Torna su ▲

RICEVI L'OMAGGIO DI OGGI SE ACQUISTI ENTRO: ORE MIN SEC

Avvento 2016
Idee Regalo

Cosa vuole davvero l'anima? - Estratto da "I...

Leggi un brano estratto dal libro di Clarissa Pinkola Estés "I Desideri dell'Anima"

Cosa vuole davvero l'anima? - Estratto da "I Desideri dell'Anima" - Libro di Clarissa Pinkola Estés

Se il mondo dei miti è un universo, io provengo da un minuscolo arcipelago di famiglie profondamente etniche, composto da nuclei su nuclei di rifugiati del Vecchio Mondo, migranti e narratori che non sapevano leggere né scrivere o lo facevano con seria difficoltà.

Ma avevano una ricca tradizione orale, che ho raccolto nei miei lunghi studi come cantadora, vale a dire portatrice e rifugio di racconti mitici, soprattutto quelli che vengono dalle mie tradizioni ancestrali, messicana e magiara.

L'altro mio lavoro è quello di specialista in disturbi post-traumatici e psicoanalista. Con l'intento di aiutare a riparare gli spiriti scissi, ascolto molti drammi di vita e racconti di sogni.

 

Avendo ripetutamente visto come la psiche agogni quando è ispirata, confusa, ferita o in lutto, trovo che, più di ogni altra cosa, l'anima brami storie.

Se il coraggio e l'audacia sono i muscoli della spinta spirituale che aiuta una persona a raggiungere la pienezza, allora le storie ne sono le ossa. Insieme, portano avanti gli episodi del mito della vita.

Perché le storie?

Perché il modo di comunicare dell'anima è insegnare.
E la sua lingua è fatta di simboli e temi, i quali sono stati trovati tutti, fin dall'inizio dei tempi, nelle storie.

Potrei anche arrivare a dire che l'anima ha bisogno di storie.

Quel centro radiante che chiamiamo anima è l'enorme aspetto della psiche che è invisibile, ma che possiamo tangibilmente sentire. Quando siamo in contatto con l'anima, avvertiamo le nostre più alte aspirazioni, le nostre più misteriose conoscenze, le nostre comprensioni mistiche, le nostre ispirazioni spontanee e la liberazione delle idee creative.

Parliamo dell'anima che infonde in noi le qualità umane e sacre della vita che appagano desideri profondi. Così, attraverso immagini oniriche, momenti evocativi e trame di storie, l'anima sembra stimolare l'innato desiderio della psiche che le vengano insegnate le sue parti più grandi e più piccole, di essere confortata, sollevata e ispirata verso la vita che è «appena un po' più in basso di quella degli angeli».

C'è una «capacità di ascolto» nella psiche.
Essa ama dare ascolto a ogni genere di schema narrativo nutriente, sorprendente e stimolante, gli stessi che si trovano nei racconti.

Poco importa in che modo arriva la storia: se prende forma nei sogni a occhi aperti, in quelli notturni, o attraverso le arti ispirate, oppure se viene semplicemente raccontata in vari modi dagli esseri umani. Le storie sono fatte per essere comunicate in pienezza rosso sangue e autentica profondità.

Nel mio lavoro, che consiste nell'ascoltare gli altri che raccontano le molte immagini e idee che li colonizzano, le storie, a prescindere dalle forme in cui vengono presentate, sono l'unico mezzo al mondo che può rispecchiare in modo chiaro e facile ogni aspetto della psiche, l'aspetto crudele, freddo e deludente, quello redentore, salvifico, bramoso, tenace e molti altri.

Se non si conoscesse se stessi, si potrebbero ascoltare decine di storie profonde che descrivono il pathos delle sconfitte e delle vittorie dell'eroe o eroina. Perciò, con una guida, una persona potrebbe presto essere in grado di indicare, in se stessa e negli altri, quegli elementi e fatti critici e risonanti che compongono un essere umano.

C'era un consiglio molto serio che veniva dato dagli anziani nella nostra famiglia. Era che ogni bambino doveva conoscere dodici storie complete prima di compiere dodici anni. Quei dodici racconti erano destinati a costituire un insieme di storie eroiche che copriva uno spettro - sia del bello sia dell'infernale - che andava dagli amori eterni e dalla lealtà alle cadute, minacce e morti, con la riaffermazione costante della rinascita.

A prescindere da quanto una persona possedesse, era considerata povera - e, peggio ancora, in pericolo - se non conosceva le storie a cui poteva rivolgersi per un consiglio, nel corso della vita e fino alla fine di essa.

Deve esserci un fiume:

sempre e per sempre,
deve esserci un fiume.

 

Clarissa Pinkola EstésTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Clarissa Pinkola Estés

Clarissa Pinkola Estés, insegna ed esercita la professione di analista. È stata direttrice del C.G. Jung Center di Denver e ha conseguito il dottorato in etnologia e in psicologia clinica.

 

I vostri commenti - Scrivi un commento!

Nessun commento presente

Scrivi un commento!

Articoli correlatiTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

I Desideri dell'Anima - Libro

Miti, Leggende, Antichi Messaggi e Storie Immortali

Clarissa Pinkola Estés

(2)
Nuova ristampa
€ 9,90 Solo 4 disponibili: affrettati!
Disponibilità: Immediata

Libro - Pickwick - Novembre 2014 - Alla scoperta dell'anima

Un libro affascinante e straordinariamente rivelatore. Scopri le verità nascoste dietro le immagini che caratterizzano le religioni e le mitologie dell'umanità. Dopo aver reso famoso il mito della Donna Selvaggia grazie al... scheda dettagliata

Possiamo aiutarti?

assistenza clienti

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

 

Assistenza Clienti

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi sconti, promozioni e novità direttamente nella tua casella di posta.

Guadagna subito +50 PUNTI per i tuoi futuri acquisti e premi.



COMMUNITY

Seguici su Facebook
Ti Piace Macrolibrarsi?
Se ti piace clicca su:
   

I LIBRI PIU' VENDUTI

 

SPECIALI