Torna su ▲

RICEVI L'OMAGGIO DI OGGI SE ACQUISTI ENTRO: ORE MIN SEC

Avvento 2016
Idee Regalo

Come il cervello percepisce lo spazio

In che modo l'emisfero destro e il sinistro condizionano la nostra percezione spaziale - Anteprima della rivista Scienza e Conoscenza n. 36

Come il cervello percepisce lo spazio

Lo spazio è il palcoscenico su cui si svolge la nostra vita, ma lungi dall’essere cosa muta, questo continuamente invia ai nostri sensi segnali, informazioni, stimoli che, elaborati dal cervello, provocano reazioni chimiche che vanno a coinvolgere tutto il corpo, influenzando così il nostro umore, il nostro modo di sentirci e persino quello di pensare.

Mentre l’intensità delle reazioni varia da individuo a individuo e da situazione a situazione, le reazioni in sé sono comuni a tutti gli individui; questo perché i meccanismi che le producono si attivano automaticamente di fronte a specifici stimoli, avvengono in strutture molto antiche del nostro cervello – sulle quali non abbiamo un controllo cosciente – e sono il frutto di una “saggezza”che si è formata nell’arco di milioni di anni.

Che cos’è uno spazio

Per spazio qui intendiamo un “organismo” unitario formato dal rapporto reciproco e costante fra tre elementi fondamentali: il vuoto, il pieno e l’uomo, o più in generale l’osservatore.

Il vuoto, che è ciò che dello spazio utilizziamo, acquista forma, dimensioni e senso perché delimitato dagli elementi pieni che lo separano dall’esterno, anch’esso vuoto: senza il vetro che separa il vuoto interno di un bicchiere da quello esterno, nulla impedirebbe all’acqua che vi versiamo di spargersi ovunque.
D’altra parte un bicchiere di vetro privo del vuoto all’interno non sarebbe utilizzabile né, senza il vuoto che lo circonda, la sua forma sarebbe percepibile, in altre parole senza vuoto il vetro non sarebbe un bicchiere.

Lo stesso ragionamento può essere applicato a qualunque tipo di spazio, a quelli che nascono dall’opera dell’uomo, come a quelli naturali: le facciate di un edificio danno forma agli spazi interni separandoli da quelli esterni, lo spazio di una valle deve la sua forma alle montagne che la circondano, quello di una laguna ai lembi di terra che lo abbracciano separandolo dal mare aperto e, persino quest’ultimo, è racchiuso da un limite visuale rappresentato dalla volta azzurra che, tutta intorno, si alza dalla linea di orizzonte.

L’elemento da cui però dipendono il carattere e il valore di uno spazio è il terzo, l’osservatore.

Torniamo un attimo al nostro bicchiere, ciò che lo definisce come tale è certamente la sua forma, il rapporto che c’è fra il pieno ed il vuoto, ma anche le sue dimensioni; se io infatti, mantenendo costante il rapporto fra la quantità di pieno e di vuoto e mantenendo costante anche la forma del bicchiere, ne aumentassi di quattro volte le dimensioni, quello per me non sarebbe più un bicchiere, ma piuttosto un vaso.
Quindi il fatto che quello sia un bicchiere e non un vaso dipende non solo dal rapporto fra pieno e vuoto, ma anche dalle dimensioni all’interno delle quali questi rapporti si definiscono.

Ma se io che osservo anziché un essere umano fossi una formica?

Un normalissimo bicchiere sarebbe per me una sorta di piscina olimpionica! E avrebbe senso per me fare differenza fra un fiume e il mare visto che ai miei occhi ciò che delimita quelle masse di acqua è sempre l’orizzonte?

Quando parliamo di uno spazio non possiamo quindi prescindere dall’esperienza spaziale dell’osservatore che lo percepisce e si rapporta ad esso. E se lo spazio è un’esperienza, come ogni esperienza, questa può essere piacevole o spiacevole.

Emisferi ed esperienza spaziale

Le sensazioni di benessere o malessere che uno spazio può generare dipendono dalle reazioni chimiche che, durante la percezione, cioè l’interpretazione degli stimoli che questo invia, si verificano nell’individuo e che, come abbiamo accennato, anche se ad intensità diverse, accomunano tutti gli individui.

Quindi partendo da queste reazioni immediate e incontrollabili e comprendendo il legame con gli stimoli che le provocano, possiamo pensare di modificare la forma di uno spazio in modo che questo produca sensazioni piacevoli, o per lo meno evitare che ne produca di spiacevoli.

È provata l’esistenza di un rapporto biunivoco, a due direzioni, fra le reazioni chimiche immediate e inconsce – che i neuroscienziati chiamano reazioni emotive o emozioni – e il modo in cui, a livello conscio, le informazioni vengono elaborate dal cervello. In parole povere: come ci sentiamo ha influenza sul modo in cui pensiamo e il modo in cui stiamo pensando influenza come ci sentiamo.

Il cervello umano e in particolare la neocorteccia, la sua struttura più esterna e recente, è per lo più un organo simmetrico, formato cioè da due metà molto simili per forma e per funzioni, emisfero destro ed emisfero sinistro, che governano le due metà controlaterali del corpo e che si scambiano informazioni tramite una struttura ponte centrale chiamata corpo calloso.

L’unica vistosa differenza fra i due emisferi riguarda il lobo frontale, quella zona della neocorteccia che si occupa delle funzioni più elevate ed evolute, caratteristiche della razza umana, ovvero il ragionamento logico razionale e l’intuizione. Anatomicamente il lobo frontale destro è più grande del sinistro, ma la vera differenza fra i due è nel modo di processare le informazioni: i due lobi mettono in atto due veri e propri sistemi di pensiero completamente differenti, complementari ma anche antagonisti.

L’emisfero sinistro è la sede del pensiero razionale, ragiona in base al rilevamento, l’astrazione e la catalogazione dei singoli stimoli provenienti dall’ambiente esterno, li nomina e li confronta attraverso successioni logiche e temporali di causa/effetto e, sulla base di queste, cerca una soluzione coerente e forma un giudizio.

L’emisfero destro invece ragiona attraverso rapporti e relazioni, non si sofferma sui singoli stimoli ma coglie la situazione o la composizione nella sua globalità, considerando il tutto esattamente come si presenta nel momento in cui lo percepisce senza esprimere un giudizio; non procede per passaggi consequenziali ma per intuizioni e raggiunge le proprie soluzioni in momenti illuminanti di improvvisa comprensione delle cose, basati spesso su impressioni e schemi parziali.

L’emisfero destro è chiamato anche emisfero spaziale, e infatti, considerando le relazioni e i rapporti che intercorrono fra i pieni e i vuoti, riesce a costruire di uno spazio un’immagine mentale completa, percependolo come un organismo unitario.
Anche il soggetto stesso, per questo emisfero, è un pieno, un limite dello spazio e quindi una sua componente vera e propria in relazione costante con tutte le altre.

L’emisfero sinistro, invece, di uno spazio coglie solo gli elementi pieni, che sono quelli che può catalogare, trascurando completamente i rapporti che li legano al vuoto e il vuoto stesso, che per lui è semplicemente nulla e quindi privo di interesse.
In questo modo ogni elemento pieno viene percepito a sé stante e slegato dagli altri, e anche il soggetto percepisce se stesso come privo di rapporti con ciò che lo circonda e quindi estraneo, diverso, indipendente dallo spazio in cui è immerso.

Ma in che modo tutto questo si relaziona con il resto del corpo, con le sensazioni che proviamo all’interno di uno spazio, in che modo cioè uno spazio può farci sentire a nostro agio o a disagio?

Le reazioni emotive agli stimoli esterni producono l’attivazione del sistema nervoso simpatico o di quello parasimpatico, comunicando al corpo come reagire a una determinata situazione.

Quando il primo viene attivato, il cuore inizia a pompare più velocemente richiamando il sangue da tutti gli altri organi del nostro corpo, che si contraggono, per concentrarlo sui muscoli e sul cervello e preparare il corpo all’azione e alla risoluzione di un’emergenza; quando ad essere attivo è il sistema parasimpatico, invece, il cuore rallenta, il sangue va a irrorare tutti i nostri organi interni, che si espandono, e i nostri muscoli si rilassano.

È stato osservato che quando il nostro sistema nervoso simpatico è attivo e il nostro corpo sta affrontando una qualche emergenza, come un potenziale pericolo, l’attività del lobo frontale si sposta principalmente sull’emisfero sinistro. Quando a essere attivo è invece il sistema parasimpatico e il nostro corpo è rilassato, l’attività del lobo frontale si concentra invece sull’emisfero destro.

Visto che la relazione fra reazioni emotive e modo di pensare è a doppio senso, ne consegue che quando l’attività cerebrale è concentrata sul lobo sinistro, se stiamo ad esempio facendo dei calcoli matematici impegnativi, questa condizione attiva il nostro sistema nervoso simpatico e il nostro corpo si irrigidisce vivendo una situazione di tensione, come se fosse in potenziale pericolo.
Quando invece concentriamo l’attività cerebrale nell’emisfero destro, ad esempio ascoltando la musica, disegnando o dipingendo, allora è il sistema parasimpatico ad attivarsi e il nostro corpo si rilassa.

Quando uno spazio stimola e viene percepito con l’emisfero destro, dunque, il sistema parasimpatico si attiva e noi ci sentiamo rilassati vivendolo come piacevole, se invece uno spazio stimola l’attività dell’emisfero sinistro, ad attivarsi è il sistema nervoso simpatico e noi ci sentiamo in tensione e non a nostro agio.

Perché lo spazio di un edificio, come quello di una piazza o di una via, possa stimolare l’emisfero destro, deve essere stato concepito in modo che i rapporti che legano i pieni con i vuoti di cui definiscono forma e dimensioni, siano non solo percepibili, ma anche rapportabili e relazionabili all’osservatore.

Possiamo dire che uno spazio per essere percepito con l’emisfero destro, deve anche essere stato concepito con l’emisfero destro.

Spostamento dell’attività emisferica a sinistra: ragioni fisiologiche, culturali e ricaduta sulla composizione degli spazi.

Studi recenti hanno dimostrato che, con il passare del tempo, l’attività del lobo frontale si sposta gradualmente verso sinistra.

Quando infatti facciamo esperienze nuove o impariamo qualcosa, l’attività cerebrale si concentra sul lobo frontale destro che, usando come base le informazioni già archiviate dal lobo sinistro, elabora i nuovi dati attraverso le sue associazioni libere e le sue intuizioni, passandoli poi come conosciuti all’emisfero sinistro, che li astrae e poi li archivia.

In poche parole l’emisfero destro intuisce il significato di quello che stiamo vivendo o imparando,

l’emisfero sinistro ci permette di spiegarlo e di ragionarci su.

Più un’informazione è simile ad altre già presenti nell’archivio, più veloce è il passaggio dall’emisfero destro al sinistro, fino al punto da non essere più richiesto l’intervento del primo.

Con l’accumularsi delle esperienze, è sempre più probabile quindi che, nella vita quotidiana, ci troviamo a svolgere operazioni di routine, consolidando gli schemi che già conosciamo e utilizzando sempre meno l’emisfero destro.

La neuroscienza ci dice che i circuiti cerebrali che vengono usati più frequentemente si attivano anche più velocemente di quelli meno usati, quindi con il passare del tempo, i circuiti dell’emisfero sinistro, poiché usati più spesso di quelli del destro, tenderanno ad attivarsi anche per svolgere funzioni che normalmente non sarebbero di loro competenza, prevaricando l’emisfero controlaterale – nelle persone anziane sono infatti osservabili tendenze come rifiuto della novità e difficoltà a mutare abitudini o giudizi.

Nella cultura occidentale, completamente orientata allo sviluppo, all’uso e allo stimolo delle facoltà razionali, lo spostamento già fisiologico dell’attività cerebrale prevalente di un individuo, dal lobo destro a quello sinistro, viene esasperato e il processo di prevaricazione dell’emisfero sinistro sul destro nello svolgimento delle funzioni risulta molto più rapido e diffuso di quanto non lo sarebbe seguendo il suo naturale decorso.

Volendo tralasciare ora le ripercussioni psicofisiche devastanti di questa situazione sugli individui e sulla società in generale, quelle sullo spazio che ci circonda sono evidenti; basta vedere la forma delle piante delle città moderne, dei nuovi quartieri e degli edifici, per rendersi conto che sono state concepite in modo completamente razionale.

Tendenza opposta hanno seguito cultura e scienze orientali – arti, educazione, medicina – focalizzandosi non sul pensiero razionale, che vede la realtà come un insieme di fenomeni distinti l’uno dall’altro, non sulla separazione cartesiana tra l’individuo e il mondo, ma sul pensiero intuitivo, su una realtà frutto dell’intima correlazione e interdipendenza tra tutti i fenomeni visibili e invisibili, di cui l’individuo è solo una delle manifestazioni in rapporto reciproco con le tutte altre.

Nel pensiero orientale assume importanza sostanziale il vuoto in ogni sua forma – mentale, temporale, spaziale – che, ponendosi in rapporto e in equilibrio dinamico con il suo opposto, il pieno, rende possibile l’esperienza e l’esistenza di ogni fenomeno.

Le pratiche meditative sono volte proprio alla creazione del vuoto mentale come condizione perché ogni esperienza, compresa quella spaziale, possa essere vissuta pienamente; bisogna infatti fare il vuoto nella mente, ovvero liberarla da costruzioni, schemi razionali, preconcetti e giudizi, per riuscire a vedere la realtà nella sua essenza relazionale; in altre parole bisogna fare tacere l’emisfero sinistro per far sì che quello destro possa intuire le relazioni che legano ogni cosa e farci sentire veramente partecipi di questa unità.

Il giardino Zen rappresenta probabilmente la più alta espressione di spazio concepito per comunicare con l’emisfero destro; in questi luoghi la reciproca e continua relazione fra gli elementi, il vuoto e colui che li osserva, si fa quasi tangibile e l’equilibrio raggiunge livelli tali che, nonostante l’osservatore non possa fisicamente entrare all’interno del giardino, se ne sente ugualmente parte integrante.

Lavorare sui vuoti per uno spazio più rilassante

Visto che sugli spazi delle nostre città, quartieri ed edifici, per lo più non abbiamo molta possibilità di intervenire, possiamo almeno modificare, con l’uso di mobili e complementi, i nostri spazi personali in modo che almeno questi, se non lo sono già, diventino piacevoli.

Se lo spazio è rilassante, oltre a sentirci meglio, abbiamo anche maggiori possibilità di trovare soluzioni nuove e creative a problemi che ci assillano, di apprendere più facilmente e di contenere il nostro stress nonostante l’attività che stiamo svolgendo ce ne procuri.

Purtroppo, o per fortuna, per rendere il nostro spazio più piacevole non ci sono regole fisse, quelle appartengono al mondo razionale.

Un buon inizio, comunque, sarebbe quello di non avere intorno spigoli vivi, perché rappresentano un segnale pericolo e tendono a farci mantenere uno stato di tensione. Ma se i mobili li abbiamo già tutti, non preoccupiamoci troppo, l’importante è creare un equilibrio.

Per prima cosa, facciamo ordine e riponiamo i piccoli oggetti in modo che non attirino la nostra attenzione, è preferibile vedere solo i mobili nella loro forma pura in questo momento.

Ora rilassiamoci; se vogliamo che lo spazio ci faccia stare bene, dobbiamo sentirci bene anche mentre lo componiano. Quindi mettiamoci comodi, chiudiamo gli occhi e concentriamo l’attenzione sul nostro respiro e sul nostro corpo, un po’ di musica adatta ci può aiutare.
Stiamo così una decina di minuti o fino a quando non ci sentiamo rilassati, e poi apriamo gli occhi.

Per evitare che l’emisfero sinistro si attivi nuovamente concentriamo la nostra attenzione non sui mobili, ma sugli spazi che li dividono tra loro, dalle pareti, dal soffitto e sul pavimento; è il vuoto che ci interessa.

Diamo uno sguardo alla forma di tutti i vuoti della stanza o dell’angolo che abbiamo deciso di sistemare e iniziamo a spostare, piano piano, i pieni, in modo che i vuoti, uno per uno, ci sembrino più piacevoli; quando siamo in una condizione di “emisfero destro”, infatti, ciò che ci piace, non essendo influenzato da ciò che sappiamo, che ci hanno detto o che abbiamo imparato, è esattamente ciò che ci fa stare bene.

Cerchiamo di fare sempre in modo che, del vuoto che stiamo osservando, ci siano ben chiari tutti i contorni, per cui avviciniamoci e allontaniamoci in modo che questa visione sia completa.

Mano a mano che spostiamo i pieni e che i vuoti acquistano per noi una forma sempre più piacevole, le intuizioni su come migliorarli verranno da sole. Non esiste una soluzione giusta, ce ne sono tante.

Box Autori

Veronica Vignati, marchigiana, ha collaborato con il Laboratorio di Qualità e Sicurezza Urbana del Politecnico di Milano, dove si è laureata in Architettura con la tesi “Cervello Destro Cervello Sinistro e Sensazione di Sicurezza nello Spazio”.

Si occupa di efficienza energetica degli edifici e ha collaborato con riviste, professionali e divulgative, di achitettura e abitare sostenibile.

Sta portando avanti i suoi studi sull’iterazione tra Mente, Corpo e Spazio.

Photo Credit: J. Parks

Articolo pubblicato per gentile concessione della rivista Scienza e Conoscenza
http://www.scienzaeconoscenza.it/

Articolo tratto da Scienza e Conoscenza N. 36

Nuove scienze e antica saggezza per svelare i misteri della vita

 

Scienza e ConoscenzaTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Scienza e Conoscenza

Scienza e Conoscenza, la scienza che non ti aspetti. Rivista trimestrale illustrata nata nel 2002 dalla volontà dell'allora editore Giorgio Gustavo Rosso (direttore del Gruppo Editoriale Macro) di creare uno strumento di informazione capace di rintracciare le connessioni tra le indagini scientifiche di frontiera – spesso non accettate, e anzi ridicolizzate, dal mainstream – e lo sviluppo della consapevolezza su scala personale e globale.

Scienza e Conoscenza – che dal 2009 viene realizzata e curata dalla casa editrice Editing – divulga nuovi e dibattuti orientamenti in diversi campi della conoscenza: dalle neuroscienze alla coscienza, dalla medicina alternativa alla biologia, dalla fisica quantistica alla matematica, dall'astronomia all'archeologia.
La rivista vuole contribuire alla divulgazione di un nuovo paradigma scientifico, filosofico e culturale capace di incidere nella vita quotidiana di donne e uomini, attivamente interessati al cambiamento e al miglioramento di se stessi e del mondo.

Abbonarsi alla rivista Scienza e Conoscenza conviene! Disponibili in formato cartaceo e digitale (Ebook)! 

Richiedi l'Abbonamento a Scienza e Conoscenza

 

I vostri commenti - Scrivi un commento!

Nessun commento presente

Scrivi un commento!

Articoli correlatiTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Scienza e Conoscenza - N. 36

Disponibile in versione cartacea, pdf e abbonamenti.

(2)
Disponibilità: Immediata

Rivista - Scienza e Conoscenza - Aprile 2011 - Scienza e conoscenza

Questo numero dedicherà particolare attenzione a curare la Casa, l'Ambiente e la Persona. Alcuni argomenti del Numero: 36 Un superorganismo chiamato Umanità - Intervista a Bruce Lipton In armonia con la frequenza della... scheda dettagliata

Riprogramma Il Tuo Cervello - DVD

Evolvi la tua Vita

Joe Dispenza

(47)
€ 19,98 € 23,50 (-15%)
Disponibilità: Immediata

DVD - Macrovideo - Novembre 2012 - Nuove scoperte mediche e scientifiche

Joe Dispenza chiropratico e famoso autore scientifico, dedica le sue ricerche al campo della neurologia, della biochimica e delle funzioni cerebrali e presenta le sue recenti scoperte in un ultimo DVD intitolato:... scheda dettagliata

Il Nuovo Disegnare con la Parte Destra del Cervello

Il grande classico che ha permesso a tutti d'imparare a disegnare

Betty Edwards

(5)
€ 24,00 Solo 2 disponibili: affrettati!
Disponibilità: Immediata

Libro - Longanesi - Febbraio 2002 - Hobby e creatività per adulti

Seguendo il rivoluzionario approccio al disegno che l’ha resa celebre, Betty Edwards ha aggiornato il suo notissimo manuale, migliorandolo in base ai recenti sviluppi della ricerca scientifica sul cervello e aggiungendo... scheda dettagliata

Yohaku

Forme di ascesi nell'esperienza estetica orientale

Giangiorgio Pasqualotto

€ 11,36
Fuori Catalogo

Libro - Esedra Editrice - Dicembre 2001 - Tradizioni orientali

Attivita artistica ed esperienze estetiche sempre hanno avuto a che fare con la forma. Ma le forme sono virtualmente infinite, ed ogni civiltà ha prodotto specifiche qualità di forme. La civilta cinese e poi, ancor piu,... scheda dettagliata

La Sinfonia del Cervello

Come è fatto, come funziona, come cambia il nostro organo più complesso e misterioso

Elkhonon Goldberg

€ 20,00
Disponibilità: 5 giorni

Libro - Ponte alle Grazie - Maggio 2010 - Cervello

Questo libro parla del cervello, l'organo misterioso che è parte di noi, che fa di noi ciò che siamo, che ci dona le nostre preziose facoltà. In particolare, si tratta della più ampia e aggiornata disamina esistente su... scheda dettagliata

Possiamo aiutarti?

assistenza clienti

I nostri operatori sono a tua disposizione per assisterti.

 

Assistenza Clienti

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi sconti, promozioni e novità direttamente nella tua casella di posta.

Guadagna subito +50 PUNTI per i tuoi futuri acquisti e premi.



COMMUNITY

Seguici su Facebook
Ti Piace Macrolibrarsi?
Se ti piace clicca su:
   

I LIBRI PIU' VENDUTI

 

SPECIALI