Torna su ▲

Anteprima - Crescere nella Fiducia - Libro di...

Leggi in anteprima alcune pagine del libro Crescere nella Fiducia - Educare i bambini senza premi nè punizioni di Justine Mol

Anteprima - Crescere nella Fiducia - Libro di Justine Mol

«Se finisci quello che hai nel piatto, puoi giocare ancora fuori, per una mezz’oretta». «Il primo che termina il compito può pulire la lavagna». Anch’io, come moltissime altre persone, ho utilizzato i “premi” per manipolare il comportamento dei bambini, per lungo tempo. Sì, credo che premiare i bambini sia una forma di manipolazione, perché questo genere di gratificazione viene utilizzata con lo scopo di portare i bambini a fare quello che vogliamo noi.

Per alcuni di noi questo concetto potrebbe sembrare nuovo. Probabilmente abbiamo ormai compreso che le punizioni sono dannose: quando le utilizziamo manipoliamo i nostri bambini, affinché facciano quello che vogliamo noi; di conseguenza ostacoliamo la loro personale comprensione di come realmente desiderino vivere la propria vita.

I premi funzionano nella stessa maniera, solo che questo pensiero potrebbe risultare nuovo. Dando una ricompensa, io sottolineo che sono quello che decide ciò che è giusto: mangiare tutto quello che è nel piatto è, ad esempio, un concetto valido per tutti; avanzare qualcosa, invece, è un “peccato”, uno spreco di cibo prezioso, senza considerare il dispendio economico.

Io, persona adulta, so che cosa è bene. Mi metto in alto, su un piedistallo. Io so che cosa le persone dovrebbero fare o meno: preferirei, quindi, che le persone attorno a me si conformassero con questa idea. Non distribuisco gratificazioni solo per il gusto di farlo. Consapevolmente o meno, ho una motivazione ulteriore, ovvero, se gli do un premio, il bambino si comporterà nuovamente come desidero io, nella speranza di ricevere di nuovo la ricompensa. Forse stai pensando: «È giusto così. So io cos’è bene per i miei bambini. Sono un adulto e sono responsabile per la loro educazione. Se facessi fare loro tutto quello che vogliono, il caos regnerebbe sovrano».

Evitare di utilizzare le gratificazioni, però, non significa lasciare i bambini a briglie sciolte. Vedremo che ci sono alternative valide ai premi. In questo contesto desidero solo puntualizzare che elargire premi, come conseguenza, porta il destinatario a essere soddisfatto di sé stesso solo nel momento in cui riceve l’approvazione di altre persone.

Probabilmente non hai mai pensato alla gratificazione in questo modo, ma forse quanto scritto sopra stuzzica la tua curiosità. Per favore prosegui nella lettura. Ma fai attenzione! Questo libro potrebbe alterare le tue idee sull’educazione dei bambini, totalmente. Questo è quanto è successo a me. La parola “premio” viene utilizzata in questo testo per indicare un qualcosa – che sia un cibo, un giocattolo o una coccola, oppure una promessa – inteso come ricompensa al fatto che i bambini fanno quello che gli viene richiesto: «Visto che hai riordinato così bene la tua cameretta, andiamo in città a mangiare un gelato».

La ragione per cui sono contraria alle ricompense spero venga chiari- ta durante la lettura di questo libro. Gli “apprezzamenti” sono invece qualcosa di diverso, da non confondere con i “premi”. L’apprezzamento può essere espresso in maniera differente, come ad esempio: «Adoro la pace e la tranquillità della tua cameretta, quando è in ordine e pulita». Oppure: «Ti piace riordinare la tua stanza?». Questi messaggi iniziano con “Io” oppure sono domande che esprimono interessamento nei confronti dell’altro. Abbiamo tutti bisogno di essere riconosciuti. Ci piace essere visti: l’apprezzamento è una via eccellente per mostrare a qualcuno che l’abbiamo visto.

Per permettere a un bambino di “crescere con fiducia”, si devono posare delle fondamenta. Nel primissimo periodo, subito dopo la nascita, i bambini hanno bisogno di un buon “attaccamento”, con uno o più adulti capaci di dare nutrimento, per creare la base di una vita piena di fiducia. Offrire al bambino un ambiente tranquillo e stabile, ben “strutturato”, è una delle vie possibili per promuovere la fiducia nel bambino. Per quanto si cerchi di esaudire i desideri del bambino, siamo in realtà noi che decidiamo quali vestiti deve indossare, che cosa deve mangiare, se può uscire… tanto per citare solo alcuni esempi.

Poco per volta il bambino crescerà e imparerà sempre di più a decidere per sé stesso, a scegliere ciò che farà o meno. Durante tutto questo processo evolutivo, noi siamo in costante dialogo con noi stessi per comprendere come guidarlo, dove mettere dei paletti e dove, invece, possiamo “mollare la presa”. Questo processo, secondo me, è qualcosa di graduale che comincia con una presenza consistente e con dei limiti precisi, più o meno su tutto quello che riguarda il bambino, per giungere all’età matura in cui il nostro contributo dovrebbe diventare una presenza di sostegno.

Possiamo acquisire fiducia nelle potenzialità di crescita e autodisciplina dei nostri figli, invece di desiderare che crescano come copie esatte di noi stessi. Si tratta di voler smettere di giocare a fare i “boss” dei nostri bambini e di scegliere, piuttosto, di stare al loro fianco, stimolandoli e sostenendoli.

Se siamo nel campo dell’educazione, se siamo noi stessi genitori, se lavoriamo con genitori ed educa- tori, potrebbe risultare un po’ complicato mettere in pratica questo nuovo approccio con il nostro team e con la nostra famiglia. Io stessa sono mamma di tre bambini. A volte ero stanca e svuotata, alle volte mi capitava persino di diventare troppo severa o intransigente. Come terapeuta del linguaggio, spesso utilizzavo adesivi e figurine come premi – sebbene questa pratica non mi lasciasse completamente soddisfatta. Conservo comunque ricordi positivi di momenti in cui mi sono permessa di prendere il comando della situazione e di rispondere ai bambini a tono, oppure di imporre soluzioni e decisioni quando c’erano discussioni.

Tuttavia, dopo aver letto il libro Comunicazione Non Violenta di Marshall B. Rosenberg e Amarli senza se e senza ma di Alfie Kohn, ho deciso di smettere di esitare. La soluzione è stata quella di mettere premi e punizioni da parte, tranne in quei momenti in cui non riuscivo a trovare nessun’altra risposta adeguata. Sono arrivata a questa conclusione senza spendere troppo tempo o energia; chissà, magari anche tu deciderai, dopo questa lettura, di arrivare alla medesima soluzione.

 

Justine MolTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Justine Mol

Justine Mol, è una trainer internazionale certificata sulla comunicazione non violenta.

Negli ultimi anni ha vissuto una fase totalmente nuova della sua vita diventando formatrice e autrice di libri. Prima è stata per un breve periodo un'insegnante di inglese e terapeuta nelle scuole Steineriane. Ha ricercato la spiritualità attraverso la lettura e tenendo corsi di reiki e antroposofia. E' affascinata dal cristianesimo celtico, che afferma l'aiuti a coniugare la religione con la natura.

 

Articoli correlatiTorna su Torna suDisponi gli articoli a grigliaDisponi gli articoli a lista

Crescere nella Fiducia - Libro

Educare i bambini senza premi nè punizioni

Justine Mol

(2)
€ 10,00 Solo 3 disponibili: affrettati!
Disponibilità: Immediata

Libro - Uno Editori - Ottobre 2012 - Guide per genitori ed educatori

Basato sull'idea della comunicazione non violenta di Marshall Rosenberg, Crescere nella fiducia guarda alle conseguenze negative che i premi e le punizioni hanno sui bambini e sulla relazione tra bambini, genitori,... scheda dettagliata