Torna su ▲

Estratto dal libro “Vaccini sì o no”

Leggi un’anteprima del libro “Vaccini sì o no”

Estratto dal libro “Vaccini sì o no”

Che cosa sono i vaccini

Il vaccino è un prodotto farmaceutico di origine biologica fatto per mimare l’azione dell’agente che provoca la malattia contro cui si mira ed è costi­tuito spesso da forme in qualche modo attenuate di un microrganismo, cioè rese molto meno capaci d’innescare la patologia in forma clinica, o in forme uccise. Oppure è un prodotto che contiene le tossine3 di quell’agente o le pro­teine4 che ne rivestono la superficie. In genere il batterio o il virus in questione sono fatti passare attraverso tessuti animali per attenuarne il potere d’indurre realmente la malattia. Per esempio, il virus della poliomielite passa attraverso colture di cellule prelevate dal cercopiteco verde; il vaccino trivalente contro morbillo, parotite e rosolia si prepara su embrioni di pollo e quello antirosolia passa attraverso tessuti di feto umano abortito.

L’introduzione del vaccino nell’organismo induce il sistema immunitario, la complessa rete di sostanze chimiche e cellule che difendono l’organismo da aggressioni chimiche e batteriche (tra le altre aggressioni), a riconoscere ciò che è stato immesso in forma non capace d’innescare clinicamente la malattia come una minaccia. Grazie a questo si può dispiegare la difesa che la vaccina­zione ha fatto in modo che si creasse e che viene tenuta in una sorta di riserva fino a che non sopravviene l’attacco dei patogeni. Insomma, se ci si vaccina contro una malattia, l’organismo fabbrica i cosiddetti anticorpi, cioè proteine (glicoproteine) specializzate per opporsi in maniera specifica a batteri, a virus, a tossine o a grosse molecole estranee, in quel caso attive contro quella deter­minata malattia.

Se è vero che i vaccini da patogeno attenuato o inattivato costituiscono la maggior parte di quei farmaci, di varietà oltre a quelle ne esistono diverse: da antigeni purificati, da antigeni ricombinanti e peptidi sintetici, da virus vivi o vaccini a DNA, da miscele e coniugati. Per quello che è lo scopo di questo libro, comunque, questo punto strettamente tecnico e tecnicamente fondamen­tale non ha importanza.

I vaccini possono essere profilattici, cioè progettati per opporsi all’instau­rarsi di una determinata malattia come il vaiolo, il morbillo, il tetano, la vari­cella e altre, oppure essere terapeutico, cioè curativo. A questo secondo grup­po appartengono i vaccini sperimentali anti-cancro.

Oggi esistono vaccini studiati per difenderci da un numero già alto e sem­pre crescente di malattie infettive contagiose e malattie come il tetano e l’epa­tite B, quella da sangue, che, a rigor di termini, sono malattie non contagiose e che, quindi, per loro natura non possono dare luogo ad epidemie.

Ciò che i vaccini si propongono è di rendere il soggetto singolo immune nei riguardi della malattia particolare ottenendo così l’effetto sociale di con­seguire la cosiddetta immunità di gregge. Il che significa che, se una larga parte della popolazione è immunizzata, anche chi eventualmente non lo fosse avrebbe ben poche probabilità di venire infettato, non circolando più, o quasi più, il patogeno, cioè l’agente che induce malattia.

Vaccini: Sì o No?

Vaccini: Sì o No?

Vaccini sì o vaccini no? Fare una scelta consapevole oggi è molto difficile. Ricevi quotidianamente innumerevoli informazioni dai giornali, nazionali e locali, dalle radio, dalla televisione e da internet sull'importanza di vaccinare i tuoi figli e di farlo secondo il calendario stabilito dall'ASL e dell’efficacia dei vaccini antinfluenzali. È molto importante che tu possa avere tutte le conoscenze per scegliere liberamente. La salute è tua e non sei obbligato di metterla nelle mani di altre persone, soprattutto quella dei tuoi bambini. E quindi devi chiederti:

Che cosa sono i vaccini? Come sono nati? Cosa contengono? Come vengono somministrati? Quanto sono efficaci e quanto sono deleteri? Che collegamenti ci sono tra i vaccini, l’autismo e altre malattie?

In questo libro gli scienziati Stefano Montanari e Antonietta Gatti forniscono le risposte a tutte queste domande presentando le loro ricerche in laboratorio su 28 diversi vaccini.

Acquista ora

 

Antonietta GattiTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Antonietta Gatti

Antonietta Gatti, già professoressa all’Università di Modena, una carriera da Visiting Professor all’Institute for Advanced Scien, una carriera fatta di ricerca e di docenza universitaria in Italia e all’estero, compreso il ruolo di Visiting Professor all’Institute for Advanced Sciences Convergence (Dipartimento di Stato americano); già membro del Comitato Scientifico Nazionale del Ministero della Difesa (CPCM), Consulente della Commissione governativa sull’uranio impoverito e le malattie correlate, coordinatrice di progetti di ricerca europei e italiani.

 

Stefano MontanariTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Stefano Montanari

Stefano Montanari, scienziato e divulgatore di fama internazionale, autore di un blog da 9-10.000 visitatori al giorno, è nato a Bologna il 7 giugno 1949 e risiede a Modena.

Laureato in Farmacia e da sempre impegnato nel campo della ricerca medica.
Fa parte di un gruppo di lavoro, il cui coordinatore, la dr.ssa Antonietta Gatti, sua moglie, ha ricevuto l'incarico dalla Comunità Europea di svolgere diversi progetti di ricerca, l'ultimo dei quali è attualmente in corso di realizzazione con il contributo di altre dieci università di sei Paesi diversi.

Per Macro Edizioni e Macro Video Stefano Montanari ha pubblicato L'Insidia delle Polveri Sottili e delle Nanoparticelle (DVD), Il girone delle polveri sottili e Lo Stivale di Barabba, ovvero L'Italia Presa a Calci dai Rifiuti.

BIOGRAFIA DI STEFANO MONTANARI
Laureato in Farmacia nel 1972 presso l’Università di Modena con una tesi di Microchimica, diviene poi consulente tecnico di Biosa SpA, Milano, azienda operante nel settore cardiochirurgia, cardiologia ed emodialisi.
Dal 1985 è consulente del laboratorio di Biomateriali dell'Università di Modena.
Nella decade 1985-1995 è consulente scientifico di Angiocor - Lille (Francia) per lo sviluppo di filtri per vena cava.
Nel periodo 1997-1999 diviene Direttore scientifico del progetto Biosa per lo sviluppo di una valvola cardiaca di pericardio bovino.
Nel periodo 1996-2003 consulente scientifico di ALN - Bormes les Mimosas (Francia) per lo sviluppo di un filtro per vena cava estraibile.
Dal 2001 è consulente per il progetto Europeo “Nanopathology”.
Nel 2003 è consulente scientifico del Progetto Mondiale per l’applicazione ultrafase alle tecniche di elettrocardiografia.
Dal 2004 è consulente di Avigolfe, l’associazione dei reduci francesi dalle guerre del Golfo e dei Balcani.
Dal 2004 sono incaricati dall’ente scientifico americano FASE di studiare un metodo di detossificazione per i 400.000 soggetti ammalatisi di nanopatologie, a seguito del crollo delle Torri Gemelle di New York (11 settembre 2001).
Dal marzo 2004 Stefano Montanari è direttore scientifico del laboratorio Nanodiagnostics di Modena.
Dal 5 ottobre 2004, insieme alla dott.ssa Antonietta Gatti, è consulente della Foundation for Advancement of Science and Education di Los Angeles per i problemi sanitari legati alle nanopatologie dei sopravvissuti al crollo delle Torri Gemelle di New York.

 

Articoli correlatiTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Vaccini: Sì o No? - Libro

#scienzaevaccini - In esclusiva per la prima volta le analisi e le foto di laboratorio con il microscopio elettronico delle sostanze presenti nei vaccini

Stefano Montanari, Antonietta Gatti

(11)
€ 6,72 € 7,90 (-15%)
Disponibilità: Immediata

Libro - Macro Edizioni - Dicembre 2015 - Pericoli delle vaccinazioni

Un libro su uno dei temi più scottanti di oggi, che riguarda tutti i bambini Vaccini sì o vaccini no? Fare una scelta consapevole oggi è molto difficile. Ricevi quotidianamente innumerevoli informazioni dai giornali,... scheda dettagliata