Torna su ▲

RICEVI L'OMAGGIO DI OGGI SE ACQUISTI ENTRO: ORE MIN SEC

Avvento 2016
Idee Regalo

Cos'è il concetto del sé?

Leggi un estratto dal libro di Wayne W. Dyer "Ogni tuo Desiderio sarà Esaudito"

Cos'è il concetto del sé?

Detto in parole povere, il vostro concetto del sé è tutto quello che voi credete essere vero. E tutto quello che credete essere vero a proposito di voi stessi vi ha collocato esattamente dove voi vivete ogni giorno della vostra vita.

Le vostre convinzioni riguardo a voi stessi sono come gli ingredienti in una ricetta che usate per creare il vostro concetto del sé. Questi ingredienti, o convinzioni, si dividono in due categorie specifiche: il concetto de sé esteriore e il concetto del sé interiore.

Il concetto del sé esteriore

Questi ingredienti comprendono tutto ciò che accettate come verità riguardo a ciò che è in grado di fare il vostro io fisico. C'è probabilmente una certa dose di acume intellettuale che ritenete necessario per il vostro concetto del sé esteriore. Brillante, forse, ma non necessariamente geniale, più capace in certi ambiti che in altri, per esempio nella conoscenza tecnologica. Forse aggiungete una certa dote per la scrittura, ma siete più a vostro agio con i numeri e con la capacità di risolvere problemi matematici che con lo scrivere. Le vostre certezze sul vostro sé esteriore possono essere ben radicate e forti in certi settori e deboli o quasi inesistenti in altri. Molto probabilmente avete una struttura concettuale di quanto siete intelligenti e vi siete portati appresso questa convinzione fin dalle scuole elementari.

Il concetto del sé esteriore comprende tutto quello che pensate riguardo ai vostri talenti innati o acquisiti. Le convinzioni riguardanti la vostra goffaggine, coordinazione fisica, atleticità e talenti musicali e artistici formano una lista parziale degli ingredienti che compongono la vostra ricetta. Questi elementi descrittivi valgono anche per tutto il resto che riguarda il vostro sé esteriore. Il concetto del sé esteriore comprende il rapporto che avete con la salute: l'essere immuni o invece predisposti a malattie di ogni genere. Sapete se avete la tendenza a diventare sovrappeso o dipendenti da varie sostanze come zucchero, caffeina, grassi, carne, latticini e simili. Vi definite tendenti a prendere il raffreddore, oppure immuni all'obesità, alle eruzioni cutanee, alla debolezza o al bisogno di molto sonno.

Il punto è che il vostro concetto del sé esteriore comprende sostanzialmente tutto quello di cui reputate capace o incapace il vostro corpo. Dopo aver fatto un test vero/falso su voi stessi, sarete in grado di dirlo con certezza: Sì, queste cose a proposito di me sono vere. Sono queste le certezze, gli ingredienti, che usate per crearvi.

In aggiunta alla vostra intelligenza, ai vostri talenti e ai tratti fisici, arricchite il vostro concetto del sé esteriore con le caratteristiche della vostra personalità, proprio come in una ricetta si aggiungono le spezie per insaporire. Sapete se siete estroversi o timidi, loquaci o silenziosi, prepotenti o sottomessi, paurosi o coraggiosi, audaci o timorosi, e questa è solo una lista parziale di elementi descrittivi, o di spezie. Queste qualità individuali vengono interpretate come verità lapalissiane che definiscono voi stessi e il modo in cui agite socialmente.

Potrei continuare a enumerare tutti gli altri ingredienti che concorrono a comporre il vostro concetto del sé esteriore, ma in questo libro voglio essere sintetico e andare dritto al nocciolo della questione. Di conseguenza, vi esorto semplicemente a riconoscere che il vostro concetto del sé contiene una miriade ii elementi autodescrittivi riguardanti quello che chiamate il rostro corpo fisico, e che probabilmente considerate come verità assolute. 

Il concetto del sé interiore 

Nella nostra cultura, è piuttosto difficile inquadrare in modo soddisfacente questa categoria. Il vostro concetto del sé interiore riguarda le vostre convinzioni circa l'energia e l'intelligenza Invisibili che sono la parte più significativa del vostro essere. Spesso ho parlato del vostro mondo interiore come del «fantasma dentro la macchina». Nel mio concetto la macchina è il vostro corpo con i suoi cinque sensi e i componenti fisici che lo costituiscono. Tessuti, ossa, fluidi che scorrono, organi, denti, cervello e tutto il resto sono la macchina. Dentro di essa c'è un o invisibile che chiamate mente o spirito e che consiste nei pensieri che dirigono la macchina.

Una volta ebbi una conversazione con un neurochirurgo che metteva in discussione la presenza di questo mondo invisibile dicendo che aveva aperto migliaia di corpi senza mai vedere nemmeno un'anima. Ricordo il suo sguardo imbarazzato quando gli chiesi se aveva mai visto un pensiero mentre frugava dentro a un cervello.

Ovviamente c'è una parte interiore invisibile oltre alla parte esteriore del vostro essere. Avete un concetto di voi stessi che riguarda questa parte invisibile e senza forma del vostro essere, e avete anche un'idea piuttosto precisa di come questa parte interiore possa guidarvi. Forse credete che il vostro sistema intellettivo sia fenomenale, anche se non capite con esattezza che cosa, dentro o fuori di voi, vi permette di grattarvi la fronte, raccogliere una matita, muovere i passi su una pista da ballo, o eseguire gli infiniti ordini che la vostra mente è in grado di impartire quotidianamente, tutti i giorni, finché siete vivi.

Avete anche un concetto del sé riguardante ciò che il vostro spirito interiore di energia non può fare. E in grado di pensarsi uscito da una malattia grave, o si tratta solo di un mucchio di sciocchezze? La vostra intelligenza invisibile, la vostra immaginazione, può compiere esperimenti di alchimia? Il vostro concetto del sé contiene la forza per compiere grandi, perfino magici atti di trasformazione?

Il vostro concetto del sé è una miscela delle vostre convinzioni riguardo all'essere connessi con un potere superiore. Voi avete una qualche credenza a proposito dell'esistenza o non esistenza di Dio. Avete vari punti di vista riguardo a fin dove possa condurvi la fede. Che ci sia o non ci sia qualcosa dentro di voi su cui potete o non potete contare per compiere atti mistici o miracolosi è un altro ingrediente che deriva dalle vostre convinzioni. Avete acquisito delle convinzioni specifiche a proposito del potere della vostra mente. In generale siete convinti di poter contare sulla vostra parte invisibile per fare cose normali come ricordare una lista di oggetti custodita da qualche parte nella vostra memoria, o per andare a fare spese mentre tornate a casa dal lavoro. Ma tra le vostre certezze c'è posto anche per la capacità di fare miracoli. Guarire il vostro corpo o manifestare un'anima gemella a lungo desiderata sono ingredienti del vostro concetto del sé?

Concedetevi un momento per esaminare quella lista invisibile custodita nella vostra mente. Chiedetevi: Dove si trova? Come ho fatto a mettercela? Dov'è il posto che io chiamo «lì»? Quali poteri sto usando per richiamarla? Da dove vengono questi poteri? Questa è la Usta degli ingredienti che usate per creare il vostro concetto del sé interiore. A questo punto potreste anche azzardarvi a pensare che ci sono altre convinzioni o ingredienti che volete includere, e contemplare altri modi per dare sapore alla vostra vita.

Ma una lista invisibile implica un catalogo di miracoli inesplicabili che voi date quotidianamente per scontati. Il vostro concetto del sé interiore vi dice di che cosa ritenete capace la vostra mente, e anche di che cosa la ritenete incapace. Sapete che la vostra mente, quell'invisibile fantasma dentro la macchina, è insondabile, ma sapete anche che ci sono dei limiti a quello che può fare.

Avete mai pensato a come state creando la vostra vita con questa lista di ingredienti del vostro sé interiore? Se l'idea di qualche cambiamento vi sembra interessante, continuate a leggere.

Cambiare il concetto del sé

Se volete diventare una persona capace di vedere realizzati tutti i propri desideri, dovrete spostarvi a questo livello superiore di esistenza nel quale sarete co-creatori della vostra vita. Questo significa che dovrete intraprendere il compito, spesso considerato difficile, di cambiare il vostro concetto del sé.

Ricordate che il vostro concetto del sé è tutto quello che voi ritenete vero a proposito del vostro sé interiore ed esteriore. Queste convinzioni hanno creato la vita che adesso state vivendo, in quello che io definisco il livello ordinario di presa di consapevolezza. Trasferirsi nello spazio straordinario di cui parlo nel libro implica il cambiare ciò che reputate vero. Può darsi che sia un processo faticoso e un'impresa che, in base alla mia esperienza, poche persone sono davvero desiderose di intraprendere. Ma scrivo queste pagine proprio per dispensarvi consigli e aiuti in proposito.

Citerò una persona che si chiamava Neville Goddard, che scrisse e parlò al grande pubblico americano con il solo nome di Neville. Tenne numerose e popolari conferenze su temi metafisici dalla fine degli anni Trenta fino alla sua morte, avvenuta nel 1972, e firmò dieci libri nei quali afferrò la sottile logica dei principi creativi della mente. Il suo lavoro mi ha colpito molto profondamente e Neville è stato un grande maestro per me in questi ultimi anni.

Neville scrive con uno stile che molti forse trovano difficile da interpretare, ma io considero il suo insegnamento coerente con molti dei miei primi scritti sulla manifestazione e sulla co-creazione. Detto questo, gli insegnamenti di Neville aggiungono una dimensione che io finora non avevo approfondito. Mentre studiavo il suo libro The Power of Awareness, cominciai a mescolare gli insegnamenti di Neville con quelli di altri grandi pensatori, rivedendo e raffinando la sua particolare teologia personale in una pratica che mi sembra fatta apposta per il mondo in cui viviamo oggi. I miei otto figli, dopo aver ricevuto una copia di The Power of Awareness per ciascuno, hanno espresso, con varianti personali, il seguente concetto: « Mi piacciono le sue idee, papà, ma devo continuare a rileggere ogni paragrafo e smetto di pensare a quello che sta dicendo. Lo so che ha ragione ed è assolutamente sensato, ma mi servirebbe se fosse spiegato meglio, in termini che io possa capire e usare ». I loro commenti alimentarono il mio desiderio di condividere molte delle idee di Neville, che per la maggior parte sono compatibili con le mie, e di creare una sintesi che si indirizzi al potere che avete di realizzare i vostri desideri nel XXI secolo.

Voglio condividere con voi il pensiero di quello che possono fare per voi le idee di questo grande maestro, come lo hanno fatto per me. So che a Neville non dispiacerebbe perché autorizzava studiosi e spettatori a registrare i suoi discorsi senza chiedere alcun compenso. Queste registrazioni continuano tuttora a diffondere in modo informale il suo messaggio, e le ho ascoltate mentre mi preparavo a scrivere il libro. Mi sento affine spiritualmente a Neville, dato che anch'io ho avuto lo stesso atteggiamento durante tutta la mia carriera di conferenziere, e mi sono calato nello stesso genere di ricerca spirituale condotto da questo grande maestro che mi ha preceduto di una generazione.

Ecco cosa diceva Neville a proposito di cambiare il concetto del sé per elevare la vita: « Se rifiutate di assumere la responsabilità dell'incarnazione di un nuovo e più alto concetto di voi stessi, allora rifiutate il mezzo, l'unico mezzo, attraverso il quale può avvenire la vostra redenzione, vale a dire il conseguimento del vostro ideale ».

In questo primo capitolo, comprendete bene la seguente affermazione: Un concetto più elevato del sé prevede l'accettazione di nuove verità e l'abbandono delle vostre vecchie opinioni su ciò che potete ottenere. Questo è l'unico modo per realizzare i vostri desideri. Ecco perché lo sottolineo tanto all'inizio di questo libro. Dovete iniziare sostituendo il vostro vecchio assetto di verità con il credere nell'esistenza di un sé superiore dentro di voi. Forse è qualcosa a cui non avete mai pensato in precedenza.

Il vostro concetto di voi stessi che include dei limiti può essere rivisto da voi e da voi soltanto. Niente di quello che scrivo o dico potrà farlo per voi. Io l'ho fatto per me e posso assistervi lungo questo cammino, ma sarà la vostra decisione di cambiare a creare la possibilità di cambiamento dentro di voi. Un nuovo e più elevato concetto di sé può essere traumatizzante, potreste cambiare il concetto che avete di voi stessi, perfino respingerlo, in base alla quantità di condizionamenti che avete assorbito nel corso della vostra vita. Sta a voi valutarli e considerarli nei prossimi due capitoli. A questo punto, abbandonatevi semplicemente a immaginare di poter creare un nuovo e più alto concetto di voi stessi. La maggior parte delle persone vedrà apparire subito una resistenza a questo concetto, e vi invito a riconoscerla anche in voi stessi.

Superare le resistenze

Passare dal livello di consapevolezza ordinaria al livello di super-consapevolezza implica un rinnovamento fondamentale: un cambiamento radicale di personalità. Pochissime persone sono pronte per dedicarsi al compimento di questo scopo divino. Quello che vi invito a fare, se volete essere davvero esauditi, è vincere la vostra resistenza a includere tutto quello che siete nel-a vostra vita terrena. Voi avete la capacità di accedere a livelli più elevati dove soddisfare consapevolmente i vostri desideri più alti, ora, perché tutti possano trarne vantaggio. E come fare un salto mortale e atterrare in una nuova realtà, nella quale tutte le cose sono possibili, dove non vi identificate più con tutti quei memi, ovvero con quelle unità auto-propagantesi di evoluzione culturale, analoghe a ciò che il gene è per la genetica, e con quei virus mentali che sono stati programmati dentro di voi da piccoli per prepararvi a una vita ordinaria.

Iniziate questa eccitante avventura del cambiare il vostro concetto del sé con la volontà di morire per il vostro sé attuale, proprio così: rinunciando alla vostra storia personale come arbitra della vostra vita, smetterete di opporvi al vostro potenziale più completo. Semplicemente non scegliete più di formare la vostra identità sulla base di quello che vi è stato insegnato. Ricordate a voi stessi che tutto quello che avete creduto come vero vi ha condotti a questo punto in cui volete esplorare, invece di resistere ai vostri poteri superiori.

Anni fa, leggendo Pensa e arricchisci te stesso di Napoleon Hill (Gribaudi, Milano, 2010), mi colpì la sua affermazione riguardante l'esistenza di una caratteristica distintiva in tutti coro che vivono la vita a un livello superiore con una ricchezza che non concerne solo il guadagno economico. Queste persone, uniche e rare, hanno un desiderio ardente di riuscire. E un desiderio ardente è ben diverso da un desiderio o da un sogno normale perché brucia dentro: una volta acceso, non va più via, indipendentemente da quello che accade. E una qualità che conosco bene. Spesso sembra un'ossessione... e nel corso della mia vita mi hanno dato molte volte dell'ossessivo. Ma, lungi dall'essere un male, questo tratto del mio carattere mi è sempre stato utile per realizzare i desideri che provavo dentro di me. Spesso lo considero come la fiamma di una candela interiore che non vacilla mai, anche quando davanti a me accadono le cose peggiori. Tutte le trasformazioni iniziano con un intenso, ardente desiderio di essere trasformati.

Una certezza interiore e un desiderio ardente sono i prerequisiti per diventare una persona capace di manifestare i desideri del proprio cuore. In The Tower of Awareness, Neville spiega in maniera efficace che, «Per essere trasformati, dovete cambiare tutti i vostri pensieri alla loro radice. Ma i vostri pensieri non possono cambiare se non avete nuove idee, perché voi pensate a partire dalle vostre idee». Come si fa a trovare le idee che aiutano a cambiare i pensieri? Incominciate pronunciando e scrivendo un'affermazione che vi attrae. Create una vostra affermazione unica e sentita, come: Ho un desiderio ardente, una fiamma interiore che non può essere estinta da forze esteriori, di conoscere e vivere a livelli superiori, di essere trasformato affinché il mio nuovo concetto di me stesso non comprenda più alcuna limitazione. Voglio sfidare e cambiare qualsiasi pensiero che ostacoli questo mio avere una visione superiore di me stesso.

Prima di concludere questo capitolo introduttivo, sarà utile esplorare le vostre convinzioni sulla natura di quelle cose che chiamiamo pensieri, e su come cambiarle.

Ogni tuo Desiderio sarà Esaudito

Ogni tuo Desiderio sarà Esaudito

«Tutto ciò che esiste una volta era solo immaginato. E tutto ciò che esisterà dovrà prima essere immaginato: usa l'immaginazione per configurare la vita che vuoi.»

Il dono più grande che è stato fatto all'uomo è l'immaginazione: questo libro è un viaggio di scoperta che insegna a risvegliare il potere che ognuno di noi possiede di progettare una vita in cui tutto ciò che immaginiamo per noi diventa realtà.

Wayne W. Dyer indaga le regioni più alte del nostro Sé e spiega come cambiare l'idea che abbiamo di noi stessi e dei nostri bisogni allineandoli alle nostre vere aspirazioni spirituali.

Ogni tuo desiderio sarà esaudito svela la nostra più intima natura e insegna l'arte della manifestazione: un'arte che si può padroneggiare attraverso il consapevole controllo della nostra immaginazione.

Acquista ora

 

Wayne W. DyerTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Wayne W. Dyer

Wayne W. Dyer (Detroit, 10 maggio 1940 – Maui, 29 agosto 2015) psicologo, è noto per le sue opere divulgative. In America era molto popolare, oltre che per le sue opere scientifiche, anche per l'attività di psicoterapeuta; si è dedicato particolarmente alla divulgazione sul tema del pieno sviluppo della personalità.

Nei primi testi come "Le vostre zone erronee" Wayne Dyer ha puntato l'attenzione sul potenziale insito in ogni essere umano insegnando in modo chiaro e semplice, come diventare veramente padroni di se stessi e come sfuggire al ruolo di vittima che sempre qualcuno ci vuole imporre.

Wayne Dyer affermava che il cambiamento può iniziare fin da subito e che è possibile sprigionare tutte le energie, i talenti, i desideri che risiedono in noi e che normalmente non siamo consci di possedere. Dyer invitava a coltivare due atteggiamenti fondamentali per poter crescere ed evolvere: abbandonare le vecchie convinzioni e bandire il dubbio.

 

I vostri commenti - Scrivi un commento!

Nessun commento presente

Scrivi un commento!