Torna su ▲
Avvento 2016
Idee Regalo

I sostituti per carne, uova e latte - Estratto dal...

Leggi in anteprima questo capitolo estratto dal libro di Minda Fontana e scopri come preparare tante gustose ricette vegan senza scegliere tra salute e gusto

I sostituti per carne, uova e latte - Estratto dal libro "Vegani Senza Limiti"

In una dieta vegana è importante individuare quegli alimenti che possano sostituire in cucina i prodotti di derivazione animale.

Ad esempio un uovo può essere sostituito con:

  • 20 g latte di soia in polvere mescolati con due cucchiai d'acqua.
  • 20 g fecola di patate o di maizena.
  • 40 g o % di tazza yogurt di soia.
  • 40 g di tofu vellutato.
  • 40 g di farina di ceci.
  • 40 g di semi di lino da polverizzare nel mixer diluiti con tre cucchiai d'acqua (la miscela ha un gusto che influenza gli altri ingredienti ed è adatta alla preparazione di vivande con farine integrali e con cacao).
  • 2 cucchiai di lecitina di soia da diluire con 2 d'olio e 6 di acqua.
  • 1 cucchiaio di tahina.

Per i dolci l'uovo può essere sostituito con mezza banana matura, oppure con 40 g di mela grattugiata o, ancora, con 10 g di aceto di mela (adatto nelle preparazioni di vivande al cioccolato).

Andremo ora a parlare di alcuni alimenti vegetali e delle loro caratteristiche, come validi sostituti di quelli di origine animale.

Il TEMPEH è un prodotto fermentato dei fagioli di soia gialla. Ha un alto valore proteico ed è molto diffuso in Indonesia. Simile al tofu per consistenza, è noto come carne di soia.

Il SEITAN riveste un ruolo primario nella cucina vegana. Gli olìgoelementì e proteine del seitan sono un valido sostituto della carne. In particolare, la consistenza e il gusto della polpa del seitan molto si avvicinano alle portate a base di carne.

Il seitan si ottiene grazie a una particolare lavorazione della farina di frumento. Ha un alto contenuto proteico, è ricco di sali minerali, ma è privo di lipidi e di colesterolo.

Come la carne, il seitan si presta alla preparazione di arrosti, spezzatini, polpette, bistecche impanate, scaloppine, ecc.

Per torte, pizze, pane, focacce, brioche, ecc., invece, c'è in commercio il glutine di grano in polvere (l'istant seitan) da miscelare a una percentuale minima di farina bianca.

Il TOFU è un altro prodotto fondamentale della cucina vegana. Viene ricavato dalla cagliatura del latte di soia. Il tofu è una fonte eccellente di proteine, vitamine, ferro, calcio e altri oligoelementi.

Si può usare nei ripieni, al posto della ricotta, per esempio nelle torte salate e in altri piatti simili. Si utilizza aggiunto ad altri alimenti per rendere un piatto più ricco e nutriente.

Il LATTE VACCINO può essere sostituito da quelli di mandorla, di riso, d'avena e di soia. Per una scelta ancora più sana, si consiglia sempre di acquistarli biologici. Sono privi di colesterolo e di lattosio e sono molto digerìbili.

Il BURRO VACCINO è sostituibile, in generale, con i condimenti come gli oli vegetali.Tra questi l'olio extra vergine di oliva sarà l'ideale.

Il burro, nelle ricette per dolci, può anche essere sostituito o con della margarina vegetale biologica, oppure con della tahina o, ancora, con della crema di nocciole o burro d'arachidi.

Indicativamente la proporzione da seguire nella sostituzione è la seguente: 100 g di burro con 80 g di olio di mais o d'oliva.

Il burro può essere sostituito anche con la panna di soia, che è meno calorica e con un sapore più delicato dell'olio (per 100 g di burro si usano 125 g di panna di soia).

È possibile sostituire il burro con yogurt di soia, anche qui la proporzione è identica alla precedente.

I FORMAGGI di origine alimentare sono sostituibili con quelli vegetali di soia, di riso, ecc. (nei negozi specializzati se ne possono reperire diverse varietà, anche aromatizzate e molto piacevoli al gusto).

Una grattugiata di parmigiano sulla pasta o sul risotto è sostituibile o con del lievito a scaglie, oppure con granella di noci, nocciole o mandorle tostate.

Una bevanda squisitamente italiana

Il latte di mandorle, conosciuto fin dal Medioevo, è una bevanda della tradizione italiana, venne inizialmente prodotto nei monasteri siciliani.

Ancora oggi, è diffuso in tutta la Penisola, in particolare nelle regioni del Sud. Ha un colore neutro, sul beige ed è facile da trovare in commercio, ma lo si può anche preparare in casa, se avete un po' di tempo.

Si utilizza sia come bevanda, sia come ingrediente per dolci, zuppe e frullati. Lavorate 200 g di mandorle dolci senza buccia con un litro d'acqua e sciroppo d'acero a vostro piacere.

Ammorbidite le mandorle ammollandole in acqua a temperatura ambiente. Scolatele e frullatele, aggiungendo un poco alla volta l'acqua e un poco di sciroppo d'acero.

Poi setacciate il composto e filtratelo per separare il liquido dalla polpa, che potrete utilizzare per preparare dei dolcetti di mandorle. Il latte si mantiene in frigo da due e tre giorni.

 

Vegani Senza Limiti

Vegani Senza Limiti

Minda Fontana, autrice di diversi libri sulla cucina vegan, propone un ricettario di piatti sfiziosi e gustosi, rigorosamente solo a base di ingredienti vegetali e nel profondo rispetto dell'ambiente e degli animali.

Acquista ora

 

Minda FontanaTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Il percorso di ricerca di Minda Fontana, affonda le sue radici nel pensiero filosofico orientale, che per primo ha tracciato le linee guida di uno stile di vita diverso, fondato sull’equilibrio e sul rispetto della vita e della natura.

Prima vegetariana e poi vegana, Minda ha viaggiato in tutto l’Oriente venendo a contatto con le numerose discipline indiane, cinesi e giapponesi, che da secoli propongono l’alimentazione come un preciso fondamento per il raggiungimento del benessere psico-fisico.
La pratica dello yoga e lo studio, in loco, del taoismo e del buddismo hanno formato il ricco bagaglio culturale dell’autrice. Minda ha voluto coniugare le sue conoscenze orientali in chiave occidentale. Un modo per sensibilizzare, con un approccio semplice e diretto, i lettori, proponendo loro un’alimentazione a carattere vegetariano o vegano, sfatando così alcuni luoghi comuni, per esempio, che una dieta “verde” sia una cosa difficile da realizzare quotidianamente e che sia “triste” perché povera di varietà e di sapori.

Ambientalista ed ecologista ante litteram, Minda ritiene che il futuro qualitativo dell’alimentazione sia individuabile nelle coltivazioni biologiche, meglio se bio-dinamiche. Buon senso, fantasia e creatività sono tra gli ingredienti principali della sua ricetta di vita.

 

I vostri commenti - Scrivi un commento!

Nessun commento presente

Scrivi un commento!