Torna su ▲

Dai fiori del cocco un alimento integrale per...

Dai fiori del cocco un alimento integrale per dolcificare

Un pizzico di dolce integrale migliora l’equilibrio

Il dolce è un sapore amato all’unanimità, ma molte campagne salutiste l’hanno messo sotto accusa.

Occorre davvero rinunciarci? Secondo la medicina ayurvedica in piccole dosi contribuisce a mantenere vitali i tessuti, armonizza la mente, promuove serenità.

Per soddisfare il bisogno di dolcezza senza conseguenze indesiderabili è preferibile però abituarsi a un gusto dolce moderato, come quello dei cereali, della frutta e di alcune verdure, che è sempre associato a principi nutritivi benefici. Meglio poi eliminare dolcificanti artificiali o raffinati, incriminati per i loro effetti potenzialmente dannosi e favorire prodotti completamente naturali, integrali e di qualità eccellente.

Un concentrato di vitalità in panetti: il dolce naturale

Un esempio? Nei tradizionali panetti di zucchero integrale ottenuti direttamente dal nettare dei fiori della palma da cocco, considerata in oriente simbolo della vita e della rigenerazione, sono custodite proprietà uniche. La sua produzione ha una tradizione antichissima.

Il procedimento di raccolta garantisce la massima naturalezza: il nettare viene prelevato a mano dai grandi fasci di fiori, di color giallo vivido, e una volta rimossa l’acqua in eccesso, è semplicemente modellato in panetti. Questa forma tradizionale concentra le risorse nutritive senza alterarle.

Il Metodo Panela, sapiente ed unica tecnica artigianale, prevede poi di “grattugiare” i panetti trasformandoli in un granulato irregolare. Ecco svelato come nasce Gulamerah di Bali, uno zucchero integrale con differenze decisive rispetto ad altri ottenuti con procedimenti più complessi e “moderni”, quali cottura a prolungata e filtrazioni successive, che determinano una consistenza polverosa, a danno di principi nutritivi e aroma.

Gusto e valore e nutritivo unici

Il Gulamerah di Bali, con la sua struttura irregolarmente granulare ha il gusto irripetibile della frutta esotica, completata da un dolce moderato con toni leggermente caramellati.

L’indice glicemico dello zucchero dei fiori di cocco è solo 35: la metà dello zucchero normale.

Non fornisce unicamente calorie “vuote”, ma anche una piccola quantità di sostanze che ne favoriscono la migliore utilizzazione metabolica fra cui zinco, rame, boro, zolfo, vitamine B1, B2, B6 e C e potassio. Una delle sue peculiarità è poi la presenza inulina, polisaccaride dotato di proprietà probiotiche, antifermentative e regolatrici dell’assorbimento intestinale.

Un tocco di piacere nel menu di ogni giorno

Gulamerah di Bali è ideale per addolcire il menu di ogni giorno, anche nei momenti delicati, come gravidanza, allattamento e menopausa. Ottimo per gli sportivi, può essere un buon integratore della dieta dei bambini.

Si aggiunge a crudo, alle diverse preparazioni. Un pizzico, sciolto in aceto di mele o succo di limone, arricchisce i condimenti per le verdure, mentre due cucchiaini conferiscono un sapore unico alla frutta tagliata a fettine o a dadini, eventualmente con l’aggiunta di scorza e succo di agrumi.

Il Gulamerah di Bali è perfetto anche per addolcire dessert al cucchiaio, per esempio crema di semolino o quinoa al latte. Si cosparge in superficie, oppure sul fondo delle ciotole, prima di mettervi la crema, per ottenere un effetto caramellato senza bisogno di cottura.

Dona, infine, gusto a tisane e infusi, favorendo l’assorbimento dei loro principi attivi, oltre a conferire alle torte una “croccantezza” irripetibile.

Ti consigliamo

Gulamerah di Bali: I tradizionali panetti del nettare dei fiori della Palma da cocco “grattugiati” con il Metodo Panela. Biologico

Zucchera con un fiore!

Gulamerah di Bali – Granulato irregolare Melassa Dolce di Gulamerah Gulamerah di Bali Morbidi Bon Bon Praline di Gulamerah con Cioccolato fondente

Gulamerah di Bali
Granulato irregolare

500g

Acquista ora

Melassa Dolce
di Gulamerah

240g

Acquista ora

Gulamerah di Bali
Morbidi Bon Bon

100g

Acquista ora

Praline di Gulamerah
con Cioccolato fondente

100g

Acquista ora

 

Carla BarzanòTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Carla Barzanò, dietista, formatrice, giornalista.

Docente d’educazione alimentare Ospedale Charité, Berlino, consulente di istituzioni pubbliche e private su temi riguardanti la gestione del servizio di ristorazione scolastica, la pianificazione nutrizionale, la formazione e l’educazione al consumatore.

Collabora con numerose riviste del settore alimentare su temi d’ educazione alimentare e/o al consumo e cucina. È autrice e coautrice di libri rivolti sia agli adulti, sia ai bambini e ai ragazzi delle scuole dell’obbligo, con particolare riferimento all’educazione al gusto e alla cultura culinaria.

Lavora con istituzioni pubbliche e private, italiane ed estere, per la realizzazione di progetti d’educazione alimentare e programmazione dei servizi di ristorazione rivolti a adulti-insegnanti-studenti-scolari-famiglie. In particolare si occupa dell’organizzazione di progetti d’ educazione al gusto volti alla valorizzazione degli aspetti quotidiani dell’alimentazione (spesa, cucina, consumo).

Coordina il progetto di formazione-educazione alimentare regione Emilia Romagna: “Mangiare Insieme” rivolto agli studenti, agli insegnanti e alle loro famiglie. Sta inoltre sviluppando un progetto per promuovere la dieta mediterranea presso le scuole del Comune di Berlino.

Si è occupata dell’organizzazione del servizio di dietoterapia al Policlinico S. Matteo. Ha insegnato scienza dell’alimentazione nelle scuole di formazione professionale della Regione Lombardia. È consulente di dietoterapia presso l’associazione il Pentagramma di Pavia (medicina integrata) con particolare riferimento allo sviluppo di interventi di prevenzione e supporto mirati ai seguenti gruppi: bambini/gravidanza/puerperio/ menopausa/terza età. È consulente di Milano Ristorazione e di altre imprese impegnate nel servizio di ristorazione scolastica per quanto riguarda la progettazione del menu, il monitoraggio della percezione del servizio di ristorazione e la comunicazione con gli utenti (studenti e famiglie).