Torna su ▲
Avvento 2016
Idee Regalo

Dio richiede Coraggio - Anteprima di "Il...

Leggi in anteprima un brano estratto dal nuovo libro di Hubert Kölsch "Il Linguaggio di Dio"

Dio richiede Coraggio - Anteprima di "Il Linguaggio di Dio" libro di Hubert Kölsch

“I voti devono essere soppesati e non contati.”
Schiller: Demetrio

Un libro su Dio racchiude in sé il rischio di essere associato, intenzionalmente o inconscia mente, a una determinata corrente o orientamento religioso.

È un’assurdità nel modo di pensare umano voler attribuire, con troppa facilità, a libri, conferenze e discorsi sull’argomento Dio una delle numerose etichette negli scaffali dei pregiudizi umani.

Raramente esiste la possibilità di parlare di Dio liberi da pregiudizi e troppo spesso ci preoccupiamo innanzitutto dei moventi spirituali ed emozionali del nostro interlocutore prima di arrivare realmente a parlare di Dio.

Sorge allora la domanda da cosa questo dipenda. Le risposte più comuni vanno dalla Chiesa, passando per le vite passate per arrivare, più recentemente, alla paura di un qualche presunto fanatismo religioso. Proprio in quest’ultimo caso sarebbe certamente opportuna una maggiore capacità di discernimento e una più approfondita conoscenza della propria religione e di quelle altrui.

La risposta alla domanda perché sia così difficile parlare di Dio senza pregiudizi non sta tanto nella storia o nelle nostre esperienze con le istituzioni religiose, quanto nella nostra consapevolezza limitata perché accettiamo di pensare solo in un determinato modo. La nostra prospettiva può allargarsi solo se siamo pronti a un’apertura mentale.

Tuttavia se la domanda successiva è se questo comprenda anche il nostro pensiero su Dio, il mondo ci appare spesso molto diverso. L’incapacità di parlare di Dio senza pregiudizi e di instaurare un dialogo aperto e corretto con le diverse religioni e approcci spirituali è uno dei grandi limiti della nostra libertà sociale e mentale.

È raro trovare qualcuno che non si senta, ben presto, legato a Dio da simpatia o antipatia. Attraverso le sue valutazioni l’essere umano rende Dio assoluto costringendo così il pensiero in vicoli ciechi. Quando parliamo di Dio facciamo delle differenze. Definiamo i confini esistenti tra cristiani cattolici, riformati, protestanti e stabiliamo quale dottrina, fede o congregazione religiosa sia quella giusta.

Per la sua evoluzione è importante che l’essere umano trovi un’appartenenza spirituale che lasci posto anche a Dio. L’errore fatale, perpetratosi nel corso dei secoli sino a oggi, consiste nel voler provare che questa appartenenza spirituale abbia anche il dovere di dimostrare che gli altri hanno torto perché il proprio Dio è l’unico “giusto”.

Il cammino verso Dio richiede il coraggio di ascoltare le emozioni del proprio cuore perché solo lì possiamo trovare il nostro personale accesso a Dio. Non sono il numero dei consensi o le grandi maggioranze a indicarci la via, bensì ciò che è frutto di valutazione interiore e che ci pare d’aiuto nella nostra situazione di vita attuale.

Un compito essenziale dei nostri tempi è imparare nuovamente a dare ascolto alla nostra voce interiore e non a quella di una muta o vociante maggioranza.

La ricerca e l’incontro si presentano, a mio avviso, con diverse sfaccettature:

  • Dio non si rivela attraverso le differenze e la pretesa di verità.
  • Dio può essere trovato e si manifesta attraverso la comunanza.
  • Dio è troppo poliedrico per rappresentare una sola “verità”.

Occuparsi di Dio è il lavoro e la sfida di una vita intera. Probabilmente durante la nostra permanenza qui sulla Terra non ci sarà dato di riconoscere tutti i collegamenti. Resta irrisolta la questione da dove provenga la connessione tra Dio e la verità perché la verità è la ricerca della sicurezza e ciò è il contrario della fiducia.

In questo libro non annuncio una verità né posso fornire delle garanzie per una vita felice. In fondo non so assolutamente nulla e mi attengo alla massima di Socrate “so di non sapere”.

Penso che il mio compito sia di fornire delle idee utili ad orientarsi.

Desidero condividere pensieri, punti di vista ed esperienze personali che hanno cambiato in positivo la mia vita senza la pretesa che abbiano una valenza universale. Non ritengo inoltre che coloro che pensano, scrivono o sostengono posizioni differenti siano in errore. Ognuno percorre un cammino diverso – il suo cammino – verso Dio. Mi sono inventato la qualifica professionale di “colui-che-mette-adisposizione- dei-pensieri”. Una definizione un poco complicata (sia in tedesco che in italiano), che il termine inglese “Thought provider” (fornitore di idee), sempre coniato da me, rende al meglio.

Non si tratta di me, bensì della libertà del singolo di percorrere il suo cammino, dove lo scopo più alto è quello di rispettare il cammino di vita di ogni singolo essere umano.

L’espressione “Dio richiede coraggio” non è pertanto così precisa, perché Dio stesso non ha bisogno di alcun coraggio. Siamo noi esseri umani ad aver bisogno di coraggio per occuparci di Dio, per riuscire a compiere il cambiamento di paradigma, urgentemente necessario, tra un Dio punitivo e un Dio amorevole. La maggior parte del coraggio ci occorre per sviluppare la nostra personale immagine di Dio – senza temere le valutazioni e i giudizi di altri che hanno già definito Dio. Credere in Dio aldilà di una concezione del mondo religiosa, atea, politica o spirituale e l’incontro individuale tra uomo e Dio richiedono coraggio.

Il “Linguaggio di Dio” significa costruire una comunicazione piena di fiducia e un’incrollabile sentimento di appartenenza, unione e comunanza con Dio. Ci rivolgiamo a Dio quando nella nostra vita qualcosa non funziona o quando abbiamo delle preoccupazioni o difficoltà. Dio ci ama senza eccezione e incondizionatamente perciò possiamo e dobbiamo rivolgere a lui tutte le nostre preghiere in ogni momento. Tuttavia questa è solo una delle diverse possibilità di approccio, perché il “Linguaggio di Dio” è molto di più di un semplice strumento o una possibilità per incontrare Dio.

Il linguaggio è una componente essenziale nello sviluppo dell’identità individuale e sociale. La seconda dimensione del “Linguaggio di Dio” significa sviluppare un atteggiamento di vita spirituale insieme a Dio. Se parliamo la lingua di Dio, possiamo sempre più ricordarci di essere parte della consapevolezza divina.

Il nucleo di questo libro è costituito da dodici domande rivolte a Dio provenienti dalle più diverse tematiche. Accanto ai tre grandi “Classici umani” salute, soldi e amore troviamo anche domande sullo scopo della propria vita. Le restanti domande riguardano il nostro rapporto con Dio. Qualcuno potrebbe mettere le domande in relazione con la teoria della religione o la filosofia. Da parte mia ho deciso di lasciare volutamente queste domande del tutto fuori da qualsiasi casellario teoretico e di pensiero o da altre associazioni. Per me sono semplicemente delle domande.

A che categoria appartiene dunque questo libro: spiritualità, esoterismo, religione, filosofia, counseling? In primis è un libro con opinioni ed esperienze personali, scritto per persone che cercano la loro via verso Dio libere dai giudizi esistenti e dalle cosiddette verità. Questo non è un libro che va contro, siano persone, ideologie, istituzioni o religioni bensì a favore della libertà di incontrare Dio.

Da quando scrivo sul tema Dio ho riscontrato molti consensi e sostegno ma anche incomprensione e rifiuti. Dio continua a polarizzare. I motivi sono da ricercarsi nel l’evoluzione spirituale e storica del passato che nessuno può più cambiare. Sino a quando la disputa con Dio porta ad apodittici proclami di verità, polemiche o giudizi, non siamo in pace con la nostra vita e con Dio. Il mio grande desiderio è di scoprire, passo dopo passo, che è possibile per tutti noi una strada verso Dio facile, semplice e sgombra da discussioni, verità e precetti. È una strada che non passa dalla ragione, bensì dal cuore e dalla capacità di vivere le emozioni.

Il “Linguaggio di Dio” significa essere in pace con tutto ciò che mi allontana da Dio. La grande sfida intellettuale del nostro tempo è che religione, Chiesa, spiritualità e altri movimenti religiosi si riconcilino, si vengano incontro e imparino uno dall’altro. In occasione dell’udienza del nuovo Papa concessa al corpo diplomatico accreditato al soglio pontificio, Papa Francesco ha ricordato il significato del termine pontefice: il costruttore di ponti. Egli vede il suo magistero e il compito della Chiesa nel gettare un ponte tra tutti gli esseri umani. Anche io faccio parte di quella schiera che, per i motivi più disparati, si è allontanata dalla Chiesa alla ricerca di una nuova “patria” spirituale. Ciononostante nutro grande fiducia nell’incisività di Papa Francesco per attuare le molte necessarie riforme nell’istituzione ecclesiastica. Roma non è stata costruita in un giorno e il Vaticano non verrà cambiato in un giorno.

Questo libro può essere letto da diverse prospettive. Innanzitutto vi è il contenuto dei singoli capitoli sempre preceduti da una citazione. All’inizio e nei capitoli finali troverete delle citazioni da opere di Friedrich Schiller, geniale e massimo cantore della libertà sinora apparso nell’area linguistica tedesca. Schiller dimostra quanto sia importante elevarsi intellettualmente oltre ogni confine, non seguire le convenzioni di pensiero ma costruire il proprio cammino di vita con coraggio.

La seconda parte delle citazioni, tratte dal Flauto magico di Mozart, è collegata alle dodici domande. Si tratta in assoluto di una delle opere più spirituali mai scritte da un essere umano. Chi nella vita sceglie di essere accompagnato e ispirato dal “Flauto magico” vi troverà sempre delle risposte.

La terza fonte di citazioni è l’Oratorio Paulus di Felix Mendelssohn Bartholdy. Esso narra la storia dell’uomo Paolo che riconosce i propri spauracchi ed errori e che, alla fine, riesce ad aprirsi a Dio e all’impulso cristico dell’amore.

Il cammino per trovare la propria immagine di Dio e di Cristo e viverla senza eccezioni è forse la più grande sfida esistente per noi esseri umani.

In ogni tempo l’arte è stata collegata a Dio e qui troviamo una fonte di ispirazione e conoscenza. Per comprendere il libro non è necessario conoscere i contenuti dei testi di Schiller, dell’opera (di Mozart) o dell’Oratorio.

Le citazioni sono state scelte con cura e umiltà e poi abbinate ai vari capitoli. Parlano da sole ma può essere che non si rivelino a una prima lettura. È possibile leggere i singoli capitoli oppure meditare e riflettere su una citazione scelta “a caso” sfogliando il libro.

La combinazione di alcune citazioni e testi dei capitoli consente di dischiudere una dimensione e profondità ulteriori che mi si sono rivelate solo col tempo. Un contenuto a cui si può accedere attraverso un atteggiamento di ricerca privo di pregiudizi e aprendo il cuore.

Potremo percorrere la via della pace solo se riconosciamo che gli eventi che gli esseri umani hanno compiuto in nome di Dio, non significano ciò che Dio è. Ci troviamo sulla soglia di una nuova consapevolezza, la riconciliazione con Dio e la riscoperta di Dio in noi.

Ciò richiede coraggio. Coraggio per Dio.

 

Hubert KölschTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Hubert Kölsch

Hubert Kölsch è uno scrittore, docente di seminari e coach. Dopo gli studi in egittologia, geografia e pedagogia sociale ha iniziato a occuparsi di formazione per adulti. Ha inoltre conseguito un diploma triennale in terapia familiare e consulenza sistemica.

Con Doreen Virtue ha conseguito l'abilitazione a ANGEL THERAPY PRACTITIONER® e medium. Collabora con aziende, piccole e medie imprese e nel sociale. Tiene conferenze, seminari e offre sedute di coaching individuali a livello internazionale.

 

I vostri commenti - Scrivi un commento!

Nessun commento presente

Scrivi un commento!

Articoli correlatiTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Il Linguaggio di Dio - Libro

Un cammino spirituale verso l’amore e la pace interiore

Hubert Kölsch

(1)
€ 10,20 € 12,00 (-15%)
Disponibilità: Immediata

Libro - Anima Edizioni - Aprile 2015 - Percorsi di consapevolezza

“Linguaggio di Dio” significa sviluppare un atteggiamento di vita spirituale insieme a Dio. Se parliamo la lingua di Dio, possiamo ricordarci sempre di essere parte della consapevolezza divina. A che categoria appartiene... scheda dettagliata

Possiamo aiutarti?

assistenza clienti

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

 

Assistenza Clienti

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi sconti, promozioni e novità direttamente nella tua casella di posta.

Guadagna subito +50 PUNTI per i tuoi futuri acquisti e premi.



COMMUNITY

Seguici su Facebook
Ti Piace Macrolibrarsi?
Se ti piace clicca su:
   

I LIBRI PIU' VENDUTI

 

SPECIALI