Torna su ▲

Che cos’è la dieta del Supermetabolismo? Un...

Leggi in anteprima il Capitolo 1 del libro "Le Ricette della Dieta del Supermetabolismo" scritto da Haylie Pomroy

Che cos’è la dieta del Supermetabolismo? Un ripasso

Prima di entrare in cucina, prendiamoci qualche minuto per ripassare che cos’è il metabolismo, come funziona e perché a volte è così rallentato. Partiamo dal concetto chiave: innanzitutto, il metabolismo è un processo, non un oggetto. Nello specifico, il processo metabolico consiste in una serie di reazioni chimiche che si verificano nelle cellule di tutti gli organismi viventi per sostenere la vita. È il cambiamento o trasformazione del cibo sia in calore e combustibile sia in sostanza (tessuto muscolare, grasso, sangue, ossa). In qualunque momento il metabolismo è attivo per bruciare, immagazzinare o costruire.

Avete un metabolismo perché siete vivi, e la vita richiede energia. Tutti abbiamo bisogno di energia per sopravvivere – respirare, muoverci, pensare, reagire –, e l’unico modo per ottenere questa energia è attraverso il cibo. Cibo che va acquistato, lavato, tagliato, tritato, cotto e gustato. Concetti profondi! Un metabolismo sano, perfettamente funzionante, ci permette di avere a disposizione la quantità di energia necessaria per compiere le nostre azioni, una dose adeguata di energia di riserva, immagazzinata e pronta all’uso, nonché una struttura forte e stabile (il corpo).

Un metabolismo poco sano e lento non riesce a ricavare il combustibile dal cibo che consumiamo in modo efficiente, quindi anziché bruciarlo come energia lo immagazzina come grasso nel corpo per i momenti in cui questo sarà in condizioni di salute migliori. Il cibo dietetico e privo di nutrienti, gli squilibri ormonali, l’assunzione di inquinanti chimici e industriali spacciati per cibo e una vita troppo stressante sono le cause che rallentano il metabolismo proprio quando dovrebbe essere velocizzato.

Forse in passato avete provato alcune diete, o anche più di alcune. Forse avete calcolato calorie e grammi di grasso o mangiato cibo confezionato che aveva una data di scadenza lontana un milione di anni. Forse siete nauseati dalle diete perché non sopportate più quei biscotti finti o quelle disgustose barrette o quei prodotti dietetici con aromi e dolcificanti artificiali che hanno l’unico scopo di far perdere peso. Forse siete arrabbiati perché avete speso tempo e denaro per un programma che non prendeva in considerazione il fatto che siete una persona vera, con esigenze e desideri veri. Forse avete perso peso, ma non avete mai riattivato davvero il vostro metabolismo, quindi nel momento in cui avete sgarrato o terminato quella dieta, i chili persi sono tornati in modo aggressivo. O forse siete perplessi perché nessuno vi ha mai insegnato ad acquistare il cibo giusto, a prepararlo e a cucinarlo in modo sano. Tranquilli, cambieremo tutto questo.

È tempo di lasciarsi alle spalle sensi di colpa, rimpianti e autocommiserazione. È ora di entrare nel futuro. Il vostro corpo ne ha bisogno, e solo così potrà donarvi una versione nuova e più sana di voi stessi. Il vostro nuovo io vedrà il cibo come uno strumento per riparare i danni e ripristinare la salute, e vivrete questo processo con gioia, facendone motivo di vanto. Molti dei miei clienti, per esempio, fotografano i piatti che preparano e li postano sulla mia pagina di Facebook, altri addirittura mi portano le loro creazioni in studio. Perché sono orgogliosi di quello che hanno cucinato! I miei clienti sono di nuovo innamorati del cibo, e lo stesso accadrà a voi, ricetta dopo ricetta.

Il vostro nuovo io amerà la frutta e i cereali, gli alimenti proteici e i grassi sani. Se avete letto La dieta del Supermetabolismo, sapete che il corpo reagisce a cibi specifici e a regole di alimentazione strategiche. E se avete acquistato questo libro di ricette, avete in mano tutte le risorse necessarie per preparare i cibi indispensabili a smaltire i chili di troppo e a mantenerli a distanza.

Le diete croniche bruciano il metabolismo, la dieta del Supermetabolismo lo riaccende, e sulla base di una semplice premessa: confonderlo per riattivarlo. Proprio come incrociando le attività fisiche migliorano le prestazioni atletiche del corpo, stimolare il metabolismo in modi diversi permette di smaltire, costruire e riparare ottenendo il massimo dai propri sforzi.

Quando il metabolismo non funziona come dovrebbe, gli occorre l’equivalente di un personal trainer per ritrovare la forma, qualcuno che sappia usare il cibo per plasmare la materia grezza di cui siete fatti e trasformarla nel corpo che avete sempre sognato. Immaginate che sia io il vostro personal trainer, e le ricette di questo libro la guida per aiutarvi in questa impresa.

Pensatela in questo modo: se fate solo un tipo di attività fisica, per esempio corsa o cyclette ellittica, il corpo si abitua a quell’esercizio e presto non ne vedrete più i risultati; vi ritrovate in una fase di stallo, perché usate sempre gli stessi muscoli nello stesso modo, lasciando «dormire» tutti gli altri. Un allenamento incrociato, invece, elimina la routine e mantiene il corpo attivo in ogni sua parte. Allo stesso modo, la dieta del Supermetabolismo scardina tutti i vostri modelli di alimentazione, inondandovi con alcune delle sostanze nutritive che avete trascurato, però mai nello stesso modo per più di due o tre giorni di fila.

Questa strategia mantiene in attività il vostro corpo, lo sorprende e lo sostiene, ribaltando gli schemi biochimici che hanno rallentato il vostro metabolismo. È la sveglia del vostro organismo, lo induce a bruciare calorie e grassi come mai prima.

L’«allenamento incrociato» del metabolismo ha anche il vantaggio di scambiare i pasti, in modo che il palato non si abitui né si annoi. Due giorni si mangia in un modo e due giorni in un altro, poi tre giorni in un altro ancora, del tutto diverso e delizioso. È divertente, interessante e appetitoso, e funziona!

Il metabolismo è il sistema con cui il vostro corpo tratta l’energia che assumete attraverso il cibo. Incanala tale energia in direzioni diverse in base a quello che mangiate e all’attività che svolgete. Il bello del metabolismo è che può essere manipolato, perché il modo in cui mangiate, vi muovete e vivete influisce su quanto cibo verrà immagazzinato come grasso e quanto sarà usato come energia, e quanto ancora è destinato alla costruzione della struttura del corpo stesso.

Ho imparato tutto questo quando studiavo scienze animali. L’industria dell’allevamento del bestiame, infatti, sfrutta tali principi – creazione di energia, stoccaggio e formazione di massa muscolare – per ottenere animali di proporzioni adatte alla futura trasformazione in cibo, e per guadagnare da questo processo milioni di dollari.

Anni di studio e di lavoro in clinica mi hanno insegnato come indurre il metabolismo a mettersi sull’attenti e a prestare attenzione, a impegnarsi per cominciare a bruciare il grasso che da anni tormenta alcune persone.

Le ricette contenute in questo libro servono proprio a questo, ovvero a mettere in moto l’intero processo. Quindi per ora sono la vostra nutrizionista e il vostro cuoco personale, e nelle prossime pagine vi descriverò il mio programma. Può adottarlo chiunque abbia in mente di perdere peso e ritrovare la forma, perché garantisce ottimi risultati in modo rapido, efficace e permanente.

Il mio non è un regime alimentare per chi si avvicina a una dieta per la prima volta, ma per chi ne seguirà una per l’ultima volta. Se siete sul punto di gettare la spugna e rinunciare al vostro peso ideale, sappiate che la vostra battaglia è finita. È venuto il momento di amare il cibo e scoprire come utilizzarlo per ottenere un dimagrimento effettivo e duraturo.

Facendo ruotare in maniera sistematica alimenti precisi in giorni specifici e a orari strategici, l’organismo si trasforma alternando cicli di riposo ad altri di ripresa attiva del metabolismo. Il vostro corpo viene così stimolato, nutrito, rivitalizzato, fino a diventare un fuoco intenso che brucia grasso, e finalmente il peso si scioglie, proprio come avete sempre sognato.

Mangerete in tre modi diversi durante la settimana, ovvero seguendo la Fase 1, la Fase 2 e la Fase 3 del mio programma. Le fasi si alterneranno per quattro settimane, uguali ogni settimana, in modo da coprire ogni possibile scenario biochimico nel ciclo mensile del vostro organismo (questo vale sia per le donne, sia per gli uomini). Come risultato, il vostro corpo si trasformerà in una fornace bruciagrassi.

Non è una vana promessa: potete farcela! L’ho visto accadere molte volte, a donne e uomini di venti come di settant’anni. L’ho visto accadere con molte tipologie di persone: intolleranti al glutine, vegetariani, vegani e grandi consumatori di carne. Indipendentemente da quello che vi piace mangiare, questo libro ha qualcosa per voi. E le ricette sono facili e irresistibili.

Nella mia attività in clinica lavoro spesso con clienti che hanno numerose restrizioni alimentari, alcune prescritte dal loro medico a causa del colesterolo elevato o per particolari condizioni mediche come celiachia, allergie e intolleranze, altre dovute a precetti religiosi o preferenze personali, come le diete vegetariana e vegana.

Ho quindi dovuto selezionare alimenti e inventare ricette per ogni genere di condizione medica e necessità filosofica, ecco perché il libro contiene così tante ricette facilmente adattabili alle esigenze di vegetariani e vegani, ma altrettanto facilmente integrabili con pollo o tacchino, se preferite le proteine animali. Ed ecco perché la maggior parte delle ricette prevede cereali alternativi e non contiene glutine (a eccezione di quelle poche proposte in cui mi sono accorta di utilizzare orzo). Ancora, è per lo stesso motivo che tutte queste ricette permettono di scambiare qualsiasi ingrediente all’interno della stessa fase e del medesimo gruppo alimentare: per esempio, chi è allergico ai molluschi potrà sostituire le capesante con il salmone, o chi è allergico ai pomodori potrà sostituirli con le zucchine.

Gran parte delle ricette che trovate in questo libro sono anche le preferite di molti miei clienti, alcuni dei quali sono celiaci o vegetariani, oppure soffrono di allergie alimentari. Infatti sono pensate con attenzione, in modo che persone reali le possano introdurre nella loro vita reale. Ve le propongo con grandissimo entusiasmo.

I cinque protagonisti

Come sapete, considero il cibo una medicina, quindi facciamo un rapido ripasso su come utilizzare gli alimenti per guarire il proprio corpo.

1. Il fegato. Il fegato è responsabile di oltre seicento funzioni metaboliche che avvengono nel corpo umano ogni giorno. È questo organo che stabilisce se immagazzinare lo zucchero come grasso o bruciarlo come combustibile. Gli alimenti ricchi di proteine e gli ortaggi verdi ricchi di azoto e dalle funzioni alcalinizzanti, come quelli che si trovano nella Fase 2, sono catalizzatori dell’attività epatica.

2. Le ghiandole surrenali. Le ghiandole surrenali secernono gli ormoni che regolano la risposta dell’organismo a tutti i tipi di stress, determinano la formazione di tessuto muscolare e grasso e contribuiscono a mantenere stabile per tutto il giorno il livello di zucchero nel sangue. Sono quindi responsabili di tutto, dal livello di energia all’umore, e sono vezzeggiate e nutrite con frutta ad alto valore glicemico, come mango e ananas, nonché cereali complessi come riso integrale e quinoa, che mangerete in grandi quantità durante la Fase 1. Grazie alle ghiandole surrenali, i cibi corretti possono essere una delle soluzioni migliori per ridurre lo stress.

3. La tiroide. La tiroide è una vera e propria rockstar metabolica, poiché è responsabile di oltre l’80 per cento della nostra capacità di bruciare grasso. Gli ormoni secreti dalla tiroide sono nutriti dai grassi sani che si trovano in avocado, frutta secca, semi, cocco, olio d’oliva e di vinaccioli, che potrete gustare nella Fase 3.

4. La ghiandola pituitaria. La ghiandola pituitaria è il direttore della straordinaria orchestra che è il nostro corpo. Viene alimentata dai micronutrienti che si trovano negli alimenti naturali e ricchi di nutrienti, l’essenza della dieta del Supermetabolismo. Tutte le ricette che troverete in questo libro sono state appositamente scelte per nutrire come un re questo direttore d’orchestra.

5. La sostanza del corpo. Conosciamo tutti il vecchio detto: «Siamo quello che mangiamo». È vero al 100 per cento! Le ossa, i capelli, la pelle, le unghie, il grasso e la struttura muscolare dipendono tutti da quello che mangiamo, da come il corpo metabolizza questi nutrienti e da come gli ormoni ne regolano la distribuzione. Le ricette di questo libro sono tutte pensate per costruire massa muscolare, bruciare grassi e garantire capelli, pelle e unghie sani.

La vostra guida tascabile

Passerete attraverso tre fasi distinte per ciascuna delle quattro settimane di dieta del Supermetabolismo:

  • Fase 1: allentare la tensione e calmare le ghiandole surrenali. Lunedì-martedì: molti carboidrati e frutta.
  • Fase 2: sbloccare il grasso accumulato e sviluppare massa muscolare. Mercoledì-giovedì: molte proteine e verdura.
  • Fase 3: liberare la combustione (ormoni, cuore e calore). Venerdì-sabato-domenica: tutto quello di cui sopra, più grassi sani.

Ora vediamo come le tre fasi della dieta del Supermetabolismo inducono l’organismo a bruciare grasso, costruire muscoli, equilibrare ormoni e gettare le basi per un corpo più sano.

Abbiamo bisogno di una dieta varia per ottenere i nutrienti necessari a svolgere tutte le funzioni biologiche, fisiologiche e neurochimiche, ed è proprio quello che le tre fasi della dieta del Supermetabolismo garantiscono. Per conservare la particolare natura chimica del corpo, infatti, servono carboidrati complessi, zuccheri naturali, proteine, grassi e persino sale. Talvolta dovrete ricorrere a livelli molto alti, quasi terapeutici, di questi elementi, in particolare se ve ne siete privati per troppo tempo. Aggiungere queste tipologie di carburante, sebbene non tutte allo stesso tempo, vi aiuterà a ricostruire, ripristinare, arricchire e reintegrare un organismo deprivato e a rimettere in forma un metabolismo che non fa più il proprio dovere.

Ogni fase dura per un periodo molto breve, per non affaticare un sistema o un organo in particolare. Protrarre una sola fase per troppo tempo sarebbe come mettersi a pulire la casa da cima a fondo dopo una notte in bianco.

Per ciascuna delle quattro settimane seguirete le tre fasi a rotazione. Ogni fase è concepita per far lavorare e riposare i diversi sistemi dell’organismo, e ciascuno di questi avrà occasione di lavorare ogni settimana nell’arco del ciclo fisiologico di ventotto giorni. Segmentando il lavoro in questo modo, il corpo riceverà tutta l’attenzione, il sostegno e le aspettative necessari fase per fase, o un paio di giorni alla volta.

Cucinerete in tre modi diversi nell’arco di una sola settimana. Il lunedì e il martedì preparerete il cibo per la Fase 1, il mercoledì e il giovedì quello per la Fase 2 e il venerdì, il sabato e la domenica le ricette della Fase 3. Quindi ripeterete questa rotazione settimanale per quattro volte, per un totale di ventotto giorni. Ogni settimana è caratterizzata da tre stili di cucina, due gruppi di ingredienti e una varietà infinita. E dato che cambierete alimenti ogni due o tre giorni, una settimana di ricette potrebbe tranquillamente prevedere frullati di frutta fresca tropicale, saporita pasta di quinoa, verdure a radice saltate, quantità enormi di insalata, rilassanti polpettoni, leggeri piatti di pesce, zuppe vellutate e chili speziati.

Fase 1: allentare lo stress

È la fase glicemica, con una moderata quantità di proteine e povera di grassi.

Come mangiare

Non è obbligatorio iniziare la Fase 1 di lunedì, ma è il modo più comodo per organizzare i pasti della settimana.

Scegliendo dall’elenco degli alimenti previsti per questa fase (vedi p. 112) mangerete:

  • Tre pasti ricchi di carboidrati, con una moderata quantità di proteine magre.
  • Due spuntini a base di frutta

Il menu della vostra giornata in Fase 1 potrebbe essere così composto:

Attività fisica

Durante la Fase 1 farete almeno un giorno di allenamento aerobico intenso, per esempio corsa, cyclette ellittica o una lezione di aerobica a ritmo sostenuto. L’allenamento aerobico è ideale per bruciare gli ormoni dello stress, secreti in eccesso dalle ghiandole surrenali.

Fase 2: sbloccare il grasso accumulato

È la fase altamente proteica, ricca di verdure, povera di carboidrati e di grassi.

Come mangiare

Se avete cominciato la Fase 1 di lunedì, allora le giornate della Fase 2 saranno sempre il mercoledì e il giovedì.

Scegliendo dall’elenco degli alimenti previsti per questa fase (vedi p. 188) mangerete:

  • Tre pasti ricchi di proteine magre, con pochi carboidrati.
  • Due spuntini a base di proteine.

Il menu della vostra giornata tipo in Fase 2 potrebbe essere il seguente:

Attività fisica

Durante la Fase 2 farete almeno un giorno di allenamento anaerobico (pesi) con carichi elevati e poche ripetizioni. Questa attività stimola il fegato a fare provvista di massa muscolare e a bruciare grasso.

Salutate per sempre tutto quel grasso di troppo che si è accumulato nel vostro corpo per anni!

Fase 3: liberare la combustione

È la fase ricca di grassi sani e di frutta poco glicemica, moderata nei carboidrati e povera di proteine.

Come mangiare

Se avete iniziato la Fase 1 di lunedì, allora i giorni della Fase 3 saranno sempre quelli del fine settimana, cioè venerdì, sabato e domenica.

Scegliendo dall’elenco degli alimenti previsti per questa fase (vedi p. 264), mangerete:

  • Tre pasti.
  • Due spuntini con grassi sani.

Il menu della vostra tipica giornata in Fase 3 potrebbe essere composto come segue:

Attività fisica

Durante la Fase 3 svolgete almeno un’attività fisica che combatta lo stress, come lo yoga o gli esercizi di respirazione, oppure godetevi un bel massaggio. Vi aiuterà a mantenere un equilibrio ormonale sano, compreso quel supereroe che è l’ormone tiroideo.

Le regole

Le ricette proposte in questo libro sono così buone che potreste non notare le regole ferree che rispettano. Tuttavia, dato che lo scopo è rimettere in sesto il metabolismo, le regole ci sono e sono indispensabili, quindi rispettatele quando preparate i piatti.

La prima regola della dieta del Supermetabolismo vi piacerà sicuramente, perché dice di mangiare cinque volte al giorno, ovvero trentacinque volte alla settimana. E non pensate di ingannarmi saltando anche solo un pasto!

Da fare

  • Regola n. 1: mangiare cinque volte al giorno, ovvero tre pasti e due spuntini, senza mai saltare un solo pasto né uno spuntino.
  • Regola n. 2: mangiare ogni tre-quattro ore, tranne durante il sonno.
  • Regola n. 3: fare colazione entro mezz’ora dal risveglio, ogni giorno.
  • Regola n. 4: rispettare il programma per tutti i ventotto giorni.
  • Regola n. 5: attenersi agli alimenti consentiti in ciascuna fase, con osservanza assoluta. Lo ripeto: solo ciò che compare nell’elenco degli alimenti per ciascuna fase.
  • Regola n. 6: rispettare l’ordine delle fasi.
  • Regola n. 7: bere ogni giorno 30 millilitri d’acqua per ogni chilogrammo di peso corporeo (per esempio, se pesate 90 chili dovete bere 2.700 millilitri d’acqua, ovvero 2,7 litri).
  • Regola n. 8: mangiare prodotti bio, se possibile.
  • Regola n. 9: scegliere carni senza nitriti e nitrati.
  • Regola n. 10: allenarsi tre volte alla settimana, in base alla fase in cui ci si trova.

Da non fare

Quando comincerete a preparare le ricette di questo libro, noterete che alcuni ingredienti non vengono mai utilizzati: sono stati lasciati da parte intenzionalmente, non è stata una dimenticanza.

Ecco quali:

  • Regola n. 1: niente frumento.
  • Regola n. 2: niente mais.
  • Regola n. 3: niente latticini.
  • Regola n. 4: niente soia.
  • Regola n. 5: niente zuccheri raffinati.
  • Regola n. 6: niente caffeina.
  • Regola n. 7: niente alcol.
  • Regola n. 8: niente frutta essiccata o succhi di frutta.
  • Regola n. 9: niente dolcificanti artificiali.
  • Regola n. 10: niente cibi light o dietetici.

Quindi, sia che cuciniate seguendo alla lettera le ricette di questo libro, sia che le interpretiate a modo vostro, non cercate di infilare di soppiatto uno degli ingredienti sopra elencati. Li ho lasciati fuori apposta, perché rendono molto più difficile, se non impossibile, resettare e rimettere in riga il metabolismo.

Ricordate: siamo qui per uno scopo comune, cioè riparare il vostro metabolismo. Vi sembrerò un po’ dura, ma lo faccio per amore. Mi preoccupo per voi. Mi preoccupo per la vostra vita e per la vostra salute. Sono qui per aiutarvi e cucinare con voi. Tutto quello che dovete fare è mangiare il cibo giusto, cioè quello buono, gustoso, vero.

Nelle prossime pagine troverete un’incredibile varietà di colazioni, pranzi e cene che vi faranno venire l’acquolina in bocca, nonché decine di spuntini, condimenti, salse, frullati e persino dessert che potete gustare in ciascuna delle tre fasi della dieta del Supermetabolismo. Troverete anche un’infinità di antipasti e spuntini vegetariani, e più di ottanta varianti vegane che nutrono e saziano.

Per i miei amici vegani ho persino aggiunto alcune proteine a base di soia in alcune ricette della Fase 2; se siete carnivori o anche solo vegetariani, queste ricette non fanno per voi! Ricordate: solo i vegani possono trasgredire alla regola «niente soia», e solo i vegani possono consumare prodotti a base di soia non OGM, ma soltanto nella Fase 2! Anche se siete vegani, vi chiedo di utilizzare la soia con parsimonia, perché è difficile guarire il metabolismo e stimolare la formazione di muscoli sani, se ne assumete troppa.

Ecco altre buone notizie per chi non mangia carne: alle pagine 30 e 31 troverete una guida semplice per trasformare ogni ricetta in un piatto vegetariano senza perderne il sapore originale né alterarne il quadro nutrizionale.

Tra le ricette troverete inoltre salse e condimenti che possono essere consumati con ogni piatto nella fase più appropriata: aggiungetene da 2 a 4 cucchiai in un’insalata, versateli su un filetto, usateli per una marinata o per intingervi verdura cruda o cotta al vapore, sempre a patto che sia appropriata alla fase.

Vi confesso una cosa: amo il cibo! Dolce, salato, speziato, cremoso, acidulo… Il piacere di attingere alla vasta gamma dei sapori del cibo migliora il metabolismo, per questo ho inserito nel ricettario anche dessert e frullati golosi che non solo hanno un sapore eccellente, ma se usati in modo strategico migliorano l’attività metabolica.

 

Haylie PomroyTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Haylie Pomroy

Haylie Pomroy, più nota come "la donna che sussurra al metabolismo" è nutrizionista ed esperta di salute. Ha fatto dimagrire migliaia di persone e collabora con diversi ospedali e centri di cura.

Haylie è vicepresidente del settore ricerca clinica e sviluppo della East West Essentials e consulente alimentare, wellness e olistica.

Gode di grande considerazione a Hollywood e nell’ambiente medico per la sua capacità di assicurare un calo di peso rapido ma sano. Tra i suoi numerosissimi clienti ci sono celebrità come Jennifer Lopez, Reese Witherspoon, Cher, Raquel Welch e Robert Downey Jr. È spesso ospite di trasmissioni televisive e collabora regolarmente con Marie Claire, People, Star e altre riviste.

 

Articoli correlatiTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Le Ricette della Dieta del Supermetabolismo - Libro

200 piatti per perdere 10 Kg in 28 giorni

Haylie Pomroy

(10)
€ 9,90
Disponibilità: Immediata

Libro - Pickwick - Settembre 2014 - Dietetica

Uno straordinario potere bruciagrassi, che stimola il metabolismo pigro. Questo attesissimo seguito sarà per voi un compagno essenziale e ideale per cucinare sorprendendovi con la varietà di deliziose ricette, mangiando da... scheda dettagliata

 

Macrolibrarsi Assistenza Chat

 

Assistenza Clienti

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi sconti, promozioni e novità direttamente nella tua casella di posta.

Guadagna subito +50 PUNTI per i tuoi futuri acquisti e premi.



COMMUNITY

Seguici su Facebook
Ti Piace Macrolibrarsi?
Se ti piace clicca su:
   

I LIBRI PIU' VENDUTI

 

SPECIALI