Torna su ▲

Gli Dei dalle lacrime d'Oro - Prefazione del libro

Centro e sud America sono un mosaico ininterrotto di reami perduti e civiltà scomparse. Le leggende sulle loro origini, i calendari astronomici, le piramidi...

Gli Dei dalle lacrime d'Oro - Prefazione del libro

Nella storia d'Europa la scoperta del Nuovo Mondo reca l'im­pronta di El Dorado, ovvero della continua, affannosa ricerca del­l'oro. I conquistadores, però, non si accorsero mai che in questa lo­ro corsa all'oro non facevano che ripercorrere le rotte di una ricerca che si era svolta molto tempo prima, proprio sulla Terra e in quelle ''nuove" regioni.

Sepolte sotto l'infinità di testimonianze di saccheggi e devasta­zioni di ogni genere a cui gli invasori, questi nuovi ricchi, si erano abbandonati, vi sono anche tracce, nelle cronache del tempo, dello stupore che gli Europei provarono quando si accorsero di avere a che fare con civiltà che erano in tutto e per tutto simili a quelle del Vecchio Continente: regni e corti reali, città e luoghi sacri, arte e poesia, templi alti fino al cielo, sacerdoti; inoltre il simbolo della croce e la fede in un Creatore di ogni cosa; e infine, leggende su di­vinità dalla bianca barba che se ne erano andate, ma che avevano promesso di ritornare.

Ancora oggi, cinque secoli dopo, i misteri e gli enigmi dei Maya, degli Aztechi, degli Inca e dei loro predeces­sori, quegli stessi misteri che avevano lasciato sconcertati i conqui­stadores, continuano a lasciare sconcertati gli studiosi e tutti coloro che si interessano della materia.

Come, quando e perché sorsero nel Nuovo Mondo queste grandi civiltà? E soprattutto, è una semplice coincidenza che più le cono­sciamo, più esse sembrano modellate sulle civiltà dell'antico Medio Oriente? La nostra convinzione è che a questa domanda si possa ri­spondere soltanto accettando come un fatto, e non come un mito, la presenza sulla Terra degli Anunnak.i, "coloro che dal cielo ven­nero sulla Terra".

Questo libro, Gli Dei dalle lacrime d'Oro, ne offre la prova.

Zecharia Sitchin

 

Zecharia SitchinTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Zecharia Sitchin

Zecharia Sitchin (1922-2010) è nato a Bacu in Azerbaijan ed ha vissuto in Palestina, dove ha studiato la Bibbia ebraica scritta in ebraico antico. Ha inoltre studiato l'archeologia del Medio Oriente, prima di trasferirsi definitivamente negli Stati Uniti.

Ha dedicato tutta la sua vita allo studio delle lingue semitiche ed è un'esperto di civiltà Sumera, tanto da essere uno dei pochi studiosi in grado di poter decifrare le iscrizioni scritte nei caratteri cosiddetti "cuneiformi", che ricoprono bassorilievi e le tavolette di argilla ritrovate in tutto il Medio Oriente.
Sitchin nei suoi libri traduce i testi sumerici ed evidenzia le somiglianze tra i miti religiosi Sumeri, Greci e Cristiani... La sua visione è semplice ma sconvolgente: i testi sacri dei popoli antichi non sono una creazione fantastica, ma confusa memoria di fatti realmente avvenuti!

Zecharia Sitchin è un eminente orientalista e studioso della Bibbia, che ha dedicato gli ultimi sessant’anni alla ricerca e alla traduzione delle tavolette di argilla sumere e di altri testi antichi che identificano gli Anunnaki e il loro pianeta Nibiru. Dopo essere stato per molti anni giornalista e redattore in Israele, ha vissuto a New York.

 

 

Macrolibrarsi Assistenza Chat

 

Assistenza Clienti

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi sconti, promozioni e novità direttamente nella tua casella di posta.

Guadagna subito +50 PUNTI per i tuoi futuri acquisti e premi.



COMMUNITY

Seguici su Facebook
Ti Piace Macrolibrarsi?
Se ti piace clicca su:
   

I LIBRI PIU' VENDUTI

 

SPECIALI