Torna su ▲
Avvento 2016
Idee Regalo

Come perdiamo il Potere - Estratto da "Riprendi il...

Leggi un'anteprima del libro di Miranda Sorgente "Riprendi il Tuo Potere"

Come perdiamo il Potere - Estratto da "Riprendi il Tuo Potere" libro di Miranda Sorgente

«Nessuno ha potere su di Te.
Niente ha potere su di Te.
Finché tu non glielo cedi».

Sono in ritiro presso uno dei miei eremi preferiti dove amo recarmi per trascorrere alcuni giorni di silenzio e rigenerarmi all'interno.

Questa volta però è un po’ particolare. Il mio cuore è ancora in grande sofferenza per un distacco. La relazione con il mio partner si è appena conclusa, stroncata da una decisione unilaterale da parte sua senza apparenti motivi e giustificazioni. Sembrava la coppia ideale, proprio come l’avevo chiesta all'Universo. A quel tempo stavo già lavorando sul Potere interiore ma non avevo affinato ancora gli strumenti. La prova è arrivata. Ed è stata una prova dura.

Esco come mio solito a camminare nel primo pomeriggio per una passeggiata meditativa nei boschi. Mentre passeggio il pensiero ossessivo della storia finita ritorna. Riecheggiano le parole che lui mi ha detto, le parole che io gli ho detto e anche tutta la messa in scena teatrale della mia mente delle parole che non gli ho mai detto, che avrei voluto dirgli, o che vorrei ancora dirgli. Naturalmente accompagnate dalle parole che lui non mi ha mai detto, quelle che mi avrebbe risposto, accompagnate dalla precisa percentuale di probabilità e dalle scene che la mia mente elabora perfettamente, proprio come se stessi scrivendo un’opera teatrale.

Sento che l’emozione sta salendo dentro di me. Intensa. Nasce dallo stomaco, che si stringe e poi sale, nella gola, si forma quel nodo che ho conosciuto tante volte da bambina, e so perfettamente cosa sta precedendo.

L’emozione continua la sua marcia inarrestabile e dalla gola prende tutto il mio viso e sale negli occhi.

Non resisto più. Scoppio a piangere. Mentre cammino in quel luogo di pace che mi aveva coccolata tante altre volte mi sento fuori luogo. Lacrime e lacrime. E ancora lacrime. E poi mi fermo e guardo in alto e chiedo con tutta la carica della disperazione di quel momento: Ma perché? Perché mi è successo questo? Com'è possibile? Perché devo passare ancora questa sofferenza?

E colleziono così tutta la serie di domande che sono esattamente quelle che elenco nei miei seminari come quelle da non fare. Spiego sempre che se facciamo domande stupide avremo risposte stupide. Se chiediamo “Perché ho tutti questi problemi? Perché sono grassa? Perché ho tutti questi debiti? Perché nessuno si interessa a me?” il cervello si attiverà per darci la risposta a quelle domande (inutili e stupide) e ci fornirà tutte le spiegazioni logiche (altrettanto inutili e stupide). Per esempio: “Perché non sei capace, perché non te lo meriti, perché sei così e basta, perché mangi troppo, perché non sei capace di risparmiare” e via di seguito.

Domande che potrebbero aiutare in un momento difficile come questo, che mettono in modo altri meccanismi nel cervello potrebbero invece essere:

  • In che modo posso uscire da questa situazione?
  • Che cosa mi serve capire per superare questo ostacolo?
  • Quale perla di saggezza è nascosta in questa situazione che ancora non vedo?

Generalmente la mia mente è sufficientemente allenata per elaborare automaticamente queste domande ma in quel momento la situazione di stress è troppo alta per me e le emozioni e i pensieri prendono il sopravvento.

È successo però qualcosa d’altro. Forse perché ho guardato verso il cielo, con l’inconsapevole l’intenzione di avere una risposta non dalla mia mente, ma reale, dall’Alto, dalla Saggezza collettiva, da Dio, da qualcosa di più grande di me.

E la risposta è arrivata. Molto chiara. Appena l’ho sentita ho smesso immediatamente di singhiozzare e ho ripreso consapevolezza di cosa mi stava accadendo. Forse avrei preferito non sentire quella risposta in quel momento. Era molto più facile andare avanti a singhiozzare e compiangermi, dopotutto avevo tutte le ragioni per sentirmi in quel modo.

Ma come Einstein ci ricorda, la domanda da farci è:

«Vuoi essere felice o avere ragione?».

In quel momento avevo sì ragione di sentirmi così, ma non ero certo felice.

Dunque la risposta è stata Corta e Chiara, come dice sempre Fra Bernardino, uno dei miei riferimenti in ambito spirituale.

La risposta è stata:

“Perché stai cercando ancora la Felicità fuori di te”.

Punto. Nessun’altra aggiunta. Nessun’altra spiegazione. Nessuna comprensione, compassione. Niente altro.

Ho smesso subito di piangere. Sapevo che non avrebbe portato a niente di tutto quello che avrei voluto in quel momento, un po’ di calore, di affetto, un abbraccio. Sì certo, appunto, ancora qualcosa dall’esterno.

È stato difficile ma molto potente.

Avrei molto apprezzato il calore, l’abbraccio, l’affetto in quel momento ma lassù hanno ritenuto che non era per me il momento di ricevere quello che stavo chiedendo ma piuttosto di ricevere quello che mi era utile per fare un salto in avanti nella mia consapevolezza ed evoluzione interiore.

Come spesso succede, dall'elaborazione di una grande sofferenza derivano intuizioni e accessi a stadi di evoluzione e di trasformazione più grandi. Da tempo stavo lavorando su questi concetti, era arrivato il momento di metterli in pratica realmente su qualcosa di grande.

Era arrivato il momento di riprendere il mio Potere.

E ora il momento è arrivato anche per te.

Perdi il Tuo Potere ogni volta che lasci siano le circostanze o le altre persone a prendere il comando della tua Vita.

Il test sono le tue emozioni.

Che emozione stai provando? Se è un’emozione negativa allora stai sperimentando una perdita di Potere.

Un’emozione che non hai scelto.

Emozioni che non aumentano la tua qualità di vita nel momento in cui le provi e non creano la base per la qualità di vita che vuoi avere nel futuro.

Il test del tuo benessere sono le emozioni.

Quando cedi il Tuo Potere, il tuo mondo interiore viene destabilizzato e di conseguenza anche il tuo mondo esteriore ne viene influenzato. O meglio, la manifestazione di ciò che accade nel tuo mondo esteriore ne viene influenzata.

Ogni volta che stai provando un’emozione come la rabbia, frustrazione, impazienza, tristezza, ansia, paura, invidia o qualsiasi altra emozione che non sia affine a gioia, senso di rilassamento, pace, quiete, gratitudine, amore… allora significa che hai ceduto il Tuo Potere Interiore a qualcuno o qualcosa di esterno a te.

Una persona può avere potere esteriore su di te, può decidere di licenziarti o di chiudere la vostra relazione, può metterti in prigione perfino, ma può avere Potere su di Te solo quando tu glielo concedi.

Se ti rubano l’auto e per due settimane (o anche di più!) sei arrabbiato, triste o qualche emozione della stessa famiglia, significa che, oltre all’auto, hai consegnato anche il Tuo Potere Interiore alla persona che te l’ha rubata.

Oltre il danno la beffa, è proprio il caso di dire.

Non significa che non ti deve importare dell’auto e che devi festeggiare, far finta di nulla o non intraprendere azioni giudiziarie. Significa che devi riprendere il comando dei tuoi pensieri, delle tue emozioni e della tua Vita, indipendentemente da quello che è successo all’esterno.

Nonostante quello che è successo all'esterno.

Quando sei arrabbiato perché hanno aumentato le tasse e non sai come arrivare alla fine del prossimo mese, hai ceduto il Tuo Potere.

Non necessariamente significa che condividi le scelte del governo, probabilmente devi trovare delle soluzioni, devi darti da fare ed è possibile che sia difficile e impegnativo.

Ma in ogni caso essere arrabbiato non ti aiuta, non ti serve, anzi non fa altro che creare altri buchi nel tuo serbatoio energetico.

Ogni volta che ti ritrovi inconsapevolmente in un’emozione negativa lasciando che in modo subdolo si insinui dentro di te, stai cedendo il Tuo Potere.

Stai perdendo la tua energia. La tua energia interiore creatrice, innovatrice, risolutrice.

Stai lasciando che i ladri di tempo, di desideri, di felicità approfittino del tuo momento di debolezza per nutrirsi e ingrandirsi.

Chi sono i Ladri di Tempo, Desideri e di Felicità?

Sono molti di più di quanto tu possa immaginare.

Sono dappertutto, ben nascosti e molto spesso beatamente inconsapevoli.

Perché sei tu che hai permesso loro di diventare Ladri di Potere.

Il Potere interiore è il nostro dono più prezioso, la nostra risorsa più importante, quella che influenza tutto il resto.

Possiamo imparare tecniche, strumenti, mettere in atto piani d’azione, ma saranno vuoti e con risultati solo di breve periodo se sono orientati solamente a un risultato esterno e non sono riempiti e guidati dal nostro Potere interiore.

Il nostro focus deve restare sempre sul nostro potere interiore.

Le azioni esteriori sono la conseguenza, il risultato, la manifestazione di quel Potere interiore.

E se noi non ci occupiamo di crearlo e utilizzarlo come vogliamo, sarà la nostra mente con i suoi schemi di pensiero inconsapevoli a farlo per noi e lo utilizzerà per servire e consolidare proprio quegli schemi inconsapevoli e dannosi. Un circolo vizioso.

Riprendi il Tuo Potere

Riprendi il Tuo Potere

Miranda si mette a nudo davanti ai suoi lettori perché tutti possano approfittare della sua esperienza. Tanti esempi personali inclusi quelli dove dove la perdita di Potere è stata grande e dolorosa e scoprire poi gli strumenti su come lei stessa ne è uscita. Il libro è VIVO. Non è solo teoria e cibo per la mente. Sarai accompagnato passo dopo passo nella sperimentazione e la messa in pratica degli strumenti più efficaci già DURANTE la lettura.

Cosa troverai nel libro:

  • Come scoprire, riconoscere e gestire le 5 grandi categorie di Ladri di Potere
  • Conoscere la differenza tra Potere interiore e potere esteriore
  • Gli strumenti da mettere in pratica in tutte le diverse situazioni di necessità, dal Pronto Soccorso alla Manutenzione Programmata
  • Tantissimi esempi personali tratti dalla vita professionale e personale di Miranda
Acquista ora

 

Miranda SorgenteTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Miranda Sorgente

Miranda Sorgente è la fondatrice e la coordinatrice delle attività Love Management® e si occupa di Training e di Coaching dal 1994. Dopo la Laurea in Economia, ha iniziato la sua esperienza nel Quartier Generale di Dale Carnegie Training a New York.

Tornata in Italia ha trasformato la sua passione in professione, divenendo Partner di Dale Carnegie Italia.

Nel 2003 ha fondato la sua azienda ed ha creato il sistema Love Management®, un nuovo sistema che permette di migliorare fortemente la propria qualità di vita e raggiungere più risultati concreti attraverso l'applicazione dei due pilastri base che sono riassunti nella frase che spiega il significato di Love Management®: "Scegliere col cuore, Agire con Metodo".

Ama lo sport che usa come strumento di crescita personale per il corpo mente e spirito. Tra gli sport che pratica: alpinismo, sci, mountain bike, kitesurf, ha corso due maratone ed ha un brevetto di paracadutismo. Per la sua crescita pratica yoga e meditazione e ogni anno frequenta corsi con i migliori Trainer in ambito internazionale.
Nel 2014 ha preso un periodo sabbatico dove ha studiato a stretto contatto con maestri spirituali e sciamani di diverse tradizioni viaggiando e vivendo in monasteri, ashram ed eremi. Questo le permesso di studiare ed esplorare a tempo pieno ed elaborare nuovi strumenti di crescita.

Ha allenato migliaia di persone tra cui gli A.D. di Merril Lynch Italia, Hugo Boss Woman, Fiat SAVA, Fidis Retail Italia oltre a imprenditori e Top Manager di aziende italiane ed estere come Siemens, Citibank, Barclays, INA e SAI Assicurazioni.
Ha già pubblicato nel 2008 "Love Management® - Lascia il segno del tuo passaggio nel tempo" edito da Guerini Editore.

 

I vostri commenti - Scrivi un commento!

Nessun commento presente

Scrivi un commento!