Torna su ▲

Estratto dal libro "Come scardinare il sistema...

Leggi un'anteprima del libro "Come scardinare il sistema tecnogeno"

Estratto dal libro "Come scardinare il sistema tecnogeno"

Anatomia dell'importanza

La standardizzazione e l’unificazione non sono indolori. Almeno, non per tutti. Naturalmente, ci sono quelli che non pensano affatto a resistere e si integrano nel sistema in modo organico, naturale, come un coniglio in una gabbia e per il quale non importa dove si trovi, basta che ci sia da mangiare. Forse costoro sono la maggioranza, del resto questo libro non è per loro. È per coloro che intuitivamente sentono che c’è qualcosa che non va, per coloro che non accettano il fatto che il loro IO non significhi alcunché, non serva ad alcuno e, in generale, sia soggetto a trattamento.

La contraddizione fondamentale tra il sistema e la personalità sta nell’incongruenza che segue: l’anima chiede una cosa, e il sistema ne detta un’altra. Ma questa discrepanza è sentita in modo vago. L’uomo non è in grado di capire chiaramente in cosa consistano le sue convinzioni e le sue aspirazioni, e che cosa invece sia imposto dagli stereotipi sociali, non sa dove sta la verità. Il motivo è che l’uomo “è spillato”, tenuto stretto da queste stesse mollette della società, è bloccato in esse, deviato. La molletta è un qualcosa che causa oppressione o non si accorda col vostro Io. È quando si sente la pressione di un peso che angustia e si è vagamente consapevoli del fatto che c’è qualcosa che non va, che così non dovrebbe essere.

Ecco alcuni esempi tipici di mollette

  • “L’amore può essere conquistato con una strategia intelligente”. Riflettete bene su questa frase. È un po’ strana, vero? Ma su questo sono stati scritti migliaia di libri, ed è questo quello che si fa quando ci piace qualcuno.
  • “Un buon lavoro è molto difficile da ottenere”. In effetti, la pratica reale dimostra che è proprio così. Ma d’altro lato c’è qualcosa che non va. Cosa, secondo voi? Ma proprio il fatto che qualcuno questo lavoro se lo trova comunque e vive felice e contento. Ma perché lui sì e voi no? Cos’è lui a differenza di voi, un eletto? O forse perché avete permesso di lasciarvi appendere addosso questa falsa credenza e ora la trasmettete in giro nel vostro mondo, come la melodia di un carillon?
  • “Si può far tornare indietro la persona amata”. Anche su questo sono stati scritti tanti libri ed è questo che si cerca di fare quando si è lasciati. Credete davvero che ciò sia possibile? Oppure vi hanno costretto a crederci, perché ci volevate credere?

Tutti i fattori incombenti e opprimenti rappresentano quello che nel Transurfing viene raggruppato sotto il termine generale di importanza. Quando c’è qualcosa che opprime, questo qualcosa diventa automaticamente importante. L’importanza ferma il flusso dell’energia libera, proprio come fa una molletta con la biancheria. Il blocco introduce a uno stato di torpore che fa perdere la capacità di funzionare in modo efficace e di controllare gli eventi, sì che sono questi ultimi a controllare voi.

Come liberarsi, uscire da questo torpore?

Il principio di base è quello di liquidare la molletta e creare al suo posto un flusso di energia. Siccome il blocco è un ristagno energetico (tappo), prima bisogna rimuoverlo e poi bisogna far carburare il potenziale energetico. L’importanza nel Transurfing viene eliminata tramite la consapevolezza di essa. Se vi siete svegliati e vi siete resi conto di che cosa precisamente vi opprime, metà del lavoro è già fatto. Le cose importanti hanno potere su di voi fintanto che vi trovate in uno stato di sogno inconscio, fintanto che “lo spauracchio è nascosto nell’armadio”. Vi basterà “aprire l’armadio” e guardare da vicino l’oggetto della vostra importanza per far sì che esso si trasformi immediatamente in un gomitolino soffice e divertente. Dopo lo sbloccaggio bisogna disperdere il flusso stagnante di energia. La spinta per smuovere il potenziale energetico viene realizzata dall’azione. Non aspettare, non aver paura e non pensare, agisci. Non v’è modo migliore per dare la spinta iniziale.

 

Vadim ZelandTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Vadim Zeland

Il mistero avvolge la figura di Vadim Zeland. Di lui si hanno solo poche informazioni. Ha circa 45 anni ed è esperto di fisica quantistica alla quale si è dedicato prima del crollo dell'Unione Sovietica, ha poi profuso le sue energie nella tecnologia informatica, fino a quando non ha incontrato il Transurfing. Nell’unica intervista rilasciata alla stampa, Zeland dichiara di non essere assolutamente un maestro spirituale votato al proselitismo, ma solo una persona fortunata che ha reso disponibile a tutti un approccio testato personalmente. Se solo avessi conosciuto il Transurfing venticinque anni fa – ammette – la mia vita sarebbe stata completamente diversa, più facile e corretta. Ma in questo caso non avrei potuto scrivere questi libri. Vive in Russia e come afferma egli stesso, il resto non importa.

Zeland è un autore molto riservato e preferisce comunicare con i propri lettori solamente tramite il suo frequentatissimo sito russo.

 

Articoli correlatiTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Scardinare il Sistema Tecnogeno - Libro

Reality Transurfing

Vadim Zeland

(11)
€ 18,60
Disponibilità: Immediata

Libro - Macro Edizioni - Dicembre 2013 - Creare la propria realtà

Se non hai talenti o pregi eccezionali il sistema prevede che tu non possa essere “primo”.A dispetto di ogni ragionevole previsione, tu prenditi invece il diritto di essere unico. Mentre tutto sembra procedere in modo... scheda dettagliata