Torna su ▲
Avvento 2016
Idee Regalo

Estratto dal libro "Sincronicità"

Leggi un'anteprima del libro "Sincronicità"

Estratto dal libro "Sincronicità"

Eventi sincronici con particolari stati d’animo capitano da quando esiste l’uomo. L’evoluzione tecnologica della società e la sua trasformazione in un sistema fondato sul profitto, sul materialismo oppure su becere società dal sapore presuntuosamente socialista e prive di alcun valore spirituale, ha apparentemente allontanato l’umanità da quella specie di “dialogo divino” che la teneva legata al trascendente. Eppure proprio in questa epoca di inquietudine generata da una crisi di valori senza precedenti, alcune eco dell’antica conoscenza cominciano a emergere in maniera sempre più prorompente sia a livello individuale che collettivo.  

Civiltà come quella greca, soprattutto alla luce del pensiero di filosofi come Platone, con il suo “mondo trascendentale delle idee”, Pitagora con la sua “affinità di tutte le cose” o Plotino ed Eraclito con la loro “visione unitaria”, concepivano un’unione diretta dell’uomo non solo con l’universo della materia, ma anche con quello della coscienza. Gli antichi cosmologi ritenevano che il mondo fosse tenuto assieme da un principio di totalità.

Ad esempio Ippocrate (460-370 a.C.), conosciuto come il padre della Medicina, credeva che l’Universo fosse legato in tutte le sue parti da quelle che lui chiamava “affinità nascoste” e a questo proposito affermava: “Esiste un flusso comune, un comune respiro, tutte le cose sono in simpatia. “

In tale contesto, le coincidenze significative possono essere spiegate come “elementi simpatetici” che si cercano gli uni gli altri. Una unione al di fuori del tempo e dello spazio, dove l’accadimento di eventi sincronici veniva interpretato come un segno divino. Nel Rinascimento il filosofo Pico della Mirandola scrisse: “In primo luogo esiste un’unità nelle cose dove ogni cosa è una con se stessa. In secondo luogo esiste un’unità dove una creatura è unita con le altre e tutte le parti del mondo costituiscono un solo mondo.”

Gli alchimisti medievali, seppur non perfettamente consapevoli del funzionamento dei meccanismi che essi innescavano nei loro laboratori, ripresero il concetto di unione sincronica tra mente e materia, dove la trasformazione pratica di elementi chimici non nobili in oro era solo una specie di rituale simbolico in grado di creare una trasformazione e purificazione della psiche. Il concetto più generale di “interconnessione” non fu dimenticato più in là nel tempo da grandi filosofi come Leibniz, con la sua teoria delle monadi e Schopenhauer, con la sua convinzione che il segreto del mondo e della vita stessa risiedesse nell'unitarietà di tutte le cose in un quadro sincronico, che unisce gli oggetti tra loro e allo stesso modo la psiche con la materia.

L’idea di una interconnessione fra tutte le cose, che aveva le sue radici nel pensiero medioevale, cominciò gradualmente a dissolversi con l’apparizione delle scienze della natura – come quelle fondate da Galileo e da Newton – che si fondavano esclusivamente sul principio di causalità degli eventi. Mentre la rivoluzione scientifica, innescata nel mondo occidentale eliminando le nebbie dell’irrazionale, pose fine a una concezione spirituale o finalistica del mondo, nel mondo orientale, e in modo particolare in Cina, si seguì uno sviluppo diverso che in parte permane tuttora. La stessa filosofia taoista concepisce la sincronicità come una delle sue basi fondamentali e ha la sua radice nel concetto di “interconnessione” che permeerebbe tutto l’Universo. Una simile concezione si trova un po’ in tutte le altre religioni orientali, come il Buddismo e l’Induismo. Ma dove il concetto stesso di sincronicità risulta palese e verificabile empiricamente è in quella procedura divinatoria cinese che si chiama I Ching, dove il lancio delle monete e l’oracolo che si può ricavare dalla combinazione di numeri presenti su di esse è secondo la cultura orientale una rappresentazione sin­cronica del destino di un individuo. Infatti l’I Ching – chiamato anche “libro dei mutamenti” – un documento di origine antichissima, ha una funzione esclusivamente divinatoria. Per ottenere una risposta a una domanda precisa, occorre lanciare per sei volte tre monete, quelle

che si accompagnano a un libro di oracoli. Dalle combinazioni che si ottengono si viene a creare un esagramma fatto di linee intere e linee spezzate. Esistono 64 possibili esagrammi e ciascuno di essi corrisponde a un nome e a un oracolo preciso, in grado di fornire una risposta alla domanda che è stata posta inizialmente. Un simile meccanismo ha luogo nei famosi Tarocchi e nelle antiche Rune celto-germaniche.

Seppur non intesi più propriamente come pratica divinatoria, processi sincronici mente-materia si esplicano anche nei “mandala”, quelle figure geometriche piene di simmetria che riflettono come uno specchio l’ordine interno dell’individuo, in connessione con un invisibile ordine universale. L’individuo, guardando queste figure, percepisce sincronicamente un’armonia che è anche dentro di sé. Allora il mandala non è altro che un simbolo esplicitato alla vista che permette di unire il mondo interno con il mondo esterno. Senza alcun dubbio i mandala più spettacolari dei giorni nostri sono i famosi e splendidi pittogrammi che vengono disegnati nei campi di grano.

Sincronicità

Sincronicità

Misteriosi eventi sincronici sembrano costellare la vita di ognuno di noi. Improvvisamente un evento accade in perfetto sincronismo con un pensiero, e l’evento stesso racchiude sempre un significato profondo il cui scopo è quello di guidare la nostra vita verso il proprio destino.

Sincronicità vuole dimostrare che il fenomeno della “sincronicità” è da tempo studiato anche e soprattutto dai fisici quantistici. Questi studi hanno le loro radici nell'armonioso e durevole connubio tra il grande psicologo analitico Carl Gustav Jung e il fisico quantistico Wolfgang Pauli.

Acquista ora

 

Massimo TeodoraniTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Massimo Teodorani

Massimo Teodorani è un astrofisico di Cesena.

Dopo essersi laureato in astronomia con una tesi teorico-matematica sulla evoluzione fluidodinamica di un residuo di supernova, ha successivamente conseguito il dottorato di ricerca in fisica stellare con una tesi osservativa sulle stelle binarie strette di grande massa e relativi trasferimenti esplosivi di massa. Ha lavorato presso gli osservatori di Bologna e Napoli e al radiotelescopio del CNR di Medicina (BO). In parallelo alla ricerca astrofisica ha condotto ricerche in fisica dei plasmi atmosferici con particolare interesse per il “fenomeno luminoso di Hessdalen”, dove come direttore scientifico ha svolto diverse missioni sul campo.

Svolge tuttora ricerche teoriche nel campo del progetto SETI e prosegue la sua ricerca sulla fisica dei fenomeni luminosi anomali.

 

I vostri commenti - Scrivi un commento!

Nessun commento presente

Scrivi un commento!