Torna su ▲
Avvento 2016
Idee Regalo

Giuliano Guerra - Anteprima - La Via dell'Amore

Estratto dal libro: La consapevolezza delle emozioni presenti in noi, in particolare delle emozioni negative da trasmutare.

Giuliano Guerra - Anteprima - La Via dell'Amore

Dentro di noi esistono forze selvagge e meravigliose.
San Francesco D'Assisi

Se porterete alla luce quello che è dentro di voi, quello che porterete alla luce vi salverà.
Se non porterete alla luce quello che è dentro di voi, quello che non porterete alla luce vi distruggerà.
Vangelo di Tommaso

Il palazzo: immagine allegorica riferita al nostro modo di vivere

Avere la consapevolezza delle emozioni in noi è il passaggio fondamentale per poter procedere nel processo di trasmutazione delle emozioni negative. Saperle riconoscere non solo quando si presentano in modo vistoso, eclatante, ma soprattutto quando albergano in noi in modo sordo, subdolo, continuo, o quando permangono a lungo dentro di noi. I segnali della loro presenza persistente sono molto comuni: basta ascoltare il nostro corpo che inevitabilmente rappresenta il teatro su cui si manifestano per definizione, come ci insegna la scienza medica, in particolare la medicina psicosomatica. Altre volte irrompono nello psichismo e nelle comunicazioni interpersonali alterando il nostro equilibrio, la nostra salute, la nostra armonia di fondo.

Tra i tanti metodi che portano a saperle riconoscere come presenti in noi ti propongo la tecnica della visualizzazione guidata che si riferisce all'immagine di un palazzo. Sia che si tratti di vistose emozioni che si manifestano in modo acuto e clamoroso, oppure che si tratti di emozioni occultate nel nostro inconscio più profondo e coperte dal continuo chiacchierio della nostra mente con i suoi pensieri interminabili, questa tecnica ci porta ad acquisire la consapevolezza della loro presenza. Il passo successivo è di saperle contenere, accettare, senza subito cercare di espellerle, di rifiutarle, o di negarne la presenza. Il loro rifiuto, la rimozione nell'inconscio, la loro demonizzazione non sono modalità funzionali alla nostra evoluzione. Lo è invece il saperle riconoscere, accettare e contenere per poi procedere a trasmutarle come opportunità per la nostra formazione psicologico-spirituale. Per saper riconoscere le emozioni presenti in questo momento nel tuo psichismo e percepirne gli effetti nei corpi sottili, inizia a immaginare un palazzo.

Puoi scegliere, cercando nella tua memoria, un palazzo che ti abbia particolarmente colpito. Un palazzo storico, di rara bellezza e rilevanza artistica indiscussa. Oppure un palazzo antico, costruito con austerità, con la solidità e il fascino dei palazzi d'epoca. Può essere un palazzo regale, un palazzo nobiliare, oppure un comune vecchio palazzo come spesso incontriamo nelle nostre città. È il palazzo dove vivi o dove dimora un tuo conoscente? Bene, molto bene. È un palazzo la cui struttura ed esistenza stai inventando ora? Bene, anche questo va benissimo. È un palazzo istituzionale, in cui sono inseriti uffici statali, provinciali? È una palazzina a uso civile con un'area condominiale adibita a giardino o a piazzuola e per il gioco dei bambini? Anche questo va tutto molto bene.
Allora immagina un palazzo, il tuo palazzo, e cerca di vederne i limiti strutturali. Il suo confine con altre strutture urbanistiche, la sua forma, i materiali che ne costituiscono la facciata. Può avere affreschi, statue ornamentali, scritte antiche o altri segni che ne indichino la storia. Ora osserva il portone d'ingresso, le finestre del primo piano: se hanno delle grate, se sono aperte, se si presentano con delle imposte, se hanno fiori sui balconi. Se ci sono dei terrazzini. Oppure se al piano terra ci sono vetrine di negozi o indicazioni di uffici, banche, studi vari come ad esempio l'ambulatorio di un medico o uno studio dentistico. Si può trattare di ampi locali adibiti a uso convegni o per momenti ricreativi. Vi puoi vedere il bancone tipico dei bar o i tavolini che spesso ritrovi nei luoghi di ristorazione. E perché no, anche locali di chiese come quella evangelica o dei Testimoni di Geova. Saloni per attività sportive, oppure per accogliere gruppi di meditazione o che eseguono gli esercizi classici dello yoga o della ginnastica dolce.

Lascia che la tua immaginazione ti indichi particolari e singole specificità. Prendine atto e non dare per ora interpretazioni. Prendine nota, osserva. Agli uffici, negozi, studi, appartamenti del piano terra possono accedervi direttamente numerose persone. Lascia ancora una volta che la tua fantasia vi faccia pervenire uomini, donne, bambini con atteggiamenti, posture, modi di vestire, modalità di esprimersi e di parlare tradizionali o insolite. È dal profondo del tuo inconscio che affiorano le immagini; spontaneamente compaiono nella tua mente scene che devi semplicemente accogliere e non giudicare. Nel tuo palazzo che ti stai rappresentando, indipendentemente dall'epoca storica, antica o recente della sua costruzione, è presente anche un piano interrato.
Sotto il piano terra vi sono infatti numerosi altri spazi e percorsi. Vi ritrovi locali ristretti e bui che vengono adibiti a cantine e per il deposito attrezzi o lo smaltimento dei rifiuti, locali ampi e di condivisione comune per parcheggiare le automobili o da utilizzare come lavanderia. In questa parte sotterranea del tuo palazzo arrivano le tubazioni che trasportano le acque potabili o che smaltiscono i liquami dei lavandini o degli impianti fognari. Vi arrivano i cavi del telefono, della corrente elettrica; le fibre ottiche per ottimizzare le funzioni telematiche. È una parte importantissima del palazzo, indispensabile per agevolare la vita che si svolge agli altri piani. Senza i locali per accogliere le spazzature, le pompe per distribuire le acque, i garage e le cantine, la vita ai piani alti risulterebbe confusa, caotica, inquinata dalle masserizie e dai rifiuti. Grazie, invece, a questi locali sotterranei tutto è meglio organizzato e semplificato. È vero che sono zone dove circolano scarafaggi, topi e scorpioni, ma è altrettanto vero che sono luoghi indispensabili per accogliere alcuni degli aspetti meno vistosi e luminosi del flusso della vita. Un ascensore collega questo piano interrato agli altri livelli del tuo palazzo. Anche le scale, o solo queste ultime se si tratta di un palazzo storico, adempiono a questa funzione. Ora puoi risalire al primo piano e ai piani successivi. Si tratta di luoghi del tuo palazzo che puoi visualizzare in vari modi. Possono essere sede di uffici notarili, legali, assicurativi, oppure sede di mostre, musei, aggregazioni associative o culturali. Non c'è nulla di già definito, tu stesso, di volta in volta, puoi modificare l'immagine del palazzo.

Può darsi che nel palazzo che ti stai rappresentando ritrovi locali già conosciuti, arredamenti e presenza di persone con cui hai condiviso anni importanti della tua vita. Ritrovi, oppure per la prima volta osservi, degli spazi abitativi strutturati in base alle varie necessità e funzioni che la vita richiede: stanze per dormire, per pranzare, per soggiornare durante la giornata. Locali adibiti a studio, ufficio, stanze per accogliere i bambini e i loro giochi, saloni per svolgervi feste e mostre. Luoghi che favoriscono la lettura, l'ascolto della musica o allestiti per accogliere gli appassionati del gioco del bridge o degli scacchi. Libera la tua fantasia e lasciati guidare da immagini e pensieri che spontaneamente affluiscono nella tua mente. Non stupirti se quest'ultima ti porta a immaginare romantiche stanze dove si incontrano e sessualmente si amano persone innamorate, stanze dove la quotidianità della vita domestica vede mamme, mogli, nonne indaffarate ai soliti lavori casalinghi, come stirare, lavare, cucinare. Puoi vedere persone felici coinvolte in attività che le appassionano, altre annoiate che si instupidiscono davanti a programmi televisivi noiosi e privi di interesse culturale, altre intente a guardare film, documentari o spettacoli sportivi. È possibile visualizzare stanze che accolgono persone ammalate o adibite a visite mortuarie per la salma di una persona deceduta da poco.

Persone affacciate ai balconi che accudiscono i loro animali, le piante da fiori, o che semplicemente cercano refrigerio o fumano una sigaretta. Persone che litigano o che si amano, che si rispettano parlandosi con gentilezza e maturità, oppure si maltrattano e si scambiano scorrettezze e malignità. Persone che eseguono riparazioni artigianali o che contemplano dalle finestre dei piani superiori la vita che scorre per le strade. Non esiste un limite per la tua immaginazione, che è infinita e incontenibile.
Ai piani più alti del tuo palazzo è bello osservare la presenza di appartamenti più luminosi, di spazi prestigiosi da cui puoi contemplare direttamente lo splendore del cielo con i suoi colori, albe e tramonti. Dal piano più alto domini tutto il paesaggio sottostante, i profili naturali delle montagne, le colline, le campagne, oppure gli ambienti marini o altro ancora. Puoi vedere altre costruzioni, abitazioni, palazzi.

Dall'alto si ottiene una visione migliore, si controlla uno spazio visivo maggiore. Nella tua fantasia puoi creare immagini di giardini pensili con piante ornamentali, ampie terrazze aperte a tutto lo splendore della natura e della vita. Ancora una volta la tua immaginazione ti porta a visualizzare scene e ambientazioni di vita con varie caratteristiche. Certamente l'attico, la parte più alta del tuo palazzo, ti garantisce una visione più ampia e completa. Dall'alto la vita è più serena, più ricca, armonica, aperta. È più completo vivere con una visione amplificata, silenziosa e lontana dalla rumorosità.

Come sempre, la tua immaginazione può spaziare nelle sue illimitate possibilità per descrivere le parti alte del tuo attico: le terrazze, i camini, gli abbaini, la struttura del tetto, i particolari architettonici e, soprattutto, la visuale da cui è possibile vagare con lo sguardo mettendo a fuoco un panorama che il tuo inconscio ti porta a descrivere, simbolicamente, in base ai corrispettivi contenuti profondi. Ecco, vedi, noi siamo proprio come questo tuo palazzo. Viviamo la nostra esistenza simbolicamente su tanti piani e facciamo varie esperienze in base al piano, al livello del palazzo della nostra vita in cui ci troviamo. Ora chiediti: a che piano sono della mia vita? In che stanze sto vivendo? Quali sono le emozioni che percepisco vivendo a quel livello? E se fossi a un altro livello quali sarebbero le emozioni presenti nella mia vita? La lettura in senso psicanalitico e psicodinamico del processo immaginativo che ti ha portato a quelle immagini, anziché ad altre, diventa ora possibile. La possibilità di accedere ai vari piani del tuo palazzo coincide con le varie fasi della tua vita, i vari momenti della tua giornata in cui non sempre è possibile vivere in uno stato meditativo e contemplativo, come avviene ad esempio abitando al piano più alto del tuo palazzo. Come più volte ho ricordato, anche le emozioni inferiori, che spesso si manifestano in uno stile di vita che ci porta a vivere al piano più basso, l'interrato, hanno anch'esse una loro grande importanza e utilità. Ciò che è fondamentale è saperle riconoscere, saperle accettare. Questa è la base da cui partire per poi operare il processo della trasmutazione.

 

Giuliano GuerraTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Giuliano Guerra

Medico psicoterapeuta, con piena attività da oltre 30 anni, specialista in psichiatria e psicologia medica, ha acquisito esperienze professionali occupando ruoli direttivi presso istituzioni civili e militari. Fondatore e presidente di associazioni per l'evoluzione dell'uomo, privilegia nella relazione terapeutica gli aspetti psicologico-spirituali.

Ha scritto vari libri e centinaia di pubblicazioni scientifiche su temi attinenti il disadattamento giovanile, la psicopatologia e la psichiatria spirituale. Con Anima Edizioni e Capitanata ha pubblicato il libro con CD Relax per l'anima, già ristampato più volte per il successo ottenuto.

 

I vostri commenti - Scrivi un commento!

Nessun commento presente

Scrivi un commento!

Possiamo aiutarti?

assistenza clienti

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

 

Assistenza Clienti

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi sconti, promozioni e novità direttamente nella tua casella di posta.

Guadagna subito +50 PUNTI per i tuoi futuri acquisti e premi.



COMMUNITY

Seguici su Facebook
Ti Piace Macrolibrarsi?
Se ti piace clicca su:
   

I LIBRI PIU' VENDUTI

 

SPECIALI