alla gente come diventare milionaria... Ecco perché lo definiscono il maestro dei milionari.

In seguito alla lettura dei libri di Kiyosaki potrete:
eliminare la convinzione che, per arricchirsi occorre avere un ottimo stipendio;
capire qual è la differenza fra dipendente e titolare d'impresa;
andare oltre l'idea del posto fisso e scoprire la strada verso la vostra libertà finanziaria;
togliervi la convinzione che la casa sia un attivo;
capire perchè alcuni investitori si arricchiscono rischiando poco mentre la maggioranza giunge appena al pareggio;
e molto altro ancora...

 

I vostri commenti - Scrivi un commento!

Nessun commento presente

Scrivi un commento!