Torna su ▲

Domande da farsi prima di leggere una guida sui...

Leggi un estratto dal libro "Cancella tutti i Debiti in 12 Mesi"

Domande da farsi prima di leggere una guida sui debiti (che noi ci faremmo)

«Che tu creda di farcela o di non farcela, avrai comunque ragione».
Henry Ford

L’obiettivo di questo libro è quello di offrirti uno strumento efficace per chiudere con i debiti: per farlo abbiamo deciso di compiere un salto nel passato con la memoria e immedesimarci in quei momenti in cui eravamo troppo disorientati per capire quali “pesci prendere”.

Allora abbiamo ripensato a quei vecchi stati d’animo destabilizzanti, rivivendo quel disarmante senso di sfiducia e impotenza che talvolta ci schiacciava anche di fronte a delle possibili soluzioni. Ci siamo chiesti, inoltre, quali fossero i dubbi più sconcertanti di chi si trova di fronte alla scelta di iniziare una lettura come questa.

Anche se hai già acquistato il libro, magari il peso delle preoccupazioni quotidiane non ti consente di liberare la testa per iniziare a leggerlo. Con le domande e le nostre risposte, che trovi qui di seguito, ci auguriamo di poterti aiutare a superare la stanchezza mentale, l’inerzia e ritrovare subito la grinta per immergerti nella lettura e nelle attività che ne seguiranno.

Ecco qui le domande che ci faremmo noi prima di iniziare a leggere e che facilmente potresti avere in mente tu stesso. Iniziamo a sciogliere i primi dubbi?

È davvero possibile cancellare i debiti in 12 mesi e rifarsi una vita da zero?

È del tutto comprensibile, quando si boccheggia a pelo d’acqua pieni di debiti e anche di altri problemi, che per forza di cose ne conseguono (disagi in famiglia, deterioramento dei rapporti con gli amici, problematiche con i figli, impossibilità a ritagliarti del tempo libero per te o per le cose semplici…), che la possibilità di uscirne definitivamente possa sembrare un miraggio. Spesso gli effetti dannosi dell’indebitamento diventano più numerosi e ingestibili dei debiti stessi, cosicché viene da pensare che i disagi economici siano solo una piccola parte del problema. Sembra persino che l’intera tua esistenza vada a rotoli.

Di conseguenza, quando le circostanze sono avverse, la confusione può farti cadere nell'errore di scartare una strada a priori per il timore di illuderti inutilmente. Hai presente quando stai cercando qualcosa che sai di aver lasciato su una scrivania e non riesci a trovarla? E poi, quando smetti di cercare, ritrovi esattamente quell'oggetto dove ti aspettavi che fosse. Succede perché sei focalizzato sull'impossibilità di ritrovarlo e il tuo cervello lo “nasconde” ai tuoi occhi. Eppure era sempre stato lì.

Qualcosa di simile può accadere allo stesso modo quando stai cercando una soluzione a un problema: potresti non riconoscerla, oppure rifiutarla prima di un’attenta valutazione. Anche in questo caso il tuo cervello ti sta “nascondendo” la verità.

Per rispondere alla domanda iniziale del paragrafo, sappi che non solo è possibile cancellare i debiti senza strascichi per il futuro ed evitare problemi legali, ma è altrettanto alla tua portata l’opportunità di crearti un avvenire ricco di prosperità.

È un tuo diritto di nascita, così come è un dovere verso te stesso andare a prenderti i tesori che la vita ti mette a disposizione.

Le reali opportunità di azzerare i debiti esistono, stai per scoprirle, dipende solo da te saperle riconoscere e “addestrare” il tuo cervello ad accettarle e notarle.

Il nostro metodo è basato sui 12 mesi, cioè il tempo di cui abbiamo avuto bisogno noi, però tu potresti persino impiegarci molto meno: la tempistica dipende da quante posizioni devi chiudere, dal tipo di creditori “da soddisfare” e da vari altri fattori descritti nel corpo centrale del libro (Le 4 stagioni per liberarti dei debiti), con tanto di azioni da svolgere. Il motivo per cui il sistema si basa su un lasso di tempo di un anno è che ti saranno necessarie metaforicamente 4 stagioni: l’inverno per preparare il terreno, la primavera per seminarlo, l’estate per coltivarlo e l’autunno per raccogliere i frutti.

Quando si tratta, però, di chiudere un solo debito e quindi risolvere il rapporto con un singolo creditore, da quando si inizia a saltare il pagamento delle rate di un finanziamento finché quella posizione può essere definitivamente azzerata e cancellata, 12 mesi sono sufficienti e, anzi, è un arco di tempo decisamente più lungo del necessario. Il percorso per cancellare un debito, come vedremo insieme, passa attraverso diverse fasi:

  • programmare le azioni da compiere;
  • fare ordine e recuperare i documenti mancanti;
  • gestire i primi contatti con i creditori;
  • valutare abusi, irregolarità e correttezza dell’importo del credito;
  • mettere il creditore in condizione di decidere di non farti causa;
  • comunicare le tue condizioni in relazione alle posizioni aperte;
  • gestire i tentativi di recupero del credito;
  • raggiungere degli accordi;
  • ottenere la liberatoria conclusiva del rapporto.

Invece può essere necessario l’intero ciclo dei 12 mesi per liberarsi di una situazione di indebitamento cronico quando si devono gestire contemporaneamente più debiti da annullare e/o cancellare perché ogni tipo di creditore ha esigenze e caratteristiche differenti. Questa guida ti aiuta a rialzarti in piedi in 4 stagioni e la nostra metafora crediamo sia il criterio adatto per mostrarti come ogni percorso sia fatto di tappe, più o meno lunghe e più o meno impegnative, di attività da svolgere e di obiettivi da conseguire. Ovviamente riteniamo che il giusto impegno, una reale determinazione orientata al risultato e il fatto di crederci con ogni fibra del tuo essere abbiano grande rilevanza, se abbinate alla pratica, per abbreviare i tempi. Di conseguenza il tempo può diventare sostanzialmente una variabile relativa influenzata più che altro da ciò e da quanto sei disposto a fare.

Un altro fattore da considerare, come vedremo nel corso del libro, è che, indipendentemente dal tempo che impiegherai, esistono delle possibilità per fermare l’orologio e quella corsa contro il tempo che crea ansia e stress, ossia l’opportunità di sospendere le scadenze con i tuoi creditori, se saprai trattare con loro nel modo corretto.

Una volta compreso che cosa fare e aver deciso di metterti all'opera, il tuo percorso procederà con una tale naturalezza e un crescente senso di leggerezza da non doverti più minimamente preoccupare di quando arriverà la fase in cui sarà tutto finito. In più, uniremo le azioni concrete con i suggerimenti per stilare un piano di attività personalizzato per il tuo caso, che ti permetterà di determinare le tempistiche. In questo modo potrai contare su dati tangibili che ti condurranno al tuo obiettivo nei tempi stabiliti.

Perché possiamo parlare di come cancellare i debiti?

L’ottimismo di cui abbiamo parlato all'inizio è senz'altro ai primi posti tra le peculiarità per cancellare i debiti e ci è servito soprattutto quando ci siamo resi conto di dover affrontare l’ostacolo partendo innanzitutto da noi stessi. La “fortuna” di essere responsabili del disguido che si è presentato è quella di avere al tempo stesso l’opportunità di uscirne con le proprie mani. Sapevamo di dover fare leva su chi siamo e crediamo di essere. Un ingrediente indispensabile è, quindi, la credenza riguardo a ciò che puoi realizzare.

Fin dall'inizio del nostro cammino siamo stati convinti di essere persone che “riescono”.

Talvolta, invece, si hanno credenze limitanti come: “Potrò riuscire solo quando si sarà verificata una certa situazione”. In alcuni casi queste convinzioni non sono reali, più spesso di quanto credi si tratta di una visione errata concepita in conseguenza di un evento vissuto, una sconfitta o per altre ragioni che possono essere rielaborate a livello interiore.

Tuttavia, trattandosi di valori che consideri scontati da sempre, la credenza riguardo te stesso e le tue capacità influenza ogni ambito della tua vita ed è solo mettendola in discussione che puoi trarne vantaggio. Se ci riuscirai dipende da te, hai tutte le carte in regola per farlo, però questo accadrà nel momento in cui svilupperai la convinzione di essere una persona capace di cancellare i debiti o di poter imparare come farlo.

Fortunatamente questi sono valori e credenze che si possono acquisire. Stai certo che tutti possiamo contare sullo stesso potenziale di partenza e, quindi, qualsiasi cosa non sai fare, se ritieni di poterla imparare allora ci riuscirai. Compreso ciò, devi semplicemente passare alla pratica.

A tal proposito, ha la stessa importanza prestare attenzione a quello che pensi riguardo ai debiti e alla tua identità di debitore. Per fare un esempio, c’è una grossa differenza tra chi ha smesso di fumare continuando a definirsi un “ex fumatore” e chi si considera un “non fumatore”. Entrambi hanno perso il vizio e non fumano più, ma chi si sente e si definisce ex fumatore, dentro di sé ha ancora l’immagine di una persona che fuma, come se l’aver smesso fosse solo una situazione temporanea. Infatti molti ex fumatori ricominciano a anche a distanza di anni, a differenza dei non fumatori, persone che hanno smesso di identificarsi con l’idea di una persona che fuma.

Per lo sesso principio evitiamo di usare il termine “ex indebitato” perché darebbe l’idea di qualcuno che ha momentaneamente superato questa condizione, mentre l’obiettivo è quello di diventare individui liberi dai debiti… per sempre.

Abbiamo scritto questo libro perché lo abbiamo fatto per noi in prima persona e, per di più, non potendo contare su risorse finanziarie né sostegno morale, potevamo affidarci solo a noi stessi. Il problema di trovarsi senza soldi e con molti arretrati riguarda la stragrande maggioranza di chi finisce nella spirale dell’indebitamento; molti, se potessero, chiederebbero aiuto a qualcuno evitando la fatica di cercare strade alternative. Risultati come i nostri, che abbiamo fatto affidamento solo su quel poco di cui disponevamo, assumono rilevanza maggiore proprio perché sono stati raggiunti malgrado le circostanze avverse e rappresentano un’ancora di salvezza per chi non può contare su risorse finanziarie o aiuti esterni. Con la ferma convinzione di poter trovare una strada risolutiva, oltre a tenere duro, abbiamo continuato a documentarci su come difenderci dai creditori ed evitare di aggravare le difficoltà. Ci siamo rifiutati categoricamente di accettare offerte oscene che ci avrebbero permesso solo di posticipare nel tempo gli effetti dei problemi, ad esempio firmare cambiali, trasformare un fido in un mutuo oppure offrire maggiori garanzie. Queste erano alcune delle proposte che abbiamo ricevuto in cambio di un’attesa più lunga dei pagamenti, ma cedere non avrebbe cambiato la nostra realtà. Presto o tardi avremmo comunque dovuto guardare in faccia il mostro. Se un creditore ha gli strumenti per metterti in ginocchio, che motivo avrebbe di concederti delle proroghe?

Ovviamente ci sono stati degli intoppi e degli errori lungo il percorso, grazie ai quali però siamo riusciti a capire cosa funzionava e cosa no. Continuando di questo passo siamo migliorati nelle trattative, nella stesura delle lettere e in generale in tutte quelle piccole accortezze necessarie, facendo sempre tesoro di ciò che imparavamo. Inizialmente scendevamo a compromessi per poi capire che erano solo dannosi.

È stato sufficiente credere di esserne capaci o di poterlo diventare, bastava la convinzione che se esisteva un’opportunità andava provata prima di scartarla. Sono le caratteristiche principali grazie alle quali abbiamo cancellato i debiti, che troverai descritte dettagliatamente in questo libro insieme a tutte le restanti abilità imparate, agli strumenti che ci hanno permesso di rompere i vecchi schemi mentali, ai metodi pratici e molto altro. Puoi facilmente comprendere che riuscire in questa sfida rafforza notevolmente la convinzione sulle tue capacità perché, come ci hanno detto in tanti, si tratta di un risultato considerato impossibile. O almeno è quello che pensa chi è nei guai. Pertanto, prova a immaginare di essere uscito dalle sabbie mobili tra 12 mesi: saresti tanto felice da volerne parlarne con tutti (e magari suggerire la lettura di questo libro). È esattamente ciò che è successo a noi. Raccontavamo spesso cosa ci era successo e i sistemi che ci avevano permesso di affrontarlo. Sentivamo il desiderio di condividere quello che sapevamo per poter aiutare altre persone nello stesso intento. È così che è nato il progetto del nostro sito www.comenonpagare.com.

Tu da chi vuoi imparare a cancellare i debiti? Da qualcuno che non lo ha mai fatto?

Dopo aver chiuso i debiti, abbiamo sentito la necessità di divulgare i risultati ottenuti per condividere i benefici di un percorso chiaro e definito, grazie al quale potrai sradicare il problema alla fonte, da dove è nato, sistemare la situazione attuale e impedire che possa ripresentarsi a distanza di tempo. Siamo certi sia un risultato che desideri anche tu e che puoi ottenere.

Che cos'hai tu che stai leggendo in più degli altri per poterci riuscire?

Dobbiamo fare una confessione: le caratteristiche utili per conquistare la libertà dai debiti sono senz'altro qualità desiderabili, alcune delle quali probabilmente ti distinguono già ora dalla massa, tuttavia nessuno le ha ricevute in eredità e difficilmente le troverai codificate nel DNA di una categoria particolare di individui speciali. Si tratta di abilità che si possono scoprire in ognuno di noi, portare a galla, apprendere e potenziare. Tutti abbiamo più o meno le stesse potenzialità e i risultati dipendono da ciò a cui presti attenzione, dalle aree della tua personalità su cui decidi di intervenire e lavorare. Nel prossimo capitolo ti aiuteremo a riscoprire tutte queste virtù e tutto ciò che ti necessita per arrivare fino in fondo accrescendo i tuoi punti di forza e diminuendo quelli di debolezza.

Cosa non è indispensabile e cosa non fare per chiudere i debiti?

Abbiamo parlato delle caratteristiche che deve avere una persona che desidera azzerare i suoi conti con i debiti; crediamo sia giusto anche fare una valutazione su ciò che, invece, non è strettamente necessario o ti consigliamo di evitare.

Non servono troppi soldi o incassi da capogiro, altrimenti sarebbe alla portata di chiunque poter chiudere i debiti. Basterebbe pagarli, non credi?

Non occorre essere laureati e non serve aver studiato legge, non è necessario essere un intermediario professionista o avere particolari abilità commerciali. Tutto qui. Sono risultati raggiungibili da chiunque abbia voglia di mettersi in azione e riuscire. Noi, ad esempio, siamo persone come tutte le altre, come te e ogni altro individuo di questo pianeta. Non siamo dotati di superpoteri, di un quoziente intellettivo da premio Nobel, siamo persino ancora relativamente giovani.

Possiamo al massimo dirti che, pur non essendo dei maghi, abbiamo visto sparire uno a uno i nostri debiti.

Si tratta solo di impegnarsi e farlo. E questo è ciò che conta.

Quando si parla di elementi improduttivi per raggiungere il successo, è d’obbligo sapere che occorre liberarsi anche dalla paura. Talvolta potrebbe capitarti di compiere delle azioni o dei gesti motivati esclusivamente dal panico, di prendere decisioni su cui non hai riflettuto a dovere per il desiderio di fronteggiare al più presto un’emergenza. È successo anche a noi, ci siamo trovati talvolta di fronte a dei dubbi e delle incertezze. Siamo esseri umani. È del tutto normale avere dei timori, soprattutto riguardo a qualcosa di sconosciuto e considerato potenzialmente pericoloso. La paura però non è necessariamente un fattore negativo, anzi può persino essere sfruttata per aumentare l’adrenalina e infondere la giusta motivazione alle tue azioni. Questo è uno dei punti di debolezza da sfruttare a tuo vantaggio. Noi ci siamo serviti della paura per aumentare la forza e concentrare le energie per essere più efficaci.

Il trucco è usare la paura per il giusto scopo, altrimenti ti condurrà a scelte sbagliate.

È quello stato d’animo che, se ben gestito e rafforzato dal coraggio, può venirti in soccorso. Un errore diffuso causato dalle preoccupazioni è lavorare più duramente per trovare il denaro necessario a pagare i debiti, ma non è di questo che hai realmente bisogno.

Il lavoro fatto per necessità, gestito in modo scriteriato nei momenti di panico, è dannoso e non produce i risultati necessari. Se pensi di metterti alle spalle le difficoltà con questa strategia, ti stai illudendo. Tutti lavoriamo duramente, però pochi di noi lo fanno impiegando i propri sforzi nella direzione corretta e in ogni caso per tutta risposta in cambio dell’impegno otteniamo buchi nelle nostre finanze, nei conti e nel bilancio familiare o dell’azienda.

Un anonimo ha detto una cosa importante:

«Work smarter, not harder».

Questo fa la differenza: lavora in modo più intelligente, non più duramente. Possiamo testimoniare che le ore di lavoro e la fatica hanno di gran lunga meno efficacia rispetto a un piano strategico ben studiato. Ti logorano e ti fanno credere di essere incapace perché producono scarsi risultati.

Ora hai appreso alcune delle caratteristiche indispensabili e abilità utili a chiudere i debiti, che approfondiremo attraverso le 4 stagioni di questo libro. La conoscenza dei metodi migliori e provati da noi ti offrirà un’ampia gamma di scelte per raggiungere il tuo traguardo. La ricchezza di un individuo dipende dal numero di opportunità tra cui scegliere. Un proverbio cinese recita:

«Devi sapere cosa vuoi, altrimenti devi prendere cosa viene».

Perché proprio un libro dovrebbe aiutarmi?

Siamo convinti che il sistema in cui viviamo sia avvantaggiato dall'ignoranza diffusa riguardo il suo reale funzionamento. Mantenendo le masse all'ombra della vera esistenza che ci meritiamo come diritto di nascita, le autorità che controllano il mondo possono permettersi il lusso di continuare ad agire a loro piacimento sapendo di avere la “poltrona garantita”. Se così non fosse, probabilmente non reggerebbero i governi e non sarebbe possibile imporre ai cittadini delle leggi e delle tasse.

Ti sei chiesto come mai in televisione si parla poco e niente di suicidi causati dall'indebitamento, a fronte di un numero spropositato di casi accaduti ogni giorno negli ultimi anni? Eppure hanno tutto il tempo di parlare dell’ultimo caso di cronaca nera, degli attentati “terroristici”, del calciatore che ha tradito la moglie con qualche soubrette, della storica coppia vip che si insegue da anni fra tira e molla…

Men che meno si parla di come affrontare il problema dei debiti nel concreto: solo saltuariamente qualche trasmissione televisiva accenna alla piaga dell’usura, ma niente di più. In pratica la scelta è tenerci disinformati (e male informati) e, come se non bastasse, il “business del terrore”, su cui si fondano giornali e media, è pensato per farci temere persino chiunque si avvicini per chiederci delle indicazioni per la strada.

Sarà un caso che le trasmissioni televisive vengano chiamate “programmi”? Si potrebbero usare altri termini: spettacolo televisivo, intrattenimento, show o trasmissione, appunto. Invece per consuetudine uno spettacolo in televisione viene definito “programma”. Forse perché ha l’obiettivo di programmarci? Siamo distratti dalla presenza di un mucchio di specchietti per le allodole, disseminati ovunque intorno a noi e per tutto il giorno (tv, giornali, cartelli pubblicitari, pubblicità indiretta del nostro collega che ha comprato l’ultima fuoriserie…), al punto tale da non renderci conto che le nozioni di cui abbiamo bisogno non ce le insegna nessuno.

A scuola impariamo a memoria poesie arcaiche e si dimenticano di insegnarci a gestire il denaro, oppure non mettono in guardia i nostri figli dalle anomalie nei contratti con le banche, dall'usura, dalle irregolarità commesse da Equitalia ecc., nemmeno nelle facoltà universitarie di economia e materie finanziarie si trattano tematiche tanto importanti. Il mondo del lavoro cambia a velocità supersonica, in tutti i settori ogni tre, al massimo cinque anni i mutamenti sono radicali, eppure i programmi universitari sono gli stessi da decenni. Perché? Non penserai mica che si tratti di un caso?

Tutto è studiato appositamente per nasconderci la verità, per indebolirci prima psicologicamente e poi finanziariamente, cosicché saremo sempre più sottomessi ai poteri forti.

Il punto è che i media sono controllati e le informazioni filtrate. Qualcuno sostiene che siano falsati, manipolati e manipolatori, mentre la rete sia l’unica fonte di notizie e di informazioni rimasta pulita e neutrale. Purtroppo noi stiamo iniziando a dubitare anche di Internet. Pochi si stanno accorgendo che le persone non sono più paragonabili a un gregge di agnellini controllati da cani e pastori. La verità è che nella società moderna le pecore hanno iniziato a controllarsi da loro stesse e più passa il tempo, più il pastore può sedersi comodamente sul suo trono (del potere) perché il gregge, seguendo degli automatismi, percorre in autonomia la strada da lui stesso desiderata.

In questo scenario la rete e in particolar modo i social network svolgono un ruolo micidiale e subdolo, quello di condizionare le persone, offrendo loro l’illusoria sensazione di libertà, l’opportunità di avere un luogo per sfogarsi.

Nel nostro piccolo detestiamo i social network, pur riconoscendo che hanno molti aspetti positivi e che ormai non si può quasi più prescindere dall'utilizzarli, soprattutto per lavoro.

In ultima analisi, l’alternativa resta quella di scegliere con attenzione le informazioni, indipendentemente dal canale da cui arrivano e imparare ad avere un atteggiamento critico e riflessivo prima di farci un’idea, che di fatto sarebbe un’opinione altrui. Il libro è un ottimo strumento, ad esempio, perché sei tu a decidere quale leggere tra i milioni di titoli disponibili. Non sei seduto passivamente di fronte a uno schermo come il televisore ad assorbire qualsiasi parola ne esca. Inoltre ti offre un numero determinato di informazioni, quindi ti è sufficiente leggerlo tutto per avere quanto meno una panoramica generale di base su un determinato argomento. Questo con Internet è impensabile.

Con la rete si ha accesso a una mole spropositata di informazioni consultabili, rendendo impossibile a un utente medio con poco tempo a disposizione di conoscere approfonditamente un certo tema. È facile perdersi e occorre catalogarle, selezionarle e coglierne l’essenza, altrimenti si rischia di fare una gran confusione e di non sapere da dove partire. Fra tutte queste nozioni si deve poi stabilire chi dice la verità. O comunque chi conosce effettivamente e ha testato con risultati positivi quello di cui parla con convinzione. Di certo, trattandosi di libera condivisione, chiunque può pubblicare on line quello che vuole, ci sarà persino qualcuno che racconta di aver visto gli asini volare. Ma sarà vero?

Ecco perché abbiamo deciso di scrivere questo libro. Desideravamo poter mettere a disposizione la conoscenza cercata, studiata, valutata, provata e che ha prodotto risultati reali sul campo, semplificandola affinché fosse fruibile. Oltre al risparmio di tempo della catalogazione dei contenuti, che noi abbiamo dovuto fare e facciamo di continuo per aggiornarci, un beneficio importante è la possibilità di evitare ogni singolo errore da cui noi siamo già passati. Un libro può aiutare chi non ha il tempo di fare questo lavoro di scrematura, non può o non sa fare delle prove e viene in soccorso di chi si sente troppo confuso, in mezzo a tutta quest’accozzaglia di informazioni, da non riuscire a scorgere l’essenza di ciò che gli necessita per davvero rispetto a tanto, troppo, materiale disponibile. Il nostro intento, infatti, è quello offrirti l’estratto utile del materiale in circolazione sulla rete e non solo.

Questo libro offre un contenuto completo e definitivo: una guida utile sia a chi non sa assolutamente nulla di come si chiudono i debiti e sia a persone più esperte. Un libro per chi non ha soldi per pagare, con metodi “fuori dagli schemi”, ma provati e legali. Un contenuto che ti permette di sapere e di fare tutto e solo il necessario. Potrai metterti così in azione subito, se lo vuoi, oppure una volta terminata la lettura e, soprattutto, in autonomia.

Vogliamo che tu esca dalle “sabbie mobili” in cui ci vogliono affondare.

Questo libro, oltre a contenere l’esperienza vissuta con i debiti, è frutto dell’essenza delle nostre due personalità e delle capacità potenziate con le precedenti attività lavorative. In passato siamo stati consulenti immobiliari specializzati nella compravendita di immobili gravati da decreti ingiuntivi e pignoramenti, insieme alla cessione di attività commerciali in crisi. Inoltre, parallelamente alla creazione del sito comenonpagare.com, abbiamo collaborato con una società per la tutela dei consumatori dall'usura e anomalie bancarie e finanziarie. In queste pagine ci siamo noi, Elena e Antonino. Si tratta di una guida che definiremmo un vero e proprio “manuale di istruzioni”, con la selezione di tutte le nozioni fondamentali, filtrate attraverso la nostra esperienza.

Quello che spiegate vale anche per il mio caso “disperato”?

Ti avevamo anticipato in partenza di fare attenzione alla convinzione che il tuo problema sia più difficile da superare, più intricato e ingestibile rispetto a quello del resto del mondo. Con questa domanda desideriamo riprendere il discorso e aiutarti a smontare per sempre quella che consideriamo una delle credenze più subdole e dannose in cui potresti imbatterti.

Cancellare i debiti è alla tua portata esattamente come per chiunque.

Conta poco o niente l’ammontare degli arretrati e degli impegni finanziari, lo stato di avanzamento di eventuali pratiche legali nei tuoi confronti e i tipi di creditori da gestire. Le nostre strategie non si basano solo su come interagire con un creditore specifico, ad esempio la banca o la pubblica amministrazione. Il sistema cardine per affrontarli è funzionale ed efficace al di là delle circostanze specifiche.

Benché il libro spieghi come modellare i nostri metodi alla tua specifica realtà, iniziando per di più da un piano operativo personalizzato, il percorso qui descritto per rifarti una vita funziona per te come ha già dato risultati ad altre 30.000 persone. Qui trovi una strada fatta di passaggi sequenziali, determinati e mirati per dire addio ai debiti. Nello specifico, ti “riveleremo segreti” che ti permetteranno di:

  • capire chi devi pagare e chi non potrà mai più chiederti nemmeno un centesimo;
  • imparare a trattare con distacco e freddezza ogni situazione che ti appare spaventosa e insormontabile, come farebbe un consulente esterno al tuo posto;
  • contrattare l’importo da saldare di qualunque debito o scoperto, pagando sempre il meno possibile rispetto al totale dovuto;
  • prevenire ogni possibile inconveniente, imprevisto o azione legale, come decreti ingiuntivi e pignoramenti;
  • bloccare per sempre il recupero forzoso dei crediti, anche in caso di beni già pignorati e azioni esecutive;
  • annullare i debiti ingiusti, non richiesti correttamente o viziati da anomalie da parte del creditore, e molto altro ancora.

Con questa risposta hai appena scoperto che esiste un unico sistema, adatto anche al tuo caso personale. Devi solo proseguire con la lettura per farlo tuo. Ti promettiamo che al termine del percorso sarai padrone delle conoscenze necessarie ad assicurarti la fine di un incubo.

Cancella tutti i Debiti in 12 Mesi

Cancella tutti i Debiti in 12 Mesi

Come puoi risolvere i tuoi debiti, bloccare gli illeciti commessi dai creditori, mettere a tacere le richieste ingiuste e costruirti un futuro senza debiti? Stai per scoprire che i soldi per chiudere i debiti non sono indispensabili quando hai le giuste informazioni sul funzionamento del sistema del credito.

Gli autori hanno creato un metodo di 12 mesi da prendere a modello, completo, concreto e replicabile, per liberarti dei debiti legalmente e definitivamente. Il metodo si basa su una percorso di 12 mesi definito e semplice da mettere in pratica, capace di indicarti la giusta direzione verso la libertà dai debiti. Da ex indebitati con un passivo di – 400.000€ ti sveleranno il segreto che li hanno condotti a chiudere TUTTI i debiti da soli. Ad oggi oltre 30.000 indebitati hanno risolto le loro difficoltà finanziarie seguendo le loro indicazioni.

La stragrande maggioranza delle persone indebitate ha paura, si nasconde e scappa, non sa affrontare la situazione e perde tutto. Ecco perché i pochi che reagiscono in modo corretto e rialzano la testa sono destinati ad uscirne e non solo: i loro creditori sono più disponibili a trovare un accordo.

Acquista ora

 

Antonino Fabio CiaccioTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Antonino Fabio Ciaccio

Antonino Fabio Ciaccio e Elena Grillo si sono ritrovati un debito di – 400.000 € con finanziarie, fornitori e banche che ogni giorno bussavano alla loro porta per riscuotere i crediti. Conoscono la paura che ti terrorizza, quella che si prova ad avere debiti e ti assale ad ogni telefonata minacciosa dei recupero crediti. Hanno sentito e vissuto in prima persona lo stress e la pressione che si provano prima di chiamare la banca per proporre una trattativa, un accordo per evitare le vie legali, sono consapevoli dei pensieri ossessivi che non ti fanno dormire di notte e che ti impediscono di essere sereno con te stesso e con la tua famiglia. Sanno cos’è la solitudine che vivi quando ad un tratto tutti ti girano le spalle e tu sei costretto a cercare soluzioni da solo e a trovarle il più velocemente possibile.

Dopo i timori iniziali, giorno dopo giorno, hanno preso in mano con coraggio la loro situazione debitoria e hanno seguito un percorso a piccole tappe che gli ha permesso di liberarsi da tutti i debiti in 12 mesi.

Ispirati dalla ricerca della verità e dai risultati ottenuti hanno fondato ComeNonPagare.com, la realtà che aiuta su internet le persone con difficoltà finanziarie a trovare soluzioni concrete per ridurre o uscire dai debiti. Hanno collaborato con società specializzate nella difesa dei consumatori contro l’usura e le anomalie finanziarie/bancarie e, ad oggi, oltre 30.000 persone hanno risolto i debiti seguendo le loro indicazioni.

Nel libro “Cancella i tuoi debiti in 12 mesi” condividono nel dettaglio come hanno fatto e come puoi utilizzare anche tu le 11 armi legali e testate in prima persona dagli autori che consentono di cancellare i tuoi debiti.

 

Elena GrilloTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Elena Grillo

Elena Grillo e Antonino Fabio Ciaccio si sono ritrovati un debito di – 400.000 € con finanziarie, fornitori e banche che ogni giorno bussavano alla loro porta per riscuotere i crediti. Conoscono la paura che ti terrorizza, quella che si prova ad avere debiti e ti assale ad ogni telefonata minacciosa dei recupero crediti. Hanno sentito e vissuto in prima persona lo stress e la pressione che si provano prima di chiamare la banca per proporre una trattativa, un accordo per evitare le vie legali, sono consapevoli dei pensieri ossessivi che non ti fanno dormire di notte e che ti impediscono di essere sereno con te stesso e con la tua famiglia. Sanno cos’è la solitudine che vivi quando ad un tratto tutti ti girano le spalle e tu sei costretto a cercare soluzioni da solo e a trovarle il più velocemente possibile.

Dopo i timori iniziali, giorno dopo giorno, hanno preso in mano con coraggio la loro situazione debitoria e hanno seguito un percorso a piccole tappe che gli ha permesso di liberarsi da tutti i debiti in 12 mesi.

Ispirati dalla ricerca della verità e dai risultati ottenuti hanno fondato ComeNonPagare.com, la realtà che aiuta su internet le persone con difficoltà finanziarie a trovare soluzioni concrete per ridurre o uscire dai debiti. Hanno collaborato con società specializzate nella difesa dei consumatori contro l’usura e le anomalie finanziarie/bancarie e, ad oggi, oltre 30.000 persone hanno risolto i debiti seguendo le loro indicazioni.

Nel libro “Cancella i tuoi debiti in 12 mesi” condividono nel dettaglio come hanno fatto e come puoi utilizzare anche tu le 11 armi legali e testate in prima persona dagli autori che consentono di cancellare i tuoi debiti.