Torna su ▲
Avvento 2016
Idee Regalo

I Simboli del Femminile e del Maschile

Scritto da Simona Oberhammer

I Simboli del Femminile e del Maschile

Innanzitutto cos'è un simbolo?

Un simbolo è un segno, una figura ma anche un oggetto, un animale o qualsiasi altra manifestazione che rappresenta un'entità, un'idea, un principio, un valore.

È la sua figurazione, il suo emblema.

Ti scelgo perché mi attiri

L'umanità si è circondata di simboli. Da sempre. E continua a farlo anche oggi. Anche noi stesse ci adorniamo di simboli: se portiamo al collo un ciondolo con un segno particolare stiamo utilizzando un simbolo. Anche se non ne siamo consapevoli.

Ti è mai capitato di scegliere un oggetto per il simbolo che rappresentava?

A me sì. Penso anche a te. Magari quando hai acquistato una compilation musicale, un soprammobile, una maglietta con un disegno, un portachiavi. Oppure quando hai deciso di farti un tatuaggio proprio perché ti piaceva quel segno.

Nei simboli che utilizziamo o in quelli che ci attraggono, si esprime qualcosa di noi stessi, dei nostri vissuti, dei principi che ci animano.

Parlare senza parole

I simboli parlano.

Non con le parole.

Non con l'interpretazione logica.

Vengono percepiti dalla mente in forma intuitiva. E ci parlano attraverso il corpo, il più antico dei linguaggi esistenti.

Il loro linguaggio – perché di vero e proprio linguaggio si tratta – non si fonda quindi sulla comprensione logica ma su quella intuitiva: mentre la parola è un linguaggio principalmente razionale, del conscio, quello dei simboli è un linguaggio soprattutto intuitivo, dell'inconscio. In linea con il principio femminile.

Se il linguaggio verbale ha una funzione utile ed importante, anche il linguaggio simbolico ha una funzione altrettanto importante.

È un linguaggio di tipo metaforico.

Cosa significa?

Significa che attraverso i simboli possiamo dire – in modo semplice e veloce – ciò che richiederebbe molte spiegazioni. Alcune volte anche ciò che a parole non può essere spiegato.

Simboli archetipici, simboli del corpo

I simboli più potenti sono quelli che derivano dalla biologia del nostro corpo.

Io la definisco la matrice biologica. (mettere link articolo pari opportunità a modo delle donne)

Cos'è?

In breve, è la pasta di cui siamo fatti, gli ingredienti di cui siamo composti.

Le donne e gli uomini è come se fossero formati con una ricetta diversa. La distinzione più evidente è visibile a livello dell'apparato e della funzionalità riproduttiva.

Qui c'è il suo fulcro.

Prova a pensare a un corpo nudo femminile e poi a uno maschile: sono gli organi genitali a creare la fondamentale differenza. Ed è a questa differenza che sono collegate funzioni molto specifiche per lui e per lei.

Quelle della matrice biologica femminile sono il menarca, cioè la prima mestruazione, il ciclo mestruale, che contraddistingue la vita fertile della donna, la gravidanza, il parto, l'allattamento e la menopausa.

Le funzioni della matrice biologica maschile sono invece l'erezione, la spermatogenesi e l'eiaculazione.

Sono proprio queste funzioni a dar vita ai simboli femminili o maschili.

Sono simboli archetipici, perché validi universalmente.

Si ritrovano ovunque, perché nascono dal corpo stesso.

I principali simboli archetipici del femminile e del maschile

Quali sono i principali simboli archetipici?

I simboli del femminile sono il cerchio e tutte le forme e gli andamenti sinuosi, ruotanti, tondeggianti. Segni e spazi che si snodano lungo curve e circuiti sinusoidali: l'onda, la spirale, la falce di luna, i cerchi concentrici, l'ovale, il fuso circolare, la goccia, la esse, gli anelli intrecciati. Questi sono i principali simboli archetipici della matrice biologica femminile.

I simboli del maschile sono invece la linea e tutte le forme e gli andamenti che creano una combinanza di linee o punti: la freccia, i raggi del sole, il quadrato, i punti sequenziali, il triangolo, il rettangolo, il rombo, la saetta, la scala.

Andiamo ora a conoscere meglio i diversi simboli.

Prima del femminile.

E poi del maschile.

I simboli archetipici del femminile

Il cerchio

Espressione della ciclicità, il cerchio è il principale simbolo della matrice biologica femminile. Non ha un inizio né una fine. Tutto si ricongiunge, per ricominciare ogni volta. Così è il tempo ciclico delle donne: il ciclo mestruale mensile, il ciclo ormonale della vita fertile.

Cerchio come espressione del ventre materno. Cerchio come espressione dell'unione e dell'interconnessione.

Nelle forme circolari – nella natura, nel cosmo, nel corpo femminile, nelle strutture architettoniche, nell'arte – c'è un senso di accoglienza e compiutezza. C'è l'armonia di uno spazio senza rotture, senza spigoli.

L'onda: il sinusoide

Sinonimo di morbidezza e fluidità, l'onda è sostanza liquida e plasmabile. Ciò che la forma non può essere dritto, duro, rigido. Dev'essere capace di modellarsi, flettersi, contrarsi e riaprirsi in un moto altalenante di forze ritmiche e oscillanti.

Nell'onda c'è la rappresentazione visiva delle donne: una sinuosità che sale e scende, che comprende anfratti e insenature. Proprio come il femminile.

 

La spirale

Quando il bambino esce dall'utero materno, lo fa con un movimento a spirale. Durante la progressione lungo il canale del parto, il feto compie una rotazione interna, proprio come una spirale. Grazie a questo modo di muoversi riesce a disporsi, mentre scende, lungo le linee di minore resistenza e la fuoriuscita è agevolata.

Tipica espressione della circolarità femminile, la spirale deriva dal cerchio. Simboleggia la natura ciclica del femminile, una via percorsa girando e rigirando attorno a un nucleo.

La falce di luna

La luna, in qualsiasi fase si trovi, è sempre una manifestazione della circolarità delle donne, dei ritmi dati dalla matrice biologica.

La falce di luna rappresenta la porzione del cerchio, uno dei passaggi ciclici del femminile: cicli che sono appena iniziati, cicli che si espandono, cicli che si concludono per farne iniziare altri.

I cerchi concentrici

I cerchi concentrici si formano dal centro e si allargano verso l'esterno. Sempre più ampi, come il ventre materno che si espande mese dopo mese.

Così è il femminile: è uno e poi tanti, è un cerchio di continue dimensioni, perché una si apre nell'altra. Una è dentro l'altra.

Simbolo di un'energia che si espande, i cerchi concentrici sono prima un piccolo nucleo, e poi si amplificano: è l'energia che prende forza dal centro interiore.

L'ovale: l'uovo

Uovo uguale nuova vita.

Una vita che ancora non si vede, ma che sta seguendo il suo processo di formazione e di crescita.

Simbolo di fertilità l'uovo è la più grande cellula esistente.

E scandisce il ciclo mestruale.

La forma ovale suggerisce un "circuito chiuso": il ciclo ovarico – dalla crescita alla fuoriuscita dell'ovulo, alla sua discesa lungo le tube – scandisce tutti i mesi lo stesso tragitto. Che si ripete continuamente nel corpo delle donne.

Il fuso circolare

È la più semplice ed espressiva stilizzazione della vulva. Lo ritroviamo fin dalla preistoria, nelle rappresentazioni del corpo femminile. Nell'arte sacra occidentale il fuso circolare è stato utilizzato come simbologia del divino. È la "mandorla mistica", lo puoi vedere rappresentato in diversi dipinti, alcuni molto famosi.

La goccia

È il simbolo del nutrimento femminile.

È la goccia di latte che stilla dal capezzolo, la goccia di linfa che scorre lungo il ramo, la goccia di rugiada che si è posata sul filo d'erba. Tutte rappresentazioni della natura viva e creatrice.

La goccia è come un cerchio che si sposta e travasa il suo contenuto da un punto all'altro. Deve oscillare, scendere, scorrere per portare vita, nutrimento, crescita. è la circolarità femminile che si manifesta nelle sue variegate forme.

La esse: il sigmoide

Più che una curva, una esse.

è il sigmoide, un tipo di onda particolare che deriva il suo nome dalla lettera greca sigma, che significa, letteralmente, "simile a una esse".

Il simbolo della esse fa pensare al corpo femminile. E alle sue curve. Il corpo di una donna, nella sua struttura anatomica, disegna molte forme ad esse: la curva dei fianchi, che sale verso la vita e si espande con il seno, la curva dei glutei che si snoda lungo la colonna vertebrale creando un'ondulazione sinuosa.

Gli anelli intrecciati

È il simbolo che si forma quando due onde si intrecciano tra loro. Disegnano una spirale a elica, quella che trovi rappresentata nel DNA, la struttura molecolare che custodisce il nostro codice genetico.

Gli anelli intrecciati sono un simbolo del femminile. Con il loro formarsi e ripetersi in continuo, ricordano la ciclicità delle cose, degli eventi, della vita biologica in tutte le sue forme. Ricordano il principio di origine – il cerchio – e il suo divenire, la sua trasformazione.

I simboli archetipici del maschile

La linea

È il principale simbolo della matrice biologica maschile: lineare come il percorso che seguono gli spermatozoi dirigendosi verso l'ovulo, come il pene eretto.

Espressione della sequenzialità, la linea prosegue lungo un percorso rettilineo. Procede sempre nella stessa direzione. Ha un punto di partenza e ha un punto di arrivo. Nella linea prima c'è una cosa, un aspetto della realtà, un dato. E poi ce n'è un altro. Si parte da un punto preciso con lo scopo di arrivare da qualche altra parte.

Diversamente dal cerchio, l'inizio e la fine non si ricongiungono.

La linea simboleggia le rotte tracciate dal maschile: per giungere alla meta, per realizzare un obiettivo, per procedere. Quando si segue una linea le cose non ricominciano, non si ripetono come nel percorso circolare. Nella linea c'è un procedere continuo.

I punti

Cosa costituisce un insieme di punti?

Una retta.

Ce lo spiega la geometria: per fare una retta occorre mettere in fila tantissimi punti.

Se ci si muove in modo puntiforme c'è sempre un "punto di partenza" e c'è sempre un "punto di arrivo".

È un percorso lineare.

è il percorso dei segmenti geometrici. Tutto ciò che si riferisce al punto, da solo o in sequenza, esprime chiarezza, settorialità, precisione, fermezza, decisione. In sintonia con il principio maschile.

La freccia

Simbolo molto utilizzato per il maschile, la freccia ha il significato di "centrare l'obiettivo".

è la proiezione verso l'esterno, verso la realizzazione, verso la meta. è la capacità di mettere a segno, di focalizzare, di distinguere un punto da tutto il resto.

La freccia penetra, come il fallo maschile.

Ed è unidirezionale.

Cioè va in una sola direzione, come gli spermatozoi nella loro corsa verso l'ovulo.

I raggi del sole

Se disegniamo un punto sulla carta e facciamo partire tante linee abbiamo i raggi del sole. Simboleggiano l'energia maschile: dal centro si proietta all'esterno. Come il sole radiante che con i suoi raggi arriva alla terra e la feconda: attraverso la sua luce rende rigogliosa e verde la vegetazione.

I raggi sono anche una misura e una direzione dello spazio. Nella rosa dei venti si dipartono dal centro e segnalano ciascuno un punto preciso: la collocazione dei punti cardinali.

Il quadrato

Se una cosa è logica diciamo che "quadra".

Se un processo è ragionevole diciamo che "chiude a quadrato".

Inquadrare significa definire qualcosa. Vuol dire esaminare, analizzare nei dettagli. Se tutto quadra, i conti tornano. La deduzione si è rivelata esatta. Secondo un processo che non è quello intuitivo ma quello della mente logica. Si "inquadra" un fatto, un dato, una persona dopo aver fatto una valutazione, una verifica.

è la visione analitica.

Diversa da una rappresentazione a tuttotondo che include invece più aspetti della realtà, interconnettendoli.

Mentre il cerchio esprime la totalità universale, il quadrato – con i suoi spigoli e le sue linee dritte – esprime la volontà di riunire entro confini precisi. Se il cerchio è il simbolo del "tutto", dell' universo infinito, il quadrato è invece il simbolo di una "parte", dello spazio definito. Se il cerchio "ingloba", il quadrato "delimita": attraverso uno schema, un sistema, una struttura costruita. In linea con il pensiero maschile.

Il triangolo: la piramide

Prodotto di raffinati calcoli, di adeguate simmetrie, di precise valutazioni, la piramide è la sublimazione della costruzione razionale. È una figura perfettamente progettata. Ed è molto diversa dall'uovo che nasce invece dal corpo che l'ha generato, già formato e chiuso, come uno scrigno di vita.

La forma più evidente della piramide è il triangolo, con il vertice verso l'alto, detto triangolo del cielo. Simbolo della prestanza maschile, rappresenta l'ascesa, da una base di partenza, verso una perfezione che si trova su in alto. Se la circolarità femminile porta verso il nucleo, verso il centro, la linearità maschile si slancia, procede verso la sommità.

Il rettangolo

Anche nel caso di questo simbolo, è la linearità maschile che si esprime.

La geometria piana ci dice che anche il quadrato, in realtà, è un rettangolo. Con la particolarità che tutti i suoi lati sono uguali. I simbolismi delle due figure infatti hanno molti punti in comune. Entrambe fanno riferimento all'idea di uno spazio delimitato, ordinato, stabile, chiuso. Uno spazio settoriale. Il nome rettangolo esprime pienamente il concetto: il termine deriva dal latino "rectus", cioè dritto, retto.

Il rombo

Il rombo appartiene alla simbologia del maschile: le sue forme sono penetrative, formate da una composizione in cui gli elementi si inseriscono perfettamente l'uno nell'altro, come un incastro logico, una progettazione razionale.

La saetta

Simbolo di forza e di potenza, rappresenta il maschile. Utilizzata nella storia in ambito militare, i legionari romani avevano una saetta rappresentata sui loro scudi. Simbolo dell'azione rapida e decisiva, la saetta arriva di colpo. E di colpo scompare. Non ha nulla di sinuoso, avvolgente, morbido. Va a zig-zag. Con scatti secchi e rapidi. Con picchi che fendono l'aria, che penetrano.

La scala

A cosa serve una scala? A salire. Anche a scendere, certo. Ma a livello percettivo la prima associazione che di solito si crea con questo simbolo è l'ascesa: la scala è una via che percorriamo per salire verso l'alto. Metaforicamente, verso il cielo.

Caratteristico simbolo del maschile, la scala che sale in linea retta rappresenta la propensione verso l'alto, verso la luce. Si percorre passo a passo. Simboleggia un tragitto che avviene a fasi ben definite. Non a ondate, o in un sinuoso movimento a spirale, o in una circolarità ciclica. Ogni gradino è una fase che inizia e si conclude. Poi si passa a quella successiva. Secondo le modalità della matrice biologica maschile.

Come usare i simboli

In tanti modi.

Le tecniche che si possono fare con i simboli sono numerosissime.

I simboli possono essere visualizzati, disegnati , segnati con un dito sulla pelle, rappresentati con tutto il corpo o con le mani, massaggiati...

Ogni volta che utilizziamo con consapevolezza un simbolo, agisce nel profondo di noi stessi.

Nel caso dei simboli del femminile e del maschile influiamo positivamente sul nostro essere donna o uomo.

 

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita da Macrolibrarsi con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.

 

Simona OberhammerTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Simona Oberhammer

La dr. Simona Oberhammer è naturopata. Ha operato per anni come ricercatrice indipendente ed ha effettuato i suoi studi e le sue ricerche nell'ambito delle discipline olistiche internazionalmente in diversi paesi quali Stati Uniti, Germania, Inghilterra, Austria. Si è specializzata in nutrizione e bioterapie (U.S.A.). Da questa esperienza è nato il metodo Naturopatia Oberhammer®.


Simona ha seguito anche un percorso nell'ambito del femminile con una Maestra, Mila Raisse, una donna che proveniva da un'antica tradizione di donne. Questo percorso personale, durato tanti anni, l'ha portata a creare la Via Femminile®.

Gli studi e le ricerche internazionali sono stati la base per l'elaborazione e la creazione di nuovi sistemi e metodi terapeutici. Tra i principali: La Via Femminile®, un percorso per le donne
; Naturopatia Oberhammer®, naturalmente sani, Olosophia®, sistema di intervento olistico; Bionutra®, metodo di alimentazione naturale; Disintox®, metodo di disintossicazione; Eucolon®, metodo di purificazione e rigenerazione intestinale; Olofem®, programma donna; Gymintima®, metodo di ginnastica intima; Codice DeU®, metodo sulle differenze tra universo femminile e maschile; Biotipi Olosophici®, metodo sulle tipologie costituzionali.

È autrice di diversi libri sulle tematiche del benessere, della salute, dell'interiorità e sulla donna, alcuni già editi e altri di prossima pubblicazione. Alcuni titoli sono: Femminile Sconosciuto, La forza delle donne, Ginnastica Intima per donne, Codice DeU: Codice Donna e Uomo, Sygil: Il linguaggio segreto delle mani.

I metodi ideati sono stati inseriti dalla dottoressa Simona Oberhammer allʼinterno di una pluralità di forme espressive: grafica, scrittura, musica, video, disegno, oggettistica e simbologia.

La dottoressa Simona Oberhammer diffonde i suoi metodi con eventi quali conferenze, corsi e workshop organizzati dall'Istituto Olosophico, in Italia e all'estero.

 

I vostri commenti - Scrivi un commento!

Commento di giusy

Bellissimo articolo.... davvero molto utile, per chiunque voglia avvicinarsi al linguaggio dei simboli e raggiungere l'Armonia con se stesso partendo dalla semplicità dei simboli archetipici impressi nel nostro corpo e nell'universo che ci circonda. Giusy B.

Rispondi al commento

Tutti i commenti...
Scrivi un commento!

Articoli correlatiTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Sygil

La simbologia segreta delle mani. I Sygil del femminile e del maschile

Simona Oberhammer

(8)
€ 18,00
Avvertimi quando disponibileRichiesto da 38 visitatori
Fuori Catalogo

Libro - Edizioni Olosophiche - Novembre 2011 - Simbolismo

Scopri il segreto della simbologia delle mani. Questo libro illustra il più antico dei linguaggi: quello dei simboli. Attraverso le mani potrai scoprire i segreti del femminile e del maschile. Dal metodo Olofem. Le mani... scheda dettagliata

Olofem - Femminile Sconosciuto

Simona Oberhammer

(15)
€ 18,00
Avvertimi quando disponibileRichiesto da 407 visitatori
Fuori Catalogo

Libro - Edizioni Olosophiche - Novembre 2011 - Spiritualità al Femminile

Un viaggio misterioso lungo la via femminile. Antico e moderno. Per sprigionare la donna che è in te. Per chi vuole riscoprirsi viva, autentica, passionale, morbida ma forte, creativa e capace di farsi sentire e valere.... scheda dettagliata

Ginnastica Intima per Donne - Libro

Riscopri la tua femminilità con il Metodo Gymintima®

Simona Oberhammer

(23)
Nuova ristampa
€ 16,50 Solo 5 disponibili: affrettati!
Disponibilità: Immediata

Libro - Macro Edizioni - Settembre 2013 - Gravidanza

Vuoi risolvere i disturbi ginecologici? Vuoi migliorare la tua vita sessuale? Vuoi eliminare i disagi del ciclo mestruale o della menopausa? Vuoi imparare degli esercizi che puoi fare ovunque, anche mentre fai altro, senza... scheda dettagliata

Il Mondo dei Simboli

Numeri, lettere e figure geometriche

Solas Boncompagni

(4)
€ 13,90
Disponibilità: 2 giorni

Libro - Edizioni Mediterranee - Dicembre 2006 - Esoterismo

Lo scopo principale di questo libro è quello di velare e rivalutare il senso perduto dei numeri e delle lettere, delle figure e dei corpi geometrici, risalendo, attraverso la scoperta delle loro misteriose origini e dei loro... scheda dettagliata

La Sapienza della Dea + Carte

Miti, meditazioni, simboli e siti sacri

Dee Poth

(4)
€ 36,00 Solo 2 disponibili: affrettati!
Disponibilità: Immediata

Libro - Psiche 2 - Novembre 2010 - Storia antica

La Dea si manifesta sotto molti aspetti, che sono come le diverse facce di un unico cristallo. Assorbi le storie delle dee, riporta il loro amore, nutrimento e potenza alla tua consapevolezza. Usa i loro simboli come... scheda dettagliata

Guida alla Dea Madre in Italia

Itinerari fra culti e tradizioni popolari

Andrea Romanazzi "Gawllew"

(1)
€ 22,50 Solo 1 disponibile: affrettati!
Disponibilità: Immediata

Libro - Venexia Edizioni - Aprile 2005 - Dea

La penisola italiana ha accolto nei millenni numerosi riti, tradizioni e culti incentrati sulla Divinità Femminile, dei quali restano ampie e talora vistose tracce. Ed è proprio viaggiando alla loro ricerca, fra terra,... scheda dettagliata