Torna su ▲

Come affrontare l’inverno

I rimedi naturali dolci e un’alimentazione corretta ci proteggono dalle malattie respiratorie tipiche della stagione fredda

Come affrontare l’inverno

Il nostro stato di salute in inverno dipende da come abbiamo trascorso l’estate.

Se abbiamo vissuto la stagione del sole e delle vacanze “sopra le righe”, decisi a cogliere ogni spunto per vivere appieno le occasioni di divertimento, allora potremmo essere arrivati un po’ “scarichi” al cambio di stagione.

Stessa cosa vale per chi in estate ha lavorato tantissimo, ha trascorso lunghe ore in piedi, ha mangiato male, si è potuto concedere solo cibi da consumare velocemente.

I due estremi, divertimento ed eccesso di lavoro, in questo caso producono squilibri del tutto simili.

 

 

No al fai da te e a rimedi troppo aggressivi

«Il passaggio all’inverno – dice la dottoressa Laura Bertoni, docente della Scuola Italiana di Naturopatia con sede a Rimini, farmacista e naturopata – è un momento delicato, da affrontare con le dovute attenzioni. Se l’estate, per vari motivi, ci ha fatto bruciare tante energie, la successiva diminuzione delle ore di luce dovuta all’accorciamento delle giornate e il calo della serotonina, possono portare a uno squilibrio dell’umore.

In tali condizioni si è poco preparati ad affrontare la stagione fredda, portatrice di influenza, raffreddore e problemi all’apparato respiratorio in genere. Per chi vive l’inverno avvertendo sensazioni di malessere, sono sconsigliate delle soluzioni “fai da te”.

Se per recuperare energie cerco di stimolare l’organismo in modo eccessivo, oltre un certo livello ho un effetto opposto. Lo stimolo esagerato porta a un crollo: esaurimento e depressione».

Ancora una volta, buon senso, equilibrio e il consiglio di persone esperte che possono individuare soluzioni personalizzate, sono la chiave per assicurarsi una condizione di benessere anche in inverno, quando il drastico abbassamento delle temperature, il calo delle difese immunitarie e il maggiore tempo passato in ambienti chiusi, in comunità, portano a un aumento di malattie dell’apparato respiratorio.

«Ciascuno di noi – aggiunge la dottoressa Bertoni – conosce se stesso meglio di chiunque altro. Ogni aiuto che un professionista può dare, deve avere come punto di partenza la specificità dell’individuo. La singola persona sa bene se avverte segnali di squilibrio umorale, se ha disturbi del sonno, se ha problemi di digestione o intestinali.

Ricordiamo che per l’antica medicina cinese i polmoni e l’intestino fanno parte della stessa “loggia”. Il giusto approccio è quello che lavora sulla prevenzione, alternando un certo tipo di intervento con periodi di pausa, durante i quali l’organismo ha la possibilità di rispondere nel modo migliore.

In questa maniera possiamo arrivare al nuovo cambio di stagione, cioè alla fine dell’inverno, senza gravi scompensi».

I rimedi dolci per fortificare l’organismo

Prevenzione e personalizzazione sono quindi le parole chiave da tenere sempre presenti.

«A seconda dei casi – prosegue la Bertoni – possiamo ricorrere al cosiddetto “drenaggio post-estate”, utilizzando un gemmo terapico dolce come la Betula pubescens, la quale stimola delicatamente l’attività eliminatoria e attiva il sistema della difesa immunitaria.

L’assunzione di vitamine e antiossidanti è consigliabile in caso di stanchezza e debilitazione fisica: possiamo usare succhi naturalmente ricchi di sali minerali e vitamine. In particolare, dobbiamo integrare con vitamine del gruppo B, vitamina C, betacarotene, selenio e zinco.

Bene anche la Pappa Reale, il Ginseng, la Carnitina, in base alle esigenze e al tipo di persona.

Per quanto riguarda il supporto all’equilibrio umorale, si può valutare l’uso di Rhodiola Rosea, tè Verde; Iperico o Manganese-Cobalto, Magnesio e Litio. Per le strategie di prevenzione del mal di gola, raffreddore, influenza e altri problemi dell’apparato respiratorio, sono indicati gli Oligoelementi: Manganese-Rame; Rame-Oro–Argento; Zolfo».

L’alimentazione adatta all’inverno

Durante il periodo invernale anche l’alimentazione ha un ruolo significativo. Facendo sempre un discorso di prevenzione, la differenza rispetto ad altri momenti dell’anno è abbastanza marcata.

«In inverno – conclude la dottoressa Bertoni – è bene aumentare il consumo di cibi proteici, come pesce, carni bianche e legumi, e sostituire le insalate miste e le insalate di riso con verdure cotte al vapore o stufate in padella con olio di oliva.

Questo è il momento dei minestroni e delle zuppe di verdure e cereali (riso, farro, grano saraceno).

La flora batterica intestinale è fortemente influenzata dal tipo di alimentazione: il consumo di cereali in chicco, verdure e legumi, per l’alto contenuto in fibre nutre e mantiene la flora microbica normale.

Al contrario, una dieta ricca di zuccheri semplici, pensiamo ai dolci, ai prodotti da forno, o anche a un eccesso di frutta e proteine animali, modifica negativamente l’ambiente intestinale, favorendo la produzione di sostanze tossiche e infiammanti per le mucose».

Articolo tratto da Vivi Consapevole n. 43

 

Scopri i nostri INTEGRATORI NATURALI >

 

Istituto di Medicina NaturaleTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Istituto di Medicina Naturale

L’ Istituto di Medicina Naturale nasce ad Urbino nel 1983 come progetto culturale sulle medicine non convenzionali che scaturisce dalle convinzioni e dalle scelte di vita di Antimo Zazzaroni (consulente aziendale) e Maria Assunta Bordon(psicologa), fondatori e direttori didattico-organizzativi.

Promuove attività culturali che spaziano in settori ed ambiti molto diversificati, pur avendo come base comune quella dell’educazione e della formazione su tematiche riguardanti la salute e la prevenzione primaria.

Fiore all’occhiello dell’Istituto di Medicina Naturale è la Scuola Italiana di Naturopatia, corso quadriennale di oltre 1600 ore di didattica frontale per la formazione del naturopata, perfetta sintesi di tutte le attività, programmi e docenti, di fama nazionale ad internazionale, selezionati in oltre vent’anni di esperienza.


La storia


• 1983 - Nasce l'Istituto di Medicina Naturale.

• dal 1983 al 1988 - Organizza e promuove il Convegno Nazionale sulla Medicina Globale, con il patrocinio dell'Università di Urbino e di Enti Pubblici locali e Nazionali.

• dal 1983 al 1989 - Organizza vacanze studio con attività inerenti gli stili di vita, l'alimentazione e tecniche psico-fisiche.

• 1983/1990 - Svolge attività nelle scuole, in collaborazione con distretti scolastici e provveditori agli studi, in particolare sui temi della prevenzione primaria e stili di vita.

• dal 1983 - Organizza corsi di Massaggio Shiatsu e Riflessologia Plantare.

• 1983/1987 - Organizza corsi su Tecniche Psicofisiche e Psicodinamiche.

• dal 1985 - Organizza corsi di Erboristeria e Fito-Oligoterapia.

• dal 1986 - Organizza corsi di Alimentazione Bioenergetica.

• dal 1987 - Organizza corsi di Iridologia Applicata.

• dal 1991 - Organizza corsi di Morfopsicologia.

• nel 1988 - Partecipa attivamente nella fondanzione (ideatore e promotore) dell'Istituto di Medicina Olistica c/o l' Università degli Studi di Urbino, che ha organizzato corsi post-laurea in Medicina Omeopatica, Medicina Tradizionale Cinese, Ecologia, fino all'anno 2004.

• 10-14 giugno 1989 - Organizza e promuove il seminario di 5 giorni con il Dott.Bernard Jensen (caposcuola dell'Iridologia americana - iridologo e nutrizionista di fama mondiale).

• dal 1989 al 2006 - Organizza seminari di Iridologia Psicosomatica con Harri Wolf (California/USA).

• dal 1991 - Organizza corsi di Kinesiologia Applicata con il Dr. Joseph Shafer.

• 1991/1993 - Viene ideata e realizzata la rivista trimestrale "Iridologia & Naturopatia".

• 1994 - Fonda la Scuola Italiana di Naturopatia: sintesi dell'esperienza di tutte le attività. I programmi ed i docenti sono stati selezionati in oltre vent'anni di esperienza didattica.

• dal 1997 - Organizza corsi di psico-neuro-endocrino-immunologia ( PNEI ) tenuto dal dott. Francesco Bottaccioli.

• nel 2002 - E' socio fondatore della FE.NA.I. (Federazione Nazionale Italiana per la Naturopatia)

• dal 2005 - Organizza e promuove il Progetto Obiettivo Salute: convegni ad ingresso libero su temi inerenti la salute, la prevenzione ed il benessere olistico.

• 2007 - Nasce il portale web istitutomedicinanaturale.it.
Nascono i settori di attività: Scuola Italiana di Naturopatia , Formazione, Orizzonti, Vacanze Cultura e Benessere.

• 5-6-7 ottobre 2007 - Organizza e promuove, ad Urbino, la prima edizione delBiosalus - Festival Nazionale del Benessere Olistico con un'affluenza di circa 10.000 visitatori da tutta Italia.

• dal 2006 al 2008 - Organizza il Progetto Obiettivo Salute in collaborazione con ARISCO e Marco Columbro.

• Nel 2008 l' Istituto di Medicina Naturale ampia Obiettivo Salute introducendo una serie di conferenze, ad ingresso libero, organizzate in collaborazione con gli allievi ed i naturopati della scuola italiana di naturopatia.

• 3-4-5 ottobre 2008 - Seconda edizione di Biosalus - Festival Nazionale del Biologico e del Benessere Olistico. In questa occasione viene inaugurato il nuovo settore espositivo dedicato intereamente alla BioEcoCasa.

• 2009 - L'Istituto di Medicina Naturale concretizza la sua collaborazione con le aziende leader del settore e avvia il progetto di Partnership e Visibilità Aziendale Ecocompatibile.

• 2009 - Nasce il quinto settore dell'Istituto di Medicina Naturale: Biosalus Festival. Dopo il grande successo delle prime due edizioni del Festival Nazionale del Biologico e del Benessere Olistico, l'Istituto di Medicina Naturale dedice di dedicare un intero settore di attività al Biosalus.

• 2009 - Il Progetto Obiettivo Salute amplia i suoi orizzonti con seminari, ad ingresso gratuito, concretizzando un interessante connubio tra formazione e informazione.

• 3-4 ottobre 2009 - Terza edizione del Biosalus - Festival Nazionale del Biologico e del Benessere Olistico. Paese Ospite i Nativi d'America.

• 2-3 ottobre 2010 - Quarta edizione del Biosalus - Festival Nazionale del Biologico e del Benessere Olistico. Paese Ospite l'India.

• ottobre 2010 - L'Istituto di Medicina Naturale si trasferisce in Via dei Gelsi n. 2 a Gadana di Urbino, la nova sede è un ex albergo di oltre 1.000 mq che si affiaccia sulle verdi colline del Montefeltro. La nuova sede è dotata anche di una sala polivalente da 40 posti per corsi di formazione e conferenze.

• 27 marzo 2011 - Viene inaugurato il Polo di Medicina Integrata, un team di esperti professionisti e medici per la prevenzione, trattamenti e terapie attraverso la proficua interazione tra la medicina ufficiale e le medicine complementari. Il Polo di Medicina Integrata si trova all'interno della sede dell'Istituto di Medicina Naturale in Via dei Gelsi n. 2 ad Urbino (Località Gadana).

• 1-2 ottobre 2011 - Quinta edizione del Biosalus - Festival Nazionale del Biologico e del Benessere Olistico. Paese Ospite la Cina. Madrina dell'evento Ludmilla Radchenko.