Torna su ▲

Dalla Vitamina C alla vitamina Green

Ovvero la nostra salute dipende anche dal contatto con la natura - Articolo di Valerio Pignatta estratto da Scienza e Conoscenza n. 50

Dalla Vitamina C alla vitamina Green

La medicina convenzionale contemporanea pone spesso l'accento sulla necessità di rafforzare il sistema immunitario del corpo umano in fase di recupero o di contrasto di una malattia nel suo divenire o manifestarsi.

Molti farmaci sono pensati per svolgere questo compito ed entrano in gioco a cose fatte, ovvero quando l'organismo è in lotta e tenta di recuperare il terreno perduto. La forza del suo intervento dipenderà in questo caso da molti fattori, fattori che sono direttamente collegati allo stile di vita, all'alimentazione, alla costituzione fisica e alle peculiarità caratteriali ed emotive.

Tuttavia, tutti questi aspetti possono essere pilotati, migliorati e potenziati nel corso della propria vita, senza dover aspettare di ammalarsi, ossia in via preventiva, come molte medicine non convenzionali suggeriscono di fare. In questo modo il sistema immunitario, l'energia vitale e la forza interiore dell'individuo si rafforzano e sono in grado di reagire in modo eccezionale di fronte a un incidente imprevisto o al comparire di una patologia.

Uno degli aspetti forse meno studiati e meno trattati sulle riviste mediche, anche alternative, è quello inerente il ruolo della Natura sul rafforzamento del sistema immunitario.

Tale ruolo è invece indubbiamente molto rilevante, come confermano alcuni studi avanzati sul campo, e la rosa di condizioni e accorgimenti che è possibile sviluppare e mettere in moto in questo contesto è davvero varia.

Il verde: la migliore medicina

Ma vediamo più da vicino cosa si intende con contatto con la natura e relativi meccanismi fisiologici e psicologici di irrobustimento, dinamiche biologiche ed emozionali, che negli ultimi decenni sono state lasciate ai margini della terapia medica o inquadrate semplicemente all'interno di un'istigazione all'attività sportiva di tipo competitivo o estetico.

Quello cui mi riferisco sono gli studi che hanno confermato come un distacco in senso fisico dall'ambiente naturale abbia ripercussioni fortemente lesive dell'equilibrio funzionale dell'organismo umano, tanto più nel bambino.

Molte malattie fisiche specifiche come obesità, asma, allergie, la cosiddetta ADHD (Attention Deficit Hyperactivity Disorder, sindrome da deficit di attenzione e iperattività) e altrettante psicologiche come depressione, ansia, disistima ecc. sono messe in correlazione con una carenza di esperienza di vita nella natura e un eccesso di permanenza in ambienti artificiali metropolitani.

Citiamo alcuni studi che ormai sono divenuti molto noti – tralasciando ovviamente quelli che hanno evidenziato agganci con un'alimentazione più naturale e con l'eliminazione di intossicanti, l'utilizzo di piante medicinali che rafforzano il sistema immunitario – e ci concentriamo in questa sede sulla pura “presenza attiva” della Natura.

Nel 2010 è stato pubblicato uno studio del team di ricerca capeggiato dalla dottoressa Frances Ming Kuo dell'Università dell'Illinois che ha analizzato (tramite il confronto tra diverse recenti ricerche sul tema) gli effetti della vita all'aria aperta sui parametri biologici di corpo e mente. La ricerca ha preso in considerazione popolazioni con habitat differenti e loro condizione socio-economica. È stato così dimostrato che l'accesso abituale (quotidiano) a spazi verdi favorisce il recupero fisico e psicologico post-ospedaliero (vedi anche le ricerche di Edward O. Wilson in merito) nonché il raggiungimento di un livello accettabile di glucosio nel sangue nei diabetici, facilita il raggiungimento di una migliore salute mentale e del sistema immunitario e permette la capacità di autocontrollo. Al contrario, il contatto costante con ambienti artificiali e meno naturali facilità l'obesità infantile, percentuali maggiori di malattie cardiache, iperattività, deficit d'attenzione, depressione e ansia, e addirittura una più alta incidenza di mortalità esclusi gli altri fattori.

Le conclusioni di questo gruppo di scienziati parlano di una fantomatica eterea vitamina G (green) che sembrerebbe alla base di un complesso sistema di sinergia con l'organismo umano e di cui non sappiamo ancora nulla e che si sostanzia semplicemente nella presenza attiva della natura stessa nella vita dell'individuo e della collettività.

Una ricarica di energia vitale

Anche un altro gruppo di ricercatori dell'Università di Rochester ha confermato dati che vanno in questo senso. In uno studio dello stesso anno hanno mostrato come stare a contatto con la natura rappresenti una cura ottimale per la depressione e per il benessere fisico. Dalla ricerca è emerso che soli venti minuti di permanenza nel verde garantivano il cambiamento depressivo del corso di una giornata e rivitalizzavano le persone profondendo loro un atteggiamento positivo.

Ma la cosa stupefacente è che questi effetti si verificavano al di là dell'attività fisica spesso associata al permanere in aree verdi e dell'interazione sociale che esse inducono. Ossia si verificano in sé e per sé. Da questa ricarica di energia vitale deriva, secondo il dottor Richard Ryan che ha coordinato la ricerca, una maggiore resistenza alle malattie e un calo della sensazione di stanchezza oggi dominante. Addirittura è stato provato che anche solo immaginarsi camminare o stare in aree verdi procurava identici risultati o comunque miglioramenti delle performance fisiche e psicologiche.

Sulla rivista scientifica internazionale di paesaggistica e urbanistica «Landscape and Urban Planning» è stato pubblicato nel 2012 uno studio condotto dal team di ricerca di Catharine Ward Thompson dell'Università di Edimburgo che analizza gli effetti della natura sul rilascio di ormoni dello stress in situazioni difficili di tipo socioeconomico o sanitario. Lo studio ha preso in considerazione persone di età compresa tra i 33 e i 55 anni disoccupate e residenti in aree economicamente depresse. È stato quindi loro prelevato un campione di saliva per misurare i livelli di cortisolo (ormone dello stress). Lo studio ha mostrato come le persone del gruppo che abitavano in zone dove la presenza di boschi, campagna e aree verdi (o anche semplici parchi) era inferiore al 30% del totale, il livello di cortisolo era notevole. Al contrario, esso si andava gradualmente normalizzando mano a mano che lo spazio verde aumentava in percentuale.

La presenza del verde ha quindi un notevole impatto anche sulla gestione dello stress a livello ormonale, con tutte le ricadute che ciò ha sul sistema immunitario.

A piedi nudi nel bosco

Gli studiosi del Finnish Forest Research Institute hanno invece valutato l'impatto delle foreste sulla salute in termini di risposta alle aggressioni virali e cancerogene. In uno studio con una bibliografia davvero sorprendente hanno dimostrato come il contatto con i boschi o anche i prati (ma appartati rispetto alle città), per esempio durante una lunga passeggiata, influisca direttamente sul numero e sull'attività di cellule natural killer (NK, addette all'eliminazione di agenti patogeni e cellule tumorali) prodotte del sistema immunitario.

L'incremento di tali attività rende quest'ultimo più forte, con conseguente abbassamento della pressione sanguigna e dello stress e rivitalizzazione del tono muscolare e cardiaco. Tale aumento è stato osservato permanere anche sino a trenta giorni dopo la sessione di “natura”.

Dal momento che le cellule NK possono uccidere le cellule cancerogene attraverso il rilascio di proteine antitumorali, le gite nei boschi possono avere un effetto preventivo sulla generazione del cancro e sul suo sviluppo. Inoltre, tali permanenze nell'ambiente naturale riducono significativamente la concentrazione di cortisolo salivare rispetto a quando si permane in città, così come già dimostrato da altri studi.

Microbi di campagna e microbi di città

Si è visto infatti che l'esposizione a batteri derivata dallo stretto contatto con gli animali da allevamento e il consumo di latte non pastorizzato sperimentati su 1.333 bambini neozelandesi, già a partire dalla loro condizione fetale, rafforza il loro sistema immunitario dimezzando il rischio di contrarre asma, eczema e allergie. I ricercatori concludono affermando anche che «un'esposizione continua può essere necessaria per mantenere una protezione ottimale».

Ma studi analoghi sono stati condotti dall'Università di Bristol (su allergie, diabete infantile ecc.) e da quella di Helsinki.

In questo caso la ricercatrice Ilkka Hanski e i suoi collaboratori hanno dimostrato come la carenza di contatto con la natura da parte dei bambini sia proporzionale alla quantità di malattie che essi sviluppano, dato che in ambienti urbani il sistema immunitario non ha il modo di svilupparsi e rafforzarsi.

Gli studiosi parlano di una “ipotesi biodiversità”, ovvero il rapido declino della biodiversità può essere un fattore che contribuisce al rapido aumento della prevalenza globale di allergie e altre malattie infiammatorie croniche tra le popolazioni urbane di tutto il mondo.

Ci sono poi vere e proprie differenze tra microbi “di campagna” e microbi “di città” che differiscono per composizione e modalità d'azione sull'organismo umano. Pare che i primi siano più protettori e i secondi più dannosi. Ad esempio, nello studio citato si afferma che la scarsità sulla nostra pelle della presenza del genere di batterio denominata Acinetobacter, che è fortemente legato allo sviluppo di molecole antinfiammatorie, diminuisce la nostra capacità di rispondere bene a fattori allergici come il polline e il pelo degli animali.

Si potrebbe proseguire su questa traccia per molto ancora: va capito che la scelta (quando possibile) di ricavarsi momenti di contatto con ambienti naturali è davvero essenziale per il benessere psicofisico dell'organismo umano nel suo insieme e che dovremmo imparare a tenerne conto.

Ciò si può fare in vari modi pure se si risiede in città, anche sfruttando le qualità “tempranti” della natura, ad esempio utilizzando spesso anche tecniche di idroterapia, frizioni fredde, lunghe passeggiate nel verde ed esposizioni nei mesi invernali alle giornate rigide (con i dovuti riguardi).

Sono tutti rimedi gratuiti e alla portata di chiunque, ma che possono dare grandi risultati e soddisfazioni in termini terapeutici e psicologici.

Articolo tratto da Scienza e Conoscenza n. 50 – Lunga vita al sistema immunitario

Articolo pubblicato per gentile concessione della rivista Scienza e Conoscenza
www.scienzaeconoscenza.it

Articolo tratto da Scienza e Conoscenza N. 50

Nuove scienze e antica saggezza per svelare i misteri della vita

 

Articoli correlatiTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Scienza e Conoscenza - N. 50

Nuove scienze, Medicina non Convenzionale, Consapevolezza

(2)
Fuori Catalogo

Rivista - Macro Edizioni - Novembre 2014 - Scienza e conoscenza

In un momento storico in cui gli allarmismi per il virus Ebola crescono giorno dopo giorno, Scienza e Conoscenza si è fatta una domanda: qual è il metodo migliore per affrontare al meglio le situazioni sanitarie più... scheda dettagliata

Giocare tra gli Alberi - Libro

Attività nel bosco con le corde secondo la pedagogia della natura

Alexandra Schwarzer

€ 18,00 Solo 1 disponibile: affrettati!
Disponibilità: Immediata

Libro - Il Leone Verde - Maggio 2013 - Guide per genitori ed educatori

I bambini hanno un gran bisogno di muoversi, meglio se in un ambiente ricco di stimoli e sfide. Il bosco ci mette a disposizione questa possibilità risvegliando tutti i sensi - soprattutto se ci portiamo qualche corda e... scheda dettagliata

Weekend nella Natura

45 itinerari nelle oasi del WWF e nelle fattorie del panda alla scoperta di natura paesaggio e cultura

€ 20,00
Disponibilità: 10 giorni

Libro - Touring Club Italiano - Maggio 2011 - Guide per Viaggiare

La guida Weekend nella Natura pubblicata da Touring Editore risponde al crescente bisogno di ecoturismo, un turismo a contatto con la natura che rispetta l'ambiente ed è consapevole della fragilità del territorio e della... scheda dettagliata

 

Macrolibrarsi Assistenza Chat

 

Assistenza Clienti

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi sconti, promozioni e novità direttamente nella tua casella di posta.

Guadagna subito +50 PUNTI per i tuoi futuri acquisti e premi.



COMMUNITY

Seguici su Facebook
Ti Piace Macrolibrarsi?
Se ti piace clicca su:
   

I LIBRI PIU' VENDUTI

 

SPECIALI